Canederli alla Tirolese (Knödel)

Primi piatti
Canederli alla Tirolese (Knödel)

I canederli sono un piatto tipico della cucina Tirolese molto gustoso ma altrettanto nutriente e calorico per la presenza nell'impasto dello speck o del formaggio. « Torna alla ricetta

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere.
I commenti verranno aggiornati ogni 15 minuti circa.

  • norbert ha scritto: martedì 16 dicembre 2014

    @RENATA: non serve brodo, si puo bolire in acqua normale con poco sale. mi racomando, poca farina seno diventano duri

  • sara ha scritto: mercoledì 10 dicembre 2014

    ciao sonia, mi potresti dire per quante persone sono queste dosi?? devo farli per natale e siamo in sei. ciao grazie

  • Sonia Peronaci ha scritto: mercoledì 10 dicembre 2014

    @sara:Ciao Sara! Come indicato nelle caratteristiche, la dose è per 4 persone smiley

  • RENATA ha scritto: mercoledì 19 novembre 2014

    Io cuocio i canederli in un brodo magro oppure di dado, poi li scolo e li metto in un buon brodo di carne e gallina. Così il brodo non diventa torbido.

  • maury ha scritto: sabato 15 novembre 2014

    li preparo per stasera con una variante di carne trita ...mi maca lo speck poi vi faro sapere

  • barbara ha scritto: mercoledì 20 agosto 2014

    Ciao! sono intollerante al lattosio, posso preparare la ricetta sostituendo l'acqua al latte?

  • Amelia ha scritto: venerdì 18 luglio 2014

    @Sara: puoi preparare anche le palline una volta fatte le lasci da parte, io li metto in frigo, e poi li cucini

  • Nina ha scritto: venerdì 27 giugno 2014

    Sonia ti devo fare una domanda che è un insulto alla buona cucina! posso fare il brodo con il dado o il cuore di brodo knorr o è impensabile? smiley

  • Andrea ha scritto: giovedì 26 giugno 2014

    Dire che i canederli non sono trentini, ma tirolesi, non ha molto senso, dal momento che il Trentino fa parte della regione storica del Tirolo - con cui condivide buona parte della tradizione culinaria...e non sono! smiley

  • marille ha scritto: mercoledì 30 aprile 2014

    @Andrea: infatti c'è scritto "alla tirolese", i Canederli non sono trentini!

  • sara ha scritto: giovedì 06 marzo 2014

    Grazie.volevo farti i complimenti perché sto facendo un sacco di ricette e mi sono sempre riuscite!!!

  • Sonia Peronaci ha scritto: giovedì 06 marzo 2014

    @sara: Ciao, puoi congelarli da cotti se hai usato ingredienti freschi, o anche da crudi.

  • sara ha scritto: mercoledì 05 marzo 2014

    Si possono congelare una volta cotti?cosi ne faccio un po' e li scongelo all'occorrenza.

  • salvo ha scritto: venerdì 28 febbraio 2014

    Ma con queste dosi, quanti canederli vengono fuori?

  • La Cuoca Pasticciona ha scritto: sabato 15 febbraio 2014

    ho vissuto per un po' in trentino e ne ho mangiati parecchi, ognuno li fa a proprio modo ma tutti squisiti... c'è anche la canzoncina

  • Andrea ha scritto: sabato 15 febbraio 2014

    Da trentino DOC consiglierei una validissima alternativa: canederli ai funghi porcini e puzzone di Moena (formaggio saporito e molto profumato)... provateli! Per quanto riguarda la ricetta originale, invece, oltre allo speck aggiungo sempre una buona quantità di luganega e qualche pezzettino di mortadella. p.s. Knoedel è la dicitura tedesca utilizzata in provincia di Bolzano, ma non in Trentino!

  • roberto ha scritto: lunedì 10 febbraio 2014

    Ciao Ilaria, questo succede se hai messo poca farina, puó succedere, é questa che, al momento della cottura, compatta il tutto. Non ti preoccupare, la prossima volta sicuramente ti verranno bene, saluti

  • Matteo ha scritto: martedì 04 febbraio 2014

    Ciao, ho letto la ricetta (incuriosito). Sono Trentino e faccio i canederli (la nonna è stata un'ottima maestra) proprio quando ho un bel po' di pane raffermo. Non capisco come mai fai il soffritto... Ti metto in sintesi quello che faccio io normalmente: - Trito il pane e ne riempio una bella ciotola - aggiungo il latte tiepido, sale e pepe q.b., noce moscata, un paio d'uova e mescolo bene con le manine - poi aggiungo l'affettato a cubetti (al banco dei salumi si comprano i "culetti" a prezzi modici e vanno benissimo) - speck o prosciutto o mortadella o pasta di lucanica, insomma quello che ho smiley - mescolo bene il tutto ed aggiusto farina all'impasto se rimane troppo liquido: trucchetto per capire se è denso a sufficienza - fate una pallina e lanciatela nell'impasto, se questa rimane intera allora è pronto! - faccio le palline, tante palline (di 8-10 cm) - consiglio: potete metterle in frigo su di una teglia, una volta raffreddate bene le potete congelare e conservare. - Metto a bollire nel brodo (io preferisco vegetale fatto dalla mia compagna) per 15-20 minuti e... buon appetito!!!

  • Roberta ha scritto: domenica 26 gennaio 2014

    la ricetta è ottima, le dosi sono perfette. forse sono un pò scarse le quantità. si dice per 4 persone ma è a mala pena per 2...comunque buonossimi!!!

  • Roberta ha scritto: domenica 26 gennaio 2014

    la ricetta è ottima, le dosi sono perfette. forse sono un pò scarse le quantità. si dice per 4 persone ma è a mala pena per 2...comunque buonossimi!!!

  • Annalisa ha scritto: sabato 25 gennaio 2014

    Cosa posso aggiungere al posto del latte, visto che sono intollerante?

  • lara81 ha scritto: lunedì 06 gennaio 2014

    grazie mille per la ricetta,ottima! L'impasto aveva proprio la consistenza corretta con le tue dosi e i canederli sono rimasti compatti ma anche morbidi all'interno. Veramente da provare!

  • Ilaria ha scritto: lunedì 16 dicembre 2013

    Un disastro smiley(((( immangiabili, si sono sfaldati tutti completamente una volta nel brodo. Li ho tenuti 15 minuti come da ricetta ma sono diventati una poltiglia smiley eppure non avevo fatto alcuna fatica a fare le palline. A cosa può essere dovuto?

  • massimo ha scritto: lunedì 16 dicembre 2013

    Ho fatto i canederli, mi son venuti duri all interno, può darsi che ho sbagliato qualcosa nella ricetta, ora come posso renderli morbidi???

  • Sonia Peronaci ha scritto: martedì 26 novembre 2013

    @giulia: Ciao, puoi prendere lo speck necessario alla ricetta in una sola fetta spessa che trovi al supermercato al banco dei salumi e ridurlo a dadini!

  • giulia ha scritto: martedì 26 novembre 2013

    adoro i canederli! voglio provare a farli! ma qui che speck avete usato? perchè io di solito prendo sempre quello già a cubetti della parmacotto che è molto buono e saporito...va bene lo stesso?? o meglio a fette? grazie

  • Sonia Peronaci ha scritto: martedì 29 ottobre 2013

    @stella: Ciao, potrbbe dipendere dall'impasto: forse hai aggiunto più farina del necessario.

  • stella ha scritto: martedì 29 ottobre 2013

    ciao, ho fatto i canederli, però mi sono risultati troppo duri all'interno, anche se la cottura è stata prolungata. Come posso fare per ottenerli pià morbidi? grazie e complimenti.......

  • Sonia Peronaci ha scritto: martedì 22 ottobre 2013

    @Sara: guarda questa ricetta: canederli agli spinaci

  • Sara ha scritto: lunedì 21 ottobre 2013

    Come si preparano quelli agli spinaci?

  • Sonia Peronaci ha scritto: mercoledì 02 ottobre 2013

    @lucilla: Ciao, puoi congelarli da crudi!

  • lucilla ha scritto: martedì 01 ottobre 2013

    Sì possono congelare??

  • grazia ha scritto: mercoledì 25 settembre 2013

    Li avete mai assaggiati con panna spek e tartufo nero estivo piccola spolverata di formaggio grattugiato ( grana padana )a dir mio ottimi

  • Sonia Peronaci ha scritto: mercoledì 12 giugno 2013

    @Thommy: Ciao Thommy, sono d'accordo che sia bene gustare certe ricette tradizionali appunto come vuole la tradizione! Ma a volte certi abbinamenti sorprendono e soprattutto uniscono ancora di più sapori, ingredienti e modi di cucinare che vengono dalle varie parti d'Italia!

  • Thommy ha scritto: martedì 11 giugno 2013

    @elena: Ciao Elena. I canederli si mangiano principalmente come contorno per carni di tutto i tipi. Gulasch di manzo, selvaggina o tutti i tipi di arrosti. Poi in minestra di manzo o in estate con insalata verde o pomodori. Se si mangiano freddi, condite con olio aceto sono una favola. Ciao a tutti.

