Crostata ai frutti di bosco

Dolci e Desserts
Crostata ai frutti di bosco
132 Aggiungi al tuo ricettario
  • Difficoltà: media
  • Preparazione: 20 min
  • Cottura: 20 min
  • Dosi per: 8 persone
  • Costo: elevato
  • Nota: + il tempo di preparazione, di riposo e di cottura della crema pasticcera e della pasta frolla

Presentazione

La crostata ai frutti di bosco è un dolce fresco molto apprezzato, un vero e proprio classico goloso ed elegante, che piace davvero a tutti. Questa torta, ottima da servire come dessert o come merenda, è formata da un letto di fragrante pasta frolla ripieno di una squisita crema pasticcera. Ma cosa rende questa crostata davvero speciale e irresistibile? Il segreto è proprio il gradevole contrasto che si crea tra il dolce sapore della crema e quello fresco e leggermente acre dei frutti di bosco. Basterà una sola fetta e resterete piacevolmente stupiti della sua bontà!

 

Ingredienti per la pasta frolla (per uno stampo da 35x11 cm)
Burro freddo 85 g
Tuorli 1
Farina 00 170 g
Limoni 1/2
Zucchero a velo 70 g
per la crema pasticcera
Maizena 25 g
Latte intero 200 ml
Tuorli tuorli 3
Zucchero 70 g
Panna fresca liquida 50 ml
Baccello di vaniglia mezzo
per la ricopertura
Fragoline di bosco 125 g
More 125 g
Ribes rosso 125 g
Mirtilli 125 g
Lamponi 125 g
Menta 5 foglie

Preparazione

Crostata ai frutti di bosco

Per preparare la crostata ai frutti di bosco incominciate con la pasta frolla, partendo dalla sabbiatura: in un mixer ponete la farina setacciata ed il burro appena tolto dal frigorifero, tagliato a pezzetti (1). Frullate il tutto fino ad ottenere un composto dall'aspetto sabbioso e farinoso, quindi versate la sabbiatura ottenuta su un piano di lavoro (oppure in una ciotola) e aggiungete lo zucchero a velo setacciato (2); create la forma a fontana e al centro ponete la scorza di limone grattugiata (3).

Crostata ai frutti di bosco

Aggiungete anche il tuorlo (4), dopodichè lavorate brevemente l'impasto, giusto il tempo di compattarlo perché la frolla non si scaldi troppo con il calore delle mani e rimanga friabile (5). Formate un panetto e appiattitelo bene; avvolgetelo nella pellicola trasparente (6) e riponetelo in frigorifero almeno 30 minuti per farlo rassodare.

Crostata ai frutti di bosco

Nel frattempo preparate la crema pasticcera. Mettete sul fuoco una pentola capiente con il latte (7) e la panna liquida (8); successivamente prendete la bacca di vaniglia, incidetela con un coltellino ed estraetene i semi raschiandola. Aggiungete sia i semi sia il baccello di vaniglia alla miscela di latte e panna (9) e accendete il fuoco a fiamma bassa. Quando il composto avrà sfiorato il bollore, spegnete e lasciate la vaniglia in infusione per almeno 5 minuti.

Crostata ai frutti di bosco

Intanto ponete i tuorli in un una ciotola capiente e aggiungete lo zucchero (10). Mescolate il tutto con uno sbattitore elettrico (oppure una frusta a mano) per ottenere una crema omogenea e poi unite la maizena setacciata (11), sempre mescolando per amalgamarla bene al resto del composto. Trascorsi 5 minuti, togliete la bacca di vaniglia che avevate lasciato in infusione nel latte e panna (12).

Crostata ai frutti di bosco

A questo punto unite al composto le uova sbattute con lo zucchero e la maizena, mescolando bene con le fruste (13). Accendete nuovamente il fuoco dolce e mescolate continuamente per addensare il composto per al massimo 4 minuti. Quando la crema pasticcera sarà ben densa (14), spegnete il fuoco e versatela in una terrina bassa e ampia, coprendola immediatamente con la pellicola trasparente a contatto per evitare la formazione della fastidiosa crosticina (15); fatela raffreddare prima a temperatura ambiente e poi in frigorifero per almeno un’ora.

