Speciale Dolci al cucchiaio

Creme Caramel

Dolci e Desserts
Creme Caramel
214 Aggiungi al tuo ricettario
  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 30 min
  • Cottura: 60 min
  • Dosi per: 6 persone
  • Costo: basso

Presentazione

Creme Caramel

Crème Caramel (detto anche latte alla portoghese) è il nome francese di un semplice ma delizioso dolce al cucchiaio, universalmente conosciuto; la sua è una antica ricetta risalente addirittura all’antica Roma, dove veniva preparato come una crema non dolce ma piacevolmente aromatica, che in seguito venne addolcita con il miele; superato il Medioevo, questo dolce arrivò fino a Cristoforo Colombo che lo portò con se nella conquista del nuovo mondo. Probabilmente proprio per questo motivo la Crème Caramel (e tutte le sue varianti) è molto conosciuta nei paesi latini specialmente in Messico dove è largamente e superbamente preparata.
Ma il diffondersi del suo nome francese deriva dal fatto che, piu' recentemente, si sono radicate forti tradizioni nella preparazione della Creme Caramel nelle regioni meridionali della Francia, specialmente nella città di Tolouse.

x 6 creme caramel
Panna fresca 150 ml
Vaniglia 1/2 stecca (o 1 busta di vanillina)
Uova 4 intere + 1 tuorlo
Zucchero 120 g
Latte fresco intero 450 ml
Ingredienti per il caramello
Acqua 4 cucchiai
Zucchero 150 g

Preparazione

Creme Caramel

Accendete il forno a 180°.
Versate il latte in un tegame e metteteci dentro ½ stecca di vaniglia, ponetelo sul fuoco e portatelo lentamente ad ebollizione, dopodiché toglietelo dal fuoco e lasciatelo in infusione per mezz’ora (1).
Passata la mezz’ora, unite al latte la panna, e nel frattempo in un recipiente sbattete le uova con lo zucchero (2). Eliminate dal latte la stecca di vaniglia, filtratelo con un colino (3)

Creme Caramel

versatelo a filo e lentamente dentro alle uova sbattute (4) mescolando con una frusta. Preparate quindi il caramello facendo sciogliere lo zucchero dentro ad un tegamino (meglio se dal fondo spesso) (5-6),

Creme Caramel

mescolando continuamente finchè, bollendo, diventi dorato e caramellato (7) ; volendo, per rendere il caramello più fluido, potete aggiungere assieme allo zucchero 3-4 cucchiai di acqua. A questo punto versatelo nello stampo scelto e rigiratelo, distribuendolo su tutta la superficie, finchè non si sia raffreddato e solidificato (8). Versate ora il composto precedentemente ottenuto negli stampini (9).

Creme Caramel

Ponete gli stampini dentro una teglia (10) e aggiungete dell’acqua bollente che copra un terzo dello stampo (11).
Cuocete la Crème Caramel a bagnomaria per circa 50 minuti, e quando la crema si sarà solidificata, togliete gli stampi dal forno e lasciate raffreddare le Creme Caramel a temperatura ambiente, dopodiché ponetele in frigorifero per almeno 4 ore.
Al momento di servire la Crème Caramel, aiutandovi con un coltello e staccate la crema dalle pareti dello stampo (12), capovolgetela su di un piatto da portata e lasciate che scenda adagiandosi.

Consiglio

Se volete ottenere una Crème Caramel profumatissima, prolungate il tempo di infusione della stecca di vaniglia nel latte (più la prolungate e più profumato sarà!), e volendo, potete anche aggiungere all’infusione una scorza di limone.
Servite la Crème Caramel guarnita con panna montata e fragole, oppure con dei biscotti e foglioline di menta a lato del piatto.
Potete preparare la Crème Caramel in uno stampo rettangolare, oppure rotondo con foro centrale o in stampini singoli.

Curiosita'

La Crème Caramel non viene chiamata nello stesso modo in tutto il mondo; è conosciuta infatti sia come “flan” nei paesi latino americani e in Spagna e “caramel custard” nei paesi anglosassoni.
Sia il termine Crème Caramel che flan sono di origine francese anche se in francese “flan” sta ad indicare una crostata salata o dolce.

Altre ricette

I commenti (214)

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere.
I commenti verranno aggiornati ogni 15 minuti circa.