  • Thommy ha scritto: martedì 11 giugno 2013

    @Sonia-Gz: Chi mangia i Knödel con sugo di pomodoro, è come mangiare gli spaghetti con Würstel. Assolutamente inaccettabile. Ciao a tutti Thommy

  • Sonia Peronaci ha scritto: lunedì 10 giugno 2013

    @elena: volendo puoi farli anche asciutti e condirli con del sugo di pomodoro

  • elena ha scritto: sabato 08 giugno 2013

    Ciao, oltre che con il burro e salvia, con quali sughi/creme si mangiano i canederli ? Grazie

  • Thommy ha scritto: domenica 26 maggio 2013

    @nicola: Mi fa piacere. Nei prossimi giorni scriverò la ricetta dei "Schlutzkrapfen " Sono una favola. Ciao.

  • nicola ha scritto: mercoledì 22 maggio 2013

    Ciao Thommy, Grazie infinite per il tuo consiglio che ho volutamente seguito E con massimo successo. I canederli sono perfetti ed il pubblico risponde a piu´non posso. Grazie Grazie Grazie !!!

  • paola ha scritto: mercoledì 22 maggio 2013

    @novy: salve a tutti! volevo rispondere a Novy io li lesso direttamente nel brodo, è vero viene un po denso. ma il sapore e il profumo del canederlo rimane nel brodo, in fondo è tutta roba commestibile no???

  • Thommy ha scritto: domenica 19 maggio 2013

    @Nicola : Ciao Nicola. Non si cucinano nel brodo, perché diventa torbido, non si presenta bene. Sempre presumendo che tu i canederli li mangi con il brodo. Però volendo puoi aggiungere un dado nell'acqua di cottura, perché il brodo vero e sprecato. Se li congeli devi fare così : 1. Prima di metterli nel Freezer li cospargi con un po' di farina. 2. Quando li tiri fuori dal Freezer li metti per 1-2 minuti nel forno a microonde. Dipende dalla potenza del forno. Ma soltanto per scongelarli appena appena. . Devono rimanere duri. Il rischio che non rimangono interi quando si cuociono è più grande quando sono surgelati. Devi provare.

  • Sara ha scritto: martedì 16 aprile 2013

    DAVVERO buoni! Li abbiamo fatti sabato, per la prima volta, seguendo alla lettera la ricetta e sono venuti proprio bene. smiley

  • lorenza ha scritto: giovedì 11 aprile 2013

    Ragazzi li ho preparati domenica e CHE SPETTACCOLO!!!!! Però ho allungato i tempi di cottura: da quando sono saliti a galli ho alzato un pò la fiamma e fatti cuocere per ulteriori 10 minuti (ne avevo provato uno piccolo prima per sicurezza). Grazie mille per la squisitezza

  • riccardo ha scritto: giovedì 21 marzo 2013

    Ricetta riuscita al primo tentativo utilizzando pane e farina senza glutine. Ottima idea per variare il menu noioso di noi celiaci! Grazie

  • Nicola ha scritto: martedì 19 marzo 2013

    @Thommy : ciao Bella Ed Originale la tua ricetta! Avrei qualche domanda: 1. Xché non si cucinano nel brodo ? 2. Pensi che se ne faccio circa 200 e li congelo non cambino troppo il sapore se li uso nel giro di 4 settimane ? Grazie in anticipo e complimenti ancora per la veramente tradizionale ricetta. Ciao Nicola

  • Aleksandra ha scritto: domenica 24 febbraio 2013

    Knoedel è una parola tedesca, non trentina. Le città di Trento e di Bolzano non fanno ambedue parte del Tirolo, a meno che per Tirolo non intendete anche il Welschtirol, terminologia in disuso dalla prima guerra mondiale in poi.

  • Sonia Peronaci ha scritto: lunedì 18 febbraio 2013

    @Barbara: si puoi farlo.

  • Barbara ha scritto: domenica 17 febbraio 2013

    Li ho provati a fare,sono buoni,ma a mio parere andrebbe meno cipolla e più speck. E' possibile?

  • Thommy ha scritto: lunedì 11 febbraio 2013

    @angela: Ciao Angela Ti dò la mia ricetta e consigli per fare i veri canederli o Knödel. Innanzi tutto sono Sudtirolese e amo cucinare. Far i canederli sembra facile ma non lo è. Io li faccio come li fanno ancora la casalinghe e le mamme e le nonne. Ingredienti per ca. 16 canederli. Io ne faccio sempre un paio in più perché spiego alla fine. Pane vecchio bianco 600 grammi Attenzione deve essere veramente duro se no i canederli non tengono e avrete acqua e pane. Tagliatelo a cubetti di ca. 1cmx1cm. Buttate il pane in un recipiente grande. Tagliate ca. 50 grammi di prezzemolo e 50 di erba cipollina. Se non trovate erba cipollina prendete la doppia porzione di prezzemolo. Vi raccomando sempre erbe fresche. Aggiungere al pane tagliato. Rosolate una cipolla grande in ca. 50 grammi di burro. Aggiungere al pane. Adesso arriva la cosa più importante: le uova ed il latte. Devono avete temperatura d'ambiente. Non dal frigo. Così si può evitare di prendere della farina e i canederli rimangono più soffici Di uova ne prendete 4 e di latte ca. mezzo litro. Dipende anche dal tipo di pane. Buttate le uova in un tegamino aggiungete il latte sbattete un po' e poi tutto sul pane. Con le mani mischiare tutto bene fino ad ottenere una massa uniforme. La massa deve essere non troppo secca e non troppo bagnata. Se volete aggiungere dello Speck lo fate alla fine. Tagliatelo in piccoli cubetti non togliere il grasso e mischiare. Si possono fare anche senza Speck se si mangiano come contorno per esempio con Gulasch o arrosto di selvaggina. Adesso fate riposare tutto per ca. mezz'ora. Adesso si formano i canederli. Le prime volte vi consiglio di fare un mini canederlo di prova. Buttatelo nell'acqua bollente e se sta insieme va bene così. Se si spopola dovete aggiungere della farina ca. due cucchiai e riprovare. Con le mani bagnate con acqua calda fate delle palle di ca. 5 cm di diametro. Fate cuocere per ca. 15-20 minuti. Non cuocere mai nel brodo ma mangiarli con brodo o con insalata. Si possono anche mangiare freddi con aceto e olio. Se si congelano e importante metterli per ca. 1 minuto nel forno a microonde prima di buttarli nell'acqua bollente. Ciao

  • sibylle ha scritto: venerdì 25 gennaio 2013

    Ciao a tutti gli amanti di canederli. Provate questa ricetta: http://www.gutesaussuedtirol.com/it/rezept/speckknoedel-mit-blattsalaten Abbiamo anche una soluzione per quelli che desiderano comprare canederli giá pronti. a presto!

  • Nicoletta ha scritto: martedì 08 gennaio 2013

    Ho mangiato in un ristorante un canederlo in brodo (buonissimo) ma avvolto in un cestino di pasta fillo croccante : come potrebbe essere il procedimento? Grazie per i vostri commenti.

  • angela ha scritto: domenica 06 gennaio 2013

    ho fatto la ricetta purtroppo non mi è venuta. si sono sfatti.secondo me dipende dal pane. io ho usato il pane toscano.

  • ugoettore ha scritto: sabato 05 gennaio 2013

    i veri canederli sono un piatto dei piu poveri che la gente utiligiava tutti gli avanzi del pane e de avanzi della pancetta non era un magiare cosi raffinato come lo descritte nei vostri siti sono un friulano della alta Carnia dove ha vissuto certe realta specialmente dal 42 in poi. saluti

  • Dina ha scritto: martedì 01 gennaio 2013

    secondo me lo speak non andrebbe cotto come scritto nella ricetta, almeno noi in famiglia li preferiamo così. comunque erano buoni!

  • mattia82 ha scritto: sabato 29 dicembre 2012

    Se qualcuno volesse provare una "variante",vi dò quella che ci tramandiamo in famiglia.. Noi ci mettiamo oltre allo speck anche un po' di luganega tritata finemente e uno spicchio d'aglio schiacciato.. inoltre,al posto della farina, sia nell'impasto che x coprirli intorno,usiamo il pangrattato.. Buon appetito!

  • Sonia Peronaci ha scritto: mercoledì 19 dicembre 2012

    @Sonia: in effetti la ricetta dei canederli agli spinaci manca, grazie del suggerimento la inserisco subito tra le prossime da fare!smiley

  • Sonia ha scritto: martedì 11 dicembre 2012

    Ciao Sonia, volevo rifare i canederli, questa volta col burro e salvia come suggerisci tu..se volessi farli con gli spinaci, quali sono le dosi da seguire?? Graziesmiley

  • Sonia ha scritto: lunedì 10 dicembre 2012

    Questa è la prima volta che mangio i canederli, e quindi non posso fare un confronto, ma con questa ricetta sono davvero buoni, restano compatti e gustosi!! Un solo consiglio mi sento di fare: salare un po' di meno il brodo perché i canederli danno parecchio gusto a causa dello speck, per il resto:perfetti!!!smiley

  • Anna ha scritto: mercoledì 05 dicembre 2012

    Questa è la vera ricetta dei canederli.... http://www.altoadige-suedtirol.it/prodotti_tipici/gastronomia/ricette/canederli.php

  • Roberta ha scritto: giovedì 29 novembre 2012

    All'inizio ero un pò scettica, sono una napoletana doc e questi piatti nordici non fanno parte della nostra tradizione ma la curiosità era alle stelle e così ho voluto provare.. SEMPLICEMENTE UNA DELIZIA!! Appena ho assaporato il primo boccone mi sono resa conto che il loro sapore è molto simile al sapore del ripieno dei classici tortellini e considerato che io quando mangio i tortellini li mangio principalmente x il ripieno..come si dice da noi.. "Mi sò cunsulat!!!". Ah naturalmente sono una bomba calorica, ma ogni tanto si può fare ed io li faccio quasi ogni domenica smiley Grazie x la ricetta credo sia perfetta!!

