Crostata di ricotta

Dolci e Desserts
Crostata di ricotta
238 Aggiungi al tuo ricettario
  • Difficoltà: media
  • Preparazione: 30 min
  • Cottura: 60 min
  • Dosi per: 8 persone
  • Costo: medio
  • Nota: + il tempo di raffreddamento della pasta frolla

Presentazione

La crostata di ricotta è un dolce classico perfetto per ogni momento della giornata: da offrire a fine pasto o per una merenda golosa a grandi e piccoli! Una friabile frolla nasconde un cuore di crema alla ricotta e gocce di cioccolato: un connubio perfetto per ottenere un dessert dal gusto pieno e avvolgente. Con questa ricetta potrete prendere per la gola chi è amante di questo cremoso latticino dal sapore delicato, ideale per tante preparazioni; con questa crostata dal ripieno morbido e profumato stuzzicherete il palato dei vostri ospiti riscuotendo un grande successo! Se preferite poi al posto delle gocce di cioccolato per il ripieno potreste creare un'altra variante, scegliendo l'uvetta da ammollare magari nel succo di arancia prima di impiegarla per la preparazione!

Ingredienti per la frolla (per uno stampo di 24 cm di diametro)
Farina tipo 00 500 g
Zucchero a velo 200 g
Uova tuorli 4
Burro freddo di frigo 290 g
Limoni la scorza di 1
Per il ripieno
Ricotta vaccina 1 kg
Zucchero 300 g
Uova tuorli 4
Vaniglia bacca 1
Arance la scorza grattugiata di 1
Limoni la scorza grattugiata di 1
Cannella in polvere 4 g
Cioccolato gocce 100 g

Preparazione

Crostata di ricotta

Per preparare la crostata di ricotta iniziate dalla pasta frolla: nel mixer ponete la farina e il burro freddo a pezzetti (1), quindi azionate le lame e create la sabbiatura (2). Rovesciatela sul piano di lavoro e create la classica forma a fontana, unite lo zucchero a velo setacciato (3)

Crostata di ricotta

la scorza grattugiata del limone e i tuorli (4-5). Poi iniziate a impastare prima con i rebbi di una forchetta (6)

Crostata di ricotta

quando i tuorli si saranno amalgamati alla farina (7) continuate a mano velocemente per non scaldare la frolla, giusto il tempo di formare un panetto (8). Schiacciatelo leggermente e avvolgetelo nella pellicola (9); riponete la frolla in frigorifero a rassodare per almeno 30 minuti.

Crostata di ricotta

Intanto dedicatevi al ripieno: grattugiate la scorza di limone e arancia (10-11); poi versate nel mixer i tuorli, lo zucchero (12),

Crostata di ricotta

i semini di una bacca di vaniglia (13), la scorza grattugiata di arancia e limone (14). Quindi unite anche la cannella in polvere (15).

Crostata di ricotta

Per ultima aggiungete la ricotta (potete farla scolare in un colino in frigorifero circa 2 ore prima di impiegarla nella ricetta, meglio ancora se tutta la notte) (16). Azionate il mixer e riducete gli ingredienti ad un composto cremoso (17). Ponete la crema in frigorifero coperta con pellicola fino al momento di utilizzarla, intanto imburrate uno stampo di 24 cm di diametro (18)

Crostata di ricotta

e stendete la frolla della crostata formando due dischi: uno poco più grande di 24 cm di diametro che servirà per la base e i bordi della crostata e l'altro di 24 cm che servirà come ricopertura (19). Se avete difficoltà a stendere la pasta frolla, ponete il panetto tra due fogli di carta da forno e stendete sempre con il mattarello. Arrotolate il disco sul mattarello e srotolatelo nello stampo delicatamente (20). Rifilate i bordi con un coltellino (21) e bucherellate il fondo con i rebbi di una forchetta.

Crostata di ricotta

quindi farcite la crostata con la crema alla ricotta distribuendola uniformemente con il dorso di 1 cucchiaio (22). Distribuite uniformemente le gocce di cioccolato (23); quindi stendete l’altro disco di frolla come avete fatto per il precedente e adagiatelo sul ripieno (24).

Crostata di ricotta

Sigillate la crostata ripiegando i bordi della pasta frolla verso l'interno creando un cordoncino (25); e bucherellate la superficie (26). Cuocete la crostata di ricotta in forno statico preriscaldato a 175° per circa 60 minuti (se forno ventilato a 155° per 50 minuti). Una volta cotta, sfornatela e lasciatela intiepidire, quindi sformatela e servitela per una golosa merenda (27)!

