Confettura di mele cotogne

Marmellate e Conserve
Confettura di mele cotogne
140 Aggiungi al tuo ricettario
  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 20 min
  • Cottura: 40 min
  • Costo: basso
  • Nota: + il tempo della sanificazione dei barattoli

Presentazione

Le mele cotogne: un frutto particolare e delizioso che offre l’inverno! Questo frutto originario del Medio Oriente ha un sapore gradevolmente acidulo e astringente che diventa una vera prelibatezza della stagione fredda se trasformato in una profumata confettura! La confettura di mele cotogne può essere utilizzata per preparare dolci, ma noi vogliamo suggerirvi un’idea alternativa: come accompagnamento di secondi piatti di carne! Pare infatti che già nel Medioevo questa confettura venisse usata per profumare e insaporire le carni, specialmente quelle grasse, di pollame e selvaggina. Allora cosa aspettate? Cominciate anche voi a racchiudere il profumo di questo frutto invernale in piccoli barattolini per averlo sempre con voi e portare un tocco di originalità a tavola!

Ingredienti per 500 g di confettura
Mele cotogne 1 kg
Zucchero 600 g
Limoni non trattati 2

Preparazione

Confettura di mele cotogne

Per preparare la confettura di mele cotogne iniziate dalla sanificazione dei vasetti in cui conservarla Come indicato nelle linee guida stilate dal Ministero della Salute e riportate in fondo alla ricetta.  Dopo averli sciacquati accuratamente sotto un getto di abbondante acqua corrente (1), disponete i barattolini di vetro in un tegame ampio e dai bordi alti avendo cura di disporre un panno pulito tra di essi in modo tale che in cottura i vasetti non urtino tra loro durante l’ebollizione. Riempite il tegame con acqua fino a ricoprire totalmente i vasetti. Portate l’acqua a ebollizione: a quel punto abbassate la fiamma e lasciate bollire per 20 minuti. Poi inserite anche i tappi dei vasetti per sterilizzarli e lasciate bollire ancora per 10 minuti. Infine spegnete il fuoco e lasciate intiepidire l’acqua. Quando sarà a temperatura ambiente estraete i vasetti dal tegame e lasciateli scolare l’acqua capovolti sopra ad un panno asciutto e pulito in modo che possano asciugarsi completamente (3).

Confettura di mele cotogne

Poi dedicatevi alla preparazione della confettura. Prendete il limoni non trattati e grattugiatene la buccia (4) che terrete da parte. Poi spremete i limoni per ottenerne il succo (5). Lavate ed asciugate accuratamente le mele. Privatele del picciolo e tagliatele poi in quarti (6). Non è necessario sbucciarle.

Confettura di mele cotogne

Privatele del torsolo e ricavate dei cubettini di circa eguale dimensione per favorire una cottura uniforme (7) che riporrete mano a mano che le tagliate in una ciotola con acqua acidulata (potete utilizzare anche i limoni che avete spremuto) per evitare che annerisca (8). Una volta terminate la preparazione delle mele scolatele aiutandovi con una schiumarola per far sgocciolare l’acqua in eccesso e versatele in un tegame dai bordi alti (9).

Confettura di mele cotogne

Unite lo zucchero (10) e fate cuocere a fuoco medio fino a che la frutta non sarà ammorbidita. Continuate a mescolare per favorire una cottura uniforme. Quando il composto avrà quasi raggiunto la temperatura di 108°C (ci vorranno circa 30 minuti) (11), da misurare con un termometro da cucina, unite il succo di limone (12).

Confettura di mele cotogne

Versate anche le scorze grattugiate del limone (13) e mescolate bene per aromatizzare la vostra confettura. Quindi spegnete il fuoco e prelevate dal tegame circa 3/4 della confettura: passatela con il passaverdura (14) per renderla più cremosa e omogenea. Unitela di nuovo nel tegame con i tocchetti interi di mele cotogne (15).

Confettura di mele cotogne

A questo punto trasferite la confettura ancora calda direttamente nei vasetti che avete precedentemente sanificato. Se preferite aiutatevi con l'apposito imbuto per le confetture (16). Abbiate cura di lasciare 1 centimetro dal bordo, quindi avvitate bene il tappo su ogni vasetto (17), senza stringere troppo e lasciate raffreddare (18). Con il calore della confettura si creerà il sottovuoto, che permetterà di conservare il prodotto a lungo. Una volta che i barattoli si saranno raffreddati verificate se il sottovuoto è avvenuto correttamente: potete premere al centro del tappo e, se non sentirete il classico "click-clack", il sottovuoto sarà avvenuto. In caso contrario potete far bollire i barattoli in un tegame capiente per circa 30 minuti, con il tappo rivolto verso l'alto e coperti con acqua fino a metà barattolo. Dopodiché dovrete farli asciugare e raffreddare, sempre capovolti. In alternativa, basterà mettere i barattoli in microonde per circa un minuto e mezzo. All’occorrenza gustate poi la vostra confettura di mele cotogne su una fetta di pane oppure in deliziose preparazioni!