  • Paolo Maria ha scritto: domenica 18 novembre 2012

    Li abbiamo fatti oggi. Squisiti, consistenti e delicati al primo tentativo. Bravi i cuochi e brava la maestra Soniasmiley

  • ale ha scritto: lunedì 12 novembre 2012

    Li ho preparati ieri.... sono buonissimi!!!!

  • Ginnygi ha scritto: mercoledì 07 novembre 2012

    @Sonia-Gz: grazie sei sempre molto gentile!in bocca al lupo per tutto

  • Sonia Peronaci ha scritto: martedì 06 novembre 2012

    @Ginnygi: puoi fare quelli agli spinaci aggiungendo 200 gr di spinaci bolliti e ben strizzati all'impasto. condiscili con il brodo, sono buonissimi!

  • Ginnygi ha scritto: martedì 06 novembre 2012

    Non ho mai mangiato questa pietanza anche se molti me ne hanno parlato più che bene ed inoltre mi hanno anche detto di averli assaggiati in versione verde,ossia con erbette/spinaci e visto che vorrei cimentarmi nella preparazione di questi sapreste dirmi come procedere?gli spinaci li stufo o li metto crudi?inoltre sono incuriosita dal fatto che taluni aggiungano formaggio all impasto ,sapreste dirmi quale avrebbe miglior resa? Quindi possono essere conditi con brodo o burro e rosmarino ma persino mangiati con l insalata?! Wow ho già l acquolina..aspetto vostre delucidazioni Grazie smiley

  • yayaeco ha scritto: lunedì 05 novembre 2012

    Non si vedono le foto dei passaggi

  • Sara ha scritto: venerdì 26 ottobre 2012

    E'possibile preparare l'impasto il giorno prima

  • Sonia Peronaci ha scritto: lunedì 15 ottobre 2012

    @Mary: sì, puoi congelarli crudi e cuocerli quando ti servono!

  • Mary ha scritto: lunedì 15 ottobre 2012

    Mi hanno regalato dei canederli.Vorrei mangiarli tra circa 15 gg.Posso congelarli?

  • pantera nera ha scritto: domenica 14 ottobre 2012

    i canederli, provate a condirli con crema di funghi porcini o con ragù di cingliale. saluti pantena nera

  • Sabrina ha scritto: domenica 07 ottobre 2012

    Pensavo fosse più difficile,invece mi sono venuti al primo colpo. Buoni come quelli delle nonne!! Ho accorciato i tempi di riposo dell' impasto e son venuti cmq squisiti. Buon appetito

  • ticino1 ha scritto: domenica 23 settembre 2012

    Ciao Daniela. Lo stesso è capitato a me, anche se già sapevo che la consistenza fosse al limite... Sì, la massa deve essere piuttosto asciutta. Prova con uno; se si sfalda, allora prendi dell'altro pane, taglialo fine (oppure raffermo e mixato) e mischialo con la massa per asciugarla un poco. Alcuni consigliano anche di preparare le "boccie" e di lasciarle riposare qualche ora in frigo per aumentarne la resistenza alla cottura.

  • Sonia Peronaci ha scritto: mercoledì 05 settembre 2012

    @DANIELA: l'impasto dev'essere abbastanza consistente, se si rompono aggiungi un po' di farina o di pane!

  • DANIELA ha scritto: martedì 04 settembre 2012

    MA PERCHè MI SI DISFANO TUTTI?L'IMPASTO DEVE ESSERE DURO?

  • vale ha scritto: domenica 02 settembre 2012

    No,non c è nessun errore...nella ricetta originale il diametro è quello... fidati, sono in Sud Tirolo e qui li preparano tutti di questa grandezza.

  • vale ha scritto: domenica 02 settembre 2012

    si, il diametro deve essere di almeno 8cm! Ho appena mangiato i canederli...sono in Valle di Siusi(Alto Adige, Sud Tirol) e il diametro è quello!!! Sono ottimi!!!!! E la ricetta è fedelissima a quella originale preparata da queste parti! smiley)))))

  • Sonia Peronaci ha scritto: mercoledì 29 agosto 2012

    @moni: puoi conservarli in frigo una volta cotti e non c'è più bisogno della farina!

  • moni ha scritto: martedì 21 agosto 2012

    Sto confezionando i canederli adesso per la sera. Volevo sapere, una volta preparati, per conservarli dove li tengo? Va bene in un contenitore per alimenti e poi in frigo? Devo lasciare sempre loro la farina per metterli da parte, o si termina quel passaggio in farina prima di metterli nel brodo,dopo la conservazione. Grazie smiley

  • mina ha scritto: martedì 24 luglio 2012

    Uso questa perfetta ricetta da anni, per cercare di essere fedele al sapore di quelli che mangio sul Renon ho provato ad aggiungere un po'di montasio fresco tritato aggiunto all'impasto.. Ha funzionatosmiley !!!!

  • Nonna papera ha scritto: sabato 26 maggio 2012

    otto centimetri di diametro??? siete fuori di testa!!!

  • Sonia Peronaci ha scritto: venerdì 25 maggio 2012

    @Simona: Puoi congelarli anche da crudi!

  • Simona ha scritto: venerdì 25 maggio 2012

    @Sonia-Gz: ciao Sonia.. Un piccolo consiglio ma potrei farli, immergerli nell'acqua per qualche minuto per poi congelarli e al momento dell'utilizzo li faccio scongelare e tuffarli nel brodo di carne???? Grazie

  • claudiarossi ha scritto: giovedì 24 maggio 2012

    @Franco Anche secondo me il diametro di 8-10 cm. per un canederlo è esagerato.Io di solito li faccio giusto della metà circa.

  • Martino Cupcake ha scritto: mercoledì 25 aprile 2012

    Grazie Soniaaaa!!! Adesso che ho trovato questa ricetta non la lascerò più... Io personalmente metto il pane, il latte e le uova nella ciotola della planetaria con la frusta a filo, e faccio andare... Si frulla il tutto, diventa un composto unico e il canederlo viene molto morbido. Li faccio anche con il pane fresco, sempre ottimi.

  • Ali ha scritto: giovedì 15 marzo 2012

    Li ho fatti qualche giorno fa e sono venuti buonissimi. Quando li ho tuffati nel brodo ero un po' in ansia (temevo si aprissero) ma il risultato e' stato perfetto!! Slurp, slurp e ancora slurp, li rifarò senz'altro.

  • Susannina la cuochina ha scritto: giovedì 08 marzo 2012

    Credo siano deliziosi smiley devo provarli. Grazie x le bellissime ricette.

  • marianna ha scritto: martedì 06 marzo 2012

    mia sorella li ha fatti al forno con le patate. I canederli li avevo fatti io con una ricetta del trentino e devo dire che le mie nipotine hanno molto apprezzato - prova altrimenti li puoi cuocere - scolarli e insaporirli con burro fuso e formaggio

  • apo ha scritto: sabato 03 marzo 2012

    in effetti per fare buoni canederli la grammatica è fondamentale, anzi vitale vero????

  • Paola ha scritto: venerdì 02 marzo 2012

    ... un bel ripassino alla grammatica no, eh?

  • Roberto ha scritto: giovedì 01 marzo 2012

    @rosa: puoi farli asciutti. Cotti in acqua salata o nel brodo ma poi gli servi con una spolverata di grana e del burro fuso e salvia. Oppure con della salsa di pomodoro. Fantastici!

  • Roberta Bologna ha scritto: giovedì 16 febbraio 2012

    Ciao Sonia, ti ringrazio per le ottime ricette. Stasera ho cucinato i canederli, perfetti e non si sono rotti in cottura, solo che mi sono riusciti poco saporiti: forse una presa di sale è poca? Ho anche provato a cuocerli in acqua e servirli dopo nel brodo caldo che è rimasto limpido. Grazie mille!

  • frida79 ha scritto: giovedì 16 febbraio 2012

    Ieri sera gli ho fatti... Buonissimi.. Ho aggiunto anche del formaggio!

  • franco ha scritto: mercoledì 15 febbraio 2012

    Nella ricetta c'è un errore. Non ho mai visto dei canederli di 8-10 cm. di diametro. Mi pare che la misura giusta sia di circa 4-5 cm.

  • rosa ha scritto: domenica 12 febbraio 2012

    Mi sono stati regalati 2 pacchi di Canaderli al formaggio e allo speck. Non so' come cucinarli!!!!visto che a mio marito non piace il brodo. C'e un'altro modo x farli? grazie a presto.

  • TIZIANA ha scritto: domenica 12 febbraio 2012

    Fatti ieri sera seguendo la ricetta alla lettera.... Buonissimi!!!!