  • mario sglandi ha scritto: domenica 28 giugno 2015

    Mi pare che in questa ricetta si siano omessi alcuni punti di importanza fondamentale per la buon riuscita di un creme caramel (ragion per cui a molti è venuto di merda): -le uova vanno miscelate bene ma con molta delicatezza senza incorporare aria, altrimenti ci sara' il famoso effetto rigonfiamento in fase di cottura -dopo aver mischiato il latte filtrato con le uova il composto va schiumato (semplicemente rimuovete la schiuma in superficie con un cucchiaino) e rifiltrato tutto con un colino per eliminare anche I residui solidi di uovo -la cottura meglio farla a 150 gradi, e per degli stampini cosi piccoli mezzora dovrebbe già essere sufficiente (io ne faccio 45 minuti con uno stampo a ciambella grande)

  • mexicano ha scritto: venerdì 19 giugno 2015

    Ciao Sonia, In México, se chiama: "Flan Napolitano".

  • Selene ha scritto: giovedì 04 giugno 2015

    Ciao Sonia! Ho provato questa ricetta più di una volta, se pur il sapore è ottimo la consistenza non è ben compatta e risulta un po grumolosa, seguo la ricetta passo passo e sto attenta a mescolare bene uova e zucchero per non dar troppa aria al composto.. Quale può essere il mio errore?

  • Sonia Peronaci ha scritto: giovedì 04 giugno 2015

    @Selene: Ciao Selene, forse quando aggiungi il latte a filo sul composto di uova si creano dei grumi perché l'uovo rischia di coagulare con il calore eccessivo del latte. Prova a fare attenzione in quel passaggio delicato della ricetta e fammi sapere se risolvi il problema!

  • nannettina ha scritto: mercoledì 29 aprile 2015

    Ciao, per la cottura a bagnomaria a che gradazione deve stare il forno e per quanto tempo devono cuocere le porzioni? Io ho un forno elettrico. Grazie!

  • Sonia Peronaci ha scritto: mercoledì 29 aprile 2015

    @nannettina : 180° per 50 minuti circa smiley

  • Cristina ha scritto: mercoledì 08 aprile 2015

    cosa vuol dire cuocere a bagno maria? cioe io metto gli stampini in una teglia con dentro l'acqua e poi la metto in forno..?

  • Sonia Peronaci ha scritto: mercoledì 08 aprile 2015

    @Cristina: Ciao Cristina! La cottura a bagnomaria prevede la cottura dei cibi che devi cuocere in un recipiente a sua volta riposto in un altro contenitore riempito con acqua portata a bollore. Quindi hai ragione: gli stampini ripieni di creme caramle vanno messi dentro una teglia in cui versi l'acqua che poi metterai in forno smiley

  • Niccolò ha scritto: sabato 04 aprile 2015

    Ma se li volessi fare senza cottura

  • Sonia Peronaci ha scritto: lunedì 25 maggio 2015

    @Niccolò : ciao! Prova a realizzare questa versione di una nostra blogger: Creme caramel senza cottura!

  • Elena;) ha scritto: sabato 04 aprile 2015

    ma il caramellato non si facevo con zucchero nella ciotola e poi si metteva al fuoco

  • Melania ha scritto: mercoledì 18 marzo 2015

    Ciao Sonia,vorrei preparare il creme caramel ed utilizzare uno stampo rettangolare lunghezza 30 larghezza 8 ed altezza 8,che dosi devo utilizzare?Basta raddoppiare?grazie

  • Sonia Peronaci ha scritto: venerdì 03 aprile 2015

    @Melania: Ciao, puoi provare a triplicare le dosi e se dovesse avanzare puoi comunque utilizzare degli stampini monodose!

  • maria de Virgilio ha scritto: martedì 03 marzo 2015

    Ciao è molto buona

  • Silvia ha scritto: lunedì 16 febbraio 2015

    Per la crem caramel é fondamentale nn incorporare aria quando si sbattono uova e zucchero...vanno solo amalgamati non montati ...per questo si afflosciano...nn vanno montati uova e zucchero...e il latte deve essere fresco intero non uht...e le uova devono esserefreschissime...é semplicissima la ricetta, ma vanno rispettati semplici accorgimenti ... Inoltre ...prima di versar il composto negli stampini...passatelo attraverso un colino.. Non cuoceteli troppo a lungo o sapranno di frittata...si rassoderanno durante il raffreddamento..

10 di 214 commenti visualizzati Mostra altri commenti »

Lascia un Commento