Cozze alla marinara

Antipasti
Cozze alla marinara
33 Aggiungi al tuo ricettario
  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 15 min
  • Cottura: 10 min
  • Dosi per: 4 persone
  • Costo: basso

Presentazione

Le cozze alla marinara sono un piatto di pesce caratterizzato da un aroma intenso dato dal vino bianco che rende questa pietanza molto gustosa.
Ottime come antipasto, da accompagnare con delle croccanti fette di pane tostato, o come primo piatto, da aggiungere al sugo e servire con gli spaghetti.
La preparazione delle cozze alla marinara è semplice, sono sufficienti pochi ingredienti ma freschi e di qualità per realizzare una ricetta classica e molto apprezzata da tutti gli amanti del pesce.

Ingredienti
Cozze 1,5 kg
Aglio 2 spicchi
Prezzemolo tritato 2 cucchiai
Vino bianco 50 ml
Olio di oliva extravergine 5 cucchiai

Preparazione

Cozze alla marinara

Per preparare le cozze alla marinara iniziate pulendo per bene le cozze. Eliminate la barbetta che fuoriesce (1), raschiate il guscio (2),e lavatele bene sotto l’acqua corrente per eliminare tutte le impurità (3). Potete visionare ulteriori dettagli sulla scheda riservata alla pulizia delle cozze cliccando qui (Pulizia delle cozze).

Cozze alla marinara

In una padella antiaderente mettete cinque cucchiai d’olio (4) e due spicchi di aglio schiacciati (o interi se desiderate poi toglierli) (5) e rosolate leggermente. Unite poi le cozze (6),

Cozze alla marinara

quando inizieranno a dischiudersi sfumate con il vino bianco (7) e unite due cucchiai di prezzemolo tritato (8). Infine coprite il tutto con un coperchio e lasciate dischiudere tutte le cozze. Quando le cozze saranno tutte aperte, lasciatele sul fuoco ancora per qualche minuto affinché il sugo si insaporisca ulteriormente e una volta pronte, servite le cozze alla marinara  immediatamente (9).

Conservazione

Le cozze alla marinara vanno mangiate immediatamente, non è possibile congelarle.

Altre ricette

I commenti (33)

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere.
I commenti verranno aggiornati ogni 15 minuti circa.

  • Lucacat ha scritto: sabato 16 agosto 2014

    Questo genere di molluschi per sicurezza andrebbe bollito al fine di eliminare qualsiasi rischio riguardo la presenza, non escludibile, del virus epatite. La bollitura, minimo 20 minuti, permette di eliminare completamente il rischio. Modificate la ricetta.

  • marianna ha scritto: martedì 10 giugno 2014

    @elisa: Si,certo

  • caterina ha scritto: sabato 05 aprile 2014

    e se non posso usare il vino o alcolici!? cosa mi rimane?

  • Fabio ha scritto: lunedì 31 marzo 2014

    si ma non per il giorno dopo!

  • Sonia Peronaci ha scritto: giovedì 30 gennaio 2014

    @elisa: certo smiley

  • elisa ha scritto: giovedì 30 gennaio 2014

    Scusate l'ignoranza...le cozze le posso lavare e pulire a mezzogiorno per poi cucinarle la sera stessa ??? Grazie

  • ila ha scritto: venerdì 20 settembre 2013

    Buonissime!!! Grazie

  • Francesca ha scritto: martedì 27 agosto 2013

    ottima ricetta. veramente buone ho mangiato insieme. a mio marito 158 molluschi grazie

  • Romano ha scritto: venerdì 09 agosto 2013

    Ciao, ti credo e non metto in dubbio quello che dici, perchè il sughetto ristretto sarà certamente allettante! Sole ti chiedo di fare una prova: prova a cucinare una manciatina di cozze pulite, tante quante riescono a coprire il fondo di una capace padella; con due cucchiai di olio, uno spicchio di aglio schiacciato ed un rametto di prezzemolo; la cottura non deve superare i cinque minuti PERCHE' I FRUTTI DEBBONO ASSOLUTAMENTE RESTARE MORBIDI! Come dici tu di far restringere e ridurre il sugheto, le cozze (i suoi frutti) rinsecchiscono e mangiandoli.....e come masticare qualcosa di coriaceo. SCUSAMI NON VOGLIO INSEGNARTI NULLA, PER' PROVA SPERIMENTA LE DUE MODALITà DI COTTURA. Mandi, mandi (che vuol dire ciao) Romano

  • maghetta ha scritto: venerdì 09 agosto 2013

    Io sono toscana per cui le cucino come Sonia, ma i miei suoceri sono liguri e le cucinavano cosi': fare un trito di 1/2 cipolla e una buona manciata di prezzemolo, mettere il tutto in una padella ampia, quando la cipolla e' diventata trasparente aggiungere le cozze e coprire la padella fino a quando le cozze non si saranno tutte aperte. Dopodiche' continuando a girarle, per far si che il liquido prodotto dal disciudersi delle cozze stesse si ritiri velocemente, spremerci del limone (la quantita' e' soggettiva) e per ultimo, ma non meno importante una generosa spolverata di pepe. Il piatto e' pronto quando il fondo di cottura e' molto ridotto. Gustateli belli caldi

10 di 33 commenti visualizzati Mostra altri commenti »

Lascia un Commento