  • dina ha scritto: martedì 07 febbraio 2012

    @ ziosepp . Grazie dei preziosi consigli . Domani mi metto all'opera!!!!! Hai un ristorante????

  • Ziosepp ha scritto: lunedì 06 febbraio 2012

    1° Risposta OK. 2° Io uso la pagnotta Lucano o Altamura (attenzione contiene molto grano duro)lo lascio raffermare intera in un sacchetto di carta fino a che si lascia affettare con l'affettatrice con un spessore di mm 7-7,5 poi lo riduco a dadini dello stesso lato/spessore. Non serve il calibro digitale basta l'occhio. Lo distendo su un vassoio grande fino che perde tutto l'umidità. Una volta secco lo trasferisco in un sacchetto di stoffa dove si conserva per molto tempo. Se un giorno passi nel Trentino sei nostro ospite. Ciao da Ziosepp (Onkel Josef)

  • dina ha scritto: lunedì 06 febbraio 2012

    @Ziosepp: Grazie per essere accorso in mio aiuto ! ... 1. cioe' non li rigiro nella farina prima di cuocerli ? 2. per il pane consigli un pane rustico ... cioe' ,aiutami, entro dal fornaio e cosa chiedo ? poi lo lascio all'aria per un paio di giorni visto che deve essere raffermo ?

  • Ziosepp ha scritto: lunedì 06 febbraio 2012

    Carissima Dina! Per evitare l'effetto di viscido basta non fare rotolare i canederli dopo averli fatti con le mani. Un altro suggerimento è quello di usare del pane rustico e non quello tipo "mantovana" o pane all' olio, per miscelare il tutto non usare mai l'impastatrice ma usa il classico mestolino in legno. Buon appetito Ziosepp

  • dina ha scritto: domenica 05 febbraio 2012

    Non si sono rotti e sono molto gustosi! Chiedo un parere e consiglio .... sento il gusto un po' 'viscido ' della farina all'esterno ed e' l'unica nota x me stonata .... ho sbagliato qualcosa?

  • dina ha scritto: domenica 05 febbraio 2012

    Brava Sonia e ti ringrazio dalla mia piccola ' cucina' . Sto cucinando i canederli e ho gia' fatto qualche errore ma saranno buonissimi ugualmente! Il mio piu' vivo e affettuoso ringraziamento per condividere con tutti le tue ricette, la tua esperienza e la tua bravura... gratuitamente smiley ( e non e' da tutti !) Grazie di cuore .

  • novy ha scritto: giovedì 02 febbraio 2012

    i canederli io li lesso nell acqua salata e dopo li aggiungo al brodo caldo oppure li condisco,se li cuoci nel brodo poi il brodo dove li hai cotti è immangiabile perchè è troppo denso....provate ....me lo hanno insegnato sù a Merano ciao a tutti e complimenti

  • wolfi ha scritto: sabato 28 gennaio 2012

    Io a dir la verita'li faccio col pane in cassetta bianco o integrale e poi aggiungo tutti gli ingredienti di Sonia...smiley

  • Ziosepp ha scritto: mercoledì 25 gennaio 2012

    Rispondo al commento nr. 102 del signor/ra VI scritta 50 minuti dopo l'invio dei miei appunti. Spiacente ma si ha fatto un grande autogoal. Come vede dei successivi commenti la grandezza è quella indicata da me perché con il pane secco il canederlo con la cottura si ingrossa. Trovo inoltre tanta gente che si lamenta della bontà di quelli mangiati nei ristoranti o posti caratteristici. Nella grande distribuzione si usano impastatrici che frantumano il pane, spesso si fa scorte conservandoli nel freezer e il prezzemolo prende il gusto del fieno, cotte nel brodo porti in tavola un' acqua torbida di aspetto sgradevole. Non uso il righello ma imposto semplicemente la misura sull' affettatrice, non trito il porro ma lo frullo con le uova e il latte perché più digeribile, non uso il pane lugano ma quello Lucano perché lievitato come quello di Altamura e senza grandi buchi. Dopo diversi migliaia di canederli fatti (sono del mestiere) penso che posso permettermi di dare un suggerimento costruttivo ad una ricetta di casa. La signora Sonia Peronaci non ha bisogno di difensori, e una professionista apprezzata in tutt' Italia, io stesso raccoglio quasi tutte le ricette a partire dal 30.03.2009 ( Barba di frate...) Ogni uno è libero di cucinare quello che li pare ma non accetto che si chiama le varianti con nomi del originali. Con questo auguro tantissimi successi dietro le padelle Ziosepp alias Haislsepp

  • Francesca ha scritto: mercoledì 25 gennaio 2012

    Io li ho fatti ieri seguendo alla lettera questa ricetta., sono venuti uno spettacolo.. Li ho fatti in 3 modi.. In brodo al pomodoro e al burro fuso.. I miei preferiti restano Quelli in brodo e non se ne è rotto nemmeno uno durante la cottura!!!

  • paolamg ha scritto: mercoledì 25 gennaio 2012

    Ciao Alessandra, io uso qualsiasi tipo di pane che mi avanza. Li faccio spesso in questo periodo, in brodo, e ti assicuro che vengono buonissimi. Prova a farli. Ciao

  • Alessandra ha scritto: martedì 24 gennaio 2012

    @paolamg: ciao Paola tu che tipo di pane usi? Grazie mille

  • mymy85 ha scritto: martedì 24 gennaio 2012

    Me li ha preparati il mio ragazzo seguendo questa ricetta... erano più che buoni... oserei dire perfetti smiley

  • Annalisa ha scritto: martedì 24 gennaio 2012

    Io sono appena tornata dal Trentino e i canederli che ho mangiato e comperato lì sono più o meno 8 cm.

  • Sonia Peronaci ha scritto: martedì 24 gennaio 2012

    @angelopavarotti: i canederli possono essere preparati di diverse dimensioni, falli come preferisci!

  • angelopavarotti ha scritto: martedì 24 gennaio 2012

    Salve a tutti, come sempre fate delle proposte interessanti che spesso metto in pratica con soddisfazione, la ricetta è bellissima ma un diametro di 8/10 cm non mi sembra corretto....!? mi dicono che un canederlo classico si aggira intorno ai 5/7 cm... (che corrisponde ad una pallottolina fatta con le mani c.a.... Best Regards... Angelo

  • Annalisa ha scritto: lunedì 23 gennaio 2012

    E come sempre la tua ricetta è uno spettacolo. Ho fatto i tuoi canederli e son venuti buonissimi, soprattutto col brodo, grazie Sonia!

  • ALBA ha scritto: lunedì 23 gennaio 2012

    Cara Francesca, purtroppo nel mondo ci sono anche delle persone che a volte non riescono a capire, non si puo' essere tutti professori. A te consiglierei un corso veloce di buona educazione.

  • Roberta b. ha scritto: lunedì 23 gennaio 2012

    Da fare subito, io li avevo mangiati tempo fa' ad una festa paesana in loco, non sapevano di nulla e non mi erano piaciuti,forse volevano risparmiare sugli ingredienti, ma questa ricetta mi sembra eccezzionale, vi faro' sapere saluti e complimenti Roberta

  • Sonia Peronaci ha scritto: lunedì 23 gennaio 2012

    @Anna: è il diametro!

  • Anna ha scritto: domenica 22 gennaio 2012

    Sonia ma 8-10 cm di diametro è esatto??? O intendevi di circonferenza?? smiley

  • mariapia ha scritto: domenica 22 gennaio 2012

    Ho fatto per ben due volte i canederli e sono venuti sempre bene e non si sono mai rotti durante la cottura. La ricetta e' molto semplice e spiegata bene (come tutte quelle di Sonia)

  • claudiaccio ha scritto: domenica 22 gennaio 2012

    Diamantini, mai nome fu più azzeccato, deliziosità

  • concetta ha scritto: domenica 22 gennaio 2012

    Anch'io trovo che le ricette di Sonia siano sempre equilibrate tra la tradizione e la divulgazione per ogni luogo italiano: però, un consiglio che danno sempre in Alto Adige quando si comprano in Gastronomia i canederli ,è di cuocerli prima in acqua salata e ,dopo, immergerli nel brodo per non "sporcarlo" cioè non renderlo opaco. Poi ognuno può decidere come vuole a suo gusto . Ciao

  • Annalisa ha scritto: domenica 22 gennaio 2012

    Sonia grazie infinite! Ho 34 anni sono di seano in provincia di Prato! Ho iniziato a cucinare per la prima volta un anno fa grazie a te! E' un anno preciso! Al mio fidanzato rammento il tuo nome ogni giorno. Lui dice una cosa ed io gli rispondo: ma la Sonia dice cosi'! Oggi ho cucinato lo spezzatino di pollo e ho preparato anche il tuo gnocco fritto! Favoloso!!!!! Cucino soltanto il fine settimana ..per ora ...ma da luglio mi sposo ...e allora cucinerò ogni giorno grazie a te! Il tuo libro e' fantastico! Complimenti Sonia e grazie!!!!! Al piu ' presto anche i canaderli...

  • Paola ha scritto: domenica 22 gennaio 2012

    E' la stessa ricetta che faccio ormai da anni e vengono benissimo, molto meglio di quelli mangiati in loco, che in genere non sanno di nulla. Io ho provato a farli con diversi tipi di pane e devo dire che il migliore risulta essere (ahimè) la baguette rafferma. Non fateli troppo grandi altrimenti non cuociono bene all'interno.

