Crostata ai frutti di bosco

Dolci e Desserts
Crostata ai frutti di bosco
112 Aggiungi al tuo ricettario
  • Difficoltà: media
  • Preparazione: 20 min
  • Cottura: 20 min
  • Dosi per: 8 persone
  • Costo: elevato
  • Nota: + il tempo di preparazione, di riposo e di cottura della crema pasticcera e della pasta frolla

Presentazione

La crostata ai frutti di bosco è un dolce fresco molto apprezzato, un vero e proprio classico goloso ed elegante, che piace davvero a tutti. Questa torta, ottima da servire come dessert o come merenda, è formata da un letto di fragrante pasta frolla ripieno di una squisita crema pasticcera. Ma cosa rende questa crostata davvero speciale e irresistibile? Il segreto è proprio il gradevole contrasto che si crea tra il dolce sapore della crema e quello fresco e leggermente acre dei frutti di bosco. Basterà una sola fetta e resterete piacevolmente stupiti della sua bontà!

 

Ingredienti per la pasta frolla (per uno stampo da 35x11 cm)
Burro da frigorifero 85 g
Uova tuorlo 1
Farina tipo 00 170 g
Limoni la scorza grattuggiata di mezzo
Zucchero a velo 70 g
per la crema pasticcera
Maizena 25 g
Latte fresco 200 ml
Uova tuorli 3
Zucchero 70 g
Panna fresca liquida 50 ml
Vaniglia mezza bacca
per la ricopertura
Frutti di bosco fragoline di bosco, more, mirtilli, ribes, lamponi (125 gr. per tipo) 625 g
Menta 5 foglie

Preparazione

Crostata ai frutti di bosco

Per preparare la crostata ai frutti di bosco incominciate con la pasta frolla, partendo dalla sabbiatura: in un mixer ponete la farina setacciata ed il burro appena tolto dal frigorifero, tagliato a pezzetti (1). Frullate il tutto fino ad ottenere un composto dall'aspetto sabbioso e farinoso, quindi versate la sabbiatura ottenuta su un piano di lavoro (oppure in una ciotola) e aggiungete lo zucchero a velo setacciato (2); create la forma a fontana e al centro ponete la scorza di limone grattugiata (3).

Crostata ai frutti di bosco

Aggiungete anche il tuorlo (4), dopodichè lavorate brevemente l'impasto, giusto il tempo di compattarlo perché la frolla non si scaldi troppo con il calore delle mani e rimanga friabile (5). Formate un panetto e appiattitelo bene; avvolgetelo nella pellicola trasparente (6) e riponetelo in frigorifero almeno 30 minuti per farlo rassodare.

Crostata ai frutti di bosco

Nel frattempo preparate la crema pasticcera. Mettete sul fuoco una pentola capiente con il latte (7) e la panna liquida (8); successivamente prendete la bacca di vaniglia, incidetela con un coltellino ed estraetene i semi raschiandola. Aggiungete sia i semi sia il baccello di vaniglia alla miscela di latte e panna (9) e accendete il fuoco a fiamma bassa. Quando il composto avrà sfiorato il bollore, spegnete e lasciate la vaniglia in infusione per almeno 5 minuti.

Crostata ai frutti di bosco

Intanto ponete i tuorli in un una ciotola capiente e aggiungete lo zucchero (10). Mescolate il tutto con uno sbattitore elettrico (oppure una frusta a mano) per ottenere una crema omogenea e poi unite la maizena setacciata (11), sempre mescolando per amalgamarla bene al resto del composto. Trascorsi 5 minuti, togliete la bacca di vaniglia che avevate lasciato in infusione nel latte e panna (12).

Crostata ai frutti di bosco

A questo punto unite al composto le uova sbattute con lo zucchero e la maizena, mescolando bene con le fruste (13). Accendete nuovamente il fuoco dolce e mescolate continuamente per addensare il composto per al massimo 4 minuti. Quando la crema pasticcera sarà ben densa (14), spegnete il fuoco e versatela in una terrina bassa e ampia, coprendola immediatamente con la pellicola trasparente a contatto per evitare la formazione della fastidiosa crosticina (15); fatela raffreddare prima a temperatura ambiente e poi in frigorifero per almeno un’ora.

Crostata ai frutti di bosco

Nel frattempo imburrate ed infarinate lo stampo per crostata di 35x11 cm (in alternativa potete utilizzare uno stampo rotondo del diametro di circa 20 cm) (16); trascorsi 30 minuti, togliete la pasta frolla dal frigorifero ed eliminate la pellicola. Trasferite il panetto su di un piano di lavoro leggermente infarinato (17), dopodichè con un mattarello stendete la pasta frolla dello spessore di circa 1 cm e che misuri circa 35x11 cm (18).

Crostata ai frutti di bosco

Avvolgete la base che avete ottenuto sul mattarello e srotolatela sullo stampo rettangolare (19); una volta ben stesa, sempre con il mattarello, fate pressione sui bordi dello stampo in modo da eliminare le parti laterali in eccesso (20), infine con i rebbi di una forchetta bucherellate la superficie senza trapassare la pasta (21).

