Anguilla in umido (Capitone)

Secondi piatti
Anguilla in umido (Capitone)
4 Aggiungi al tuo ricettario
  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 20 min
  • Cottura: 60 min
  • Dosi per: 4 persone

Presentazione

L' anguilla in umido (capitone) è un piatto tipico della tradizione gastronomica napoletana molto in voga nel periodo delle feste Natalizie fino a Capodanno.
In realtà, l'anguilla, non viene consumata solo nel napoletano ma anche in tutto il Meridione d’Italia dove veniva, e viene, mangiata per scongiurare il male.
Infatti, anticamente, si credeva che proprio per la sua somiglianza con il serpente, simbolo del demonio, e per la sua forma, che riporta nettamente alla sfera sessuale, mangiare il capitone fosse un modo per allontanare il male.
Mangiare l'anguilla significava infatti sottomettere il male e propiziarsi un nuovo anno felice e sereno.
Al giorno d’oggi, il significato intrinseco di questo piatto si è perso ma, l'anguilla in umido resta comunque un piatto classico della cena della Vigilia sulle tavole napoletane.
Preparare l'anguilla in umido non è difficile ed allo stesso tempo avrete in tavola uno dei piatti più tipici ed originali della tradizione natalizia.

Ingredienti
Anguilla 800 g
Pomodori San Marzano 1 kg
Basilico 1 rametto
Cipolle 2
Prezzemolo una manciata
Olio 1/2 bicchiere
Vino bianco 1 bicchiere

Preparazione

Per prima cosa, pulite per bene l' anguilla tagliandole la testa e l’estremità della coda ed eliminando le interiora.
Tagliate a pezzetti di circa 5 centimetri il capitone, senza però privarla della pelle, e sminuzzate i pomodorini.
Fate cuocere i pomodori in un tegame, con solo un po’ d’olio, un rametto di basilico ed un pizzico di sale, per circa 40 minuti dopodiché passateli e tenete la salsa da parte.
A questo punto, fate scaldare un po’ d’olio in una padella ed aggiungete le cipolle, finemente tritate, ed un pugno di prezzemolo, anch’esso tritato.
Aggiungete adesso i pezzi di anguilla e fateli risolare per circa 5 minuti dopo averli debitamente salati e pepati.
Bagnate il capitone con il vino bianco ed, una volta sfumato, aggiungete la salsa di pomodoro che avete preparato precedentemente, e fate cuocere per 15 minuti a fuoco moderato, mescolando ogni tanto.
Una volta pronta, mettete la vostra anguilla in umido, in un vassoio da portata e servitela ancora calda.

Curiosita'

Che cos’è il capitone?
Forse pochi sanno che così viene chiamata, nelle regioni del meridione, la grossa anguilla femmina giunta al massimo del suo sviluppo e quindi di dimensioni molto superiori a quelle del maschio.

Il consiglio di Sonia

Fondamentale ricordare che l’anguilla deve essere acquistata ancora viva e venire uccisa solo a poche ore della cottura: a meno che non siate in “modalità killer: on”, potete prenotare un ritiro all’ultimo e lasciar fare al vostro pescivendolo. :) Ma veniamo alla presentazione del piatto. Innanzitutto, il piatto da portata: un’idea vincente potrebbe essere adagiare l’anguilla (e il suo meraviglioso sughino) su qualche fetta arrostita di pane casereccio, indimenticabile! Poi, il vino: senza dubbio bianco, corposo e secco.

Altre ricette

I commenti (4)

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere.
I commenti verranno aggiornati ogni 15 minuti circa.

  • Corte Madonnina ha scritto: venerdì 02 maggio 2014

    Quest'anno il Vinitaly ha proposto il connubio tra Fortana (vino rosso frizzantino del Bosco Eliceo) e la "regina delle valli" l'anguilla. Altri abbinamenti suggeriti?

  • rosy ha scritto: sabato 21 dicembre 2013

    che differenza fa cucinare l'anguilla con o senza pelle?grazie

  • francesca faeddda ha scritto: venerdì 03 agosto 2012

    buonissima io lacucino spesso quando miarrivano ospiti

  • miki ha scritto: venerdì 05 agosto 2011

    L'ho mangiata proprio oggi per la prima volta. Uno spettacolo!!!

4 di 4 commenti visualizzati Mostra altri commenti »

Lascia un Commento