  • francesca ha scritto: domenica 22 gennaio 2012

    a chi dice che la ricetta non è molto chiara, consiglierei un corso acellerato d'italiano.. forse il problema non è se l'ha scritto o meno un sudtirolese bensì un problema di comprensione della lingua italiana..

  • Sandro ha scritto: domenica 22 gennaio 2012

    @Vi : kkkkkkkkk Brava!!!!!!!!!

  • Vi ha scritto: domenica 22 gennaio 2012

    Scusa Ziosepp, ma sinceramente non vedo quasi differenza tra il tuo procedimento e quello scritto da sonia..... L'unica cosa che dici è che il pane che usi lugano o pugliese che sia è di 7mm e lo speck di 5mm (ma in cucina usi il righello???), e poi triti il porro anzichè fare il soffritto di cipolle. Scusami se mi rivolgo direttamente a te, è solo che il tuo è l'ennesimo commento di polemica che leggo sotto le ricette "della tradizione" che sonia ci propone. Ecco, io volevo spezzare una lancia in favore di giallozzafferano, un sito veramente eccezionale, e che ogni volta che pubblica una ricetta tipica di una qualche regione, viene attaccato in molteplici commenti, perchè tutti vogliono ribadire le "inesattezze" e proporre la LORO ricetta della nonna. Le ricette proposte da sonia sono rivolte al "grande pubblico", non sempre nelle altre regioni si possono trovare gli ingredienti tipici che sarebbero ottimi per poter preparare questa o quella ricetta. Queste sono solo ricette che grazie a sonia io posso riproporre a casa alla mia famiglia, mentre sono convinta che le ricette originarie si possano gustare a pieno solo nei luoghi di origine, nei ristoranti tipici della tradizione, che siano trentini, pugliesi, toscani o sardi. Perciò non fate sempre i puntigliosi, lasciatevi un po' andare e apprezzate il lavoro degli altri....

  • Ziosepp ha scritto: domenica 22 gennaio 2012

    Oggi sono polemico, troppi inesattezze in questa ricetta. Premetto che sono originario di Kastelruth (Castelrotto) dove queste palline si chiamano Speck-Knoedel da non confondere con cose simili con altri ingredienti tipo lucaniche, prosciutto cotto o carne macinata. Ogni uno mette quello che vuole ma non lo deve chiamare Knoedel. L'origene di questa ricetta risulta provenire dal Tirolo del Nord dove una contadina è stata costretta a rifocillare una battuglia di soldati in ricognizione. La poverella ha messo insieme tutti gli avanzi che aveva in casa (non cera ancora il frigorifero) formando queste palline che poi ha lessate nel acqua e non nel brodo che sarebbe diventato torbido. In origine si mangiavano un po per terra ed altri per mare, cioè con brodo di carne spolverato di erba cipollina o con crauti con carré affumicato o goulasch (spezzatino) Non è permesso l'uso di formaggi o burro, seno diventano Kas-Knoedel. Personalmente uso pane raffermo e essicato tipo Lucano o Pugliese che taglio a cubetti di sette millimetri di lato mentre lo speck avrà una sezione di 5 mm. Aggiungo farina e prezzemolo rigorosamente fresco, frullo le uova con il latte e una discreta dose di porro (quello bianco)e un poco di sale. Amalgamo il tutto delicatamente (no impasttrice) per non spappolare il pane. Se trovo i butti di una cipolla li unisco a piccoli anellini. Dopo un riposo di 15 minuti mi bagno le mani e formo della palline del diametro massimo di 60 mm e non più grandi perché aumentano di volume nella cottura. In una ampia padella metto a bollire abbondante acqua salata e al bollore li immergo per 15 minuti senza coperchio.I Knoedel devono avere lo spazio per rotolarsi da sole. Concordo nel non usare coltelli per tagliarli quando sono calde ma è consentito quando sono raffreddate (magari la sera) e consumate con una fresca insalata di pomodori cuor di bue....... e basta Aspetto ricette con (tradotto in italiano) canederli si formaggio,di fegato, di semolino, di farina saracena, di magro e di ortiche. Quelle di prugne (Zweschkenknoedel) avete già pubblicate Ultimo e non mene importante: Non confondete i Speck-Knoedel con gnocchi di pane seno chiamo la pizza focaccia napolitana. Saluti da Castelrotto.................Ziosepp alias Haislsepp

  • Simo81 ha scritto: sabato 21 gennaio 2012

    Stasera cucinerò i canederli alla mia ragazza...auguratemi buona fortuna! smiley cmq sito magnifico complimenti!!!

  • Lorenzo ha scritto: domenica 15 gennaio 2012

    Complimenti. Le ricette sono sempre impeccabili e ben spiegate. Nella versione APP della ricetta dei canederli c'è tuttavia un errore. Avete dimenticato le immagini che invece nel sito sono pubblicate e semplificano non poco la preparazione

  • Domenico ha scritto: mercoledì 11 gennaio 2012

    Complimenti per il bel sito, vorrei solo segnalare una piccola imperfezione: "Knödel" è il nome tedesco dei canederli, che viene usato in Alto Adige/Südtirol (alias provincia di Bolzano) e in (Nord-)Tirolo, non in Trentino. In provincia di Trento, infatti, essendo terra italofona, viene usata la dizione "canederli". Saluti a tutti!

  • marina ha scritto: lunedì 09 gennaio 2012

    li ho mangiati con l'aggiunta di rapa rossa e formaggio brie conditi con burro e salvia .vi assicuro sono speciali.

  • Lisa ha scritto: giovedì 29 dicembre 2011

    Sono buonissimiiiiiiiiiiiiiiiii!non sono del posto e da Modena vado a Merano o Bolzano per mangiarli !!!!!

  • Chiara ha scritto: martedì 20 dicembre 2011

    Ciao a tutti, io li faccio sostituendo lo speck con il prosciutto cotto e aggiungo anche la fontina tagliata pezzettini piccoli poi li condisco con burro e salvia. Vi assicuro che sono buonissimi anche così!

  • 29settembre ha scritto: martedì 20 dicembre 2011

    Sono spiacente. Ricordate che i canederli erano inorigine un piatto povero e si faceva con gli avanzi di salumi o formaggi o altro, non si usavano nè le uova nè la farina.Parlo per esperienza personale: provate a dosare bene il latte, bagnando il pane la sera prima,col prezzemolo o erba cipollina e la mattina dopo unite tutto il resto: se risulta essere un po' troppo molle unite solo del pane grattugiato.Non occorre nè frullare il pane, nè lasciarlo a pezzi grossi,perchè mescolando bene si sbriciola nel modo più omogeneo. Si possono usare tutti i tipi di insaccati che piacciono,naturalmente a proprio gusto,e anche con vari formaggi.Un'ultima cosa: cuoceteli in acqua salata come gli gnocchi,metteli nel piatto e versate sopra il bordo caldissimo.PROVARE PER CREDERE!!!Molto più leggeri e digeribili.Saluti!!!

  • lalla ha scritto: giovedì 15 dicembre 2011

    tutti con lo speck li volete fare ma cambiate un po'

  • paolamg ha scritto: domenica 11 dicembre 2011

    Li faccio quasi sempre quando mi avanza del pane, soprattutto in inverno che si fa più spesso il brodo. Piacciono molto. E' una ricetta che riesce sempre. Ciao a tutti.

  • fcoraz ha scritto: venerdì 09 dicembre 2011

    "Un altro cosiglio: non tagliate mai i canederli con un coltello, sarebbe come un'offesa alla cuoca visto che questa pietanza deve essere morbida e quindi tranquillamente tagliata con il cucchiaio o la forchetta." Perchè alla cuocA? Che è sessismo gastronomico-culinario?

  • Sara ha scritto: martedì 22 novembre 2011

    Si possono prepare e conservare in freezer e buttarli da congelati nel brodo quando si vogliono mangiare! Un consiglio invece che mangiarli in brodo condirli con panna e speck a dadini...da leccarsi i baffi smiley

  • Sonia Peronaci ha scritto: giovedì 27 ottobre 2011

    @chiaras: certo, puoi prepararli e conservarli in frigorifero fino al momento di utilizzarli!

  • chiaras ha scritto: mercoledì 26 ottobre 2011

    ma si possono preparare anche il giorno pirma? vengono ugualmente buoni se li cuocio nel brodo il giorno successivo?

  • pappardella65 ha scritto: martedì 04 ottobre 2011

    volete un consiglio da una trentina frullate il pane vengono molto meglio piu compatti!!

  • genny ha scritto: lunedì 26 settembre 2011

    Ciao a tutti, volevo proporvi la mia versione di canederli .. fatti con avanzi di peperoni ripieni!! veramente buoni!! Dunque innanzitutto ho fatto i peperoni al forno con un ripieno classico e salsiccia uovo pane cipolle aglio e aromi. Erano davvero squisiti ma troppi,cosi, con i 4 rimasti, ho tritato tutto aggiunto un po di peperoncino e asciugato con dell altro pane grattugiato uovo e farina,formato delle belle palle e senza metterli nel brodo , li ho messi direttamente in pentola bassa antiaderente con burro salvia e grana grattugiato.....mmmhhhh una delizia .provate!!!!

