Croccante alle mandorle

Dolci e Desserts
Croccante alle mandorle
139 Aggiungi al tuo ricettario
  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 30 min
  • Cottura: 15 min
  • Dosi per: 6 persone
  • Costo: basso

Presentazione

Croccante alle mandorle

Il croccante è un tipico dolce natalizio, di semplice realizzazione e grande gusto. Sulle sue origini si discute: è preparato in moltissime regioni d’Italia, specialmente al centro-sud, e tutte vantano una tradizione al riguardo.

Ci sono diverse ipotesi circa la sua provenienza, come anche per il torrone. Si hanno testimonianze scritte di questo dolce su di un testo spagnolo del 1475, il che fa presumere una natalità iberica, ma altri avanzano l’ipotesi che il croccante sia nato nel meridione d'Italia intorno al ‘200, come derivazione di un tipico dolce arabo, fatto a base di mandorle, miele, zucchero e spezie.

In diverse province italiane si svolgono manifestazioni dove il protagonista è il croccante, con il quale grandi artigiani si sfidano in una gara di fantasia e abilità per formare delle bellissime sculture, come a Sestola (Mo), o a San Marco dei Cavoti (BN).

Ingredienti
Mandorle 300 g
Zucchero 350 g
Limoni 1 cucchiaino di succo
Acqua 60 g

Preparazione

Croccante alle mandorle

Per preparare il croccante alle mandorle dovete innanzitutto porre le mandorle con la buccia in una terrina e aggiungervi acqua calda fino a coprirle; lasciatele in ammollo per un paio di minuti (1). Scolate le mandorle, che sono ora pronte per essere sbucciate: asciugatele con un foglio di carta assorbente e procedete con la spelatura, aiutandovi con la punta di un coltellino (2). Foderate con carta da forno una teglia, distribuitevi le mandorle spellate e fatele tostare per 5 minuti in forno statico preriscaldato a 180° (3). Le mandorle non devono scurirsi. Cominciate a porre un foglio di carta oleata (o da forno) in una teglia, che lascerete da parte per dopo.

Croccante alle mandorle

Preparate ora il caramello. In un pentolino versate lo zucchero (4), il succo di limone (5) e l’acqua (6). Fate sciogliere a fuoco lento e mescolando costantemente, fino ad ottenere un composto di un bel colore biondo.

Croccante alle mandorle

Nel frattempo tritate grossolanamente parte delle mandorle (7) lasciando intere le rimanenti (8). Una volta pronto il caramello, spegnete il fuoco e procedete versando nel pentolino le mandorle tritate (9) e quelle intere (10).

Croccante alle mandorle

Mescolate energicamente le mandorle con un cucchiaio di legno e facendo ampi movimenti dall'alto verso il basso (11) fino ad amalgamare tutto e facendo attenzione che ogni parte di mandorla sia inglobata nel caramello (12).

Croccante alle mandorle

A preparazione ultimata versate immediatamente il composto caldo nella teglia foderata con carta oleata che avete messo da parte in precedenza (13) e livellate bene la superficie (14), aiutandovi con un cucchiaio o una spatola fino a distribuirlo uniformemente (15).

Croccante alle mandorle

Lasciate raffreddare il dolce nella teglia per qualche minuto ma prima che si solidifichi del tutto rovesciatelo su un tagliere (16) e tagliatelo a losanghe o in barrette con un grosso coltello (17). Servitelo completamente freddo (18). Il vostro croccante alle mandorle è pronto per essere sgranocchiato.

Consiglio

Potete usare le mandorle già spelate, per evitare la prima fare della ricetta e passare direttamente alla tostatura.

Conservazione

La conservazione del croccante richiede qualche accorgimento. Primo: avvolgetelo nella stagnola e riponetelo in una scatola di latta o in un vaso con coperchio, solo quando sarà freddo. Secondo: posizionate tassativamente il contenitore in un luogo fresco e asciutto! Con il caldo lo zucchero caramellato tende a sciogliersi, meglio evitare di far danni…

Curiosità

Molte persone prima di tagliare il croccante vi strofinano sopra un limone o un arancia interi sia per livellarlo meglio, sia perchè gli oli essenziali racchiusi nella buccia degli agrumi rilascia un gradevole aroma sul dolce.

Altre ricette

I commenti (139)

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere.
I commenti verranno aggiornati ogni 15 minuti circa.

