Crema inglese

Dolci e Desserts
Crema inglese
64 Aggiungi al tuo ricettario
  • Difficoltà: media
  • Preparazione: 10 min
  • Cottura: 15 min
  • Dosi per: 8 persone
  • Costo: basso

Presentazione

La crema inglese è un classico dessert al cucchiaio dal gusto delicato e dalla consistenza vellutata; a differenza della crema pasticcera, la crema inglese non contiene farina; risulta quindi più fluida ed è un ottima salsa da servire (anche calda) in coppa, accompagnata ad esempio dalle lingue di gatto, che potrete preparare con gli albumi delle uova utilizzate nella ricetta. La crema inglese è ideale anche da gustare insieme ai savoiardi o altri biscotti secchi (quelli alle mandorle o nocciole per esempio). E per i più golosi, questa crema si presta per accompagnare anche dolci a pasta lievitata come plumcake, pan di spagna, colombe e panettoni!

Ingredienti
Latte fresco 1 lt
Limoni la scorza di 1 non trattato
Zucchero semolato 250 gr
Uova tuorli 250 gr (circa 12)
Vaniglia 1 bacca o 1 bustina di vanillina
Sale fino 2 gr

Preparazione

Crema inglese

Per preparare la crema inglese iniziate a prelevare la scorza di un limone non trattato (evitando la parte bianca) (1) e incidete la bacca di vaniglia per il senso della lunghezza (2) per estrarne i semini. Poi, in una casseruola versate il latte (3).

Crema inglese

Aggiungete i semi (4) e la bacca di vaniglia (5) al latte ed infine unite anche la scorza del limone non trattato (6).

Crema inglese

Mescolate (7) e portate il latte a sfiorare il bollore a fuoco dolce, poi spegnete. Ora dividete i tuorli dagli albumi (8) e versateli in una ciotola capiente (9);

Crema inglese

Sbatteteli con la frusta (10), poi aggiungete lo zucchero a pioggia continuando a mescolare (11) e il pizzico di sale (12). Lavorateli per qualche minuto, fino ad ottenere un composto omogeneo

Crema inglese

A questo punto versate sulle uova sbattute con lo zucchero il latte, filtrandolo con un colino a maglie strette (13). Mescolate con una spatola (14) e ponete la crema a cuocere a bagno maria a fuoco basso, sempre mescolando (15); la temperatura della crema non deve mai superare gli 85°. Per sapere quando la crema inglese sarà pronta, basterà immergervi un cucchiaino: se estraendolo velerà il suo dorso, avrete raggiunto il vostro scopo.

Crema inglese

Quando la crema si sarà addensata, filtratela in una ciotola (16) e ponete la ciotola in un'altra più capiente e piena di ghiaccio (17): in questo modo rafferdderete immediatamente la crema senza che la consistenza ne risenta. Mescolate poi togliete dal ghiaccio e coprite la crema con pellicola a contatto (18). Lasciate riposare la crema a temperatura ambiente e poi una volta fredda completamente usate la crema inglese come dessert al cucchiaio o per accompagnare plumcake, ciambelle o torte di mele! Con gli albumi avanzati potete realizzare delle lingue di gatto!

Se la crema impazzisce

Se la vostra crema inglese impazzisce formando degli antiestetici grumi, provate a recuperarla travasandola immediatamente in un’altra pentola fredda; aggiungete alla crema impazzita un cucchiaio di acqua fredda, mescolate il composto e poi colatelo attraverso un colino a maglie fitte per trattenere eventuali grumi. Aggiungete un paio di cucchiaini di fecola (o farina) setacciata alla crema inglese e, mescolando, mettete di nuovo il tutto sul fuoco bassissimo (non fate mai bollire!) lasciando addensare.

Conservazione

Conservate la crema inglese in frigorifero coperta con pellicola a contatto per 1-2 giorni al massimo.
Si sconsiglia la congelazione perchè la crema, una volta scongelata, potrebbe perdere la sua consistenza ottimale.