  • Sonia Peronaci ha scritto: martedì 21 giugno 2011

    @Lauretta: certo, se li vuoi mangiare asciutti preparali con abbondante burro, salvia e rosmarino!

  • Lauretta ha scritto: venerdì 03 giugno 2011

    si possono mangiare anche asciutti giusto? tipo con burro e salvia...

  • alberto ha scritto: domenica 01 maggio 2011

    la mia ricetta è cosi: taglia a dadini 300 g di pane bianco raffermo, inumidisci con un po di latte, lascia riposare per mezz ora, poi aggiungi 4 uova, 6 cucchiai di farina, 150 g di speck a dadini con un pizzico di erba cipollina oppure 250g di gorgonzola piccante con una manciatina di prezzemolo, tocco finale, taglia mezza cipolla in pezzi piccolissimi e falla rosolare a fuoco lento in un pezzo di burro fuso, dopo un paio di minuti aggiungi tutto all impasto e forma delle palle, falle bollire per 15 minuti in acqua bollente salata. spero di esservi stato utile!!!!! PS: vivo a Bolzano quindi la ricetta la conosco molto bene

  • chef74 ha scritto: giovedì 24 marzo 2011

    Ricetta di perfetta riuscita . consiglio di aggiungere all impasto un po di castel magno e non dimenticate l'immancabile spolverata di erba cipollina fresca da far galleggiare sul brodo......ps provate anchhe a prepararli al forno ... felice cucina a tutti

  • Sonia Peronaci ha scritto: mercoledì 16 marzo 2011

    @vanessa: i canederli vanno cotti nel brodo bollente.

  • Vanessa ha scritto: lunedì 14 marzo 2011

    Ciao a tutti !!! Stasera faro' i canederli volevo solo sapere, per la cottura il brodo deve essere già caldo quando si buttano i canederli oppure cuociono insieme al brodo?

  • gina ha scritto: venerdì 04 marzo 2011

    Ciao a tutti!! qualcuno mi può aiutare? Volevo fare una variante di questi canederli.. volevo farli con il crauto rosso ma non so cm devo aggiungerli. li avevo mangiati in un ristorante ed erano di colore viola con delle gocce di formaggio al centro... come posso ricrearli?? grazie

  • Sonia Peronaci ha scritto: domenica 27 febbraio 2011

    @Silvio: di nulla! continua così e vedrai che successoni!un abbraccio!

  • Silvio ha scritto: domenica 27 febbraio 2011

    GRAZIE, con questa ricetta sono riuscito a sorprendere la mia mogliettina Monica.Ormai mi sarò aggiudicato i prossimi pranzi nella nostra casetta a strembo. grazie ancora del cosiglio

  • monica ha scritto: giovedì 17 febbraio 2011

    li ho fatti sono buonissimi GRAZIE LE TUE RICETTE RIESCONO SEMPRE

  • irene ha scritto: giovedì 03 febbraio 2011

    Li ho fatti e sn semplicemente buonissimiiiiiiiii...ricetta riuscita alla perfezzione..l'unica cosa è che ho aggiunto un pò più di latte x fare ammollare il pane!!!

  • mau ha scritto: martedì 01 febbraio 2011

    Direi buonissimi e semplici da fare.. Grazie!

  • ìisaperlina ha scritto: sabato 29 gennaio 2011

    il pane comune va benissimo!!!!

  • sasso luigi ha scritto: giovedì 27 gennaio 2011

    volevo sapere cortesemente quale tipo di pane raffermo ci vuole per fare i canederli se integrale o vanno bene tutte le qualita' grazieeeeeeeeeeee .luigi cuoco principiante

  • Daniela ha scritto: lunedì 24 gennaio 2011

    Ricetta strepitosa e perfetta!!!! Un vero successo. Grazie a giallo zafferano

  • isaperlina ha scritto: mercoledì 29 dicembre 2010

    li ho fatto varie volte seguendo questa ricetta,ogni volta e un successo...ed e il mio piatto preferito!!!la prossima volta li voglio fare con i funghi porcini.....

  • dario ha scritto: martedì 21 dicembre 2010

    Ricetta riuscita!! Sono molto meglio di quelli comprati, e tutto sommato anche semplici da realizzare.Con un buon brodo di carne sono perfetti!

  • stella 66 ha scritto: giovedì 02 dicembre 2010

    e la prima volta che preparo questa ricetta,speriamo bene,mia suocera e di Bolzano e li fa' buonissimi e da tanto che volevo farli adesso sembrerebbe che non si sfaldano nel brodo,comuncue sia grazie per l'aiuto ciaoooooooo

  • piera ha scritto: sabato 06 novembre 2010

    li ho fatti stasera... ho messo un po di pane in piu e non ho aggiunto l'uovo per legare meglio e alcuni sono sfaldati... mannaggia... va beh li rifarò.... comunque il gusto era fantasticoooo!!!!!

  • Mojca ha scritto: giovedì 04 novembre 2010

    Già fatti due volte, la prima un po' più grandi, la seconda più piccoli, sempre ottimi!

  • sabina ha scritto: lunedì 25 ottobre 2010

    buonissimi!!!! una vera bontà!! lo dico sempre, le cose più semplici sono le più buone!! P.S. molto fine Davide........!

  • Sonia Peronaci ha scritto: martedì 28 settembre 2010

    @caludia 1966: se l'impasto è fatto bene non si sfalda nè che sia di grandi dimensioni, nè piccole; puoi fare dei canederli più piccoli senza problemi.

  • claudia1966 ha scritto: lunedì 27 settembre 2010

    Solo una domanda: secondo voi, invece di farli così grossi posso farli piccolini tipo gnocchi o si sfaldano? vorrei provarli perchè l'estate, quando vado sulle Dolomiti, li mangio sempre e sono fantastici ma mi piacerebbero più piccoli. Aspetto un consiglio!

  • sara ha scritto: lunedì 20 settembre 2010

    i vostri consigli e la ricetta sono stati preziosi. i canederli sono sqisiti. ciao a tutti

  • davide ha scritto: domenica 29 agosto 2010

    li ho fatti ieri sera... davvero buonissimi!!!...non ho dormito tutta la notte..ragazzi..scoregge a non finire... la variante?!... FAGIOLI!!!!!

  • canederli alla tirolese ha scritto: domenica 25 luglio 2010

    io li faccio con la bologna al posto dello speck. sono ancora piu' buoni a chi piace un sapore diverso ma il risultato è davvero ottimo!!!

  • Antonella ha scritto: domenica 23 maggio 2010

    Sono veramente ottimi, li ho fatti stasera, e li ho provati anche con la variante al formaggio e sono ancora più deliziosi!

  • enrico dalla toscana ha scritto: venerdì 16 aprile 2010

    ciao, li ho fatti due volte la prima ho dovuto gettare tutto in quanto ha sbagliato la dose del latte , per farli diventari duri ho ggiunta troppa farina e sapevano di farina dfa far schifo la seconda mi sono venuti squisiti come li avemo mangiati a Brix complimenti

  • ermanno ha scritto: lunedì 12 aprile 2010

    bunisssssssssimi

  • Claudia ha scritto: martedì 30 marzo 2010

    Fatti ieri sera....davvero buoni!

  • Nicoletta ha scritto: domenica 28 marzo 2010

    Io li ho fatti e sono usciti buonissimi con una variante con mezza scatoletta di tonno

  • lulu ha scritto: martedì 09 marzo 2010

    Sto provando proprio ora a farli, vi dirò il risultato finale. In compenso vi suggerisco di provare a fare il couscous, seguendo la ricetta data. Ottimo, anche se per necessità io ho sostituito il cipollotto con un porro.Per una serata dopo cinema lo trovate già pronto e farete un figurone.

  • roberto ha scritto: domenica 14 febbraio 2010

    mo ce provo, dopo ve faccio sapè trduzione per i non romani adesso ci provo poi vi faccio sapere come è andata.

  • Nana ha scritto: sabato 13 febbraio 2010

    complimenti! avevo paura con le dosi tipo la quantità di olio e anche i vari aromi perchè non avendoli mai mangiati non conoscevo il loro sapore! però devo dire che la ricetta si è rivelata perfetta. Grazie mille smiley

  • Daniela ha scritto: giovedì 04 febbraio 2010

    Ricetta perfetta ma considerato che è un piatto povero a volte lo si fa anche per riciclare gli avanzi. Io sono trentina e a casa mia ogni tanto si preparano anche con pezzettini di mortadella o con pasta di lucanica avanzati per non farli diventare vecchi ... libero sfogo alla fantasia e buon appetito

  • arf ha scritto: lunedì 01 febbraio 2010

    Complimenti per la ricetta!!! L'ho seguita alla lettera e sono venuti buonissimi!!!

  • piera ha scritto: mercoledì 13 gennaio 2010

    per le feste di Natale sono andata a Merano e Bolzano (il posto e bello) ma la cosa che mi è piacuta tantissimo, sono i Canederli, ma li ho trovati di una bontà straordinaria - (ma a Roma ci sono posti dove li cucinano o li vendono)

  • Cinci ha scritto: domenica 10 gennaio 2010

    Ciao, ho provato a fari i canederli utilizzando come pane del toscano non salato...risultato ? non si mangiavano...

