Come pulire le cozze

/5
Come pulire le cozze
20 Aggiungi al tuo ricettario
  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 20 min
  • Cottura: 5 min

Presentazione

Come pulire le cozze

Le cozze sono molluschi bivalve con una caratteristica conchiglia nera a forma di goccia, presenti naturalmente nei mari Mediterraneo e Adriatico. Gli utilizzi in cucina di questo alimento sono molto vari; taluni gradiscono consumare  le cozze anche da crude, insaporendo il mollusco con del succo di limone e aggiungendo, a volte, delle spezie. Se, come accade più frequentemente, dovete realizzare  delle preparazioni che richiedono la cottura delle cozze è indispensabile sapere come pulirle bene ed aprirne i gusci.
Seguendo la scuola di cucina di GialloZafferano imparerete facilmente i passaggi fondamentali per pulire e aprire questi molluschi; vi serviranno soltanto un coltello  con la lama piccola e una paglietta d'acciaio. E' assolutamente necessario che le cozze che state per pulire e cucinare siano fresche: per verificarne la freschezza controllate che abbiano la conchiglia ben chiusa, che il guscio sia di colore nero lucente e l'odore sia leggero e gradevole.

Ingredienti

Cozze fresche 1 kg

Come pulire le cozze

Come pulire le cozze

Per pulire le cozze mettete i frutti di mare in una bacinella capiente, quindi sciacquateli bene sotto l’acqua fresca corrente (1). Con il dorso della lama di un coltello eliminate tutte le incrostazioni e i cirripedi (2) (parassiti, di colore bianco o grigio, che si formano sul guscio) e, con un movimento energico, staccate manualmente la barbetta, o bisso, che fuoriesce dalle valve (3) (per facilitare l'operazione è possibile impugnare il bisso con un canovaccio).

Come pulire le cozze

Sempre sotto l’acqua fresca corrente e utilizzando una paglietta d'acciaio (oppure una spazzola rigida), sfregate energicamente le cozze per eliminare ogni impurità (4). Dopo aver pulito con cura le cozze potete procedere all'apertura;  è possibile effettuare questa operazione sia a crudo, sia utilizzando il calore del fuoco. Per aprire le cozze a crudo: prendete in mano una cozza già lavata e schiacciate leggermente il guscio del mollusco con le dita, per far sì che le valve si aprano leggermente; quindi, partendo dal lato della cozza che presenta una sporgenza, infilate la punta di un coltellino rivolta verso il basso, in modo da tagliare il muscolo (5). A questo punto girate attorno al mollusco con il coltellino, facendo attenzione di avere la lama sempre rivolta verso il basso, e aprite la cozza (6).

Come pulire le cozze

In questo modo potrete staccare il mollusco dalla valva senza romperlo(7). Per aprire le cozze a vapore: adagiate le cozze in un tegame (8), copritele con un coperchio e mettetele sul fuoco vivo lasciando che si aprano spontaneamente (9): ci vorranno circa 5 minuti. Trascorso questo tempo controllate tutte le cozze: quelle che non si saranno aperte andranno buttate. Le cozze sono ora pronte per essere utilizzate.

Conservazione

Per conservare le cozze fresche e già pulite riponetele in una bacinella con acqua fresca fino al momento di utilizzarle; potranno resistere fino ad un massimo di 8 ore.

Se le cozze sono freschissime possono essere conservate quando ancora non sono pulite, per 2 giorni al massimo, poste in una bacinella, coperte con un panno umido e riposte nella parte meno fredda del frigorifero. Questo procedimento impedirà alle cozze di aprirsi e rilasciare l'acqua contenuta nel guscio che ne garantisce la freschezza.

Potete congelare le cozze solo da cotte, eliminando i gusci, ma dovrete assicurarvi che siano freschissime.

