Cotechino con lenticchie

Piatti Unici
Cotechino con lenticchie
67 Aggiungi al tuo ricettario
  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 5 min
  • Cottura: 60 min
  • Dosi per: 4 persone
  • Costo: basso

Presentazione

Cotechino con lenticchie

Il cotechino con le lenticchie è un piatto tipico del menu delle feste natalizie ed in particolar modo della notte di capodanno perché la tradizione vuole che mangiare un pezzetto di cotechino prima della mezzanotte, sia di buon augurio per l’anno nuovo.

Tanto per chiarire le idee iniziamo col dire che il cotechino è una cosa completamente diversa dallo zampone: infatti, nonostante sia un insaccato di maiale identico allo zampone per il contenuto, il cotechino è insaccato nelle budella del maiale mentre lo zampone, come dice la parola stessa, nella zampa.

Per quanto riguarda le origini, possiamo dire che il cotechino nasce come piatto povero che mangiavano i contadini abitualmente con le zuppe di legumi ed il minestrone.
Prodotto tipico dell’Emiliana Modena, il cotechino era anticamente preparato solo ed esclusivamente dai “lardaroli" ed i "salsicciari”, gli ex “beccai”, che si riunirono in corporazione autonoma solo a partire dal 1547.
In realtà, però, la prima citazione riguardo al cotechino viene fatta solo duecento anni dopo, nel 1745, in un calmiere e la prima ricetta appare l’anno dopo.
L’importanza che ha assunto il cotechino ai giorni nostri, la si deve però al grande padre della cucina italiana Pellegrino Artusi che, nella sua immensa opera, “La scienza in cucina e l’arte di mangiar bene”, parla del famoso “cotechino fasciato”.

Ingredienti
Carne di suino cotechino 1
Cipolle 1
Sedano 2 costole
Burro 30 g
Olio d'oliva 4 cucchiai
Lenticchie 300 g

Preparazione

Cotechino con lenticchie

La prima cosa da fare è mettere il cotechino a cuocere il una pentola piena d’acqua, seguite le istruzioni riportate sulla confezione se utilizzate un cotechino precotto.
Per quanto riguarda le lenticchie, è sempre consigliabile lasciarle in ammollo per un paio di ore in una ciotola di acqua, cambiandola un paio di volte, in modo che risultino morbide.
Tritate finemente in un mixer (1) il sedano, la cipolla; ponete il trito ottenuto in una pentola antiaderente con l'olio e il burro (2) e fate imbiondire qualche minuto. Regaolate di sale e pepe a piacere
Aggiungete le lenticchie (3) e fate cuocere a fiamma viva un paio di minuti;

Cotechino con lenticchie

aggiungete il brodo un poco alla volta (4-5) e coprite con un coperchio; fate cuocere a fuoco medio fino a che le lenticchie saranno tenere ma non sfatte, circa 40 minuti; aggiungete altro brodo un poco per volta se dovessero asciugare troppo, dovranno risultare morbide ma senza liquido di cottura (6)

Cotechino con lenticchie

Una volta che anche il cotechino sarà pronto, prelevatelo dalla confezione del sottovuoto (7) e tagliatelo a fette spesse circa 1cm (8).
Prelevate le lenticchie cotte e disponetele su un piatto da portata, adagiate sulle lenticchie le fette di cotechino e servite il vostro cotechino con le lenticchie ben caldo. (9)

Curiosità

Il vero cotechino, quello originale davvero è modenese ma, si sa che in tutta Italia è un piatto molto consumato ed apprezzato: per questo motivo in molti paesi d’Italia si sono inventati un loro cotechino.
A Cremona, per esempio, si usa profumare con vaniglia, nelle Marche con pepe garofanato e cannella.

Il consiglio di Sonia

Il cotechino è un oggetto delicato: assolutamente bisogna evitare di prolungare la cottura oltre il dovuto, altrimenti rischia di diventare duro e scuro, quindi immangiabile. Se volete viziarvi, servitelo con una densa e voluttuosa purea di patate, come è tradizione a Modena: sarà indimenticabile!

Altre ricette

I commenti (67)

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere.
I commenti verranno aggiornati ogni 15 minuti circa.

  • Mariateresa ha scritto: giovedì 29 maggio 2014

    ciao...con cosa posso sostituire il brodo x le lenticchie?

  • Elisa ha scritto: giovedì 03 aprile 2014

    ciao, mi dite se è possibile cucinare il cotechino anche in pentola a pressione? I tempi di cottura? grazie e ciao

  • cesca ha scritto: mercoledì 26 febbraio 2014

    sono tradizionalista al massimo e cucino il cotechino a bagnomaria in una graticola posata sul bordo della pentola delle lenticchie e cotti insieme.

  • Sonia Peronaci ha scritto: martedì 28 gennaio 2014

    @Cristiana: Ciao, il cotechino si può conservare in frigorifero in un contenitore ermetico e poi scaldare leggermente al forno o in padella.

  • Sonia Peronaci ha scritto: giovedì 09 gennaio 2014

    @Sara : Ciao, lo vedi aggiunto nei passaggi 4-5.

  • lucia ha scritto: venerdì 03 gennaio 2014

    Ho il cotechino fresco. Come lo cucino? Ciao. Lucia

  • Roberto ha scritto: martedì 31 dicembre 2013

    LENTICCHIE SPETTACOLO E ANCHE IL COTECHINO (NONOSTANTE PRECOTTO). CONTENTO IOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO

  • Roberto ha scritto: martedì 31 dicembre 2013

    ciao a tutti e buon anno sto cucinando le lenticchie ( 500 gr. ) con le seguenti modifiche innanzitutto sono grandi quindi le faro' andare un'oretta .... Ho aggiunto un po' di passata di pomodoro e l'alloro Il soffritto lo ho preso all'esselunga e (considerato il mezzo chilo di lenticchie), ne uso due pacchetti da 150 gr. I 30 gr di burro sono diventati un po' di più ( lo so ho esagerato, circa 80 gr ) i cucchiai di olio di oliva (non avevo l'extravergine) sono diventati sei .... Ora sono sul fuoco .... Vi aggiorno più tardi .... PS il sale la signora dice di metterlo a metà cottura cosa che farò ma nonostante lo indichi negli ingredienti, nel video non si parla della aggiunta del pepe ... A dopo Roberto

  • GERARDO ha scritto: martedì 31 dicembre 2013

    Gerardo io ho seguito il consiglio non avendo il burro , ho messo solo olio extravergine di oliva ho adoperato il sedano e una cipolla rossa dopo mentre la frittura è arrivata à cottura l'o frullato con il mix ,ci ho aggiunto un'o spunti di tonno , complimento a Sonia ho pienato il piatto due volte sono molto contento e sodisfatto GRAZIE

  • Sara ha scritto: martedì 31 dicembre 2013

    Ma quale brodo? Non se ne parla prima..

10 di 67 commenti visualizzati Mostra altri commenti »

Lascia un Commento