Confettura di ciliegie

Marmellate e Conserve
Confettura di ciliegie
128 Aggiungi al tuo ricettario
  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 30 min
  • Cottura: 60 min
  • Nota: + il tempo di macerazione e sanificazione dei barattoli

Presentazione

La confettura di ciliegie è un classico del mondo delle conserve, amata da tutti, grandi e piccini per il suo sapore dolce e il suo piacevolissimo gusto. Come la maggior parte delle confetture, anche la confettura di ciliegie è una ricetta semplice da realizzare e particolarmente adatta alla stagione estiva, durante la quale si possono trovare le ciliegie più buone e succose. Unica complicazione nella preparazione della confettura alle ciliegie è la laboriosa eliminazione di tutti i noccioli ed i piccioli che richiede tempo e pazienza.

Ingredienti
Ciliegie snocciolate 1 kg (circa 1, 3 kg da snocciolare)
Zucchero 300 g
Limoni 1

Preparazione

Confettura di ciliegie

Per preparare la confettura di ciliegie iniziate privando le ciliegie del picciolo. Lavatele bene (1), poi asciugatele e tagliatele a metà, togliendo il nocciolo. Mettetete le ciliegie in una ciotola e aggiungete lo zucchero, la scorza di limone e 3 cucchiai di succo di limone (2). Coprite la ciotola con la pellicola trasparente e lasciate riposare il tutto per almeno 6 ore o per tutta la notte in un luogo fresco e asciutto o in frigorifero. Trascorso questo tempo eliminate le scorze del limone (3).

Confettura di ciliegie

Mettete la frutta in un tegame capiente (4) e cuocete a fuoco moderato per circa un'ora, mescolando di tanto in tanto e togliendo la schiuma che si forma in superficie con una schiumarola (5). Mentre la confettura cuoce, dedicatevi alla sanificazione dei barattoli e dei tappi, come indicato dalle linee guida del Ministero della Salute riportate in fondo alla ricetta. Una volta che avrete svolto questa operazione, tornate alla confettura e controllatene la cottura: sarà pronta quando, versandone una goccia su un piatto inclinato, questa non colerà ma resterà compatta, omogenea e senza sbavature. Passate quindi la confettura con un passaverdure (6). Se però amate la frutta in pezzi potete lasciarla così o passarne circa la metà. A questo punto versate la confettura ancora bollente nei vasetti che avete sanificato, avendo cura di lasciare 1 centimetro di spazio dal bordo del vasetto. Avvitate bene i tappi sanificati ma senza stringere eccessivamente e lasciate raffreddare. Con il calore della confettura si creerà il sottovuoto, che permetterà di conservare il prodotto a lungo. Una volta che i barattoli si saranno raffreddati verificate se il sottovuoto è avvenuto correttamente: potete premere al centro del tappo e, se non sentirete il classico "click-clack", il sottovuoto sarà avvenuto. In caso contrario potete far bollire i barattoli in un tegame capiente per circa 30 minuti, con il tappo rivolto verso l'alto e coperti con acqua fino a metà barattolo. Dopodiché dovrete farli asciugare e raffreddare, sempre capovolti. In alternativa, basterà mettere i barattoli in microonde per circa un minuto e mezzo. La vostra confettura di ciliegie è pronta per essere gustata!

Conservazione

La confettura di ciliegie si conserva per circa 3 mesi, purché il sottovuoto sia avvenuto correttamente e i barattoli siano conservati in un luogo fresco e asciutto, al riparo da fonti di luce e calore. Si consiglia di attendere almeno 2-3 settimane prima di consumare la confettura. Una volta aperto ogni barattolo, conservare in frigorifero e consumare nel giro di 3-4 giorni al massimo.

Consiglio

La quantità di zucchero può essere variata a seconda del tipo di ciliegia usata: se è un po’ aspra potete aggiungere dell’altro zucchero mentre se è molto dolce potete diminuirlo.

Curiosità

Sapevate che secondo uno studio della Michigan State University, una dieta ricca di ciliegie tiene lontano l'infarto e le malattie vascolari? Sembra infatti che questi frutti possiedono proprietà simili all'aspirina.

Per una corretta preparazione delle conserve alimentari

Per una corretta preparazione delle conserve fatte in casa è necessario rispettare le linee guida indicate dal Ministero della Salute, riportate qui: Linee guida per la corretta preparazione delle conserve alimentari in ambito domestico. Si tratta di un elenco di regole di igiene della cucina, della persona e degli strumenti utilizzati, così come indicazioni su una corretta sanificazione dei barattoli, trattamento degli ingredienti, pastorizzazione e conservazione. Prima di preparare una conserva (marmellate, confetture, composte, chutney, sottoli, sottaceti, frutta sciroppata, gelatine di frutta, marinature, pesto) è bene leggere attentamente le indicazioni riportate nel link in modo da non incorrere in rischi per la salute.

Altre ricette

I commenti (128)

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere.

  • alle1008 ha scritto: lunedì 04 luglio 2016

    Ciao ,purtroppo la confettura mi si è caramellata ed è dura come il marmo , per non buttare il tutto posso sciogliere a bagno maria i vasetti ,ributtare in pentola e fare un croccante mettendo nocciole ? oppure avete un altra idea ?

