Crema pasticcera

Dolci e Desserts
Crema pasticcera
911 Aggiungi al tuo ricettario
  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 15 min
  • Cottura: 10 min
  • Dosi per: 4 persone
  • Costo: basso

Presentazione

Crema pasticcera

La crema pasticcera è tra le creme più usate in pasticceria per farcire crostate, bignè, dolci di pasta sfoglia (come cannoncini, vol-au-vent, dolci millefoglie), ma anche il più classico Pan di Spagna. La crema pasticcera viene usata anche per preparare semifreddi, budini e moltissimi dolci al cucchiaio. E' una preparazione molto versatile: basterà modificare appena le dosi di alcuni ingredienti per ottenere consistenze diverse  e appropriate all'uso che ne farete! Se volete omettere la panna fresca ad esempio, che dona un gusto più corposo e rotondo, basterà sostituirla con la stessa dose di latte. Invece della bacca di vaniglia, potete aromatizzare la crema con scorza d'arancia o limone non trattati.
Per addensarla maggiormente, poi, sarà sufficiente utilizzare più amido di mais o diminuire la dose nel caso vorreste gustarla al cucchiaio. Se invece dovrete farcire basi da cuocere poi in forno, sostituite l'amido di mais o di riso con la fecola di patate che renderà la crema più collosa. Seguite il procedimento passo passo e scoprite tutti gli accorgimenti per preparare una golosissima crema pasticcera!

Ingredienti per circa 1 kg di crema pasticcera
Uova 6 tuorli
Amido di mais o di riso 45 gr
Vaniglia 1 bacca
Zucchero 140 g
Latte fresco 400 ml
Panna fresca liquida 100 ml

Preparazione

Crema pasticcera

Per preparare la crema pasticcera ponete sul fuoco una casseruola capiente con il latte (1) e la panna (potete omettere la panna ed usare al suo posto 100 ml di latte fresco); quindi prendete la bacca di vaniglia, incidetela con un coltellino ed estraetene i semi raschiandola (2). Aggiungete i semi ed il baccello di vaniglia al latte e panna (3) (potete aromatizzare in alternativa anche con la scorza di 1 di arancia o di limone). Accendete il fuoco dolce e quando il composto avrà sfiorato il bollore, spegnete il fuoco e lasciate la vaniglia in infusione per almeno 5 minuti.

Crema pasticcera

Intanto proseguite la preparazione separando gli albumi dai tuorli; raccogliete questi ultimi un una ciotola capiente e aggiungete lo zucchero (con gli albumi avanzati potete preparare una deliziosa Angel Cake, delle meringhe oppure le lingue di gatto). Sbattete i tuorli e lo zucchero con uno sbattitore elettrico oppure una frusta a mano per ottenere una crema omogenea. Quando saranno bianchi e spumosi, unite l'amido di mais setacciato (6) o di riso e amalgamatelo al resto del composto; in base alla consistenza che volete dare alla crema, potete aggiungere solo 40 gr di amido di mais per una crema più molle ideale per i dolci al cucchiaio, oppure 50 gr per una consistenza più densa.

Crema pasticcera

Togliete la bacca di vaniglia dal latte e panna scaldati (7) e unite il composto con le uova (8). Accendete nuovamente il fuoco dolce e mescolate con una frusta continuamente per addensare il composto (9).

Crema pasticcera

Quando la crema sarà ben densa, spegnete il fuoco e versatela in una terrina bassa e ampia (10); copritela immediatamente con pellicola trasparente a contatto (11) in modo che non si crei la fastidiosa crosticina; quindi fatela raffreddare prima a temperatura ambiente e poi in frigorifero. La vostra crema pasticcera è pronta per essere utilizzata nelle varie preparazioni (12): per farcire il Pan di Spagna, dolci di pasta sfoglia, oppure per essere gustata al cucchiaio.

Conservazione

Potete conservare la crema pasticcera in frigorifero per 2-3 giorni al massimo, coperta da pellicola.
Si può congelare per un mese.

Curiosità

In pasticceria si usa solitamente preparare la crema pasticcera con l'amido di riso, che rende il composto più cremoso e permette di conservare meglio la crema nella fase di congelamento. Mentre è sempre sconsigliabile utilizzare la farina perchè rende la crema opaca.

Il consiglio di Sonia

Se non trovate il baccello di vaniglia, potete sostituirlo con qualche goccia di essenza di vaniglia. Il baccello, però, oltre a conferire alla crema un sapore più genuino, ha un uso ulteriore: una volta svuotato dei semi, se lasciato per una settimana nel barattolo dello zucchero vi regalerà dell'ottimo zucchero vanigliato. Una gustosa variante: una volta che il composto si sarà addensato, toglietelo dal fuoco e aggiungete 100-150 g (a seconda dei gusti) di cioccolato fondente finemente tritato. Mescolando finché non si sarà sciolto otterrete la crema pasticcera al cioccolato, ottima anche come dessert al cucchiaio.