Conservazione

La confettura di mele cotogne si conserva per circa 3 mesi, purché il sottovuoto sia avvenuto correttamente e i barattoli siano conservati in un luogo fresco e asciutto, al riparo da fonti di luce e calore. Si consiglia di attendere almeno 2-3 settimane prima di consumare la confettura. Una volta aperto ogni barattolo, conservare in frigorifero e consumare nel giro di 3-4 giorni al massimo. Vi suggeriamo di etichettare sempre i barattolini di confettura in modo tale da ricordare la data di produzione.

Consiglio

Il segreto per una confettura con questo frutto irresistibile? Le mele dovranno essere molto mature. Per gli amanti dei sapori intensi perché non provare ad aromatizzarla con delle spezie come ad esempio la cannella? Sarà un capolavoro!

Per una corretta preparazione delle conserve fatte in casa

Per una corretta preparazione delle conserve fatte in casa rimandiamo alle linee guida del Ministero della Salute. Si tratta di un elenco di regole di igiene della cucina, della persona, degli strumenti utilizzati e sul trattamento degli ingredienti, pastorizzazione e conservazione, in modo da non incorrere in rischi per la salute.

Altre ricette

I commenti (140)

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere.

  • gabriela ha scritto: martedì 17 novembre 2015

    la marmellata di mele cotogne e' BUONISSIMA....a tutti coloro che hanno ottenuto una consistenza troppo solida, consiglio di aumentare l'acqua di cottura! problema risolto... Buona marmellata a tutti!!!

  • massimo ha scritto: giovedì 12 novembre 2015

    io faccio la cotognata da anni. la marmellata non l,ho mai fatta.ci provero, dal momento che ho due piante di mele cotogne meravigliose

  • Giuseppina ha scritto: giovedì 12 novembre 2015

    L' ho appena fatta anch'io ho aggiunto pure la cannella ma a me non è venuta dura, speriamo sia buona è la prima volta che la faccio.

  • piera ha scritto: sabato 07 novembre 2015

    Perchè viene dura io vorrei che fosse più morbida per poterla spalmare su delle fette di pane

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: venerdì 27 novembre 2015

    @piera: Ciao Piera! Forse l'hai cotta troppo! Ad ogni modo abbiamo rivisto e corretto la ricetta per raccogliere i suggerimenti degli utenti smiley prova la nuova versione smiley

  • anna ha scritto: giovedì 05 novembre 2015

    ho appena finiito di fare questa ottima marmellata di mele e pere cotogne.e venuta benissimo,grazie e complimenti

  • Provenzale ha scritto: giovedì 05 novembre 2015

    Ricetta facile gusto ottimo

  • nunzia ha scritto: giovedì 05 novembre 2015

    Ho fatto la marmellata di mele cotogne, buonissima ma troppo dura. come posso fare per renderla più morbida? Grazie...

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: venerdì 27 novembre 2015

    @nunzia: Ciao Nunzia, forse dipende dalla cottura troppo prolungata... abbiamo rivisto e corretto la ricetta per raccogliere i suggerimenti degli utenti smiley prova la nuova versione: sarà sublime smiley

  • Antonia Nencetti ha scritto: mercoledì 04 novembre 2015

    È' la prima volta che faccio la marmellata di mele cotogne, con questa ricetta Mi è' venuta buonissima grazie.

  • MARISA ROMA ha scritto: mercoledì 04 novembre 2015

    Ho il ricordo di mia madre che in questo periodo faceva la confettura di melecotogne. Ho il desiderio di provare ma ricordo che mia madre bolliva le melecotogne intere e poi tutto il procedimento uguale solo che lei la cuoceva forse un po' di più perché faceva tutti pezzetti come piccoli parallelepipedi, che dava a noi figli come merenda . Grazie.

  • sara ha scritto: mercoledì 04 novembre 2015

    La mia confettura ha un colore arancione. Ho usato lo zucchero di canna però. Immagino sia per quello . Giusto? Grazie mille.

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: venerdì 27 novembre 2015

    @sara: Ciao Sara! Potrebbe essere quella la motivazione ma un colore lievemente aranciato è del tutto normale! Guarda la nostra nuova fotoricetta e... anche a noi è vneuta così smiley

10 di 140 commenti visualizzati Mostra altri commenti »

Lascia un Commento

I commenti inviati verranno moderati dalla redazione prima di essere pubblicati.
Per maggiori informazioni CLICCA QUI