Consiglio

Se volete qualche idea per utilizzare le cozze vi suggeriamo:
 
Impepata di cozze

Riso patate e cozze


Paccheri con melanzane, cozze e mozzarella di bufala

Leggi tutti i commenti ( 20 )

Altre ricette

Ricette correlate

Il gambero è uno dei crostacei più usati in cucina, dalle carni pregiate e delicate: impariamo insieme come si puliscono.

  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 15 min
  • Cottura: 5 min
Come pulire i gamberi

I fasolari sono molluschi, pescati nell’Alto Adriatico, da consumare crudi o cotti. Impariamo a pulirli e conservarli con la scuola…

  • Difficoltà: media
  • Preparazione: 20 min
Come pulire i fasolari

Le fave sono dei legumi usati nella cucina italiana sia crude che cotte: impariamo insieme come pulirle con la scuola di cucina.

  • Difficoltà: molto bassa
  • Preparazione: 20 min
Come pulire le fave

Gli asparagi sono ortaggi prelibati, facili da pulire e da cuocere per dare gusto a paste, risotti e a tante gustose ricette primaverili.

  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 15 min
  • Cottura: 10 min
Come pulire gli asparagi

I calamari sono molluschi dalla carne magra, utilizzati in cucina per fritture o in umido. Pulire i calamari è semplice, bastano…

  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 15 min
Come pulire i calamari

Il polpo è un mollusco dalla carne magra molto apprezzato in tavola. Pulire il polpo è semplice e i tempi di cottura variano in base…

Come pulire il polpo

Seguendo la scuola di cucina di GialloZafferano troverete illustrati tutti i passaggi indispensabili per pulire e sfilettare…

  • Difficoltà: media
  • Preparazione: 20 min
Pulire l'orata

I carciofi sono un ortaggio molto versatile in cucina che viene utilizzato per moltissime preparazioni, vediamo come pulirli correttamente.

  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 15 min
Come pulire i carciofi

Altre ricette correlate

I commenti (20)

Lascia un commento o chiedici un consiglio

  • Carmela ha scritto: martedì 15 agosto 2017

    @Redazione Giallozafferano: Grazie!

  • Carmela ha scritto: martedì 15 agosto 2017

    Devo comprare delle cozze la mattina, per poi cucinarle il giorno dopo a pranzo (non posso fare altrimenti). Come le posso conservare al meglio? Le metto in una bacinella con l'acqua e poi in frigo? Prima le pulisco o no? Oppure è meglio che le cuocia subito e le mantenga nel loro liquido fino al giorno dopo?

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: martedì 15 agosto 2017

    @Carmela: ciao Carmela! Se riesci a procurarti dell'acqua di mare puoi tenerle lì dentro altrimenti meglio non lasciarle a mollo! In ogni caso ti consigliamo di pulirle solo al momento smiley

Leggi tutti i commenti ( 20 ) Scrivi un commento

Lascia un Commento

I commenti inviati verranno moderati dalla redazione prima di essere pubblicati.
Per maggiori informazioni CLICCA QUI

Ho preso atto delle Condizioni d'uso e dell'Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 del Codice privacy

Vedi anche

Ultime ricette

Dolci

La torta fredda di ricotta è un dolce senza cottura, un fine pasto fresco con una base di riso soffiato farcita di ricotta e pesche.

  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 20 min

Dolci

Un dolce soffice, gusto fresco e delicato con un colore verde dato dall'aggiunta di sciroppo alla menta homemade: una torta invitante per la merenda!

  • Difficoltà: media
  • Preparazione: 15 min
  • Cottura: 40 min

Primi piatti

Un primo piatto cremoso e raffinato grazie al suo gioco di sapori che vanno dal dolce al salato: uva, prosciutto e mantecatura con formaggio robiola!

  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 30 min
  • Cottura: 30 min

Antipasti
Primi
Secondi
Dolci
Antipasti veloci
Pasta
Facili e veloci
Pasta fresca
Primi veloci
Dolci veloci
Torte
Torte veloci