Crostata ai frutti di bosco

Nel frattempo imburrate ed infarinate lo stampo per crostata di 35x11 cm (in alternativa potete utilizzare uno stampo rotondo del diametro di circa 20 cm) (16); trascorsi 30 minuti, togliete la pasta frolla dal frigorifero ed eliminate la pellicola. Trasferite il panetto su di un piano di lavoro leggermente infarinato (17), dopodichè con un mattarello stendete la pasta frolla dello spessore di circa 1 cm e che misuri circa 35x11 cm (18).

Crostata ai frutti di bosco

Avvolgete la base che avete ottenuto sul mattarello e srotolatela sullo stampo rettangolare (19); una volta ben stesa, sempre con il mattarello, fate pressione sui bordi dello stampo in modo da eliminare le parti laterali in eccesso (20), infine con i rebbi di una forchetta bucherellate la superficie senza trapassare la pasta (21).

Crostata ai frutti di bosco

Procedete ora alla cottura alla cieca: ricoprite la base con della carta forno e riempite l’interno dello stampo con le sfere di porcellana (oppure con i legumi secchi) (22) e infornate in forno statico preriscaldato a 180° per circa 20 minuti (o in forno ventilato a 160° per 15 minuti): la pasta che otterrete dovrà cuocersi senza colorarsi eccessivamente. A cottura avvenuta, sfornate lo stampo, togliete le sfere (o i legumi secchi) e lasciate raffreddare la base della crostata. Una volta fredda, togliete la carta forno dalla pasta frolla (23). Trascorso il tempo di raffreddamento necessario, con un sac-à-poche con bocchetta zigrinata riempite la base della crostata con la crema pasticcera ormai fredda (24).

Crostata ai frutti di bosco

Lavate i frutti di bosco sotto acqua fresca corrente, quindi distribuiteli delicatamente su tutta la superficie della torta in maniera omogenea (25). Infine, decorate la crostata ai frutti di bosco aggiungendo le foglioline di menta (26) e servite (27).

Conservazione

Se volete, potete preparare la crema pasticcera e la pasta frolla il giorno prima e assemblare la crostata un’ora prima di servirla. Potete conservare la crostata ai frutti di bosco in frigorifero coperta da pellicola trasparente per al massimo 5 giorni. Per la pasta frolla: conservatela in frigorifero, coperta con la pellicola, per un paio di giorni al massimo; è possibile congelarla avvolta in pellicola trasparente o in un sacchetto gelo per un massimo di 2-3 mesi. Potete conservare la crema pasticcera in frigorifero per 2-3 giorni al massimo, coperta da pellicola; potete congelarla per un mese.

Consiglio

Non si può davvero resistere alla dolce bontà della crostata ai frutti di bosco! Per prepararla potete utilizzare frutti di bosco freschi oppure, se non sono di stagione, potete impiegare quelli surgelati. In questo caso, poneteli a scongelare dentro ad un colino prima di porli sulla crostata, in modo che il succo scoli e non inzuppi eccessivamente la torta. Se poi volete completare la vostra torta con un ulteriore tocco finale, vi consiglio di ricoprire i frutti di bosco con della gelatina per dolci.

Altre ricette

I commenti (132)

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere.

  • Alessia ha scritto: martedì 19 luglio 2016

    Ciao Sonia smiley per la cottura alla cieca io non ho né legumi nè sfere di porcellana... Come faccio?

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: mercoledì 20 luglio 2016

    @Alessia: Ciao Alessia, ti consigliamo di acquistarli prima di eseguire questa crostata altrimenti la frolla gonfierà rendendo difficile farcirla e guarnirla smiley un saluto!

