Speciale San Valentino

Baci di dama

Dolci e Desserts
Baci di dama
481 Aggiungi al tuo ricettario
  • Difficoltà: media
  • Preparazione: 60 min
  • Cottura: 15 min
  • Dosi per: 40 pezzi
  • Costo: medio
  • Nota: più il tempo di riposo dell'impasto: circa 3 ore

Presentazione

Baci di dama

I baci di dama sono originari della città di Tortona in Piemonte, dove nacquero più di un secolo fa: da allora, tutt’oggi i baci di dama vengono fatti con gli stessi ingredienti e la stessa forma, nella quale risiede la ragione del loro nome, che deriva infatti dalla composizione del dolce, formato dei due biscottini profumati e friabili che si fondono in un bacio al cioccolato fondente.

La ricetta dei baci di dama si può realizzare sia con le nocciole che con le mandorle; l’aggiunta di cacao all’impasto è una variante, poiché i baci di dama originali vengono realizzati senza.

Ingredienti per 40 baci di dama
Farina 150 g
Mandorle pelate 150 gr
Zucchero 110 g
Burro 150 g
Cioccolato 150 g
Vaniglia qualche goccia di estratto
Sale un grosso pizzico
Arance la scorza grattugiata di 1

Preparazione

Baci di dama

Per preparare i baci di dama, mettete le mandorle nel vaso del mixer e frullatele insieme allo zucchero (1), lo zucchero servirà ad assorbire l'olio che sprigioneranno le mandorle. In una ciotola aggiungete il burro morbido (ma non molle) tagliato a pezzi, la farina (2) e le mandorle tritate e cominciate ad amalgamare con le mani (3).

Baci di dama

Quindi aggiungete all'impasto la buccia d'arancio grattugiata (4), l'essenza di vaniglia, e il grosso pizzico di sale. Impastate il tutto fino ad ottenere un unico panetto (5), avvolgetelo nella pellicola trasparente e lasciatelo riposare in frigorifero per almeno un'ora (6).

Baci di dama

Una volta che l'impasto si sarà rassodato, suddividetelo in tanti bastoncini, da cui poi taglierete delle piccole porzioni di impasto (di circa 6-8 gr) che utilizzerete per formare delle palline. Disponete le palline di impasto su una placca da forno, foderata con l'apposita carta (7). Rimettete di nuovo le palline così formate in frigorifero per almeno altri 30 minuti. Dopodiché infornate e lasciate cuocere in forno statico a 160 gradi per circa 20 minuti, o fino a che la base del biscotto non si sarà dorata; se utilizzate il forno ventilato, la temperatura sarà di 135 gradi.
Nel frattempo fate sciogliere il cioccolato a bagnomaria, oppure nel  forno a microonde. Quando i biscotti saranno cotti, lasciateli raffreddare. Aiutandovi con un cucchiaino o con una siringa, disponete il cioccolato sciolto (lasciatelo raffreddare fino a che risulti piuttosto denso) sulla parte piatta del biscotto (8) e ricoprite delicatamente con un altro biscotto (9).  Mettete i baci di dama su di un vassoio  e lasciate che il cioccolato indurisca,  poi potrete servire i vostri deliziosi baci di dama.

Conservazione

Potete conservare i baci di dama chiusi in una scatola di latta, per 4-5 giorni al massimo.

Il consiglio di Sonia

Per personalizzare i vostri baci di dama, potreste realizzare ripieni diversi dal cioccolato fondente: con del cioccolato al latte, per esempio, oppure con delle creme alla frutta (frutto della passione, limone, kiwi...), il burro e lo zucchero a velo. Volendo potete sostituire la farina di mandorle con quella di nocciole.

Altre ricette

I commenti (481)

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere.
I commenti verranno aggiornati ogni 15 minuti circa.

  • Rosaria ha scritto: giovedì 04 febbraio 2016

    Ho provato a farla due volte,ma il risultato è pessimo ,ovvero si appiattiscono...come neve sciolta al sole.???????????? suggerimenti grazie una risposta aspetto

  • Jacopo ha scritto: lunedì 11 gennaio 2016

    Posso sostituire le mandorle con le nocciole?

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: lunedì 11 gennaio 2016

    @Jacopo: ciao! Puoi seguire la ricetta dei baci di dama alle nocciole

  • federica ha scritto: sabato 02 gennaio 2016

    Sono venuti buonissimi... ottimi davvero... io ho impastato il tutto come nella ricetta, formato le palline e dopo averle lasciate riposare in frigo per un oretta circa, le ho infornate a 150 gradi (forno ventilato) per 20 minuti.

  • Mary ha scritto: venerdì 01 gennaio 2016

    Ripeto...Pur seguendo alla lettera la ricetta, mi sono venuti durissimi!! PERCHE?? Confido in una risposta per favore...

  • Daniele ha scritto: giovedì 31 dicembre 2015

    una vera pecca... ho seguito passo per passo ma il risultato è stato orrendo

  • ilaria ha scritto: martedì 29 dicembre 2015

    aiutoooo! !!ma perché si appiattiscono in cottura? Sonia le tue ricette non hanno mai tradito le mie aspettative, cosa sbaglio? eppure ho seguito ricetta passo passo!

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: giovedì 31 dicembre 2015

    @ilaria: Ciao Ilaria, riproveremo la ricetta a seguito dei numerosi commenti intanto però possiamo suggerirti di testare tempi e temperatura per il tuo forno con un'infornata di pochi baci di dama, perchè la cottura di questi biscottini è delicata!

  • elena ha scritto: giovedì 24 dicembre 2015

    Fatti con la farina di mandorle!! buoni

  • Pina ha scritto: mercoledì 23 dicembre 2015

    Seguita ricetta passo passo,eccezionale risultato. Ottimo,da rifare sicuramente.smiley

  • Giuliana ha scritto: lunedì 21 dicembre 2015

    Dai commenti leggo che ad alcuni i baci di dama si appiattiscono durante la cottura. Io li faccio da molto tempo, ma non ho mai avuto questo problema. La mia ricetta prevede però una quantità di burro più bassa e maggior quantità di farina e di mandorle. Potrebbe essere dovuto al fatto che il troppo burro durante la cottura provoca un collassamento dei dolcetti?

  • antonella ha scritto: domenica 20 dicembre 2015

    ho appena provati a farli ma Pultroppo mi sono venuti eccessivamente piatti la forma tonda non è rimasta... cosa ho sbagliato? prima di infornarli erano belli tondi ora sono piatti... però il gusto è spettacolare

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: venerdì 15 gennaio 2016

    @antonella:Ciao Antonella, la prossima volta prova a raffreddarli nel freezer così che mantengano la forma in cottura.

10 di 481 commenti visualizzati Mostra altri commenti »

Lascia un Commento