Conservazione

La crostata di ricotta si conserva in frigorifero per 2-3 giorni, coperta con pellicola o posta in un contenitore ermetico. Quando dovete servirla, fatela riposare almeno 15 minuti a temperatura ambiente prima di offrirla.

Si può congelare se avete utilizzato ingredienti freschi non decongelati.

Il consiglio di Sonia

Al posto delle gocce di cioccolato potete aggiungere 40 gr di uvetta, precedentemente ammollata nel succo di arancia. Se invece è stagione, potreste arricchire il ripieno con dadini di pera!

Altre ricette

I commenti (238)

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere.
I commenti verranno aggiornati ogni 15 minuti circa.

  • Gloria ha scritto: martedì 25 novembre 2014

    Ciao, come mai e' stata modificata la ricetta? Era perfetta...anche la pasta frolla? ! come mai 290g e non più 250g di burro? tutto cambiato....era il mio cavallo di battaglia....proverò anche questa versione domenica.....mi puoi rispondere x favore?

  • Gloria ha scritto: martedì 25 novembre 2014

    Ciao, come mai e' stata modificata la ricetta? Era perfetta...anche la pasta frolla? ! come mai 290g e non più 250g di burro? tutto cambiato....era il mio cavallo di battaglia....proverò anche questa versione domenica.....mi puoi rispondere x favore?

  • Gloria ha scritto: domenica 23 novembre 2014

    gocce di cioccolato e pezzetti di pera non vanno infarinati x evitare che finiscano sul fondo?

  • monica ha scritto: giovedì 20 novembre 2014

    Serve una ricotta specifica per la crostata?...come mai si e gomnfiata in forno dopo spento sgonfiata

  • Sonia Peronaci ha scritto: giovedì 20 novembre 2014

    @monica: No puoi usare ricotta vaccina, di pecora o di bufala. Se si è sgonfiata forse necessitava di qualche altro minuto di cottura! Riprovaci! smiley

  • Silvietta ha scritto: mercoledì 15 ottobre 2014

    Ho provato questo condimento per farcire la mia crostata ma la crema alla ricotta era talmente liquida che nel mettere il primo strato di losanghe si sono completamente affondate in essa rovinando tutto l'aspetto estetico...sono anni che faccio crostate ed é la prima volta che mi capita, cosa può esser capitato?

  • Annalisa ha scritto: martedì 07 ottobre 2014

    Io ho ripetuto la ricetta due volte .La prima ho applicato tutto alla lettera ( buonissima !!) . Per la seconda , ho usato i recipienti per crostatine e invece dell'uvetta / cioccolata , ho usato i ribes ( dal sapore leggermente agro ma secondo me buonissimi!!) .. Il risultato ? Delle deliziose merendine che deliziano il palato smiley Un vero successo !!!

  • lara10 ha scritto: domenica 05 ottobre 2014

    Ciao Sonia, si può congelare la crostata di ricotta ? Grazie per la ricetta e per la tua gentilezza, ciao !

  • Sonia Peronaci ha scritto: giovedì 16 ottobre 2014

    @lara10:Ciao, se hai utilizzato ingredienti freschi non decongelati si!

  • Eloise ha scritto: giovedì 25 settembre 2014

    appena sfornata..deve essere buonissima..bella esteticamente! cmq nn ho cotto la crema e ho messo un uovo in meno perche' volevo una ricotta meno liquida.

  • Clara ha scritto: giovedì 18 settembre 2014

    É normale che la mia in 40 minuti sia dorata?

  • Chiara ha scritto: giovedì 11 settembre 2014

    Fatta ieri, non ho fatto bollire la crema, la pasta frolla con la vostra ricetta è venuta bene anche se era un pò troppo fragile. L'ho cotta per 65' in forno ventilato a 170 gradi circa; la crema è venuta benissimo, compatta al punto giusto, invece la pasta avrebbe avuto bisogno di una decina di minuti di cottura in più (invece io ho spento il forno perchè esternamente era dorata). Sarebbe stato possibile cuocere un pochino la pasta da sola all'inizio e poi aggiungere la crema? oppure era semplicemente stesa troppo grossa? credo che non superasse il mezzo centimetro di spessore...

10 di 238 commenti visualizzati Mostra altri commenti »

Lascia un Commento