  • disastro ha scritto: sabato 09 gennaio 2010

    Li ho fatti oggi pomeriggio introducendo una modifica: 150 gr. ca di formaggio asiago ed erbette (ho usato quelle surgelate e ne ho utilizzato 3 cubetti. Dopo averli fatti sbollentare li ho fatti soffriggere con la cipolla)al posto dello speck. Sono venuti buonissimi! smiley

  • morgana ha scritto: martedì 05 gennaio 2010

    Ho provato la ricetta per le feste di Natale. Squisitissimi, veramente molto buoni, ho rispettato le misure proposte e devo dire che un canederlo è giusto per una porzione (in brodo), due mi sembrano giusti per appetiti esagerati! comunque complimenti per le ricette varie e dettagliate.

  • Caterina ha scritto: lunedì 04 gennaio 2010

    ciao a tutti! vorrei provare a fare i canederli al formaggio conditi con burro e parmiggiano, qualcuno sa dirmi come si preparano? il formaggio lo taglio a dadini e lo metto nell'impasto? e che tipo di formaggio mi consigliate di mettere? infine, se uso il pane casereccio va bene? grazie a tutti!

  • Federico ha scritto: domenica 03 gennaio 2010

    Io sono Trentino. In alcuni luoghi dell'Alto Adige li fanno anche grandi 10 cm come descritto nella ricetta. Le dimensioni sono variabili. Però in questo caso già 2 canederli sono una porzione generosa. 3 sono per appetiti robusti!

  • cecco ha scritto: giovedì 24 dicembre 2009

    sono uno dei cibi più buoni in assoluto. quelli che preferisco sono allo speck e, una volta cotti, conditi con burro e parmigiano. mi ricordano l'Alto Adige dove da ragazzina passavo tutti gli anni le mie vacanze

  • Emiliano ha scritto: domenica 20 dicembre 2009

    Grazie Sonia-Gz, l'avevo intuito. Non mi piacciono i siti che non citano le fonti e io preferisco sempre seguire l'originale.Il mio post aveva anche la valenza di segnalazione. Dal felice ritorno dal Tirolo proverò ad eseguire la TUA ricetta domani. Saluti

  • Sonia Peronaci ha scritto: domenica 20 dicembre 2009

    Ciao Emiliano, evito di dire, in quanto l'ho già detto molte volte in altre ricette, che la mia famiglia è di origine tirolese. Ti faccio poi presente che su Giallozafferano NON abbiamo l'abitudine di copiare nessun'altro, visto che abbiamo in redazione una cucina esclusivamente dedicata alla creazione e fotografia di tutte le nostre ricette. Inoltre il fatto che da noi sono presenti le fotografie dovrebbe da solo risponderti chi ha copiato chi.

  • Emiliano ha scritto: domenica 20 dicembre 2009

    Chi copia chi?? Su questo sito neanche le note finali sono diverse!!! chi è il vero? http://www.alfemminile.com/w/ricetta/r1625/canederli.html

  • Adel ha scritto: domenica 06 dicembre 2009

    buono..ho appena provato!!! e' venuto molto molto buono! grazie mille per la ricetta!

  • rosy ha scritto: lunedì 09 novembre 2009

    va bene il pane comune a crosta sottile tipo i cosiddetti soffiati o rosette

  • Sonia Peronaci ha scritto: lunedì 09 novembre 2009

    Ciao Flavia, il pane più adatto è quello comune.

  • Alberghini Flavia ha scritto: domenica 08 novembre 2009

    MI piacerebbe sapere che tipo di pane è più adatto per questa preparazione: pane condito, comune o a pasta dura ecc.

  • valentina ha scritto: martedì 27 ottobre 2009

    fatti...lungo come procedimento però buoniiii non si sono spappolati e proveremo presto la versione con la panna e i funghi!

  • rosy ha scritto: lunedì 19 ottobre 2009

    i canederli li puoi fare come vuoi e cuocerli in acqua o brodo a piacere. quelli al formaggio sono favolosi ripassati in padella con burro e parmigiano. non tutto il pane raffermo va bene, l'ideale sono le rosette che si trovano qui in alto adige. dovresti provarli anche come contorno a cibi ricchi. taglia lo speck finissimo e non dimenticare mai l'erba cipollina nè nell'impasto nè spolverata sopra una volta nel piatto. tendi a fare delle palline un po' più piccole di 8 cm altrimenti dopo cotti diventano troppo grandi.

  • manola ha scritto: mercoledì 14 ottobre 2009

    i cabederli sono squisiti!!!!! Qualcuno, però, sa spiegarmi come mai questa pagina è l'unica che non si riesce a stampare? Impalla il pc per giunta! Io colleziono tutte le ricette che mi piacciono e le stampo, così da far un bel quadernone "giallo zafferano"! Ma non capisco proprio questo intoppo..... si può risolvere?

  • gabriella ha scritto: venerdì 25 settembre 2009

    Per Elena: i canederli schaiacciati non li fai come le polpette, ma come un polpettone (un grosso cilindro) che metti a cuocere, poi a raffreddare ed infini tagli a fette. Per Lilly: se leggi tutti gli interventi trovi più di una ricetta non in brodo, compresa la mia. Saluti a tutti

  • Lilly ha scritto: venerdì 25 settembre 2009

    Ottima la cucina alto atesina! In un ristorante ho assaggiato dei canederli non in brodo, qualcuno ne conosce la ricetta? Grazie

  • elena ha scritto: mercoledì 02 settembre 2009

    Sono appena tornata da Tirolo in Austria. Ne ho assaggiati diversi tipi ognuno diversi.. I migliori, secondo me, sono quelli al formaggio, ma non a forma di palla ma rotondi e piatti (polpette schiacciate). Ora proverò a farli con la Vs ricetta. grazie

  • Raffaell ha scritto: domenica 30 agosto 2009

    Sono andata in vacanza con mio marito e le mie 2 bimbe in un rifugio sulle Odle (BZ) e i Canederli li facevano oltre a quelli tradizionali, anche in svariati modi, per esempio come dolce, fatti con ricotta e serviti su letto di polpa di pera. Oppure con spinaci. Li portavano anche con l'insalata mista condita con l'aceto balsamico. Una vera squisitezza tanto che appena rientrata dalle vacanze ho cercato la ricetta su questo sito. Ciao Raffaella

  • Martina ha scritto: giovedì 30 luglio 2009

    Quando vivevo in Italia li ho mangiati a Predazzo e devo dire sono squisiti. Adesso vivo in Brasile e voglio provare a farli. Allora, al posto dello speck posso mettere prosciutto crudo oppure pancetta affumicata? Non vedo l'ora di farli e questa ricetta sembra veramente buona. Vi farò sapere.

  • monica ha scritto: giovedì 23 luglio 2009

    proverò a prepararli ma mi hanno detto gente di bolzano che ci mettono pure un pò di formaggio nell' impasto... che dite??? andrà in sintonia o meglio di non metterlo?

  • Raffaella ha scritto: mercoledì 15 luglio 2009

    Sono appena tornata da una vacanza in val Badia e naturalmente li ho mangiati, ottimi, ho fatto una scorta per casa. Ciao

  • Roberta ha scritto: lunedì 18 maggio 2009

    Io sono di Bs As ARgentina, e mia mamma e di Bolzano, e gli ho fatti con la vostra ricetta e sono venuti buonissimi!!!!

  • enrica ha scritto: martedì 12 maggio 2009

    io taglio il pane del giorno prima a dadini piccoli e poi lo tosto nella pentola antiaderente metto in una terrina e aggiungo del salame e della pancetta piana magra, tagliati sottile, aggiungo un uovo ,ogni panino, sbattuto con un po' di latte un cucchiaio di farina del grana noce moscata prezzemolo tritato,impasto bene e lascio riposare almeno un'ora ,faccio le palle e le passo nel pangrattato,e poi le butto nel brodo bollente che sia di carne...squisiti

  • angy ha scritto: sabato 21 marzo 2009

    Belli e buoni i canederli!Io vivo in Germania e trovo che questa ricetta sia perfetta.Poi un consiglio per non farli disfare in acqua mentre cuociono:quando il brodo raggiunge l'ebollizzione,si mettono i canederli e poi si abbassa la fiammma,ma prorio tanto che il brodo non deve piu' bollire.ciao

  • gabriella ha scritto: giovedì 12 marzo 2009

    Cara Caterina gli gnocchi erano semplicemente lessati, come faresti con quelli di patate, e poi conditi. Per quanto riguarda il condimento può anche essere di semplice burro fuso (sono già molto saporiti gli gnocchi), ma provali con il goulasch o con un sugo di carne o, se ti piace, con uno di selvaggina. Sentirai che roba...... Buon appetito

  • caterina ha scritto: giovedì 12 marzo 2009

    Ciao.Il mese scorso sono andata a sciare a Pejo e li in un ristorante ho mangiato i canederli per la prima volta..buonissimi...ma erano fatti senza brodo..sembra che c'era del burro fuso sopra..ma come sono stati preparati?erano forse fritti??qualcuno ha la ricetta variante?grazie.