  • cristina ha scritto: venerdì 24 giugno 2016

    Ciao, il sottovuoto nella marmellata va fatto per forza capovolgendo i Barattoli?si è formato uno spazio nel fondo..come si può evitare?

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: lunedì 27 giugno 2016

    @cristina: Ciao Cristina, non è necessario capovolgere i barattoli per creare il sottovuoto: se usi barattoli con tappi a vite abbi l'accortezza di chiuderli bene, ma senza stringerli troppo. Il calore della confettura calda farà uscire l'aria in eccesso permettendo la formazione del sottovuoto. Un saluto!

  • Valentina ha scritto: martedì 21 giugno 2016

    Mi sono appena state regalate delle amarene, tante! E fra tutte le ricette che ho trovato su internet questa mi sembra la migliore quindi la farò sicuramente! Ma posso sostituire le ciliegie come da ricetta con le amarene? Cambia forse la quantità di zucchero? Strano però che anche con il sottovuoto duri solo 3 mesi. Quando avevo fatto quella di albicocche mi è durata un anno! Ciao a tutto lo staff, spesso mi sono affidata a voi per le ricette e mi sono sempre trovata più che bene!

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: martedì 21 giugno 2016

    @Valentina: Ciao Valentina, grazie per i complimenti! Se utilizzi le amarene al posto delle ciliegie potresti voler aumentare un po' la dose di zucchero per ottenere una confettura meno aspra. Puoi prendere spunto dalla ricetta della Confettura di Amarene dal blog A Pinch of Italy. Un saluto! smiley

  • Barbara Ciccarese ha scritto: domenica 19 giugno 2016

    Come è possibile mettere i barattoli nel microonde ,con il coperchio , nel caso in cui non è avvenuto il sottovuoto?non esplodono?

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: lunedì 20 giugno 2016

    @Barbara Ciccarese : Ciao Barbara, non c'è pericolo esplosione purché tu tenga i barattoli in microonde al massimo un minuto e mezzo, giusto il tempo necessario per ricreare il sottovuoto qualora non si sia formato con il calore della confettura calda. Un saluto!

  • antonio ha scritto: sabato 18 giugno 2016

    come solo 3 mesi 'perche' quelli che compriamo durano di piu'

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: lunedì 20 giugno 2016

    @antonio: Ciao Antonio, trattandosi di preparazioni casalinghe e non industriali - dove i barattoli vengono sterilizzati in autoclavi e pastorizzati secondo processi industriali - garantiamo la conservazione per tre mesi. In ogni caso, prima di consumare qualsiasi tipo di confettura e conserva da te preparata, ti invitiamo a controllare attentamente che non si siano formate muffe e che il colore e l'odore del tuo composto risulti "regolare". Un saluto!

  • Agnese ha scritto: domenica 12 giugno 2016

    ciao la mia marmellata è venuta troppo liquida cosa faccio?

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: martedì 14 giugno 2016

    @Agnese: Ciao Agnese, puoi provare ad aggiungere dei cubetti di mela verde alla marmellata e a cuocerla nuovamente!

  • Tiziana ha scritto: giovedì 09 giugno 2016

    Grazie per la ricetta! La vorrei provare ma mi domando: con queste dosi quanti barattoli devo prevedere di utilizzare? ...o quantità di prodotto finito? Grazie ancora!!

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: giovedì 16 giugno 2016

    @Tiziana: Ciao Tiziana, con queste quantità otterrai circa 800 grammi di confettura: ti consigliamo di utilizzare dei vasetti non troppo grandi, da 250 gr, perché una volta aperto ogni vasetto dovrai consumarla entro 2-3 giorni al massimo, conservandola in frigo. Un saluto!

  • Tania ha scritto: giovedì 09 giugno 2016

    A me è venuta molto densa, uffa, dovevo cucinarla meno?

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: giovedì 09 giugno 2016

    @Tania: Ciao Tania, si è probabile! Non dispereare, non appena aprirai il barattolo di confettura sarà sufficiente stemperare con poche gocce di acqua calda per ottenere un risultato più fluido e senza intaccare il sapore smiley un saluto!

  • Giusi ha scritto: mercoledì 08 giugno 2016

    Ciao ,volevo chiederti se con la stessa ricetta al posto delle ciliegie posso sostituire con le amarene . Grazie

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: mercoledì 08 giugno 2016

    @Giusi : Ciao Giusy certamente smiley 

  • irene ha scritto: lunedì 06 giugno 2016

    buongiorno, cosa devo fare se dopp aver meszo a testa in giu' i barattoli di confettura non si forma il sottovuoto??? Butto via tutto???

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: lunedì 06 giugno 2016

    @irene: Ciao Irene, se quando i vasetti sono freddi ti accorgi che il sottovuoto non è avvenuto, allora fai ribollire nuovamente i vasi per almeno 30 minuti; oppure mettili in microonde per circa 1 minuto e mezzo. Fai nuovamente la prova premendo il centro del tappo: se questa volta non senti il “click-clack” allora il sottovuoto è avvenuto. Un saluto! smiley

10 di 128 commenti visualizzati Mostra altri commenti »

Lascia un Commento

I commenti inviati verranno moderati dalla redazione prima di essere pubblicati.
Per maggiori informazioni CLICCA QUI