Bistecca alla Tartara

Secondi piatti
Bistecca alla Tartara
37 Aggiungi al tuo ricettario
  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 30 min
  • Dosi per: 4 persone
  • Costo: elevato

Presentazione

Bistecca alla Tartara

La Bistecca alla tartara (o steak tartare) è un piatto classico della cucina internazionale, consiste in una preparazione a base di carne cruda fresca e macinata finemente che viene condita con olio, limone, salsa Worcershire e senape e accompagnata con un tuorlo d’uovo crudo. Generalmente la bistecca alla tartara viene guarnita con capperi, prezzemolo e cipolle, nella versione che vi proponiamo noi sono presenti le cipolle di tropea per conferire una nota agrodolce alla pietanza.
Per realizzare la bistecca alla tartara procuratevi uno scamone o una lombata magra di prima qualità, è fondamentale che la carne sia fresca perché viene consumata cruda. La ricetta prevede che la carne sia tritata finemente al coltello (in gergo si dice “battuta”) e poi condita con l’emulsione di aromi.
La bistecca alla tartara è un piatto freddo raffinato e prelibato, ideale per una cena estiva.

Ingredienti per la carne
Carne bovina filetto di vitello 600 gr
Olio extravergine di oliva 4 cucchiaini
Sale q.b.
Pepe nero macinato a piacere
Capperi 1 cucchiaio 15 gr
Cipolle di Tropea tritate (o scalogno) 1 cucchiaio (20 gr)
Limoni succo 4 cucchiaini (25 ml)
Senape 1 cucchiaio (10 gr)
Prezzemolo tritato 1 cucchiaio (20 gr)
Worcestershire sauce 4 cucchiaini (15 gr)
Olio di oliva 4 cucchiaini (12 ml)
per guarnire
Uova 4 tuorli crudi e interi
Limoni 16 fettine
Cipolle di Tropea tritate 4 cucchiaini (80 gr)
Capperi tritati 4 cucchiai (60 gr)
Prezzemolo tritato 4 cucchiai (80 gr)
Senape 4 cucchiai (50 gr)

Preparazione

Bistecca alla Tartara

Per preparare la bistecca alla tartara prendete il filetto di vitello di prima scelta, tagliatelo a fettine sottili, che successivamente taglierete a striscioline e poi a piccolissimi pezzetti (1) in questo modo otterrete la classica tartara dalla carne ben divisa e non spappolata, non deve infatti risultare macinata. Trasferite la carne tritata in una ciotola capiente (2). Tritate finemente i capperi e la cipolla (3),

Bistecca alla Tartara

spremete il succo del limone (4) e iniziate a condire la carne aggiungendo il prezzemolo tritato (5), la cipolla (6),

Bistecca alla Tartara

i capperi tritati (7), il succo di limone (8), la senape (9) , il sale, il pepe,

Bistecca alla Tartara

la Worchestershire sauce (10) unite per ultimo l'olio (11) e amalgamate bene tra loro tutti gli ingredienti in modo che la carne assorba tutti gli aromi. Ora dividete il composto di carne in quattro parti uguali, prendete ciascuna porzione e ponetela al centro di ciascun piatto (12) e date la forma di una piccola cupola.

Bistecca alla Tartara

Con il dorso del cucchiaio (o con il fondo di un bicchiere) premete la parte superiore della cupola per creare un incavo dove andrete a posizionare il tuorlo (13). Disponete su ogni piatto 4 fette di limone, Ponete su ognuna di esse un cucchiaino di prezzemolo tritato (14), uno capperi tritati (15), uno di senape, uno di cipolla tritata (o scalogno).

Bistecca alla Tartara

Prendete l’uovo fresco, rompetelo delicatamente ed estraete il tuorlo (16) avendo cura di lasciarlo intero. Posizionate delicatamente il tuorlo al centro della bistecca alla tartara (17) e guarnite a piacere con del songino fresco (18).  Servite la bistecca alla tartara immediatamente .

Conservazione

La bistecca alla tartara è una preparazione da consumare fresca al momento si sconsiglia pertanto di congelarla o di conservarla in frigorifero.

