Bavette al pesto, patate e fagiolini

Primi piatti
Bavette al pesto, patate e fagiolini
33 Aggiungi al tuo ricettario
  • Difficoltà: molto bassa
  • Preparazione: 20 min
  • Cottura: 15 min
  • Dosi per: 4 persone
  • Costo: basso

Presentazione

Bavette al pesto, patate e fagiolini

Con la ricetta delle bavette al pesto, patate e fagiolini facciamo un salto nell’antica tradizione culinaria ligure con la più tipica delle sue preparazioni: il pesto genovese. Si narra che ai tempi delle repubbliche marinare, poiché l’acerrima rivale Venezia aveva conquistato il monopolio delle spezie, Genova decise di puntare tutto sulle erbe aromatiche. Una in particolare, giunta dall’oriente con l’altisonante nome botanico di Erba Regale, incontrò in terra ligure la sua fortuna: il basilico! Nonostante le origini siano forse molto antiche, l’attestazione della ricetta del pesto è piuttosto recente e risale all'800, con il ricettario “la Cuciniera Genovese” dei fratelli Ratto. In questo primo piatto vi proponiamo la ricetta del pesto genovese, arricchito con patate e fagiolini che rendono corposa e ancora più saporita questa pietanza. Con le bavette al pesto, patate e fagiolini porterete in tavola un mix cremoso di pasta e patate, la tenerezza primaverile dei fagiolini, e soprattutto il pesto, l’oro verde della Liguria!

Ingredienti per la pasta
Bavette 350 g
Fagiolini 200 g
Patate 250 g
Per il pesto alla genovese
Aglio 1 spicchio
Sale marino grosso 1 pizzico
Olio extravergine 150 g
Basilico foglie 50 g
Pecorino grattuggiato 30 g
Pinoli 15 g
Parmigiano reggiano grattugiato 70 g
Vai alle ricette con Bavette

Bavette

Grazie alla sezione schiacciata e alla forma leggermente convessa, le Bavette Barilla sono perfette per esaltare il condimento: catturano il sugo e ne restituiscono tutta la varietà di sapori.

Scopri tutte le ricette

Preparazione

Bavette al pesto, patate e fagiolini

Per realizzare le bavette al pesto, patate e fagiolini potete seguire la ricetta tradizionale del pesto che prevede l’uso di pestello e mortaio oppure potete usare il mixer per risparmiare tempo: in questo caso si consiglia di porre in freezer le lame del mixer in modo da evitare che si scaldino troppo mentre si frulla, questo accorgimento permetterà di preservare il colore brillante del basilico. Mentre le lame si freddano, ponete sul fuoco una pentola capiente con abbondante acqua; mentre attendete che arrivi a bollore, pelate le patate (1), dopodiché tagliatele a fette spesse (2), infine riducete queste ultime a dadini (3).

Bavette al pesto, patate e fagiolini

Salate a piacere l'acqua oramai bollente, poi versate le patate a dadini (4). Intanto lavate i fagiolini, spuntateli (5) e tagliateli a metà (6),

Bavette al pesto, patate e fagiolini

unite anche i fagiolini alle patate in pentola (7). Cuocete per ancora due minuti le verdure poi unite anche le bavette alle verdure per farle cuocere insieme (8) e proseguite la cottura per circa 8 minuti o il tempo riportato sulla confezione della pasta. Mentre la pasta cuoce insieme alle verdure, occupatevi del pesto: riponete nel mixer le lame fredde, poi versate le foglie di basilico (pulite ma non lavate per non rischiare che si sciupino), aggiungete anche uno spicchio di aglio sbucciato e lasciato intero (9)

Bavette al pesto, patate e fagiolini

i pinoli (10), il Parmigiano Reggiano grattugiato e il Pecorino grattugiato (11). Infine aggiungete un pizzico di sale grosso (12).