  • Federica ha scritto: mercoledì 11 maggio 2016

    Ciao! Per una teglia da 21 le dosi sono le stesse? Posso preparare la frolla il venerdì per utilizzarla la domenica (tenendola in frigo con la pellicola)? Grazie!

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: giovedì 12 maggio 2016

    @Federica: Ciao Federica, puoi lasciare le dosi invariate! Cuocendola sabato potresti conservarla in frigorifero, altrimenti ti consigliamo di congelarla! 

  • Arianna ha scritto: giovedì 21 aprile 2016

    Dopo che ho tolto la pasta dal frigo non sono riuscita a stenderla perché si rompeva. A che cosa puó essere dovuto ció?

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: martedì 26 aprile 2016

    @Arianna: Ciao, forse hai lavorato troppo a lungo il composto all'inizio così si è sviluppata la maglia glutinica. Hai usato un mixer per realizzare la sabbiatura? La prossima volta prova a stendere la frolla tra due fogli di carta da forno per stenderla più facilmente...

  • Alessia ha scritto: giovedì 21 aprile 2016

    Ciao Sonia, dovrei comprare una Sac á poche. Mi consigli una usa e getta o classica?

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: mercoledì 27 luglio 2016

    @Alessia: Ciao Alessia, se sei solita utilizzarla puoi pensare di acquistarne una buona, altrimenti andranno bene quelle usa e getta! Un saluto smiley

  • Daniel ha scritto: martedì 19 aprile 2016

    Ciao sonia! Se io volessi fare la pasta frolla al cacao secondo te starebbe bene? E mi sai dire la ricetta per questa torta nel caso?!? Grazie mille!!!

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: martedì 19 aprile 2016

    @Daniel:Ciao Daniel, puoi provare la nostra crostata al cacao curd di agrumi e coulis di frutti di bosco smiley

  • jessica ha scritto: mercoledì 23 marzo 2016

    Ciao Sonia volevo sapere gentilmente se in questa crostata e nelle crostate di frutta solite , se posso provare a sostituire la crema pasticcera con la crema al mascarpone quella che si usa in genere per il tiramisù?? Grazie mille

  • valeria ha scritto: domenica 28 febbraio 2016

    Cari amici di GZ grazie! Ancora una volta mi siete stati di grande aiuto. Ho fatto la crostata di frutti di bosco sostituendo la crema con la marmellata di frutti di bosco. Risultato: i miei ospiti mi hanno detto che sembrava una torta di pasticcieria. Non ne é rimasta nemmeno una briciola!

  • valeria ha scritto: mercoledì 24 febbraio 2016

    Si può sostituire la crema pasticcera con la marmellata? se si albicocche o é meglio ai frutti di bosco? grazie

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: mercoledì 24 febbraio 2016

    @valeria: Ciao Valeria se preferisci non ci sono problemi! Utilizza la confettura che più preferisci: frutti di bosco se vuoi richiamare il sapore della frutta fresca oppure albicocche, se è la tua preferita. Potrebbe andar bene anche una di arance smiley

  • Edlira ha scritto: domenica 15 novembre 2015

    La torta è riuscita alla perfezione. addesso sta in frigo per raffredarsi completamente e penso domani non rimarra nulla. non è la prima volta che la faccio ed uso sempre la tua ricetta. Io ho usato una teglia rottonda ed ho dovuto radoppiare le dosi. un quarto della frolla che mi è rimasto la metto in congelatore. Grazie Sonia

  • eleonora ha scritto: lunedì 09 novembre 2015

    ciao Sonia. con cosa posso sostituire la crema pasticciera?

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: giovedì 07 gennaio 2016

    @eleonora: Ciao Eleonora! Puoi sostituirla con un'altra crema a tuo piacere, ad esempio la crema al mascarpone!

10 di 132 commenti visualizzati Mostra altri commenti »

Lascia un Commento

I commenti inviati verranno moderati dalla redazione prima di essere pubblicati.
Per maggiori informazioni CLICCA QUI

Ho preso atto dell'Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 del Codice privacy