Confettura di mele cotogne

Marmellate e Conserve
Confettura di mele cotogne
91 Aggiungi al tuo ricettario
  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 20 min
  • Cottura: 90 min
  • Costo: basso

Presentazione

La confettura di mele cotogne è una conserva molto profumata dal sapore leggermente acidulo.
La mela cotogna è diffusa nei Paesi mediterranei e le sue origini sono Mediorientali; è un frutto tipico della stagione autunnale, infatti matura verso ottobre.
Dal momento che la polpa della mela cotogna è particolarmente dura, acida ed astringente, è meglio consumarla cotta,  magari per preparare composte e confetture.
La confettura di mele cotogne può essere utilizzata per preparare dolci, ma in cucina è molto utilizzata anche per accompagnare carni grasse e cotte in umido, pollame e selvaggina.
Si ha notizia infatti che già nel medioevo venisse utilizzata per profumare e insaporire le carni.

Ingredienti
Mele cotogne 1 kg
Zucchero 700 g
Vanillina 1 bustina
Limoni il succo di uno

Preparazione

Confettura di mele cotogne

La prima operazione per preparare la confettura di mele cotogne è pulire bene le mele. Lavatele accuratamente, e senza sbucciarle tagliatele in quattro parti (1), privatele del torsolo e tagliatele in piccoli cubetti (2-3).

Confettura di mele cotogne

Mano a mano che tagliate le mele, immergetele  in una ciotola piena d’acqua insieme a qualche fettina di limone per non farle annerire (4). Quando avrete terminato, toglietele dall’acqua, fatele sgocciolare bene e mettetele in una pentola aggiungendo due bicchieri d’acqua (5). Fate cuocere a fuoco medio finché la frutta non si sarà ammorbidita e spappolata (6).

Confettura di mele cotogne

Trasferite le mele cotogne in un passaverdure per setacciarle (7) e riponete la polpa così ottenuta di nuovo nella pentola: aggiungete lo zucchero, la vanillina (8) e fate cuocere nuovamente a fuoco lento per 40 minuti, mescolando di tanto in tanto con un cucchiaio di legno. Quando il composto sarà liscio e omogeneo aggiungete il succo di limone (9) e fate cuocere ancora 5 minuti. Abbassate il fuoco al minimo e versate la confettura bollente di mele cotogne in vasetti sterilizzati che tapperete e disporrete su un piano a testa in giù affinché si formi il sottovuoto che consentirà alla vostra confettura di mele cotogne di conservarsi a lungo.

Consiglio

Se avete in giardino un albero di mele o pere cotogne raccogliete i frutti quando sono ancora verdi e lasciateli maturare in un ambiente tiepido fino a quando non diventeranno gialli e profumati. Questo è il momento giusto per preparare una gustosa confettura di mele cotogne!

Altre ricette

I commenti (91)

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere.
I commenti verranno aggiornati ogni 15 minuti circa.

  • Gianluca ha scritto: mercoledì 26 novembre 2014

    Ciao. Per questo tipo di confettura ho letto che basta creare il sottovuoto, quindi non è necessaria la sterilizzazione con i barattoli pieni ? Grazie

  • LUCIANO S ha scritto: lunedì 17 novembre 2014

    sono un diabetico ,quale zucchero posso usare x la marmellata di M.C. ?

  • Sonia Peronaci ha scritto: lunedì 17 novembre 2014

    @LUCIANO S:nel tuo caso ti consiglio di rivolgerti direttamente ad uno specialista che possa darti indicazioni precise per le tue esigenze.

  • Mariarosaria ha scritto: martedì 11 novembre 2014

    Come si asciugano le mele cotogne per la cotognata?

  • vin ha scritto: domenica 09 novembre 2014

    @maria:ciao Maria! tu come la prepari la cotognata?

  • Maurizio ha scritto: sabato 01 novembre 2014

    Non so come avete fatto a tagliare le cotogne crude! Sono durissime! Perciò prima vanno sbollentate (anche in pentola a pressione, poca acqua) o al forno (senza acqua), e poi si procede al taglio. Nella confettura si utilizza il fondo di cottura.

  • maria ha scritto: martedì 28 ottobre 2014

    Io faccio la msrmellata di mele cotogne in un altro modo taglio la frutta a spicchi e la metto a cuocere in una pentola coperta di acqua per circa 35 40 minuti poi faccio sgocciolare gli spicci di frutta che non si devono disfare. Raccolgo il succo lo peso e per ogni chilo aggiungo700gr di zucchero e lascio bollire finché non si rapprende.riempio i vasi e poi li metto a testa in giù. La polpa invece passata al setaccio la utilizzo per fare la cotognata

  • giovanni edo ha scritto: martedì 14 ottobre 2014

    ho seguito le istruzioni è veramente una bontà......saluti a tutti

  • nunzianunzia ha scritto: domenica 12 ottobre 2014

    sto preparando la marmellata come dite pero' nelle note non vedo la fruttapec

  • Chiara ha scritto: domenica 12 ottobre 2014

    Ciao ho appena preparato la marmellata, e buona ma lega leggermente da cosa può dipendere? Grazie dell aiuto

  • mary ha scritto: lunedì 06 ottobre 2014

    posso usare lo zucchero di canna al posto di quello semolato

  • Sonia Peronaci ha scritto: martedì 07 ottobre 2014

    @mary:Ciao, si certo!

10 di 91 commenti visualizzati Mostra altri commenti »

Lascia un Commento