Speciale Dolci al cucchiaio

Creme brulèe

Dolci e Desserts
Creme brulèe
180 Aggiungi al tuo ricettario
  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 10 min
  • Cottura: 60 min
  • Dosi per: 6 persone
  • Costo: basso

Presentazione

Creme brulèe

La crème brulée, dolce di origine francese la cui ricetta risalirebbe al lontano 1691, significa letteralmente crema bruciata, e consiste in una crema contenente uova, latte, panna e vaniglia cotta a bagnomaria nel forno in pirofile monoporzione.

Come ultimo tocco, viene cosparsa di zucchero successivamente caramellato, in modo da formare una sottile superficie dolce e croccante.

Ingredienti per la creme brulè
Uova 8 (solo i tuorli)
Panna fresca 500 ml
Latte 125 ml
Zucchero 130 g
Vaniglia 1 baccello
Ingredienti per cospargere
Zucchero q.b.

Preparazione

Creme brulèe

Per preparare la crème brulée la prima cosa da fare è accendere il forno a 180°. Versate poi in un tegame il latte, la panna (1), i semi di vaniglia che avrete estratto dal baccello e anche il baccello stesso (2), quindi portate lentamente ad ebollizione. Nel frattempo ponete i rossi d’uovo e lo zucchero in una ciotola (3)

Creme brulèe

e mischiate gli ingredienti delicatamente con un mestolo di legno (4), senza sbatterli o formare schiuma. Quando il latte bollirà spegnete il fuoco, togliete il baccello di vaniglia e versate lentamente a filo il composto caldo nei rossi d’uovo (5), mescolando continuamente fino a che il composto non sarà diventato omogeneo (6).

Creme brulèe

A questo punto preparate sei pirofiline da forno monoporzione (quelle in foto hanno una capacità di 150 ml l'una) e versatevi il composto ottenuto, debitamente filtrato con un colino (7), poi procedete con la cottura in forno a bagnomaria: disponetele in una teglia contenente dell’acqua bollente che dovrà ricoprire per 1/3 la superficie esterna delle pirofile (8), e infornate per circa 50-60 minuti a 180°. Quando la superficie della creme brulè sarà compatta e dorata togliete le pirofiline dal forno e lasciatele intiepidire (9).

Creme brulèe

Cospargete poi la superficie con lo zucchero semolato (10) e caramellizzatela con l’apposito attrezzo (11), oppure in alternativa ponete la creme brulè sotto al grill per qualche minuto. Non appena si sarà formata la crosticina dorata in superficie, la vostra creme brulè è pronta per essere servita (12). Per una buona riuscita della creme brulè è consigliabile porre le pirofiline contenenti il composto da cuocere a bagnomaria, in una teglia contenente dell’acqua bollente. A questo scopo vi consiglio di versare due dita di acqua nella teglia e di metterla sul fuoco: appena l’acqua bollirà, potete adagiarvi le pirofile e infornarle.

Conservazione

Consigliamo di consumare la crème brulée appena pronta, ma se lo desiderate potete conservarla per un giorno al massimo, chiusa in un contenitore ermetico e posta in frigorifero.

Il consiglio di Sonia

Per aromatizzare la crème brulée, potete sostituire lo zucchero semolato con quello di canna. Se intendete prepararla in anticipo, è consigliabile conservarla in frigorifero e caramellarla appena prima di servirla.

Altre ricette

I commenti (180)

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere.
I commenti verranno aggiornati ogni 15 minuti circa.

  • patty ha scritto: sabato 06 febbraio 2016

    ho preparato questa ricetta e' favolosa la consiglio

  • Carolina ha scritto: mercoledì 20 gennaio 2016

    Ciao Sonia, io ho provato ma il risultato non è stato dei migliori... temo che la crema si sia stracciata e che la temperatura consigliata sia troppo alta. Infatti dopo un po' che era in forno ho visto che bolliva l'acqua e ha cominciato a bollire anche la crema. Il sapore non era malaccio, ma la consistenza lasciava alquanto a desiderare visto anche che sul fondo delle terrine si era fatto uno strato di acqua uscito da panna e uova. Non so se dipende dal fatto che le terrine erano a contatto con la teglia che era comunque più calda dell'acqua, non capisco dove ho sbagliato. Ho seguito i tuoi passaggi... spero potrai aiutarmi, magari in futuro ci riproverò smiley Grazie

  • Manuela ha scritto: domenica 10 gennaio 2016

    L'ho fatta più di una volta e viene sempre ottima!! Io personalmente sostituisco il baccello di vaniglia con una praticissima bustina di vanillina..così non c'è nemmeno da filtrare e diventa ancora più veloce, senza perdere in gusto, ovvio!!

  • Feicita De Luca ha scritto: lunedì 04 gennaio 2016

    Il forno deve essere statico o ventilato?

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: lunedì 04 gennaio 2016

    @Feicita De Luca: Ciao, forno statico andrà bene!

  • Daniele ha scritto: sabato 02 gennaio 2016

    Salve io avrei un problema premettendo che lavoro in cucina i clienti si lamentano che sia grumolosa. A 2 anni che la faccio in altri locali e solo complimenti ricevuti . Può essere la panna mi trovo in Polonia ed e cambiato solo quello come prodotto. E al 14% la panna che sto usando. Grazie in anticipo

  • Doretta ha scritto: lunedì 23 novembre 2015

    l'ho provata a fare, ma mi è rimasta liquida perche'?

  • arianna ha scritto: domenica 15 novembre 2015

    Che tipo di panna devo usare??

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: lunedì 16 novembre 2015

    @arianna: Ciao Arianna! Quella fresca liquida da cucina che trovi nel banco frigo smiley

  • Antonella ha scritto: sabato 14 novembre 2015

    buon giorno a tutti domandina scusatemi ma cosè il cannello? l'ho letto sopra su un commento grazie

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: giovedì 26 novembre 2015

    @Antonella: Ciao, si tratta di uno strumento per genrare la fiamma necessaria a creare la crosticina o la duratura tipica di alcuni dolci o preparazioni ma anche fiammeggiare il pollame ad esempio per eliminare le piumette rimaste prima di passare ad usarlo nelle ricette!

  • laura ha scritto: venerdì 06 novembre 2015

    Ma è senza ne farina e ne amido? si addensa?

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: giovedì 28 gennaio 2016

    @laura: Ciao Laura, è una crema delicata da mangiare al cucchiaio, ha una consistenza quasi budinosa smiley un saluto!

  • Pietro ha scritto: giovedì 29 ottobre 2015

    Buonasera, un consiglio: per quanti giorni posso tenerla in frigo in caso avanzi qualche porzione? Grazie

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: mercoledì 04 novembre 2015

    @Pietro: Ciao Pietro, puoi conservarla in frigorifero per un giorno al massimo smiley un saluto!

10 di 180 commenti visualizzati Mostra altri commenti »

Lascia un Commento