Caprese al limone

Caprese al limone
  • Difficoltà:
    Media
  • Cottura:
    50-60 min
  • Preparazione:
    30 min
  • Dosi per:
    10 persone
  • Costo:
    Basso

Bruschetta caprese

Caprese al limone

La caprese al limone è una variante altrettanto squisita della classica caprese al cioccolato. In questa ricetta, il dolce tipico dell’isola di Capri, da cui prende il nome, mantiene alcuni ingredienti base come le mandorle, le uova e il burro, ma viene arricchito dalla dolcezza del cioccolato bianco, che contrasta  il profumo e l’aroma acidulo dei limoni.
L’aggiunta del limoncello, poi, esalta ancora di più il sapore deciso ed intendo di questo dolce, che potrete servire con una generosa spolverizzata di zucchero a velo o accompagnato da gelato.
Con la caprese al limone concluderete in modo semplice ma raffinato i vostri pasti, stupendo il palato dei vostri ospiti con la sua morbidezza e dolcezza!

Ingredienti
Uova 5 medie
Zucchero 200 gr
Mandorle pelate 200 gr
Lievito chimico in polvere 1 bustina
Burro fuso 150 gr
Limoni 1 fialetta di aroma
Fecola di patate 50 gr
Cioccolato bianco 200 gr
Limoni la scorza di 3 e il succo di 1
Limoncello 25 gr

Preparazione

Caprese al limone
Per preparare la caprese al limone, iniziate tritando finemente il cioccolato bianco (1). Dopodichè in un mixer ponete le mandorle pelate e 100 gr di zucchero (2): frullate  fino a ridurre tutto in polvere e trasferite la farina ottenuta in una ciotola capiente; unite il cioccolato bianco tritato (3).
Caprese al limone
la scorza grattugiata dei 3 limoni e infine la fecola di patate e il lievito in polvere (4). Mescolate il tutto con un cucchiaio di legno. Poi fondete il burro e unitelo agli altri ingredienti (5), aggiungete il succo di limone (6)
Caprese al limone
e il limoncello (7); per ultimo versate la fialetta di aroma di limone (8). Amalgamate tutti gli ingredienti con un cucchiaio di legno (9).
Caprese al limone
Mettete in una planetaria le uova a temperatura ambiente assieme all'altra metà dello zucchero (10) e montatele (potete usare uno sbattitore elettrico con le fruste in alternativa) per 10-15 minuti, fino ad ottenere una crema gonfia (almeno 3 volte il volume iniziale), liscia e chiara, che aggiungerete delicatamente agli ingredienti nella ciotola (11). Amalgamate con una spatola, compiendo dei movimenti circolari dal basso verso l'alto (12).
Caprese al limone
Versate il composto ottenuto in uno stampo foderato con carta da forno del diametro di 22- 24 cm (13), disponendolo nella teglia in modo uniforme. Cuocete in forno preriscaldato a 170° (statico) per circa 50-60 minuti. Se nella prima mezz’ora di cottura la superficie della torta dovesse diventare troppo scura, copritela con un foglio di alluminio e proseguite la cottura, ricordandovi di non aprite il forno prima di mezz’ora. Una volta cotta (verificate pungendo la torta con uno stuzzicadenti che dovrà risultare asciutto), sfornate la torta, lasciatela raffreddare su una gratella (14). Trasferitela su di un piatto da portata e spolverizzatela con zucchero a velo (15).
NOTA BENE: E’ sempre necessario consultare il prontuario Associazione Italiana Celiachia e leggere attentamente gli ingredienti, per assicurarsi che non contengano contaminazioni da glutine

Conservazione

Potete conservare la caprese al limone per 5-6 giorni coperta sotto una campana di vetro.

Consiglio di Sonia

Al posto del limoncello potete utilizzare la stessa dose di crema di limoncello.

Altre ricette:

 
 

I vostri commenti ( 351 Commenti )

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere.
Prova anche a chiedere consigli alla nostra numerosa comunità nel Forum

I commenti verranno aggiornati ogni 15 minuti circa.


351
cinzia ha scritto: Lunedì 21 Aprile 2014  |  Rispondi »
Ciao Sonia mi chiamo Cinzia sabato 19 aprile ho provato la torta è buonissima e con i miei ospiti è stato un successone grazie dei tuoi preziosi consigli e alla prossima cinzia.
350
Federica ha scritto: Domenica 16 Marzo 2014  |  Rispondi »
Fatta questa mattina. Ho usato la farina di mandorle al posto delle mandorle intere da tritare. È venuta ottima! E questa sera era anche più buona. Da rifare, sicuramente!
349
maria ha scritto: Venerdì 14 Febbraio 2014  |  Rispondi »
fatta e ricoperta con un sottile strato di lemon curd (anche questa presa da gz)..spettacolare!! e' diventato un mio cavallo di battaglia. Grazie Sonia!!!
348
Daniela ha scritto: Giovedì 13 Febbraio 2014  |  Rispondi »
È possibile tostare un po le mandorle?Ho provato a farla ma nonostante fosse cotta sapeva un po di "crudo" smiley
347
Adriano ha scritto: Sabato 01 Febbraio 2014  |  Rispondi »
Ciao Sonia, è possibile sostituire le mandorle con la farina di mandorle e lo zucchero con quello a velo??
346
Tiziana ha scritto: Mercoledì 29 Gennaio 2014  |  Rispondi »
Ciao Sonia
A casa ho le mandorle non pelate, che utilizzo solitamente per la caprese classica .
Possono andar bene comunque?
Verrebbe troppo scura??
A pelarle sarebbe un'impresa
Grazie
345
Sonia-Gz ha scritto: Lunedì 20 Gennaio 2014  |  Rispondi »
@Laura : Ciao Laura tutto dipende dalla consistenza che preferisci avere nella torta: per una consistenza più grossolana usa le mandorle, così da sentirle proprio sotto ai denti. Se invece preferisci una consistenza più fine usa la farina di mandorle! smiley
344
Laura ha scritto: Lunedì 20 Gennaio 2014  |  Rispondi »
Ciao, ho fatto la tua torta l'altro giorno ed era davvero buonissima! É piaciuta a tutti.. Nella preparazione ho sostituito il limoncello, che non avevo a casa, con il grand marnier, e non ho aggiunto la fialetta di aroma di limone, tanto profumava moltissimo comunque.
L'unica domanda è.. Perché non utilizzare direttamente la farina di mandorle invece delle mandorle intere?
343
Antonella ha scritto: Lunedì 06 Gennaio 2014  |  Rispondi »
Ciao sonia, mi potresti dire quali sono le dosi per uno stampo da 28 cm? grazie e complimenti per le ricette!sono davvero fantasiche!!
342
Stefania ha scritto: Venerdì 20 Dicembre 2013  |  Rispondi »
Ciao sonia, ho fatto la caprese ma ho incontrato due problemi. 1): l'impasto non è entrato tutto nella teglia di alluminio (23 cm) che avevo comprato, per cui l'ho dovuto dividere in due parti. Poi, mentre la superficie era bella dorata la base è rimasta bianchiccia e umida, nonostante l'avessi sentita con lo stuzzicadente. Che errori ho commesso?
10 di 351 commenti visualizzati

Lascia un Commento