Aglio marinato

Marmellate e Conserve
Aglio marinato
61 Aggiungi al tuo ricettario
  • Difficoltà: molto bassa
  • Preparazione: 15 min
  • Cottura: 2 min
  • Costo: molto basso
  • Nota: + il tempo della sanificazione dei barattoli

Presentazione

L’aglio marinato, oltre ad essere una conserva, così preparato, risulta più digeribile e ha un sapore molto più delicato, quasi di mandorla.

È adatto da gustare in tutte le preparazioni in cui non aggiungevate l’aglio perché risultava troppo pesante; inoltre, condito con capperi tritati, origano, peperoncino e olio risulta ottimo persino da stuzzicare come aperitivo!

Ingredienti per 3 vasetti da 150 ml
Aglio fresco 4 teste
Vino bianco secco 350 ml
Sale 1 cucchiaino
Zucchero 1 cucchiaino
Pepe misto 15 grani
Alloro 3 foglie
Chiodi di garofano 3
Ginepro 3 bacche
Aceto di vino bianco 350 ml

Preparazione

Aglio marinato

Per preparare l'aglio maritato iniziate innanzitutto dalla sanificazione dei barattoli e dei tappi, come indicato nelle linee guida del Ministero della Salute riportate in fondo alla ricetta. Una volta compiuta questa importante operazione, prendete le teste di aglio, separate i vari spicchi (1) e privateli della buccia esterna (2). Poi prendete una pentola capiente e versate l'aceto e il vino bianco (3).

Aglio marinato

 Aggiungete anche il pepe, l’alloro, le bacche di ginepro e i chiodi di garofano (4), e infine anche il sale e zucchero (5). Accendete il fuoco e portate tutto a ebollizione. Una volta che gli ingredienti avranno raggiunto il bollore aggiungete gli spicchi di aglio (6), che lascerete bollire per 1 minuto. A questo punto potete procedere con l’invasamento: riempite i barattoli che avete precedentemente sanificato con gli spicchi d’aglio e versateci sopra il composto di aceto e vino ancora caldo fermandovi a 1 centimetro dal bordo del vaso, avendo cura di suddividere equamente nei vari vasetti anche le spezie. Se utilizzate barattoli con tappo a vite, avvitate bene ma senza stringere troppo. A questo punto passate alla bollitura dei vasetti: sistemateli in una pentola capiente, per evitare che i barattoli possano rompersi sbattendo tra loro mentre bollono potete avvolgerli separatamente in alcuni canovacci. Riempite la pentola d'acqua: il livello dell'acqua non deve superare il tappo dei barattoli. Portate a ebollizione e fare bollire per 20-30 minuti. Passato questo tempo, spegnete il fuoco estraeteli dall'acqua utilizzando una pinza e lasciate raffreddare. Se utilizzate barattoli con tappi a vite, una volta che i barattoli si saranno raffreddati verificate se il sottovuoto è avvenuto correttamente: potete premere al centro del tappo e, se non sentirete il classico "click-clack", il sottovuoto sarà avvenuto. Se dopo la ribollitura doveste notare la formazione di piccole bollicine d'aria, quando il barattolo è ancora caldo battetelo delicatamente su un piano, in modo da far risalire in superficie le bollicine che poi scompariranno naturalmente. Se utilizzate i barattoli con chiusure a guarnizione in gomma, al momento di consumare l'aglio marinato potete fare la prova del sottovuoto tirando l'apposita linguetta: se tirandola produce un rumore secco vuol dire che il contenuto si è conservato con il sottovuoto corretto. Al contrario, se tirando la linguetta la guarnizione risulta "molle", significa che non si è creato il sottovuoto correttamente ed è meglio non mangiarne il contenuto. Il vostro aglio marinato è pronto per essere gustato!

Conservazione

L'aglio marinato si conserva per 3 mesi purché il sottovuoto sia avvenuto correttamente e i barattoli siano conservati in un luogo fresco e asciutto, al riparo da fonti di luce e calore. Si consiglia di attendere almeno 1 mese prima di consumarlo.

Consiglio

Volendo potete conservare l’aglio marinato anche sott’olio: dopo averlo fatto bollire per 1 minuto, lasciatelo raffreddare nel composto di aceto e vino, poi scolatelo e suddividetelo (assieme alle spezie) nei vasetti che colmerete con l’olio, fermandovi sempre a 1 centimetro dal bordo del barattolo e procedendo poi alla ribollitura dei barattoli come illustrato nel procedimento della ricetta. 

