Cipolline sott'olio

Antipasti
Cipolline sott'olio
9 Aggiungi al tuo ricettario
  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 15 min
  • Cottura: 12 min
  • Dosi per: 6 persone
  • Costo: molto basso
  • Nota: + 8-10 ore di asciugatura

Presentazione

Le cipolline sott’olio sono una ghiotta conserva che all’occorrenza, potete servire come antipasto, come stuzzichino per accompagnare un aperitivo oppure utilizzare per guarnire e arricchire tartine e canapè.

La conserva di cipolline sott’olio viene preparata mondando delle cipolline fresche della stessa dimensione che vengono poi scottate in aceto, vino bianco e spezie e, dopo una lunga asciugatura, vengono messe in vasi di vetro e quindi ricoperte di olio.

Ingredienti
Cipolline fresche 1 kg
Aceto di vino bianco 500 ml
Vino bianco 250 ml
Zucchero 1 cucchiaio
Sale q.b.
Alloro 4 foglie
Chiodi di garofano 5
Bacche di ginepro 6
Senape gialla in polvere 1 cucchiaino

Preparazione

Cipolline sott'olio

Per preparare le cipolline sott'olio, per prima cosa lavate e mondate le cipolline. Versate in una pentola l’aceto, il vino bianco, il sale e le spezie, quindi portate a ebollizione il liquido e aggiungete le cipolline che lascerete sobbollire per 10-12 minuti; trascorso il tempo necessario scolate e fateraffreddare le cipolline sopra una grata o un vassoio. Lasciate asciugare le cipolline per 8-10 ore all'aria.

Trascorso questo tempo potete procedere con l'invasatura: prima di tutto sanificate i barattoli e i tappi come indicato dalle linee guida del Ministero della Salute, riportate in fondo alla ricetta. Una volta che i barattoli saranno pronti per essere usati riempiteli con le cipolline lasciando circa 2 centimetri dal bordo. Ricoprite le cipolline con l'olio di semi (meglio se di arachide), avendo cura di fermarvi a 1 centimetro dal bordo del vaso. Ponete sopra le cipolline il pressello, quindi chiudete tutti i vasi. Se utilizzate barattoli con il tappo a vite, avvitate bene ma senza stringere eccessivamente.

Procedete ora alla bollitura dei vasi: sistemateli in una pentola capiente, per evitare che i barattoli possano rompersi sbattendo tra loro mentre bollono potete avvolgerli separatamente in alcuni canovacci. Riempite la pentola d'acqua: il livello dell'acqua non deve superare il tappo dei barattoli. Portate a ebollizione e fare bollire per 20-30 minuti. Passato questo tempo, spegnete il fuoco estraeteli dall'acqua utilizzando una pinza e lasciate raffreddare. Se utilizzate barattoli con tappi a vite, una volta che i barattoli si saranno raffreddati verificate se il sottovuoto è avvenuto correttamente: potete premere al centro del tappo e, se non sentirete il classico "click-clack", il sottovuoto sarà avvenuto. Se dopo la ribollitura doveste notare la formazione di piccole bollicine d'aria, quando il barattolo è ancora caldo battetelo delicatamente su un piano, in modo da far risalire in superficie le bollicine che poi scompariranno naturalmente.

Se utilizzate i barattoli con chiusure a guarnizione in gomma, al momento di consumare le cipolline potete fare la prova del sottovuoto tirando l'apposita linguetta: se tirandola produce un rumore secco vuol dire che il contenuto si è conservato con il sottovuoto corretto. Al contrario, se tirando la linguetta la guarnizione risulta "molle", significa che non si è creato il sottovuoto correttamente ed è meglio non mangiarne il contenuto. Lasciate riposare le cipolline sott'olio in un luogo fresco e asciutto per circa 40 giorni e poi saranno pronte per essere gustate!

Conservazione

Le cipolline sott'olio si conservano per 2 mesi, purché il sottovuoto sia avvenuto correttamente e i barattoli siano conservati in un luogo fresco e asciutto, al riparo da fonti di luce e calore. Si consiglia di attendere almeno 30-40 giorni prima di consumare le zucchine. Una volta aperto ogni barattolo, conservare in frigorifero e consumare nel giro di 3-4 giorni al massimo, avendo cura di aggiungere olio extravergine d'oliva per mantenere le cipolline sempre coperte.

