Ciliegie sciroppate con Porto e cannella

/5
Ciliegie sciroppate con Porto e cannella
36 Aggiungi al tuo ricettario
  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 30 min
  • Cottura: 5 min
  • Dosi per: 3 pezzi
  • Costo: medio
  • Nota: più il tempo della sanificazione dei barattoli

Presentazione

Le ciliegie sciroppate con Porto e cannella sono la variante aromatizzata della ricetta tradizionale delle ciliegie sciroppate.
Per questa preparazione consigliamo di utilizzate le “ciliegie duracine” o “duroni”, dalla polpa più soda, decisamente più adatte ad essere conservate.
La ricetta prevede la preparazione di uno sciroppo a base di acqua, zucchero e Porto, un vino liquoroso portoghese molto aromatico e dolce. Per arricchire di sapore le ciliegie si aggiunge inoltre anche la cannella in stecche.
L’impiego dello sciroppo è un ottimo metodo per conservare la frutta al naturale, oltre a preservare il sapore delle ciliegie mantiene a lungo anche il colore rosso amaranto.
Sarà necessario poi pazientare almeno un mese prima di gustare queste deliziose ciliegie, ma ne varrà la pena e avrete il vantaggio di poter gustare le ciliegie anche fuori stagione. Le ciliegie sciroppate con Porto e cannella hanno un gusto particolarmente intenso, una volta pronte potrete usarle per preparare deliziosi dessert , per guarnire una coppa di gelato oppure potrete gustarle semplicemente al naturale. Se non gradite il liquore potete realizzare la ricetta tradizionale delle ciliegie sciroppate che prevede la preparazione di un semplice sciroppo di acqua e zucchero, cliccate qui per visualizzare la ricetta nel dettaglio.

Ingredienti per 3 vasetti da 250 ml

Ciliegie 500 g
Porto 200 ml
Cannella in stecche piccole 3
Acqua 300 ml
Zucchero 100 g
Preparazione

Come preparare le Ciliegie sciroppate con Porto e cannella

Ciliegie sciroppate con Porto e cannella

Per preparare le ciliegie sciroppate con Porto e cannella per prima cosa dovete procurarvi dei vasetti in vetro per la conserva  e procedere con la loro sanificazione come indicato nelle linee guida del Ministero della Salute riportate in fonfo alla ricetta. Iniziate lavando con cura i vasetti sotto acqua corrente (1). Foderate una pentola larga dai bordi alti con un canovaccio pulito e sistemate i vasetti all’interno della pentola. Passate poi attorno ai vasetti uno o più strofinacci per evitare urti (2). Riempite la pentola di acqua fino a ricoprire i vasetti. Portate ad ebollizione, poi abbassate il fuoco e lasciate i vasetti nella pentola ancora 30 minuti. Dieci minuti prima di scolare i vasetti, immergete anche i coperchi da sterilizzare. Passato il tempo necessario, spegnete il fuoco e lasciate raffreddare. Quando l'acqua sarà a temperatura ambiente, tirate fuori i vasetti dalla pentola e fateli scolare su un panno (3).

Ciliegie sciroppate con Porto e cannella

In un pentolino mettete l’acqua, lo zucchero e il Porto e scaldate a fuoco moderato per sciogliere lo zucchero (4): ci vorranno circa 5 minuti. Una volta che lo zucchero si sarà sciolto spegnete il fuoco e lasciate raffreddare lo sciroppo ottenuto. Occupatevi intanto delle ciliegie, sceglietele sode e mature, lavatele bene senza eliminare il picciolo, scolatele ponendole in un colino (5) e poi asciugatele bene con un canovaccio. Mettete in ogni barattolo una stecca di cannella (6).

Ciliegie sciroppate con Porto e cannella

Invasate anche le ciliegie (7) lasciando circa 2 cm di spazio dal bordo e cercando di sistemarle in modo tale da lasciare meno spazi vuoti possibili, senza però schiacciarle troppo. Ora aggiungete lo sciroppo al Porto (8) avendo cura di coprire completamente le ciliegie ma fermandovi a 1 centimetro di spazio dal bordo (9). Con le dosi indicate otterrete tre vasetti della capacità di 250 ml.

Ciliegie sciroppate con Porto e cannella

Chiudete bene i vasetti (10): se utilizzate barattoli con tappi a vite avvitate bene i tappi, ma senza stringere eccessivamente (11). A questo punto potete procedere alla bollitura: ovvero la pastorizzazione,  seguendo le indicazioni riportate nelle linee guida del Ministero della Salute citate in fondo alla ricetta.  Se utilizzate barattoli con tappi a vite, una volta che i barattoli si saranno raffreddati verificate se il sottovuoto è avvenuto correttamente: potete premere al centro del tappo e, se non sentirete il classico "click-clack", il sottovuoto sarà avvenuto (12). Se utilizzate i barattoli con chiusure a guarnizione in gomma, al momento di consumare le ciliegie potete fare la prova del sottovuoto tirando l'apposita linguetta: se tirandola produce un rumore secco vuol dire che il contenuto si è conservato con il sottovuoto corretto. Al contrario, se tirando la linguetta la guarnizione risulta "molle", significa che non si è creato il sottovuoto correttamente ed è meglio non mangiarne il contenuto. 