A piacere, potete aggiungere (o togliere) le spezie che preferite, come il peperoncino piccante al posto del pepe in grani, la salvia o il rosmarino al posto dell’alloro, ecc… Sperimentate!

Per una corretta preparazione delle conserve alimentari

Per una corretta preparazione delle conserve fatte in casa è necessario rispettare le linee guida indicate dal Ministero della Salute, riportate qui: Linee guida per la corretta preparazione delle conserve alimentari in ambito domestico. Si tratta di un elenco di regole di igiene della cucina, della persona e degli strumenti utilizzati, così come indicazioni su una corretta sanificazione dei barattoli, trattamento degli ingredienti, pastorizzazione e conservazione. Prima di preparare una conserva (marmellate, confetture, composte, chutney, sottoli, sottaceti, frutta sciroppata, gelatine di frutta, marinature, pesto) è bene leggere attentamente le indicazioni riportate nel link in modo da non incorrere in rischi per la salute.

Altre ricette

I commenti (61)

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere.

  • Andrea ha scritto: martedì 14 giugno 2016

    L'aglio marinato, lasciato in frigo, immerso nell'olio, ha fatto del residuo bianco. Il vasetto non è opalescente. È da buttare?

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: lunedì 20 giugno 2016

    @Andrea: Ciao Andrea, se le conserve mostrano colorazioni o residui non previsti è sempre meglio non consumare il contenuto. Probabilmente hai lasciato il vasetto aperto in frigorifero troppo a lungo. Un saluto!

  • @du ha scritto: martedì 17 maggio 2016

    l'aglio una volta preparato si può consumare anche subito o va lasciato per forza un mese nel vasetto?

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: mercoledì 18 maggio 2016

    @@du: Ciao, ti consigliamo di lasciare i vasetti per un mese in marinatura prima di assaggiare l'aglio, altrimenti avrà ancora un sapore pungente!

  • Santa Sciacca ha scritto: lunedì 25 aprile 2016

    Grazie per questa ricetta dell'aglio

  • Marisa ha scritto: domenica 20 marzo 2016

    mi è piaciuta!

  • giulio ha scritto: domenica 21 febbraio 2016

    Preparata la conserva dell'aglio, x quanto tempi si può conservare?

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: martedì 23 febbraio 2016

    @giulio:Ciao Giulio, li puoi conservare per 2/3 mesi avendo cura di verificare sempre che si sia mantenuto il sottovuoto prima di consumarli.

  • Luigi ha scritto: lunedì 14 settembre 2015

    Dopo aver bollito l'aglio per due minuti ho fatto altrettanto con le melanzane Dopo averle strizzate per privarle dell'acqua I peperoni gli ho cotti in padella prima di preparare una cremina di tutti gli incredienti con aggiunta di salvia e peperoncino e tonno Messa nei vasetti con aggiunta di olio di oliva e fatti bollire per 10 minuti Capovolti prima per creare ilsottovuoto Il procedimento è giusto grazie

  • AmbraNata ha scritto: venerdì 11 settembre 2015

    Bella idea!

  • vincenzo ha scritto: mercoledì 24 giugno 2015

    Se lo voglio usare spalmato su una bruschetta o simili, posso usare anche una parte di latte e farlo bollire più a lungo? Grazie.

  • Claudia ha scritto: martedì 13 gennaio 2015

    Anche a me è diventato tutto blu. Da cosa dipende. La salvia non era tra gli ingredienti. Si può mangiare ugualmente?

  • Sonia Peronaci ha scritto: martedì 13 gennaio 2015

    @Claudia:Ciao Claudia! Non preoccuparti è commestibile comunque senza problemi smiley Dipende da una reazione dell'aglio quando è posto in un consimento acidulo. Per evitare che si ripeta puoi usare un aglio fresco non troppo vecchio e sbollentarlo prima di utilizzarlo, così dovrebbe mantenbersi bianco!

  • Rutilius ha scritto: giovedì 01 gennaio 2015

    La coloritura verde azzurra e' dovuta all'utilizzo della SALVIA!!! Ma e' buonissimo! Rutilius

10 di 61 commenti visualizzati Mostra altri commenti »

Lascia un Commento

I commenti inviati verranno moderati dalla redazione prima di essere pubblicati.
Per maggiori informazioni CLICCA QUI