Crescia al formaggio

Lievitati
Crescia al formaggio
144 Aggiungi al tuo ricettario
  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 30 min
  • Cottura: 50 min
  • Costo: basso
  • Nota: + 2 ore e mezza di lievitazione

Presentazione

La crescia è una ricetta tipica marchigiana che viene solitamente preparata nel periodo pasquale, ricca di fromaggi e ottima da gustare con i salumi che più preferite.

La crescia ha la stessa forma del panettone, ma anzicché essere dolce è salato ed ha una consistenza molto più spugnosa.

La preparazione della crescia viene tramandata di generazione in generazione e ogni famiglia ha il suo piccolo segreto in cucina che rende la ricetta della crescia unica; risulta dunque difficile stabilire e riportare una ricetta unica ed universale della crescia.

La crescia rappresenta una valida ed originale alternativa al pane classico alla quale i vostri commensali non portanno dire di no, bambini compresi! Chi può resistere infatti ad una fetta di crescia accompagnata con del prosciutto o del salame?

Ricetta di Martina Spinaci http://nellacucinadimartina.giallozafferano.it/

Ingredienti
Farina 0 500 gr
Parmigiano reggiano 150 g
Olio extravergine di oliva 150 gr
Latte tiepido 150 ml
Uova medie 5
Malto 1 cucchiaino o 1 di zucchero
Sale 10 g
Pepe macinato a piacere
Pecorino fresco 100 gr
Lievito di birra disidratato 1 bustina (7gr) oppure fresco 1 cubetto da 25 gr

Preparazione

Crescia al formaggio

Sciogliete il malto nel latte (1) ,mettete nella ciotola di un mixer (o in una ciotola di vetro se impastate a mano) la farina, il parmigiano (2), il lievito di birra , e il latte nel quale avrete disciolto il malto (o lo zucchero) e cominciate ad impastare; unite le uova (3) a temperatura ambiente, una alla volta, il pepe macinato e il sale.

Crescia al formaggio

Aggiungete anche l’olio a filo e quando (dopo almeno 10 minuti) il composto sarà ben amalgamato (4), unite il pecorino tagliato a cubetti (5). Rovesciate l’impasto su di una spianatoia, impastate velocemente per formare una palla  (6)

Crescia al formaggio

e poi ponete la crescia con la parte più liscia verso l’alto in uno stampo cilindrico (7) dai bordi alti (tipo quello per panettone) preventivamente imburrato e ricoperto con carta forno.  Spennellate la superficie della crescia con del burro (8) e  lasciate lievitare a circa 30° per circa due ore e mezza o fino a che l’impasto non sarà cresciuto da arrivare al bordo superiore dello stampo (9). A questo punto infornate la crescia in forno statico già caldo a 180° per circa 50-60 minuti, posizionando preventivamente in un angolo della leccarda ( o della grata) una ciotolina contenente dell’acqua fredda. Prima di infornare la crescia, spruzzate un po’ di acqua fredda nel forno e procedete con la cottura. Trascorso il tempo indicato, per verificare la cottura, fate la prova stecchino e se quest’ultimo fuoriesce completamente asciutto, la crescia è pronta! Estraete la crescia dal forno, tiratela fuori dallo stampo e lasciatela raffreddare su di una gratella. Una volta fredda, tagliate la crescia a fette e servitela ai vostri commensali.

Altre ricette

I commenti (144)

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere.
I commenti verranno aggiornati ogni 15 minuti circa.

  • Sonia ha scritto: venerdì 27 marzo 2015

    Fatta buonissima ho aggiunto una fetta di emmental a pezzetti.

  • Sonia Peronaci ha scritto: venerdì 27 marzo 2015

    @Sonia : Grazie del suggerimento smiley sono contenta ti sia piaciuta, ciao!

  • Giuseppe di Fano ha scritto: giovedì 26 marzo 2015

    Per la crescia di Pasqua.....il forno si deve accendere sopra e sotto o solo il sotto?

  • antonietta ha scritto: giovedì 26 marzo 2015

    no i passaggi erano corretti solo ho avuto il problema che dopo 2 ore non si è nemmeno mossa, nonostante fosse ben coperta e con una stufetta elettrica accesa. Comunque sabato ci riprovo

  • antonietta ha scritto: mercoledì 25 marzo 2015

    ciao ho provato la tua ricetta ma non si è lievitata...come mai?????

  • Sonia Peronaci ha scritto: giovedì 26 marzo 2015

    @antonietta: Qual era il passaggio che non riusciva come illustrato nella ricetta? Potrebbe essere dipeso anche dal clima esterno... qui in questi giorni è molto umido...

  • Flo' ha scritto: sabato 21 marzo 2015

    é possibile suddividere l'impasto in più pirottini di carta tipo quelli dei mini panettoni?

  • Sonia Peronaci ha scritto: lunedì 23 marzo 2015

    @Flo': Puoi provare smiley

  • Paolo ha scritto: lunedì 09 marzo 2015

    Buon giorno Sonia avrei una domanda da farti , dopo la cottura e durante il raffreddamento non sarebbe opportuno farlo freddare capovolto come per il Pan Brioche ? Grazie sin d'ora per la risposta.

  • Sonia Peronaci ha scritto: martedì 17 marzo 2015

    @Paolo: per questa ricetta non occorre!

  • serana ha scritto: lunedì 16 febbraio 2015

    Ma sicuri che 25gr di lievito bastano?

  • ivana ha scritto: martedì 27 gennaio 2015

    ottima...ho avuto solo qualche problema con la lievitazione. io l'ho messa in forno a lievitare e dopo mezz'ora l'impasto strabordava allora l'ho fatta subito cuocere...il risultato è stato perfetto però!

  • Simone (ancona) ha scritto: sabato 20 dicembre 2014

    scusate era 3 % di lecitina di soia rispetto alla farina, coperto lo stampo con l'impasto con canovaccio di cotone e copertina di lana e posto poi vicino al termosifone

  • Simone (ancona) ha scritto: sabato 20 dicembre 2014

    Salve a tutti e auguri di buon Natale!! Io ho provato a sostituire l’olio di oliva con quello di riso dovrebbe essere più leggero nell’impasto e ho aggiunto 7,5 g di malto d’orzo in polvere che migliora la lievitazione e aggiunto lecitina di soia nella misura del 35 della farina (15 g) che nei prodotti contenenti grassi è consigliato, per la mia esperienza migliora l’ amalgama degli ingredienti e prolunga la freschezza del prodotto. E’ un buon conservante naturale

10 di 144 commenti visualizzati Mostra altri commenti »

Lascia un Commento