Caldarroste

Dolci e Desserts
Caldarroste
24 Aggiungi al tuo ricettario
  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 10 min
  • Cottura: 30 min
  • Dosi per: 4 persone

Presentazione

Con l’arrivo dell’autunno, tornano a deliziarci, sulle nostre tavole, le castagne: uno dei modi più ghiotti per gustarle, è preparare le caldarroste, cuocendole cioè lentamente sul fuoco all’interno di una padella bucherellata.

Preparare un bel cartoccio di caldarroste sembra un’operazione facilissima, ma in realtà dietro ad una buona castagna arrostita c’è un mondo di piccoli segreti e di trucchi che non tutti conoscono e che fanno la differenza.

Ingredienti
Castagne 1 kg di marroni

Preparazione

Partiamo dal presupposto che mai, purtroppo, sul fornello di casa nostra potremo cucinare delle caldarroste buone come dal venditore all’angolo della via, a meno di non disporre di un caminetto a legna o di una brace; esistono però alcuni consigli e piccoli suggerimenti, che ci possono permettere di ottenere ottime caldarroste senza carbonizzare questo ghiotto frutto e di gustarlo in tutta la sua bontà.

Anzitutto dovrete procurarvi delle castagne più o meno della stessa dimensione e sceglierle una ad una per accertarvi che siano integre e senza alcuna macchia o buco, poi con un coltellino appuntito e affilato, dovrete intaccarne la superficie praticando un taglio di circa 3-4 cm di lunghezza fino ad arrivare alla polpa.

La pentola migliore per cuocere le castagne è la padella bucherellata, però attenzione: se la userete sul fornello a gas rischierete di bruciare la parte esterna prima di averle cotte all’interno, quindi sarà meglio porre sotto alla padella uno spargifiamma, di quelli usati per non fare bruciare sul fondo creme e budini.
Mettete tutte le castagne nella padella e fatele arrostire a fuoco dolce, girandole spesso per cucinarle omogeneamente; a cottura avvenuta toglietele dalla padella e ponetele in un contenitore, meglio se traspirante.

Consiglio

Un trucco per ottenere delle buone caldarroste, da noi provato direttamente, è quello di bagnare un sacchetto di carta (quello del pane andrà bene) e di ricoprirci le castagne in cottura, facendo attenzione che non si asciughi, poichè brucerebbe.
Durante la cottura quindi, bagnatelo di frequente: questo permetterà alle caldarroste di cuocere mantenendo parte della loro umidità, e rimanendo così, più morbide.

Curiosità

Qualcuno usa bagnare le castagne con il vino qualche istante prima del termine della cottura, altri invece le salano leggermente;  quello che invece andrebbe fatto, perché sia più facile sbucciarle, è di avvolgerle ancora calde per qualche minuto in un canovaccio inumidito.
Provate e  vedrete che la buccia verrà via con estrema facilità.

Altre ricette

I commenti (24)

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere.
I commenti verranno aggiornati ogni 15 minuti circa.

  • Valentina Miraglia ha scritto: venerdì 24 ottobre 2014

    le castagne tenute in ammollo le avevi tagliate o le hai incise prima di metterle in forno?

  • Sonia Peronaci ha scritto: venerdì 24 ottobre 2014

    @Valentina Miraglia:Ciao, le caldarroste vanno intaccate e cotte nell'apposita padella oppure in una padella antiaderente. puoi cuocerle anche in forno intaccandole sempre prima.

  • rosaria ha scritto: mercoledì 27 novembre 2013

    buongiorno! ho cucinato le castagne seguendo i vostri consigli, con delle diversità: ho tenuto in ammollo le castagne x circa 1 ora poi le ho sistemate in una teglia di alluminio,li ho cosparsi con un pizzico di sale grosso e li ho coperti con 1 sacchetto di pane impregnato di acqua; ho acceso il forno al massimo per alcuni minuti, poi ho diminuito ed ho inserito le castagne e le ho tenute x circa 45 minuti;FANTASTICHE! sono friabili,la buccia si leva con la pellicina e si mangiano tranquillamente anche il giorno dopo!grazie ciao

  • Ivana ha scritto: martedì 05 novembre 2013

    grazie

  • Marco ha scritto: martedì 29 ottobre 2013

    Anche io le taglio, circa a metà. Le cuocio in una teglia per torte, oramai adibita solo a quest'uso. A meta cottura aggiungo sale fino abbastanza abbondante. A fine cottura le copro con un coperchio e le lascio riposare per circa 10 minuti!!

  • rosablu9 ha scritto: lunedì 05 novembre 2012

    @isidoro: grazie per il consiglio!!! Volevo chiederti se con il tuo procedimento vanno comunque cotte nella padella bucherellata...grazie e buona cucina

  • Sonia Peronaci ha scritto: domenica 04 novembre 2012

    @Isidoro: grazie Isidoro!

  • Isidoro ha scritto: domenica 04 novembre 2012

    Salve a tutti.. Uno dei trucchi per cuocere senza bruciarle e in modo che si stacchi la pellicina e cuocerle sotto sale. Si prende il quantitativo di castagne che si vogliono cuocere si intaglia la superficie non di lato mi raccomando si coprono di sale grosso e si innagffia con del byin vino rosato lo stesso che poi abbinerete quando le mangierete... Il sale và recuperato per altre cotture....

  • Paolo ha scritto: giovedì 18 ottobre 2012

    Anch'io dopo averle tagliate le metto in ammollo per almeno10 min. Non solo si sbucciano meglio ma anche non si bruciano. Paolo

  • ziomo ha scritto: mercoledì 17 ottobre 2012

    Io ho comperato una macchinetta su un catalogo ,ha forma cilindrica e gira in continuazione su se stessa.Le caldarroste vengono esattamente come quelle che mangiavo da bambino dal caldarrostaio.Eccezzionali.

  • adriana ha scritto: mercoledì 10 ottobre 2012

    @Guido: bho ,ho fatto così ma siccome ho assaggiato una sola volta nella mia vita non so se la polpa deve risultare morbida o croccante... sono uscite croccanti all'esterno ...

10 di 24 commenti visualizzati Mostra altri commenti »

Lascia un Commento