 

Per una corretta preparazione delle conserve alimentari

Per una corretta preparazione delle conserve fatte in casa è necessario rispettare le linee guida indicate dal Ministero della Salute, riportate qui: Linee guida per la corretta preparazione delle conserve alimentari in ambito domestico. Si tratta di un elenco di regole di igiene della cucina, della persona e degli strumenti utilizzati, così come indicazioni su una corretta sanificazione dei barattoli, trattamento degli ingredienti, pastorizzazione e conservazione. Prima di preparare una conserva (marmellate, confetture, composte, chutney, sottoli, sottaceti, frutta sciroppata, gelatine di frutta, marinature, pesto) è bene leggere attentamente le indicazioni riportate nel link in modo da non incorrere in rischi per la salute.

Altre ricette

I commenti (9)

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere.

  • rosario ha scritto: venerdì 14 agosto 2015

    per conservarle va bene mettere i boccacci ripieni testa in giu'? e per quanto tempo? oppure bollirle in bagno Maria? grazie!

  • Sonia Peronaci ha scritto: domenica 16 agosto 2015

    @rosario: Ciao, i boccacci a testa in giù se usi i tappi twist off si possono mettere per far raffreddare i barattoli. Poi puoi conservarli normalemente in dispensa al riparo da fonte di luce diretta. Puoi evitare di ribollire. Attendi una decina di giorni e verifica che dal barattolo non si vedano bollicine d'aria. Così dopo 1-2 mesi potrai consumare le cipolline! :9

  • mirca ha scritto: venerdì 19 giugno 2015

    mi trovo con cipolline più grosse circa il doppio di quelle sul vasetto nella ricetta posso comunque farle sott'olio

  • Sonia Peronaci ha scritto: venerdì 10 luglio 2015

    @mirca: ciao Mirca, certamente!

  • Giammauro ha scritto: venerdì 09 marzo 2012

    Nelle ricetta nelle ricette dalla A alla Z, le cipolline sott'olio, si evince che nella bollitura del vino e aceto, bisogna aggiungere delle spezie, alloro, chiodi di garofano, etc,. Ma quando si invasa bisogna eliminare tutti queste spezie ed invasare solo le cipolline? O cosa? Nella foto della ricetta, nel vasetto vedo una foglia di alloro e credo un chiodo di garofano....... Saluti, Giammauro

  • Luisita ha scritto: mercoledì 05 ottobre 2011

    grazie Roberta sei stata molto gentile...

  • barbara ha scritto: martedì 04 ottobre 2011

    io le ho messe via come voi ma dopo 3 giorni mi è uscito tutto l'olio come mai?

  • roberta b. ha scritto: giovedì 07 ottobre 2010

    per Luisita: io faccio: 500 ml. di acqua 125 ml. di vino bianco 125 ml. di aceto bianco due bicchieri di olio di oliva chiodi di garofano,alloro,sale e tre cucchiai di zucchero,quando bolle butto le cipolline e da quando riprende il bollore faccio cuocere circa 10 minuti,vedi tu come le preferisci,io le preferisco un po' croccanti,poi le scolo con un ramaiolo,le faccio asciugare bene su un cannovaccio pulito e le metto nei vasetti bormioli da 500 gr. con un chiodo di garofano e le copro con il liquido di cottura bollente,chiudo id vasi,li capovolgo e li metto in una coperta a raffreddare, stesso procedimento con i peperoni gialli e rossi,belli carnoci a tocchetti, e nel vasetto metto una foglia di menta incece del chiodo di garofano,sono spe ciali.ciao

  • luisita ha scritto: mercoledì 06 ottobre 2010

    io metto meta' olio e meta' aceto...non metto lo zucchero ma mi piacerebbe provare..mi suggerisci le tue quantita' di olio aceto vino e zucchero?...voglio anch'io provare con i peperoni...

  • roberta ha scritto: venerdì 03 settembre 2010

    Io invece di mettere l'olio nei vasetti,metto l'olio insieme all'aceto,vino bianco e zucchero e le spezie,poi dopo che si sono asciugate bene,metto questo liquido di cottura bollente e poi chiudo i vasetti e li capovolgo per fare il sottovuoto, va bene lo stesso??? l'anno scorso mi sono venute benissimo e le ho conservate per un anno,faccio la stessa cosa con i peperoni gialli e rossi a tocchetti,puo' andare bene come sterilizzazione e crede sia meglio fare bollire i vasetti??? e' che non volevo che poi cuocessero troppo le cipolline perche' mi piacciono un po' croccanti,non troppo molli.grazie mille

  • antonia ha scritto: venerdì 21 agosto 2009

    TROVO MOLTO SODDISFACENTE LE VOSTRE RICETTE.GRAZIE

9 di 9 commenti visualizzati

Lascia un Commento

I commenti inviati verranno moderati dalla redazione prima di essere pubblicati.
Per maggiori informazioni CLICCA QUI