Consiglio

Se volete, potete preparare la bistecca alla Tartara mischiando alla carne tritata solamente olio, succo di limone, Worchestrshire sauce, sale e pepe, e disporre gli altri ingredienti sulle fettine di limone, in ogni piatto, in modo che i commensali condiscano la preparazione a loro piacere; ma noi pensiamo che sia più gustosa come descritto nella preparazione!
Alcuni condiscono la bistecca alla tartara con della mostarda, o con acciughe tritate o con del Cognac, ma questi condimenti non sono fedeli alla ricetta originale.

Curiosità

Pare che la bistecca alla Tartara debba il suo nome ai popoli di guerrieri nomadi dell’Asia Centrale che la inventarono, cioè i Tartari, che trasportavano a cavallo pezzi di carne, che alla fine della giornata, per effetto dell’attrito, risultava praticamente macinata.

Altre ricette

I commenti (37)

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere.
I commenti verranno aggiornati ogni 15 minuti circa.

  • Anfry ha scritto: giovedì 21 agosto 2014

    Salsa Rubra, o Katchup, nella tartare... CHE BESTEMMIA!!!

  • Francesca B. ha scritto: martedì 19 agosto 2014

    La ricetta con la rubra mi ha lasciata molto...perplessa! Penso che la ricetta di Sonia sia la migliore. Grazie (anche se io quando la carne è particolarmente buona semplifico un po' per sentirne meglio il sapore!)

  • Antonio ha scritto: mercoledì 28 agosto 2013

    Chiedo scusa ma NON si può parlare di Tartara senza indicare che all'inizio ci va la Salsa Rubra è come dire spaghetti senza sale....

  • Sonia Peronaci ha scritto: martedì 30 luglio 2013

    @Ilaria: Ciao, se lo hai acquistato e subito congelato, puoi utilizzarlo per la preparazione! L'importante è che una volta preparata la carne alla tartara non venga ricongelata!

  • Ilaria ha scritto: venerdì 26 luglio 2013

    Ho comprato il filetto di vitello, solo che poi l'ho congelato. Posso i prossimi giorni e fare comunque questa ricetta, o siccome la carne va mangiata cruda non va bene smiley?

  • carlotta ha scritto: venerdì 26 luglio 2013

    la scoperta dell'estate: sarei a dieta ma questa me la preparo volentieri. Io quando la mangio non metto il tuorlo d'uovo. In genere mi faccio tagliare dal macellaio del controfiletto di manzo a fettine sottilissime. Quando la preparo, metto la carne sul tagliere e la batto con un coltello pesante. Poi la metto a macerare nel limone. Trito poi prezzemolo, scalogno, capperi dissalati, li aggiungo alla carne, aggiungo poi worchester, due gocce di tabasco, senape di Digione, olio e regolo di sale. Servo subito

  • Sonia Peronaci ha scritto: martedì 23 luglio 2013

    @Ilaria: Ciao, è una salsa inglese agrodolce e un pò piccantina che puoi trovare nei supermercati più forniti!

  • Ilaria ha scritto: domenica 21 luglio 2013

    Che cos'è la salsa worchester smiley? Dove posso trovarla? Ed eventualmente può essere omessa o sostituita??

  • Margi-Como ha scritto: giovedì 14 febbraio 2013

    Ciao. Stasera farò la Tartare a mio marito...seguiró la ricetta di GF dato che non l'ho mai fatta. Volevo però dirvi che LA CARNE CRUDA va mangiata SOLO di MANZO. No vitello e no pollo. Perché contengono additivi dannosi all'uomo, che solo con la cottura vanno via. Buona serata! Margi

  • Vale ha scritto: giovedì 31 gennaio 2013

    L'ho fatta oggi per pranzo,il mio fidanzato ha molto apprezzato!il filetto l'ho fatto macinare dal macellaio,e al posto della cipolla (non è stagione per la cipolla di Tropea!) ho messo lo scalogno.grazie per la ricetta!

10 di 37 commenti visualizzati Mostra altri commenti »

Lascia un Commento