Altre ricette

I commenti (911)

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere.
I commenti verranno aggiornati ogni 15 minuti circa.

  • Miriam ha scritto: venerdì 27 febbraio 2015

    Ciao Sonia io ho avuto lo stesso problema di Marialucia! Ho realizzato la crema usando 500 ml di latte, 4 tuorli e invece dell' amido di mais la fecola di patate. Alla cottura la crema era perfettamente soda poi raffreddandosi è diventata liquida tanto che é stato impossibile farcire la mia torta... L' ho fatta per ben due volte ma il risultato non cambiava! La terza volta ho usato la farina 00 e la crema è venuta perfetta. Secondo te cosa può essere successo? Forse la fecola non è adatta per fare la crema? Spero mi risponderai presto..

  • Marialucia ha scritto: lunedì 23 febbraio 2015

    Ho fatto la crema pasticcerà x farcire dei bignè usando fecola di patate, man mano che si raffreddava perdeva la sua cremosita ed è diventata liquida come una salsa,cosa e' successo?(e'la seconda volta che capito) grazie mille buongiorno

  • Giada ha scritto: sabato 21 febbraio 2015

    Ciao!!!Ho poco tempo e devo farcire il pan di spagna... la crema è ancora tiepida, ma se farcisco la torta e poi metto tutto in frigo va bene lo stesso? Grazie anticipatamente

  • simona ha scritto: sabato 21 febbraio 2015

    Ciao Sonia, quando preparo la crema mi capita spesso, dopo qualche ora, di trovare del liquido insieme alla crema. Inoltre, cambia anche il suo aspetto, perde la sua fluidità e setosità. Spero di essere stata chiara. Mi sapresti spiegare a cosa è dovuto? Grazie!

  • Giulia ha scritto: mercoledì 18 febbraio 2015

    Ciao Sonia! Volevo sapere una cosa, se non si possiede l'amido di mais o di riso, cosa si puó mettere per sostituirli? Grazie mille per l'aiuto! smiley

  • Sonia Peronaci ha scritto: mercoledì 18 febbraio 2015

    @Giulia :Ciao, fecola di patate!

  • vittoria ha scritto: mercoledì 18 febbraio 2015

    ciao Sonia,piu' che un commento vorrei un aiuto,mia zia faceva delle buonissime crocchette di patate con la crema ,non conosco la ricetta purtroppo,lei non cè piu' e non so proprio come fare,ti assicuro erano squisite anche se particolari, mi potresti aiutare? ciao Sonia,vorrei un aiuto da te, in famiglia si facevano squisite crocchette di patate con la crema e il formaggio filante,purtroppo non so la ricetta ne posso piu' averla, mi potresti aiutare?ti assicuro che erano buonissime

  • Sonia Peronaci ha scritto: mercoledì 18 febbraio 2015

    @vittoria:Ciao Vittoria! potrebbero essere simili a queste: crocchette di patate con cuore filante di mozzarella e prosciutto. Fammi sapere cara!

  • Olga ha scritto: lunedì 16 febbraio 2015

    Ciao Sonia! Ma se voglio dimezzare le dosi di questa ricetta è possibile? La vorrei usare per farcire 12 cupcakes/muffins, posso semplicemente dividere tutto per due? Grazie!!

  • simona ha scritto: domenica 15 febbraio 2015

    troppo buona!!! grazie

  • Nunzia ha scritto: domenica 15 febbraio 2015

    ho fatto la crema per guarnire una crostata con frutta ma ha fatto una specie di acquiccia sia quando l'ho messa in una ciotola per raffreddarla sia sopra la crostata che può essere successo??

  • Sonia Peronaci ha scritto: lunedì 16 febbraio 2015

    @Nunzia:Ciao Nunzia! Può succedere che, raffreddandosi, si crei condensa: è sucfficiente rimescolarla smiley

  • Morgana77 ha scritto: domenica 15 febbraio 2015

    Ciao. Io volevo fare con la pasta sfoglia tre strati intervallati da crema pasticciera ma preparo prima la crema e la tengo in frigo fino quando non la servo! Siccome al mio compagno piace di più tiepida e non "fredda da frigo" come faccio a scaldarla un po'? Faccio banomaria? Tu cosa mi consigli? Grazie ????

  • Sonia Peronaci ha scritto: lunedì 16 febbraio 2015

    @Morgana77:Ciao! Puoi seguire la ricetta della nostra diplomatica e assemblarla con la crema pasticcera ancora tiepida, ma c'è il rischio che la sfoglia si inumidisca e non regga la struttura smiley

10 di 911 commenti visualizzati Mostra altri commenti »

Lascia un Commento