  • ceci ha scritto: martedì 10 marzo 2009

    ora ho finalmente la ricetta degli knodel tirolesi e sono felice

  • gabriella ha scritto: sabato 21 febbraio 2009

    Per Mara: io sono di Trieste e questo da noi è un piatto abbastanza comune e ti consiglio se non vuoi aver sorprese di gnocchi troppo morbidi che si disfano appena messi nell'acqua di cottura, quando hai terminato di mettere tutti gli ingredienti (a questo proposito io metto aglio e non cipolla e se non trovi speck metti pancetta possibilmente quella affumicata), verifica quanto solido è l'impasto e al caso, invece della farina, che io non metto proprio, aggiungi del pan grattato fino ad avere la solidità giusta. Vedrai che gli gnocchi non si disferanno e saranno sicuramente più buoni. A proposito noi a Trieste lo serviamo con il goulasch all'ungherese, non è proprio un piatto dietetico, ma se la giornata invernale è fredda ed uggiosa è una cosa stupenda. Ciao e soprattutto buon appettito

  • villanova ha scritto: sabato 14 febbraio 2009

    Io li compro a Corvara,e li congelo, così li mangio tutto l'anno. Ma adesso proverò a farli, con la ricetta di Giorgio. Grazie!!

  • gre ha scritto: mercoledì 04 febbraio 2009

    la mia splendida mamma li ha fatti...e sono vennuti moooolto buoni...

  • Matteo ha scritto: venerdì 30 gennaio 2009

    io mangio canederli praticamente una volta a settimana, mia nonna è un esperta nel farli e sono sempre buonissimi

  • Giorgio ha scritto: giovedì 22 gennaio 2009

    Sicuramente o il pane non andava bene oppure non hai fatto riposare l'impasto. Ti consiglio di usare pane vecchio di 2, massimo 3 giorni. La difficoltà è tutta li. In merito a questa ricetta, non è quella classica, che invece è : 500 grammi di pane bianco raffermo 200 grammi di speck 200 grammi di salame (tirolese se possibile) 2 CU di burro, sale, prezzemolo, pepe, 3 uova, 1/4 di latte, 2 CU di farina. Taglaire il pane a dadini (da circa 1 cm cubo), tagliare speck e salame a dadini (da circa 3 mm cubo), e rosolarli con il prezzemolo trittato nel burro. Unirli al pane e regolare di sale e pepe. Frullare le uova nel latte e versarle nel pane. Aggiungere la farina e rimestare bene.Lasciare riposare l'impasto per 1/4 d'ora. Formare dei canederli non troppo grandi (circa 8 cm di diametro), metterli nel brodo bollente e lasciarli bollire per circa 15 minuti. Consiglio di fare prima una prova con una pallina piccola per vedere se reggono la consistenza. In caso contrario aggiungere farina che però inevitabilmente andrà a variare il gusto. Questa è la ricetta per circa 15 canederli.

  • Ginger ha scritto: martedì 20 gennaio 2009

    sono molto gustosi provate a farli!!!

  • Mara ha scritto: martedì 20 gennaio 2009

    Ho provato a fare i canederli seguendo la ricetta originale tirolese. Nel buttarli nel brodo bollente, si sono sciolti. Ho inventato così una minestra di pane e speck! Non so perchè è successo questo, erano morbidi ma non troppo, nè erano duri e non ho aggiunto troppa farina (la ricetta consigliava di non farlo). Proverò a seguire questa ricetta e vedrò il risultato.

  • taty ha scritto: lunedì 19 gennaio 2009

    ciao a tutti...anke io li ho provati su un ristorante a bolzano...sono straordinariiiiiiiiii....provateli...ora provo a farli in casa...ciao

  • Giorgio ha scritto: domenica 18 gennaio 2009

    Ricorda comuque, che quelli fatti in casa sono tutta un'altra cosa rispetto a quelli che solitamente si comprano.

  • Rosanna ha scritto: venerdì 16 gennaio 2009

    Qualcuno, non ricordo chi, mi ha regalato 4 canederli surgelati. Domani li proverò, anche se mi sembrano molto calorici, non sono trentina, ma lomellina (prov. di Pavia). Rosanna

  • Giorgio ha scritto: giovedì 15 gennaio 2009

    Grazie Cesare!! Proverò senz'altro.

  • Cesare ha scritto: giovedì 15 gennaio 2009

    TAIEDDHRA Tempo di preparazione: 10 minuti Difficoltà ricetta: bassa Ingredienti: per 4 persone: 500 g di patate, 500 g di riso, 2 Kg di cozze, 5 pomodori rossi di media grandezza ben maturi, 3 cipolle, agli, prezzemolo, pecorino romano q.b. Disporre in un tegame basso strati diversi di cipolle affettate con olio; di pomodori tagliati a tocchetti; di patate affettate, riso crudo ma bagnato, cozze pulite e sgusciate, a metà ricoperte di prezzemolo e aglio. Ricoprire il tutto di pecorino romano e olio. Colmare d'acqua. Mettere in forno per circa tre quarti d'ora a 180-200 gradi. Controllare il grado di cottura su quello delle patate. Accompagnare con vino fresco, bianco o rosato.

  • Cesare ha scritto: giovedì 15 gennaio 2009

    PER GIORGIO E' la pasta e ceci alla leccese. (Il tempo di cottura non tiene conto di quello necessario alla cottura dei ceci che é di circa 2 ore). Ingredienti per 4/6 persone: 400 gr. di “Tria”, 300 gr. di ceci, ½ cucchiaino di bicarbonato, una foglia di alloro, una cipolla piccola, uno spicchio di aglio, 3 pomodorini maturi, una costa di sedano, una patata piccola sbucciata, sale, pepe, olio extra vergine di oliva. Preparazione della “Tria”: La “Tria “ nel leccese sono le tagliatelle. Per prepararle si deve impastare la farina di semola con un po’ di farina scura, acqua e un pizzico di sale. Lavorare bene e stendere una sfoglia sottile. Tagliarla in striscioline di 1 cm . e lasciarle asciugare su un vassoio di cartone infarinato per almeno tre ore. Preparazione della minestra: Mettere i ceci a bagno in acqua fredda con l’aggiunta del bicarbonato e lasciarli l’intera notte. La mattina successiva occorre risciacquarli bene sotto l’acqua corrente e poi metterli in una pentola, possibilmente di terracotta, coperti da acqua fredda con la foglia di alloro. Dopo il primo bollore, scolarli e metterli di nuovo sul fuoco lento, con l’aglio, i pomodorini a pezzetti, la cipolla il sedano e la patata sbucciata. Coprire di acqua calda, regolare di sale e fare cuocere fin quando saranno ben cotti e molto brodosi. In una padella scaldare l’olio Extra Vergine di oliva e friggere circa 150 gr. di “Tria” (risulterà dorata dopo pochi minuti). Cuocere la rimanente “Tria “ in abbondante acqua salata, dopo pochi minuti scolarla e rimetterla nella pentola dove si aggiungeranno i ceci, abbastanza brodosi, la pasta fritta e si farà legare bene il tutto, mescolando con un cucchiaio di legno. Irrorare con del saporito Extra Vergine di oliva Servire con una spolverata di pepe e le rimanenti tagliatelle fritte croccanti sparse in superficie.

  • Giorgio ha scritto: mercoledì 14 gennaio 2009

    Voglio ricordare, che i canederli si possono anche congelare. Io ne preparo 30-40 per volta e poi li congelo. Essendo 4 in famiglia, ne consumiamo 6-8 per volta e quindi congelarli è una bella comodità. Vi consiglio inoltre di provare varie ricette dei canederli (io ad esempio non metto la cipolla), siano questi in brodo, con i funghi o altro. Per quanto riguarda il salento ...... mi piacerebbe fare qualche cosa di caratteristico. Cesare avresti per caso qualche suggerimento?

  • Cesare ha scritto: mercoledì 14 gennaio 2009

    E' difficile pensare che abitando a Lecce abbia potuto gustare i canederli. Invece è proprio così. Mia moglie seguendo la ricetta di uno tei tanti libri di cucina un giorno li ha preparati e debbo dirvi che sono venuti eccezzionali. Dopo l'esperimento li abbiamo fatti assaggiare ad alcuni amici che hanno apprezzato moltissimo. Un piatto povero decisamente gustoso che ora è entrato a far parte delle nostre abitudini culinarie familiari. Mi piacerebbe che a Trento facessero la stessa cosa con qualche ricetta salentina.

  • Sonia Peronaci ha scritto: lunedì 05 gennaio 2009

    @Lory: prosciutto crudo o pancetta affumicata!

  • Lory ha scritto: sabato 03 gennaio 2009

    HHHmmm che bontà.. peccato che qui non si trova lo speck.. cosa faccio ci metto prosciutto? Proverò di sicuro! Grazie.

  • Giorgio ha scritto: martedì 02 dicembre 2008

    Sono nativo di Merano, e ti assicuro che quelli mangiati nei ristoranti in Alto Adige, non sono come quelli fatti in casa. 10 cm di diametro sono davvero troppo, ma 8 cm è la misura giusta. Se mangiati in brodo, consiglio una volta tagliati, di cospargerli di parmigiano. Ciao

  • Blu80 ha scritto: sabato 29 novembre 2008

    che bella ricetta, proverò di certo, ma 8-10 cm di diametro non è troppo? almeno quelli mangiati in Alto adige saranno stati al max 5 cm. ciao grazie

Lascia un Commento