Crostata alla confettura di albicocche

Dolci e Desserts
Crostata alla confettura di albicocche
585 Aggiungi al tuo ricettario
  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 20 min
  • Cottura: 45 min
  • Dosi per: 6 persone
  • Costo: basso
  • Nota: più il tempo di riposo della frolla in frigo

Presentazione

Crostata alla confettura di albicocche

Qual è la torta classica fatta in casa per antonomasia? Senza dubbio la crostata alla confettura di albicocche! La crostata infatti è una ricetta gustosa e soprattutto semplice da realizzare e potrete farcirla con le vostre confetture fatte in casa.
Non servono particolari strumenti, noi utilizziamo il mixer per facilitare il procedimento della sabbiatura ma voi potete tranquillamente impastare a mano come da sempre fanno le nostre nonne.
E se avete poco tempo non rinunciate ad un dolce sano e casalingo, preparate la pasta frolla in anticipo e congelatela, all’occorrenza sarà sufficiente scongelarla in frigorifero prima di utilizzarla.
La versione tradizionale della ricetta prevede la creazione di strisce ricavate dai ritagli di pasta per realizzare il tipico decoro a losanghe che caratterizza questo dolce ma potete scatenare la vostra fantasia e inventarne di nuovi, ad esempio utilizzando gli stampi per biscotti creando così delle forme nuove e originali da distribuire sulla superficie della crostata.
La crostata con confettura di albicocche è perfetta sia per un’ottima colazione sia come merenda per i bambini, provatela realizzando delle crostatine monoporzione, i vostri bimbi ne saranno entusiasti.

Ingredienti per la frolla (per uno stampo da 25 cm)
Burro freddo di frigo 150 g
Farina tipo 00 300 g
Uova solo i tuorli 3
Zucchero a velo 130 g
Limoni la scorza di 1
Per farcire
Confettura di albicocche 700 g
Per spennellare
Uova medio 1

Preparazione

Crostata alla confettura di albicocche

Per realizzare la crostata alla confettura di albicocche iniziate dalla preparazione della pasta frolla seguendo il procedimento che trovate nella scheda Pasta frolla della Scuola di cucina. Mettete nel mixer la farina, un pizzico di sale ed il burro appena tolto dal frigo a tocchetti (1), nel mixer. Frullate il tutto fino ad ottenere un composto dall'aspetto sabbioso (2) ; Ora aggiungete lo zucchero a velo (potete anche utilizzare quello semolato: in questo caso otterrete una frolla più granulosa) (3) .

Crostata alla confettura di albicocche

Grattugiate la scorza di limone (4) per aromatizzare l'impasto. Quindi versate i tuorli (5) e amalgamate velocemente il tutto, per evitare di scaldare troppo la frolla (6),

Crostata alla confettura di albicocche

fino ad ottenere un impasto compatto ed abbastanza elastico (7). Formate con l'impasto ottenuto una palla, avvolgetela con della pellicola trasparente (8) e mettete il tutto a riposare il frigo per almeno mezz'ora. prendete una stampo da crostata del diametro di 25 cm spennellate il fondo con il burro (9)

Crostata alla confettura di albicocche

e poi infarinatelo (10). Trascorso questo tempo, riprendete il panetto di pasta frolla e mettetelo su un ripiano freddo e infarinato. Stendete due terzi della frolla, in un disco dello spessore di circa mezzo cm(11). Quindi con l'aiuto del mattarello sollevate la pasta frolla stesa (12)

Crostata alla confettura di albicocche

arrotolandola sul mattarello e posizionatela sulla tortiera (13). Eliminate poi l'impasto in eccesso ritagliando accuratamente i bordi facendo scorrere il mattarello (14) bucherellate il fondo con i rebbi di una forchetta (15) e

Crostata alla confettura di albicocche

poi versatevi la confettura di albicocche (16), livellate con un cucchiaio (17); stendete l'avanzo di pasta fino ad ottenere uno spessore di 3 mm, quindi create delle strisce con un tagliapasta seghettato (18) o anche con un coltello e

Crostata alla confettura di albicocche

adagiatele superficie dello stampo incrociandole in modo da creare delle losanghe (19); spennellate con l'uovo  la frolla (20) e poi infornate in forno preriscaldato a 180° per circa 45 minuti. Quando la crostata risulterà dorata sfornatela e lasciatela raffreddare nella teglia. Una volta che si sarà raffreddata toglietela dallo stampo e traferitela su un piatto da portata, la vostra crostata alla confettura di albicocca è pronta per essere gustata!

Conservazione

Conservate la crostata alla confettura di albicocche a temperatura ambiente, sotto una campana di vetro, per 2-3 giorni al massimo.

Consiglio

Questa crostata può essere farcita o con la confettura di albicocche oppure con qualsiasi altra confettura che sia di vostro gusto e gradimento. E se volete preparare in casa la farcitura consultate le nostre ricette per realizzare le confetture! :)

Altre ricette

I commenti (585)

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere.

  • Luana ha scritto: mercoledì 15 giugno 2016

    Ciao ho provato a fare questa crostata oggi ma ho fatto un casino. La frolla non si stendeva bene e si rompeva tutta uguale le strisce....ho fatto tutto alla lettera, dove posso aver sbagliato?