Bavette al pesto, patate e fagiolini

A questo punto azionate le lame ad intermittenza per non farle scaldare troppo (oppure usate la funzione “pulse” se presente), così da non ossidare le foglie di basilico che restituiranno un bel verde briullante; mentre le lame sono in funzione, versate a filo l’olio di oliva dalla bocchetta del coperchio (13). Una volta che il pesto sarà pronto (14) versatelo in un tegame capiente, senza accendere il fuoco (15).

Bavette al pesto, patate e fagiolini

Nel frattempo la pasta sarà giunta a cottura, scolatela direttamente nel tegame con il pesto (16) conservando l'acqua di cottura da aggiungere al bisogno, in caso dovessere risultare troppo asciutta la pasta. Mescolate per insaporire tutti gli ingredienti (17). Servite le bavette al pesto con patate e fagiolini ben calde (18).

Conservazione

E’ preferibile consumare le bavette al pesto, patate e fagiolini subito, o in alternativa si possono conservare per massimo due giorni in frigorifero in un contenitore chiuso ermeticamente. Se dovesse avanzare il pesto si può conservare in frigorifero per 2-3 giorni, oppure potete congelare in piccoli vasetti in freezer per circa 1 mese.

Consiglio

Nella nostra ricetta del pesto alla genovese troverete tutti segreti per realizzare questo condimento in modo tradizionale con pestello e mortaio!

I commenti (33)

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere.

  • laura rondoni ha scritto: lunedì 13 giugno 2016

    sono fantastiche, provare per credere ho fatto un figurone con la famiglia e gli amici. grazie

  • Renzo ha scritto: martedì 05 gennaio 2016

    Grazie a tutti, ma Maria Cristina ha perfettamente ragione!

  • John ha scritto: mercoledì 11 novembre 2015

    @maria cristina: grazie per i preziosi consigli! Io la devo fare oggi e ti volevo fare due domande: 1) quale tempistica richiede cuocere assieme patate fagiolini e pasta? 2) al pesto a freddo va aggiunta oltre l'acqua di cottura, altro olio? O basta quello del pesto stesso? Grazie mille

  • roby44 ha scritto: mercoledì 30 settembre 2015

    Fatta oggi a pranzo con le trofie liguri! Eccezionale!!

  • Rossella ha scritto: lunedì 24 agosto 2015

    ricetta davvero originale dal sapore delicato BUONI BUONI

  • margherita lani ha scritto: lunedì 10 agosto 2015

    Io ho fatto le lasagne al forno con la vostra stessa ricetta. Provare sono buonissime.

  • maria cristina ha scritto: lunedì 29 giugno 2015

    fidatevi di una genovese: 1) il pesto si mescola in una ciotola (A FREDDO, MAI IN PADELLA) allungato con un cucchiaio di acqua di cottura 2) è LA PASTA che è avvantaggiata (cioè fatta non solo con farina bianca), non il pesto 3) potete cuocere tutto nella pentola della pasta differenziando solo i tempi di cottura (prima le patate, poi i fagiolini, poi la pasta) 4) non si fanno le "bavette" ma le "trenette" ... riguardo ai commenti, leggo con orrore parlare di "panna" ... MAI e a chi cita le noci dico che purtroppo i pinoli costano molto cari ma il risultato è migliore ...

  • mery ha scritto: lunedì 15 giugno 2015

    Ciao ottima ricetta, l'ho fatta già due volte..... grazie... bacio

  • katrina02 ha scritto: giovedì 11 giugno 2015

    molto interessante questa ricetta non vedo l'ora di provarla

  • Piera ha scritto: lunedì 09 marzo 2015

    La ricetta è ottima!

10 di 33 commenti visualizzati Mostra altri commenti »

Lascia un Commento

I commenti inviati verranno moderati dalla redazione prima di essere pubblicati.
Per maggiori informazioni CLICCA QUI

Ho preso atto dell'Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 del Codice privacy