Confettura di albicocche

Marmellate e Conserve
Confettura di albicocche
141 Aggiungi al tuo ricettario
  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 20 min
  • Cottura: 30 min
  • Dosi per: 2 pezzi
  • Costo: basso
  • Nota: + 12 ore di macerazione della frutta e il tempo della sanificazione dei barattoli

Presentazione

La confettura di albicocche è un grande classico delle conserve: facile da preparare e gustosissima, è sicuramente una delle confetture più amate e spalmate da grandi e piccini sulle fette di pane tostato, la mattina per colazione.
Se pur i tempi e i ritmi della vita moderna non ci consentono più di preparare prodotti fatti in casa come si faceva un tempo, per la confettura di albicocche si può fare un' eccezione.
Approfittate della stagione estiva per procuravi delle albicocche fresche e mature, e dedicate un po’ di tempo (che è meno di quello che si può pensare) a questa semplice preparazione. In poche mosse avrete i vostri barattoli di confettura per le vostre scorte invernali.
Gli usi in cucina di questa confettura sono innumerevoli, ad esempio potete usarla per farcire la famosa sacher torte, delle crepes dolci o ancora delle tradizionali crostate, insomma potete divertirvi a creare le vostre ricette con questa golosa confettura fatta in casa genuina e senza conservanti.

Ingredienti per 2 vasetti da 500 gr (o 4 da 250 gr)
Albicocche 2 kg
Zucchero semolato 500 g
Limoni succo di 1

Preparazione

Confettura di albicocche

Per preparare la confettura di albicocche, partite dalla scelta delle albicocche: scegliete frutti maturi e senza macchie (1): in questo modo eviterete che si formi la schiuma durante la cottura della confettura che di volta in volta è necessario eliminare. Lavate per bene le albicocche e asciugatele su di un canovaccio (2). Poi tagliatele a metà (3).

Confettura di albicocche

Togliete il nocciolo (4) e poi tagliatele a spicchi (5). Mettete le albicocche tagliate in una ciotola capiente aggiungete lo zucchero semolato (6).

Confettura di albicocche

Spremete il succo del limone e filtratelo attraversono un colino a maglie strette (7), aggiungete il succo di limone filtrato alle albicocche (8) e mescolate con cura con un mestolo (9).

Confettura di albicocche

Coprite la ciotola con la pellicola trasparente (10) e lasciate macerare il tutto al fresco per una notte intera (o per almeno 12 ore). Trascorso il tempo di riposo, mettete le albicocche in una pentola (11) e portate ad ebollizione mescolando di tanto in tanto (12). Mentre la confettura cuoce, potete dedicarvi alla sanificazione dei barattoli e dei tappi, come indicato dalle linee guida del Ministero della Salute riportate in fondo alla ricetta. Una volta terminata questa operazione tornate a controllare lo stato di cottura della confettura.

Confettura di albicocche

La frutta inizierà a sfaldarsi (13), durante la cottura potrebbe rendersi necessario schiumare la confettura, soprattutto se la buccia delle albicocche presenta qualche piccola macchia. Dopo 30 minuti la vostra confettura di albicocche dovrebbe essere pronta (14): prelevate un po’ di composto con un cucchiaino e lasciatene cadere una goccia su un piatto che deve restare compatta, questa è la prova che la vostra confettura è pronta (15). Se la goccia scivola via e non risulta compatta, proseguite la cottura per il tempo necessario mescolando frequentemente.

Confettura di albicocche

Una volta pronta, potete invasare la confettura ancora calda nei barattoli che avete sanificato: riempite i vasetti con un mestolo, se preferite potete utilizzare anche un imbuto per confetture (16), avendo cura di lasciare almeno 1 centimetro di spazio dal bordo del barattolo. Avvitate bene i tappi, ma senza stringere troppo (17) e lasciate raffreddare (18). Con il calore della confettura si creerà il sottovuoto, che permetterà di conservare il prodotto a lungo. Una volta che i barattoli si saranno raffreddati verificate se il sottovuoto è avvenuto correttamente: potete premere al centro del tappo e, se non sentirete il classico "click-clack", il sottovuoto sarà avvenuto. In caso contrario potete far bollire i barattoli in un tegame capiente per circa 30 minuti, con il tappo rivolto verso l'alto e coperti con acqua fino a metà barattolo. Dopodiché dovrete farli asciugare e raffreddare, sempre capovolti. In alternativa, basterà mettere i barattoli in microonde per circa un minuto e mezzo. La vostra confettura di albicocche è pronta per essere gustata!

Conservazione

La confettura di albicocche si conserva per circa 3 mesi, purché il sottovuoto sia avvenuto correttamente e i barattoli siano conservati in un luogo fresco e asciutto, al riparo da fonti di luce e calore. Si consiglia di attendere almeno 2-3 settimane prima di consumare la confettura. Una volta aperto ogni barattolo, conservare in frigorifero e consumare nel giro di 3-4 giorni al massimo.

Consiglio

E ora che l’ho fatta, come la uso? Niente panico e provate queste ricette: sachertorte, crostata alla confettura di albicocche, crepes dolci, occhio di bue e biscottini al burro e marmellata... queste sono solo alcune idee, voi scatenate la vostra fantasia!