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: mercoledì 15 giugno 2016

    @Luana: Se la tua frolla si sbriciola, invece di aggiungere farina basterà aggiungere all'impasto un po' d'acqua fredda o mezzo albume per recuperarla e renderla più elastica.

  • Francesca ha scritto: venerdì 10 giugno 2016

    Ciao, ieri ho provato a fare questa crostata ma è venuta poco cotta, l'ho lasciata in forno per 30 minuti fino a che non si è dorata sulla superficie. Adesso cosa ci posso fare con quella crostata? C'è un modo per cuocerla di nuovo? Grazie mille in anticipo.

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: giovedì 23 giugno 2016

    @Francesca : Ciao Francesca, ci dispiace. Probabilmente il tuo forno ha meno potenza sulla parte bassa. Prova a rimetterla in forno, sistemando la teglia sulla parte bassa, ancora per un po' tenendola d'occhio affinché non bruci! Un saluto!

  • Piera ha scritto: domenica 05 giugno 2016

    Ho bisogno di un consiglio : nella crostata la marmellata resta un po' secca, se ne metto di più la parte sotto resta poco friabile. Dove sbaglio? Come rimediare ? Help

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: lunedì 06 giugno 2016

    @Piera : Ciao Piera, probabilmente dipende dal tuo forno che è molto potente. Prova ad abbassare sensibilmente la temperatura e cuocere per qualche minuto in più smiley un saluto!

  • elly ha scritto: venerdì 03 giugno 2016

    Ciao Giallo Zafferano! Si può utilizzare l'uovo intero

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: lunedì 06 giugno 2016

    @elly: Ciao! Puoi realizzare questa pasta frolla, che contiene uova intere! 

  • mary1980 ha scritto: lunedì 30 maggio 2016

    E buonissima,il giorno dopo ancora di più,provatela!!!!

  • Grazia ha scritto: martedì 24 maggio 2016

    Buon pomeriggio staff di giallo zafferano. Il mio forno é solo ventilato, quanti gradi devo impostare per la cottura e x quanto tempo? Grazie!

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: giovedì 26 maggio 2016

    @Grazia: Ciao Grazia, solitamente consigliamo 20° in meno e 10 minuti in meno. Se dovesse cuocere troppo in fretta la superficie prova a coprire dopo metà cottura con un foglio di carta alluminio.

  • valentina ha scritto: giovedì 19 maggio 2016

    Ciao, la crostata è uno dei dolci che mi viene meglio, ma ho 2 problemi. Io faccio la pasta frolla utilizzando il Kenwood Chef, impasto gli ingredienti tutti a temperatura ambiente, utilizzando la frusta K e la velocità 1. Una volta che si compattano gli ingredienti, li tolgo dalla planetaria e formo una palla, che avvolgo nella pellicola e la metto a riposare in frigorifero per 1 ora. Quando la tolgo dal frigorifero è dura e quando la vado a stendere con il mattarello, infarinando il piano ed il mattarello, mi si rompe, così ogni volta, devo stendere la pasta direttamente nella tortiera. Per caso, per stenderla con il mattarello, una volta tolta dal frigorifero devo lasciarla “scaldare” fino a che non sia malleabile? Può essere che il mio frigorifero abbia una temperatura troppo fredda? Altro problema, è che non riesco a fare le strisce, sempre perè non riesco a stendere la frolla è schiacciandola con le mai, una volta che taglio la striscia, si rompe. In questo caso come posso fare? Io ripiego usando le formine ?

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: venerdì 27 maggio 2016

    @valentina: Ciao Valentina, una volta raffreddata la frolla, prima di tirarla, battila con il matterello così da ammorbidirla. Ricorda che va sempre lavorata a freddo, quindi non lasciarla ammorbidire troppo. Per le strisce ci vorrà un po' di pazienza, assicurati sempre che la temperatura dell'ambiente sia fresca così da lavorare più facilmente smiley un saluto!

  • Fede ha scritto: martedì 17 maggio 2016

    Buonasera, ho provato a fare questa crostata ma ho avuto un problema. La marmellata in fase di cottura ha iniziato a bollire ed è sparita quasi tutta. Da cosa può essere dipeso?. Grazie

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: giovedì 19 maggio 2016

    @Fede: Ciao, dato il problema che hai riscontrato possiamo suggerirti in caso di diminuire leggermente la dose della confettura da 700 a 600 g e allungare con un pochino di acqua prima di versare la confettura sulla crostata!

  • Eni ha scritto: domenica 15 maggio 2016

    Salve, ho fatto la pasta frolla ma purtroppo durante la lavorazione a mano si è tutto sciolto il burro formandosi tutto in briciole, è recuperabile la pasta frolla?grazie

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: martedì 17 maggio 2016

    @Eni:Ciao Eni, la prossima volta ti consigliamo di lavorare velocemente la frolla per non far scaldare troppo la frolla, inoltra usa il burro freddo per evitare questo inconveniente smiley

  • Rita ha scritto: giovedì 12 maggio 2016

    Buongiorno a tutto lo staff di Gz, ho provato a rifare la vostra ricetta....è stata un vero successo! La crostata era ottima, ma soprattutto la ricetta è riuscita al primo colpo!

10 di 585 commenti visualizzati Mostra altri commenti »

Lascia un Commento

I commenti inviati verranno moderati dalla redazione prima di essere pubblicati.
Per maggiori informazioni CLICCA QUI