Crostata alla frutta

Dolci e Desserts
Crostata alla frutta
337 Aggiungi al tuo ricettario
  • Difficoltà: media
  • Preparazione: 40 min
  • Cottura: 20 min
  • Dosi per: 8 persone
  • Costo: medio

Presentazione

La crostata alla frutta è un dolce classico ma intramontabile composto da una base di pasta frolla, uno strato di crema pasticcera e tanta frutta.
Una torta colorata, fresca e profumata, ideale per le giornate calde in arrivo e per i compleanni estivi ma anche per concedersi una coccola tutto l’anno.
Per la ricopertura potrete utilizzare la frutta che preferite, a seconda della stagione, e comporre la crostata in maniera sempre differente.
Noi vi proponiamo due decorazioni diverse: ispiratevi e lasciate esprimere la vostra fantasia!

Per la pasta frolla
Farina 250 g
Uova 2 tuorli
Vaniglia essenza la punta di un cucchiaino
Zucchero al velo 100 gr
Burro 125 g
Per la crema pasticcera
Farina o maizena 50 gr
Vaniglia 1 baccello
Zucchero 150 g
Uova 6 tuorli
Latte 500 ml
Per la ricopertura
Banane 1
Fragole 100 g
Kiwi 1
Lamponi 5
Gelatina preparato in polvere mezza bustina (tipo Tortagel) 7 gr circa
Confettura di albicocche 2 cucchiai (circa 75 gr)
Acqua 100 ml
Mirtilli freschi 100 gr (facoltativo)
Arance 1

Preparazione

Crostata alla frutta

Per la crostata alla frutta iniziate a preparare la crema (1) come illustrato nella ricetta della crema pasticcera che trovate qui. Proseguite con la pasta frolla: seguendo le dosi indicate sopra procedete secondo le istruzioni che trovate nella scheda della pasta frolla (cliccate qui). Trascorso il tempo del riposo, stendete la pasta su una spianatoia infarinata (2) per ottenere un cerchio di diametro di 34 cm circa e dallo spessore di 6/7 mm circa. Foderate uno stampo da 28 cm con carta da forno; con l’aiuto del matterello sollevate la frolla già stesa (3),

Crostata alla frutta

posizionatela sulla teglia (4) e premete per far aderire la pasta allo stampo (5). Livellate i bordi e modellateli con i rembi di una forchetta (6).

Crostata alla frutta

Bucherellate il fondo di modo che durante la cottura non si creino delle bolle e  procedete con la cottura in bianco (potete visionare il procedimento qui), ovvero coprite la pasta con carta da forno e distribuite sulla superficie dei legumi secchi. Cuocete in forno preriscaldato a 180° per circa 20 minuti (la pasta deve cuocersi senza colorarsi eccessivamente). Sfornate la base di frolla e una volta raffreddata, con l’aiuto di una siringa per dolci (o una sac-à-poche), riempite il fondo della crostata con la crema pasticcera (8-9).

Crostata alla frutta

Tagliate la frutta a fette sottili (10-11) e disponetela a cerchi concentrici sulla crostata, alternando la frutta che preferite. Potete iniziare con un primo giro di fragole, proseguire con metà arancia tagliata a fette  (12), i kiwi, le banane e

Crostata alla frutta

infine disporre al centro i lamponi interi (13). Preparate la gelatina mettendo due cucchiai di confettura di albicocche in un pentolino (14) insieme al succo della mezza arancia restante (15).

Crostata alla frutta

Aggiungete mezza bustina (7 gr circa) di gelatina in polvere (16) e l’acqua (17): mescolate e portate a bollore. Abbassate la fiamma e lasciate sobbollire per due minuti. Con un pennello da cucina, spennellate la superficie della vostra crostata con la gelatina (18), lasciate raffreddare e fate riposare in frigorifero per almeno 2 ore.

Il consiglio di Sonia

In alternativa alla gelatina illustrata nella ricetta potete utilizzare una bustina intera di gelatina in polvere seguendo le istruzioni riportate sulla confezione. Potete anche usare la gelatina in foglio: ammollate 6 gr di fogli in acqua fredda e scioglieteli in un pentolino con 200 ml di acqua e un cucchiaio di zucchero. Se preferite potete iniziare la composizione disponendo prima le arance, poi i kiwi, le fragole e le banane, guarnendo la torta con una manciata di mirtilli, come nella foto di presentazione.

Altre ricette

I commenti (337)

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere.
I commenti verranno aggiornati ogni 15 minuti circa.