Per una corretta preparazione delle conserve alimentari

Per una corretta preparazione delle conserve fatte in casa è necessario rispettare le linee guida indicate dal Ministero della Salute, riportate qui: Linee guida per la corretta preparazione delle conserve alimentari in ambito domestico. Si tratta di un elenco di regole di igiene della cucina, della persona e degli strumenti utilizzati, così come indicazioni su una corretta sanificazione dei barattoli, trattamento degli ingredienti, pastorizzazione e conservazione. Prima di preparare una conserva (marmellate, confetture, composte, chutney, sottoli, sottaceti, frutta sciroppata, gelatine di frutta, marinature, pesto) è bene leggere attentamente le indicazioni riportate nel link in modo da non incorrere in rischi per la salute.

Curiosità

L’etimologia della parola "albicocca" no è certa, l’ipotesi più accreditata, però, è che la parola di riferimento sia araba ( al-barqÅ«q ) e che sia stata trasformata poi nel tardo latino “praecox”, nel senso di "precoce". Da essa deriverebbe la parola "percocca", usata per indicare una varietà di pesca e per un ibrido fra pesco e albicocco.

Altre ricette

I commenti (141)

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere.

  • chiara ha scritto: mercoledì 22 giugno 2016

    Posso farla senza zucchero? voglio sentire il gusto delle albicocche vere!

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: mercoledì 22 giugno 2016

    @chiara: Ciao Chiara, nelle confetture lo zucchero è un ingrediente essenziale, perché funge da conservante per la frutta. Se vuoi puoi sostituire lo zucchero con il miele, ma considera che il miele è composto all'80% da zucchero e al 20% da acqua, quindi dovrai aggiungere il 20% in più di miele per compensare l'acqua che evaporerà durante la cottura. Inoltre è bene sapere che il miele in cottura perde molte delle sue proprietà nutritive e, essendo lo zucchero il conservante migliore per queste preparazioni,anche qualora usassi il miele non possiamo garantirti una corretta conservazione della confettura. Un saluto!

  • Donatela ha scritto: martedì 21 giugno 2016

    si può sostituire lo zucchero con altro

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: mercoledì 22 giugno 2016

    @Donatela: Puoi sostituire lo zucchero con il miele ma considera che il miele è composto all'80% da zucchero e al 20% da acqua: quindi dovrai aggiungere il 20% in più di miele per compensare l'acqua che evaporerà durante la cottura. Inoltre è bene sapere che il miele in cottura perde molte delle sue proprietà nutritive e che il conservante migliore per queste preparazioni è lo zucchero, perciò in questo caso non possiamo garantirti una corretta conservazione della confettura. Un saluto!

  • Mirella ha scritto: martedì 21 giugno 2016

    Cieco do me deve andare 1/2 succo di limone se è troppo succoso perché un limone intero potrebbe inasprire la confettura.

  • Giuseppe ha scritto: lunedì 20 giugno 2016

    Ho fatto la marmellata ieri ma dopo la pastorizzazione due vasetti sembra che non abbiano fatto il vuoto e così ho deciso di consumarli subito. Ci possono essere problemi di botulino nonostante sia stata fatta da un giorno? Comunque quando ho aperto i vasetti hanno fatto il classico rumore di vuoto che si apre.

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: martedì 21 giugno 2016

    @Giuseppe: Ciao Giuseppe, puoi far ribollire i barattoli una seconda volta, facendo così: metti i vasetti in un tegame capiente e aggiungi acqua fino a raggiungere la metà dei barattoli. Falli bollire una trentina di minuti, poi toglili e falli asciugare capovolti. Se vuoi accelerare i tempi puoi mettere i barattoli per un minuto e mezzo in microonde. Questo dovrebbe garantirti la formazione del sottovuoto! (In ogni caso ti sconsigliamo di consumare la confettura se non adeguatamente conservata). Un saluto! smiley

  • francesco ha scritto: domenica 19 giugno 2016

    perhè non mettere le dosi ?

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: lunedì 20 giugno 2016

    @francesco: Ciao Francesco, a quali dosi mancanti ti riferisci? Con le quantità indicate nella ricetta ottieni 2 vasetti da 500 gr o 4 da 250 gr. Un saluto!

  • Rosyyy58 ha scritto: sabato 18 giugno 2016

    effettivamente anche a me è venuta un po' aspra, l'ho fatta la seconda volta e ho aumentato lo zucchero ...dipende dal proprio gusto personale, mi è venuta perfetta ..

  • elio ha scritto: sabato 18 giugno 2016

    ho fatto marmellata di albicocche vostra ricetta è venuta acidosa come posso correggerla

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: martedì 21 giugno 2016

    @elio: Ciao Elio, se ti sembra troppo aspra per consumarla sul pane puoi sempre utilizzarla per farcire una dolce crostata! smiley

  • Chiara ha scritto: giovedì 16 giugno 2016

    Semplicemente perfetta e squisita! Questa sera provo a fare quella di fragole seguendo sempre la tua ricetta.... Grazie Sonia!!!

  • Rosyyy58 ha scritto: giovedì 16 giugno 2016

    Graziee..saluti smiley

  • Rosyyy58 ha scritto: giovedì 16 giugno 2016

    ho fatto la marmellata di albicocche 17 giorni fa ..la posso usare già o devo aspettare per forza un mese? il sottovuoto sembra andato a buon fine ..infatti non fa nessun click clack, e la marmellata sembra perfetta ...

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: giovedì 16 giugno 2016

    @Rosyyy58: Ciao, puoi gustarla anche da subito se preferisci smiley un saluto!

10 di 141 commenti visualizzati Mostra altri commenti »

Lascia un Commento

I commenti inviati verranno moderati dalla redazione prima di essere pubblicati.
Per maggiori informazioni CLICCA QUI