Conservazione

Le ciliegie sciroppate con Porto e cannella si conservano per 3 mesi, purché il sottovuoto sia avvenuto correttamente e avendo cura di tenere i vasetti al buio in un luogo fresco e asciutto. Per contenerle, procuratevi dei vasetti a chiusura ermetica non troppo grandi, l’ideale è il vasetto con capacità di 250 ml, poiché quando ne aprirete uno, dovrete consumare le ciliegie in massimo 3-4 giorni anche se le conserverete in frigorifero. Si consiglia di attendere almeno un mese prima di consumarle.

Consiglio

In questo caso l'alcol è decisamente ineliminabile: ma, se non vi piace il Porto, potete sostituirlo con un altro liquore, come sherry o marsala. Buona macerazione!

Per una corretta preparazione delle conserve alimentari

Per una corretta preparazione delle conserve fatte in casa è necessario rispettare le linee guida indicate dal Ministero della Salute, riportate qui: Linee guida per la corretta preparazione delle conserve alimentari in ambito domestico. Si tratta di un elenco di regole di igiene della cucina, della persona e degli strumenti utilizzati, così come indicazioni su una corretta sanificazione dei barattoli, trattamento degli ingredienti, pastorizzazione e conservazione. Prima di preparare una conserva (marmellate, confetture, composte, chutney, sottoli, sottaceti, frutta sciroppata, gelatine di frutta, marinature, pesto) è bene leggere attentamente le indicazioni riportate nel link in modo da non incorrere in rischi per la salute.

Leggi tutti i commenti ( 36 )

Altre ricette

Ricette correlate

Marmellate e Conserve

Le ciliegie sciroppate sono una conserva preparata con acqua e zucchero che permette di conservare le ciliegie e di preservarne il…

  • Difficoltà: molto bassa
  • Preparazione: 10 min
  • Cottura: 10 min
Ciliegie sciroppate

Marmellate e Conserve

Le pesche sciroppate sono un grande classico delle conserve: la polpa succosa e profumata è da assaporare in tutta la sua bontà con…

  • Difficoltà: molto bassa
  • Preparazione: 20 min
  • Cottura: 30 min
Pesche sciroppate

Marmellate e Conserve

La confettura di ciliegie è una ricetta semplice da realizzare, adatta alla stagione estiva in cui le ciliegie sono più buone e succose.

  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 30 min
  • Cottura: 60 min
Confettura di ciliegie

Dolci

La composta di ciliegie e vaniglia è l'accompagnamento ideale per il gelato, ma è buonissima anche da sola o spalmata su una fetta…

  • Difficoltà: molto bassa
  • Preparazione: 15 min
  • Cottura: 40 min
Composta di ciliegie e vaniglia

Dolci

La cheesecake è una torta fresca di tradizione americana che in questa versione è impreziosita dalla presenza di ciliegie fresche.

  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 50 min
  • Cottura: 20 min
Cheesecake alle ciliegie

Dolci

La crostata al farro e ciliegie è un dolce ricco e profumato dal piacevole tocco rustico, perfetto per la merenda o come dessert.

  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 40 min
  • Cottura: 40 min
Crostata al farro e ciliegie

Dolci

Il trifle di Pavesini alle ciliegie è un dessert al cucchiaio servito in calici di vetro a base di Pavesini, ciliegie, crema…

  • Difficoltà: molto bassa
  • Preparazione: 30 min
  • Cottura: 25 min
Trifle di Pavesini alle ciliegie

Altre ricette correlate

I commenti (36)

Lascia un commento o chiedici un consiglio

  • Maria rita ha scritto: mercoledì 04 ottobre 2017

    Ma per farli mantenere più allungo in dispensa li posso fare a bagnomaria

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: giovedì 05 ottobre 2017

    @Maria rita: Ciao Maria Rita, ti consigliamo di rispettare le tempistiche indicate.

  • beby dolce beby ha scritto: domenica 11 giugno 2017

    Ho fatto le ciliegie sciroppate e ho rimasto i vasetti a raffreddare nell 'acqua dopo averli sterilizzati e li ho tolti da freddi le ciliegie sono ancora buone??

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: martedì 13 giugno 2017

    @beby dolce beby: ciao! Non preoccuparti sono ancora buone! 

Leggi tutti i commenti ( 36 ) Scrivi un commento

Lascia un Commento

I commenti inviati verranno moderati dalla redazione prima di essere pubblicati.
Per maggiori informazioni CLICCA QUI

Ho preso atto delle Condizioni d'uso e dell'Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 del Codice privacy

Vedi anche

Ultime ricette

Dolci

La ciambella romagnola è un dolce della tradizione genuino e rustico che si prepara da sempre in occasione delle feste.

  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 15 min
  • Cottura: 40 min

Dolci

I mostaccioli napoletani sono dei dolci natalizi tipici della tradizione campana. Un biscotto molto speziato e ricoperto da goloso cioccolato.

  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 120 min
  • Cottura: 30 min

Contorni

L'insalata di cavolo cappuccio è una ricetta molto sfiziosa per chi vuole gustare gli ingredienti di stagione in un mix davvero interessante!

  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 20 min
  • Cottura: 30 min

Ciliegie sciroppate
Amarene sciroppate
Mele cotogne al forno
Torta di pere
Antipasti
Primi
Secondi
Dolci
Antipasti veloci
Pasta
Facili e veloci
Pasta fresca