  • Angelaa ha scritto: lunedì 11 aprile 2016

    Puoi darmi una ricetta per riciclare le bucce delle mandorle visto che adoperò molte mandorle grazie

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: lunedì 11 aprile 2016

    @Angelaa: Ciao Angela, non abbiamo mai provato a utilizzare solo le bucce delle mandorle per qualche ricetta, ma se preferisci puoi fare il croccante usando le mandorle non pelate, magari seguendo questa ricetta dal blog "CucinArt" smiley

  • Daniela ha scritto: mercoledì 17 febbraio 2016

    ho provato a fare il vostro croccante. Devo dire che dopo una partenza preoccupante (lo zucchero si è asciugato) in realtà con un Po di pazienza il caramello si è fatto e il croccante era perfetto! davvero buono!

  • adriana ha scritto: martedì 29 dicembre 2015

    ho fatto indurire il croccante prima che si brunisse. E' venuto in parte friabile. Si puo'recuperare?

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: venerdì 08 gennaio 2016

    @adriana:ciao Adriana, la prossima volta prolunga la cottura per ottenere la giusta consistenza.

  • Carmelo ha scritto: venerdì 25 dicembre 2015

    Io faccio il croccante da tanti anni. Metto 500 gr di mandorle, 450 di zucchero e niente acqua. Vi assicuro che viene meravigliosamente buono. L'importante e' sapere dosare la fiamma. L'esperienza vi aiuterà nella cottura. L'unico problema è la conservazione. Dopo un po' di giorni lo zucchero tende a ammorbidirsi superficialmente. Non se occorre aggiungere qualche sostanza per mantenerlo duro come quello delle fiere.

  • Lucia ha scritto: venerdì 25 dicembre 2015

    @lucia: anch'io avevo difficoltà col caramello. L'ho trasferito in una pentola larga e bassa ed è venuto, inoltre ho capito che all'inizio il fuoco è dolce poi quando butti le mandorle lo alzi così resta liquido e si scurisce avvolgendole bene. Così mi è venuto buono! Riprova!

  • alessia ha scritto: giovedì 24 dicembre 2015

    ma se al posto dello zucchero normale metto quello di canna cambia qualcosa?

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: giovedì 24 dicembre 2015

    @alessia:Ciao Alessia, puoi usare anche lo zucchero di canna, anche altri utenti lo hanno usato con un ottimo risultato. Buon Natale!

  • lucia ha scritto: giovedì 24 dicembre 2015

    Ho provato questa ricetta due volte ed entrambe le volte non sono riuscita ad ottenere un caramello bruno e croccante. Aggiungete qualche dettaglio in più sulla sua preparazione. Ciao, Lucia

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: giovedì 24 dicembre 2015

    @lucia:Ciao Lucia, per quanto riguarda il colore del caramello, considera che devi cuocere lo sciroppo a fuoco dolce mescolando di continuo. Per renderlo croccante è importante farlo rassodare bene e poi conservarlo al riparo dall'umidità altrimenti il caramello si scioglie. Speriamo di esserti stati d'aiuto e ti auguriamo buone feste!

  • Raffaele ha scritto: mercoledì 23 dicembre 2015

    Ciao Sogna di giallo zafferano! Ho eseguito la ricetta del croccante ed è uscito bellissimo,ma rimane appiccicoso e si attacca ai denti .Mi sapresti dire cosa puo' essere successo?

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: giovedì 24 dicembre 2015

    @Raffaele: per evitare che diventi appiccicoso devi conservarlo lontano dall'umidità al fresco, in modo che non si sciolga il caramello creando quell'effetto fastidioso di cui parli.

  • Raffaele ha scritto: mercoledì 23 dicembre 2015

    Ciao! Ho eseguito la ricetta del croccante ed è uscito bellissimo,ma rimane appiccicoso e si attacca ai denti .Mi sapresti dire cosa puo' essere successo?

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: venerdì 25 dicembre 2015

    @Raffaele: Ciao, hai fatto ben raffreddare il croccante su una teglia ampia stendendolo bene su carta oleata? Prova altrimenti ad aggiungere più mandorle!

  • maria ha scritto: lunedì 21 dicembre 2015

    maria è buonissimo

10 di 139 commenti visualizzati Mostra altri commenti »

Lascia un Commento