  • mar ha scritto: lunedì 25 maggio 2015

    Ciao Sonia!una domanda,sai l'impasto dei biscotti di san valentino?secondo te è possibile usarlo per fare questa crostata?perchè era perfetto...friabile da sciogliersi in bocca

  • Vincenza ha scritto: lunedì 25 maggio 2015

    Ciao Sonia perché la mia crostata viene sempre dura non ostante le dosi e procedimento?grazie

  • Sonia Peronaci ha scritto: lunedì 25 maggio 2015

    @Vincenza: ciao Vincenza, prova a lavorare la frolla per meno tempo, potrebbe dipendere dal fatto che l'impasto si scalda troppo! 

  • Giovanna ha scritto: giovedì 14 maggio 2015

    Ciao Sonia, domani farò questa crostata per degli amici siamo in quattro e userò uno stampo da 28....credi sia opportuno dimezzare le dosi? la farina mi pare un pò pochina per fare la frolla mentre la dose che hai indicato tu mi pare eccessiva non vorrei un dolce troppo grande. Attendo una risposta....Grazie mille

  • Sonia Peronaci ha scritto: venerdì 15 maggio 2015

    @Giovanna: Ciao Giovanna! Anche noi abbiamo utilizzato uno stampo da 28 cm per cui usa tranquillamente quello con le dosi indicate nella ricetta smiley

  • ilaria ha scritto: domenica 10 maggio 2015

    Ciao Sonia! Ci tenevo a ringraziarti tantissimo per questa ricetta (e tante altre in realtà). Io non amo particolarmente i dolci, ma questa crostata è divina! Ci metto tantissimo tempo a prepararla, ma il risultato è eccezionale..peccato che essendo 5 in famiglia, dopo un giorno e mezzo è finita!! smiley Crostata ottima, la consiglio a tutti!!!

  • Sonia Peronaci ha scritto: lunedì 11 maggio 2015

    @ilaria: Ciao Ilaria! Grazie per i bei complimenti! Sono davvero felice che possa usufruire delle tue riuscite culinarie anche la famiglia smiley

  • eleonora ha scritto: martedì 05 maggio 2015

    ciao sonia mi chiedevo se sul fondo della crostata prima di mettere la crema posso spalmare con un po di marmellata? Una volta ne ho assaggiata una simile ed era molto buona se si quale gusto mi consigli? albicocche come per la copertura? Grazie.

  • Sonia Peronaci ha scritto: giovedì 07 maggio 2015

    @eleonora: Ciao Eleonora, potresti provare anche se non sono sicura della riuscita perchè non ho mai sperimentato questa variante. Se provi fammi sapere smiley

  • rosa anna ha scritto: lunedì 04 maggio 2015

    Ciao Sonia, vorrei fare una pasta frolla più morbida, mi consigli un'altra ricetta o aggiungo semplicemente mezza bustina di lievito?

  • Sonia Peronaci ha scritto: lunedì 04 maggio 2015

    @rosa anna: Ciao! Potresti provare la pasta frolla alla ricotta smiley

  • Mica ha scritto: sabato 02 maggio 2015

    Ciao Sonia! Posso preparare l'impasto della crostata il giorno prima e conservarla in frigo?

  • Sonia Peronaci ha scritto: mercoledì 06 maggio 2015

    @Mica: Ciao Mica, intendi la base, cioè la pasta frolla? In quel caso si, tieni il panetto in frigorifero coperto con pellicola e poi lo utilizzi normalmente smiley

  • Sandra ha scritto: giovedì 30 aprile 2015

    Ciao Sonia sto preparando la crostata...adesso la pasta riposa in frigo....tra un pò vado al lavoro...posso cucinare la crostata e stasera quando torno mettere la crema e guarnirla?Grazie

  • Sonia Peronaci ha scritto: giovedì 30 aprile 2015

    @Sandra: Ciao Sandra! Nn credo ci saranno problemi se fai così! Però fai la crema poco prima di farcirla smiley

  • Arianna ha scritto: domenica 26 aprile 2015

    Ciao Sonia smiley posso usare la scorza grattugiata di un limone al posto dell'essenza di vaniglia per la frolla? Grazie smiley

  • Sonia Peronaci ha scritto: lunedì 27 aprile 2015

    @Arianna: ciao Arianna, certamente! La scorza del limone andrà benissimo per aromatizzare la pasta frolla! 

  • Antonella ha scritto: venerdì 24 aprile 2015

    Non so perché ho fatto una crostata che mi sembra di pietra Antonella

  • Sonia Peronaci ha scritto: venerdì 24 aprile 2015

    @Antonella: ciao Antonella, probabilmente hai lavorato troppo l'impasto! In questo modo infatti otterrai l'esatto contrario di una pasta frolla friabile! 

10 di 337 commenti visualizzati Mostra altri commenti »

Lascia un Commento