Il consiglio di Sonia

Esiste una variante alla classica ricetta della crema inglese che velocizzerà e renderà più semplice la sua preparazione: la variante consiste nell’aggiungere 20 gr di fecola di patate (o farina) stemperata in poco latte freddo da aggiungerete al composto di uova e zucchero. Con questo accorgimento, la crema inglese si addenserà prima evitandovi lunghe attese e maggiore attenzione .

Altre ricette

I commenti (64)

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere.
I commenti verranno aggiornati ogni 15 minuti circa.

  • tinas ha scritto: venerdì 31 luglio 2015

    Grazie Sonia, adoro tutte le creme e proverò anche altre ricette!

  • tinas ha scritto: mercoledì 29 luglio 2015

    Il sapore è ottimo, ma la consistenza è fluida, direi liquida, in cosa ho sbagliato? Purtroppo non avendo il termometro ho fatto ad occhio...

  • Sonia Peronaci ha scritto: venerdì 31 luglio 2015

    @tinas: ciao tinas la crema inglese ha una consistenza molto fluida, quasi come una salsa, se vuoi otternere un risultato più denso prova a realizzare questa crema pasticcera

  • Sandro ha scritto: giovedì 09 aprile 2015

    Salve Sonia vorrei un tuo commento o replica su quello che ha scritto il sig Giacomo. Grazie

  • Sonia Peronaci ha scritto: giovedì 09 aprile 2015

    @Sandro: ciao Sandro per quanto riguarda la quantità di crema/panna ognuno realizza la sua versione. La differenza della crema inglese rispetto alla crema pasticcera è il fatto di non contenere amidi e di non essere portata a temperatura elevate. Per quanto riguarda la temperatura noi diciamo di non superare mai gli 85°, quindi fermarsi ad 83 gradi andrà bene smiley 

  • Giacomo ha scritto: mercoledì 11 febbraio 2015

    Diciamo però che questa è una via di mezzo tra pasticcera e inglese. Nella C. Inglese c'è da un min di 100Panna/900Latte molto liquida, fino a 700Panna/300Latte solida. No Limone! 250gr di zucchero è una follia. 150 sono più che sufficienti. Vi consiglio di arrivare poi ad 83° e non a 85°. Il tempo in cui 1L di latte passa da 83 e 85° è circa 4secondi, anche a fuoco spento. Quindi perché correre e rischiare?

  • Caterina ha scritto: domenica 25 gennaio 2015

    se diminuisco i tuorli devo diminuire di quanto il resto degli ingredienti?

  • Sonia Peronaci ha scritto: giovedì 12 febbraio 2015

    @Caterina:Ciao Caterina! esatto!

  • Sara ha scritto: mercoledì 10 settembre 2014

    Potrei aggiungere del liquore? Se sì, lo dovrei aggiungere a fine cottura a fuoco spento o durante la cottura? Grazie mille!

  • Sonia Peronaci ha scritto: mercoledì 10 settembre 2014

    @Sara:Ciao si puoi versare un cucchiaino di liquore a piacere tra cognac o rum se preferisci prima di spegnere il fuoco.

  • Sonia Peronaci ha scritto: giovedì 24 luglio 2014

    @Eritrea,Somalia ed Etiopia: Ciao! certo! potresti anche aggiungere della frutta a tuo piacimento smiley

  • Eritrea,Somalia ed Etiopia ha scritto: mercoledì 23 luglio 2014

    Questa crema sarebbe ideale per un dolce al cucchiaio mischiato a della panna montata?

  • Massimiliano ha scritto: venerdì 30 maggio 2014

    anche a me è venuta liquidissima cosa cambia se aggiungo un po di panna fresca?

  • maddy22 ha scritto: sabato 03 maggio 2014

    ho provato la ricetta. .. quando era sul fuoco a bagno maria sembrava avere una consistenza perfetta, densa e spumosa. poi lasciandola raffreddare è diventata liquidissima... che fare?

10 di 64 commenti visualizzati Mostra altri commenti »

Lascia un Commento