Bistecca alla Tartara

  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 30 min
  • Dosi per: 4 persone
  • Costo: elevato

Presentazione

La Bistecca alla tartara (o steak tartare) è un piatto classico della cucina internazionale, consiste in una preparazione a base di carne cruda fresca e macinata finemente che viene condita con olio, limone, salsa Worcershire e senape e accompagnata con un tuorlo d’uovo crudo. Generalmente la bistecca alla tartara viene guarnita con capperi, prezzemolo e cipolle, nella versione che vi proponiamo noi sono presenti le cipolle di tropea per conferire una nota agrodolce alla pietanza.
Per realizzare la bistecca alla tartara procuratevi uno scamone o una lombata magra di prima qualità, è fondamentale che la carne sia fresca perché viene consumata cruda. La ricetta prevede che la carne sia tritata finemente al coltello (in gergo si dice “battuta”) e poi condita con l’emulsione di aromi.
La bistecca alla tartara è un piatto freddo raffinato e prelibato, ideale per una cena estiva.

Leggi anche: Tartare di scampi »
Ingredienti per la carne
Filetto di vitello freschissimo 600 g
Olio extravergine d'oliva 4 cucchiaini
Sale q.b.
Pepe nero q.b.
Capperi 15 g
Cipolle rosse di Tropea (peso da mondate e tritate) 20 g
Succo di limone 25 ml
Senape 10 g
Prezzemolo da tritare 20 g
Worcestershire sauce 15 g
Olio extravergine d'oliva 12 ml
per guarnire
Tuorli crudi e interi 4
Limoni 16 fette
Cipolle rosse di Tropea (peso da mondate e tritate) 80 g
Capperi 60 g
Prezzemolo da tritare 80 g
Senape 50 g

Preparazione

Per preparare la bistecca alla tartara prendete il filetto di vitello di prima scelta, tagliatelo a fettine sottili, che successivamente taglierete a striscioline e poi a piccolissimi pezzetti (1) in questo modo otterrete la classica tartara dalla carne ben divisa e non spappolata, non deve infatti risultare macinata. Trasferite la carne tritata in una ciotola capiente (2). Tritate finemente i capperi e la cipolla (3),

spremete il succo del limone (4) e iniziate a condire la carne aggiungendo il prezzemolo tritato (5), la cipolla (6),

i capperi tritati (7), il succo di limone (8), la senape (9) , il sale, il pepe,

la Worchestershire sauce (10) unite per ultimo l'olio (11) e amalgamate bene tra loro tutti gli ingredienti in modo che la carne assorba tutti gli aromi. Ora dividete il composto di carne in quattro parti uguali, prendete ciascuna porzione e ponetela al centro di ciascun piatto (12) e date la forma di una piccola cupola.

Con il dorso del cucchiaio (o con il fondo di un bicchiere) premete la parte superiore della cupola per creare un incavo dove andrete a posizionare il tuorlo (13). Disponete su ogni piatto 4 fette di limone, Ponete su ognuna di esse un cucchiaino di prezzemolo tritato (14), uno capperi tritati (15), uno di senape, uno di cipolla tritata (o scalogno).

Prendete l’uovo fresco, rompetelo delicatamente ed estraete il tuorlo (16) avendo cura di lasciarlo intero. Posizionate delicatamente il tuorlo al centro della bistecca alla tartara (17) e guarnite a piacere con del songino fresco (18).  Servite la bistecca alla tartara immediatamente .

Conservazione

La bistecca alla tartara è una preparazione da consumare fresca al momento si sconsiglia pertanto di congelarla o di conservarla in frigorifero.

Consiglio

Se volete, potete preparare la bistecca alla Tartara mischiando alla carne tritata solamente olio, succo di limone, Worchestrshire sauce, sale e pepe, e disporre gli altri ingredienti sulle fettine di limone, in ogni piatto, in modo che i commensali condiscano la preparazione a loro piacere; ma noi pensiamo che sia più gustosa come descritto nella preparazione!
Alcuni condiscono la bistecca alla tartara con della mostarda, o con acciughe tritate o con del Cognac, ma questi condimenti non sono fedeli alla ricetta originale.

Curiosità

Pare che la bistecca alla Tartara debba il suo nome ai popoli di guerrieri nomadi dell’Asia Centrale che la inventarono, cioè i Tartari, che trasportavano a cavallo pezzi di carne, che alla fine della giornata, per effetto dell’attrito, risultava praticamente macinata.

Per un consumo sicuro della carne cruda

Per il consumo sicuro di carne cruda, si raccomanda di acquistare carne freschissima e di non consumarla qualora si notassero alterazioni del colore o dell'odore. Per approfondimenti rimandiamo alle linee guida del Ministero della Salute.

Leggi tutti i commenti ( 53 )

I commenti (53)

Lascia un commento o chiedici un consiglio

Leggi tutti i commenti ( 53 ) Scrivi un commento

Ultime ricette

Ho voglia di

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie.