Speciale Street food, cucina e gusto on the road!

Cartocci siciliani fritti

Lievitati
Cartocci siciliani fritti
93 Aggiungi al tuo ricettario
  • Difficoltà: media
  • Preparazione: 45 min
  • Cottura: 20 min
  • Dosi per: 11 pezzi
  • Costo: basso
  • Nota: + 4 ore di riposo del ripieno; + 3 ore di lievitazione

Presentazione

Cartocci siciliani fritti

Proseguono le videoricette con le nostre blogger, la ospite di oggi è Lorenza del blog Mani amore e fantasia che è venuta direttamente dalla Sicilia per presentarci un dolce goloso tipico della sua regione: i cartocci fritti.
I cartocci fritti rappresentano uno dei prodotti tradizionali della rosticceria dolce siciliana, passeggiando per le soleggiate vie siciliane si possono gustare i tipici cibi da strada sia dolci che salati.
Lorenza guiderà Sonia nella realizzazione di questi sfiziosi dolcetti in modo che anche a casa si possano gustare queste delizie.
I cartocci fritti hanno una forma che ricorda i cannoli, sono infatti preparati con il tradizionale cannello che viene avvolto da un cordoncino di pan brioche che poi viene farcito con una deliziosa crema alla ricotta arricchita con gocce di cioccolato.

Ingredienti per 11 cartocci
Farina "00" 500 gr
Strutto 50 g
Latte tiepido 250 ml
Sale 8 g
Lievito di birra disidratato 3 gr (oppure 12 gr di lievito di birra fresco)
Zucchero semolato 50 gr piu' q.b. per la ricopertura
Uova 1 medio
Olio di semi di arachidi 1 litro e mezzo piu' q.b. per ungere la teglia
per farcire
Zucchero semolato 200 gr
Cioccolato in gocce 80 gr
Ricotta di pecora asciutta 400 gr

Preparazione

Cartocci siciliani fritti

Per preparare i cartocci fritti iniziate dal ripieno che dovrà riposare in frigorifero circa 4h. Scolate la ricotta per eliminare l'acqua in eccesso, poi setacciatela in un colino a maglie strette (1) schiacciando la ricotta con un mestolo e un leccapentola in modo da eliminare tutti i grumi ed ottenere una crema morbida , aggiungete lo zucchero (2) e mescolate bene aiutandovi con un mestolo fino ad ottenre un composto cremoso. Non aggiungete ora le gocce di cioccolato, ma solo alla fine, altrimenti si scioglieranno nel composto. Coprite con la pellicola trasparente e lasciate riposare in frigorifero per 4 ore.

Cartocci siciliani fritti

Ora preparate l’impasto: in un ciotola capiente mettete la farina setacciata insieme allo zucchero (4), aggiungete l’uovo intero (5) e sbattete leggermente con una forchetta.Sciogliete il lievito di birra in 125 ml di latte tiepido (6)

Cartocci siciliani fritti

e aggiungete anche questo all’impasto (7). Sciogliete lo strutto a bagnomaria o nel microonde e sciogliete anche il sale nei restanti 125 ml latte (8). Aggiungete il sale col latte e per ultimo lo strutto sciolto(9). Impastate tutto con una forchetta e, se occorre, aggiungete la farina.

Cartocci siciliani fritti

Quando l'impasto sarà più compatto iniziate ad impastare con le mani (10). Trasferite l’impasto su una spianatoia e continuate ad impastare fino ad ottenere un impasto liscio e sodo (11). Ci vorranno circa 15 minuti. Se disponete di una planetaria iniziate ad incorporare gli ingredienti con la foglia e poi sostituitela con il gancio per impastare. Ponete l'impasto in una ciotola e copritelo con la pellicola (12) , lasciate lievitare in forno spento con la luce accesa per circa 2 h

Cartocci siciliani fritti

o comunque fino a quando l’impasto avrà raddoppiato il suo volume iniziale (13). Ora prendete un vassoio che dovrà contenere i cartocci fritti, ricopritelo con un foglio di carta da forno e spennelate con l'olio la carta da forno (14). Prendete il tradizionale cannello per cannoli (15)

Cartocci siciliani fritti

se non disponete dei tradizionali cannelli di latta vuoti all'interno,  potete realizzare dei cannelli arrotolando un foglio di carta di alluminio largo circa 12 cm (16) fino a raggiungere un diametro di 2 cm (17).Trascorso questo tempo dividete l’impasto in pezzetti da circa 70 gr l’uno e formate con le mani un cordoncino di 30 cm di lunghezza (18).

Cartocci siciliani fritti

Prendete il cordoncino e arrotolatelo sul cannello sovrapponendo le estremità in modo da fissare la pasta (19) (potete usare un cannello tipo quello da cannolo oppure uno con i tagli dritti) cercando di fare almeno tre giri (20). Quando attorcigliate il cordoncino intorno al cannello non dovrete assolutamente tirare l’impasto, ma girarlo attorno al cannello con delicatezza e avendo l’accortezza di lasciare mezzo cm di spazio da una parte e dall’altra; durante la fase di lievitazione il cartoccio coprirà anche quello spazio. Ponete i cartocci sul vassoio foderato di carta forno e spennellato con l’olio (21). Coprite con la pellicola tarsparente i cartocci e lasciateli lievitare ancora per circa 1 ora sempre in forno spento con la luce accesa.

Cartocci siciliani fritti

Trascorso questo tempo i cartocci avranno aumentato il loro volume (22). Ora procedete con la frittura (i cartocci fritti non si possono cuocere in forno). Ponete l'olio di semi in una  pentola alta del diametro di 22 cm e riscaldatelo (servirà circa 1 litro e mezzo di olio), è importante che la temperatura dell'olio non superi i 170°. Friggete i cartocci, immergendoli nella pentola con una pinza e rigirandoli spesso, toglieteli quando saranno bruni, ma non bruciati . Per ciascun cartoccio saranno sufficienti 6/7 minuti di cottura (23-24).

Cartocci siciliani fritti

Metteteli su un foglio di carta assorbente per eliminare l’olio in eccesso (25) e lasciateli intiepidire, estarete i cannelli facendoli ruotare leggermente. Prendete il ripieno di ricotta e incorporate ora le gocce di cioccolato (26). Trasferite il composto in una sac-à-poche munita di bocchetta stellata (27),

Cartocci siciliani fritti

farcite i cartocci (28) e passateli nello zucchero semolato (29) per renderli ancora più gustosi. I vostri cartocci fritti sono ora pronti per essere gustati (30).

Conservazione

Conservate i cartocci in frigorifero non più di un giorno chiusi in un contenitore ermetico.
Si sconsiglia la congelazione.

Consiglio

Cartoccio mio, fatti capanna: la farcitura sarà la vostra tela! Sbizzarritevi e scegliete gli ingredienti che più vipiacciono! Qualche suggerimento: potete sostituire le gocce di cioccolato con i canditi e la ricotta di pecoracon quella vaccina, dal gusto più delicato.

Altre ricette

I commenti (93)

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere.
I commenti verranno aggiornati ogni 15 minuti circa.

  • Chiara ha scritto: sabato 19 marzo 2016

    Li ho appena fritti ma sono completamente duri :/ il motivo?

  • Simona ha scritto: venerdì 18 marzo 2016

    Non lievitanooo smiley ho seguito i passaggi perfettamente...

  • Stefania ha scritto: mercoledì 16 marzo 2016

    Cara Sonia,siccome non ho un termometro per la temperatura posso utilizzare la friggitrice?al posto dell'olio di arachidi con quale posso friggere i cartocci siciliani?grazie!

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: mercoledì 16 marzo 2016

    @Stefania : Ciao Stefania puoi utilizzare tranquillamente la friggitrice! Al posto dell'olio di arachidi puoi utilizzarne uno di girasole! 

  • ROSANGELA ha scritto: martedì 15 marzo 2016

    fin tanto i cartocci son caldi sono buonissimi e soffici. Appena raffreddano diventano pesanti..dove sbaglio?

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: mercoledì 16 marzo 2016

    @ROSANGELA: Ciao Rosangela potrebbe dipendere dal fatto che la temperatura dell'olio è troppo bassa e i cartocci tendono ad assorbirne molto! 

  • stefania ha scritto: domenica 13 marzo 2016

    Ciao Sonia volevo Kiedetti se posso preparare i cartocci il giorno prima e tempie li il giorno dopo????????sei bravissima a presto!

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: lunedì 14 marzo 2016

    @stefania: Ciao Stefania! Essendo fritti non te lo consigliamo, meglio riempire e servire i cartocci siciliani appena preparati! 

  • Pasqualina ha scritto: venerdì 19 febbraio 2016

    Potrei mettere in frigo l'impasto già lievitato x il giorno dopo x farli domani?

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: lunedì 22 febbraio 2016

    @Pasqualina :Ciao Pasqualina, puoi conservare l'impasto in frigorifero, poi prima di usarlo lascialo lievitare ancora un'oretta nel forno spento con la luce accesasmiley

  • Pasqualina ha scritto: venerdì 19 febbraio 2016

    Ciao cara potrei sostituire le scorze di limone con il succo di limone nella crema pasticcera? Grazie mille

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: venerdì 19 febbraio 2016

    @Pasqualina : Ciao Pasqualina, puoi ma il risultato non sarà comunque uguale, poiché il profumo ed il sapore che contengono gli olii essenziali presenti nella scorza sono molto più forti del succo. Un saluto!

  • Maria Anna ha scritto: sabato 06 febbraio 2016

    se faccio i cartocci domenica per martedi, come li devo conservare?

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: martedì 09 febbraio 2016

    @Maria Anna: Ciao, come sono venuti i cartocci? Dato che sono fritti non si conservano molto a lungo in effetti, rischi di perdere la fragranza! Per la prossima volta potresti provare a congelare l'impasto dopo la seconda lievitazione, poi scongelarlo in frigo e farlo rinvenire a temperatura ambiente per 1-2 ore quindi procedere come indicato!

  • Pasqualina ha scritto: sabato 16 gennaio 2016

    Ciao Sonia potrei sostituire lo strutto con il burro

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: mercoledì 23 marzo 2016

    @Pasqualina : Ciao Pasqualina, se preferisci va bene! Utilizza pure la stessa quantità. Il risultato potrebbe essere un po' meno gustoso! Un saluto!

  • Concetta ha scritto: martedì 05 gennaio 2016

    Ciao Sonia, usare il burro invece dello strutto è uguale?

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: venerdì 11 marzo 2016

    @Concetta: Ciao Concetta, si non ci sono problemi! Soltanto il gusto potrebbe risentirne appena smiley un saluto!

10 di 93 commenti visualizzati Mostra altri commenti »

Lascia un Commento