Crostata ai frutti di bosco

Procedete ora alla cottura alla cieca: ricoprite la base con della carta forno e riempite l’interno dello stampo con le sfere di porcellana (oppure con i legumi secchi) (22) e infornate in forno statico preriscaldato a 180° per circa 20 minuti (o in forno ventilato a 160° per 15 minuti): la pasta che otterrete dovrà cuocersi senza colorarsi eccessivamente. A cottura avvenuta, sfornate lo stampo, togliete le sfere (o i legumi secchi) e lasciate raffreddare la base della crostata. Una volta fredda, togliete la carta forno dalla pasta frolla (23). Trascorso il tempo di raffreddamento necessario, con un sac-à-poche con bocchetta zigrinata riempite la base della crostata con la crema pasticcera ormai fredda (24).

Crostata ai frutti di bosco

Lavate i frutti di bosco sotto acqua fresca corrente, quindi distribuiteli delicatamente su tutta la superficie della torta in maniera omogenea (25). Infine, decorate la crostata ai frutti di bosco aggiungendo le foglioline di menta (26) e servite (27).

Conservazione

Se volete, potete preparare la crema pasticcera e la pasta frolla il giorno prima e assemblare la crostata un’ora prima di servirla. Potete conservare la crostata ai frutti di bosco in frigorifero coperta da pellicola trasparente per al massimo 5 giorni. Per la pasta frolla: conservatela in frigorifero, coperta con la pellicola, per un paio di giorni al massimo; è possibile congelarla avvolta in pellicola trasparente o in un sacchetto gelo per un massimo di 2-3 mesi. Potete conservare la crema pasticcera in frigorifero per 2-3 giorni al massimo, coperta da pellicola; potete congelarla per un mese.

Il consiglio di Sonia

Non si può davvero resistere alla dolce bontà della crostata ai frutti di bosco! Per prepararla potete utilizzare frutti di bosco freschi oppure, se non sono di stagione, potete impiegare quelli surgelati. In questo caso, poneteli a scongelare dentro ad un colino prima di porli sulla crostata, in modo che il succo scoli e non inzuppi eccessivamente la torta. Se poi volete completare la vostra torta con un ulteriore tocco finale, vi consiglio di ricoprire i frutti di bosco con della gelatina per dolci.

Altre ricette

I commenti (112)

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere.
I commenti verranno aggiornati ogni 15 minuti circa.

  • Chiara ha scritto: venerdì 19 settembre 2014

    Buona sera. Al posto dei frutti di bosco che altro tipo di frutta posso usare? Grazie mille per la risposta

  • Sonia Peronaci ha scritto: lunedì 22 settembre 2014

    @Chiara: Ciao! puoi utilizzare la frutta che preferisci e che più ti piace! Banane, mele, prugne e uva ad esempio !

  • Sonia Peronaci ha scritto: mercoledì 03 settembre 2014

    @marruzzella: Ciao! Per questa ricetta sarebbe meglio utilizzarle fresche. In caso non ne avessi a disposizione ti consiglio di farle scongelare in un colino, in modo da scolare l'acqua in eccesso.Per la gelatina: aggiungi mezza bustina di gelatina in polvere e l?acqua: mescola e porta a bollore. Abbassa la fiamma e lascia sobbollire per due minuti. Con un pennello da cucina, spennella la superficie della torta con la gelatina.

  • michela ha scritto: martedì 02 settembre 2014

    ciao Sonia,quali sono le dosi per farcire 250g di pastafrolla?(con la crema pasticcera)Grazie.

  • Sonia Peronaci ha scritto: venerdì 19 settembre 2014

    @michela:Ciao, prova ad aumentare di mezza dose la crema pasticcera.

  • Sonia Peronaci ha scritto: lunedì 01 settembre 2014

    @silvia: Ciao Silvia! mi dispiace ma i legumi utilizzati per la cottura alla cieca non possono essere cucinati, possono essere solo riutilizzati solo per un'altra cottura alla cieca!

  • silvia ha scritto: lunedì 25 agosto 2014

    ma i legumi secchi utilizzati poi li devo buttare via o si possono ancora cucinare? grazie per la risposta ^_^

  • martina ha scritto: domenica 27 luglio 2014

    Ma perché a me la crema pasticcera, una volta fatta raffreddare, diventa gelatinosa?

  • Sonia Peronaci ha scritto: giovedì 17 luglio 2014

    @dony: Ciao! in alternativa ai legumi secchi puoi appoggiare direttamente sopra la pasta frolla una teglia leggermente più piccola, in modo che un recipiente contenga l'altro. In commercio si possonoa anche trovare delle palline in ceramica fatte apposta per questo tipo di cotture.

  • cri ha scritto: martedì 15 luglio 2014

    Ricetta ottima!L'ho preparata per il compleanno di mamma con i frutti di bosco freschi e abbiamo fatto tutti il bis.La frolla fatta con il burro freddo da frigor come ci suggerisci viene bene ed è pronta in un attimo! Grazie Sonia!

  • marruzzella ha scritto: domenica 13 luglio 2014

    ciao Sonia io ho le fragoline di bosco congelate vanno bene? però non so proprio come gelatinarle.puoi aiutarmi x favore è importante grazie mille

  • dony ha scritto: venerdì 13 giugno 2014

    un'alternativa ai legumi secchi? ?

10 di 112 commenti visualizzati Mostra altri commenti »

Lascia un Commento