Fagiolini alla pugliese

Contorni
Fagiolini alla pugliese
33 Aggiungi al tuo ricettario
  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 10 min
  • Cottura: 25 min
  • Dosi per: 4 persone
  • Costo: basso

Presentazione

I fagiolini alla pugliese, come si evince dal nome, rappresentano un tipico e saporito contorno della Puglia, e vengono preparati lessandoli in acqua salata, per poi saltarli in padella assieme ad un condimento di pomodori pelati insaporiti con olio extravergine di oliva, aglio, peperoncino e prezzemolo.

La Puglia è una terra generosa di ortaggi, che vengono largamente adoperati nelle ricette locali, persino per condire molti primi piatti di pasta tipica; prime fra tutte, ricordiamo le famose "orecchiette con le cime di rapa".

Ingredienti
Fagiolini 1 kg
Aglio 2 spicchi
Olio extravergine di oliva 4-5 cucchiai
Peperoncino piccante 1 piccolo
Sale q.b.
Prezzemolo tritato 2 cucchiai
Pomodori pelati 450 gr

Preparazione

Fagiolini alla pugliese

Per preparare i fagiolini alla pugliese iniziate spuntatando fagiolini uno per uno, togliendo gli eventuali filamenti, che non dovrebbero essere presenti nei fagiolini teneri o novelli (1); lavateli con dell’acqua fredda (2) e fateli lessare per circa 15 /20 minuti in acqua salata, dopodiché metteteli a scolare in uno scolapasta. Intanto lavate e tritate il prezzemolo, e passate al setaccio (o passaverdure) i pomodori pelati (3).

Fagiolini alla pugliese

Ponete in un tegame l’olio, il peperoncino e l’aglio schiacciato, che farete imbiondire; aggiungete il passato di pomodoro  (4) e lasciate cuocere a fuoco allegro per qualche minuto, poi unite i fagiolini, aggiustate di sale e lasciate cuocere per altri 5 minuti (5); a questo punto spegnete il fuoco, spolverizzate il tutto con il prezzemolo tritato (6), mescolate e servite i fagiolini alla pugliese.

Consiglio

I fagiolini alla pugliese sono un appetitoso contorno, che può essere servito anche tiepido o a temperatura ambiente.
Volendo potreste usarli anche come condimento per un bel piatto di pasta, che spolverizzerete con abbondante formaggio grattugiato.

Altre ricette

I commenti (33)

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere.
I commenti verranno aggiornati ogni 15 minuti circa.

  • Lorenzo ha scritto: giovedì 23 aprile 2015

    I fagiolini pugliesi (pinti?) sono fini e non molto lunghi. Si cuocciono insieme agli spaghetti e si condiscono (saltano) con un sughetto di olio, aglio, pomodoro passato , origano, sale e peperoncino q.b. Li coltivava mio nonno e li cucinava mia nonna e mia madre. Si trovano spesso in Puglia nella stagione primavera-estiva, difficili fuori regione, anche i semi, purtoppo. Non so perchè non siano coltivati altrove. Vera ricetta pugliese (barese), più sapore, come altre ricette di pastra e verdure cotte insieme.

  • Cecilia ha scritto: venerdì 17 aprile 2015

    Ricetta buonissima! Me la sto gustando ora con un tomino alla piastra, abbinamento improvvisato e perfetto!

  • Anna ha scritto: lunedì 08 dicembre 2014

    li sto preparando x pranzo! E una di quelle ricette che mi ricorda mia nonna e mia mamma!!!

  • xJuStInJuStIcEx ha scritto: mercoledì 14 maggio 2014

    La sto preparando per pranzo e l'aggiungerò alla pasta! Grazie mille per il suggerimento! smiley PS: A me piace il sapore dell'aglio, quindi proverò a metterne meno ad imbiondire e aggiungendone un po' tritato finemente a crudo, poco prima di saltare con la pasta. Sarà buonissimo! E poi l'aglio crudo è un toccasana!

  • Wally ha scritto: giovedì 01 agosto 2013

    Anche in Veneto questa ricetta si chiama "tegoline in tecia" ma non vanno lessati prima. Io li faccio spesso e li cucino direttamente nel sugo di pomodoro fatto con un po' di soffritto di cipolla, metto pochissima acqua e li cucino in pentola a pressione per circa 7/8 minuti. Vengono molto saporiti. E' un vero delitto lessarli prima perché perdono nell'acqua tutte le vitamine e i sali minerali, e perdono anche sapore.

  • annina ha scritto: sabato 20 luglio 2013

    che bella idea .Nel mio orto sto raccogliendo fagiolini a gògò e li facevo solo in insalata o in minestra.Ora provo la tua ricetta

  • Sonia Peronaci ha scritto: lunedì 07 gennaio 2013

    @muriel: sì! ha senso!

  • muriel ha scritto: domenica 06 gennaio 2013

    Vorrei chiedere un consiglio: ha senso lessare i fagiolini insieme a una cipolla per dargli più sapore? Sono alle prime armi in cucina. Grazie

  • Vanna ha scritto: giovedì 20 settembre 2012

    li ho provati oggi, con aglio, peperoncino, salsa e pangrattato, ottimi

  • Romano ha scritto: giovedì 06 settembre 2012

    Anche io sono pugliese come te e vivo in Friuli; ma i fagiolini (tegoline) che si trovano nei nostri negozi di frutta e verdura non hanno bisogno di bollire per 15 o 20 minuti, perchè andrebbero tutti in "cianciarelle" come si suol dire qui in Friuli. Io personalmente li butto in acqua salata bollente, li scolo dopo 10 minuti e poi li ripasso in olio e.v.o. insaporito con aglio e con aggiunta di pomodori freschi o di pomodori in scatola (uno per persona). Mandi, mandi, Romano

10 di 33 commenti visualizzati Mostra altri commenti »

Lascia un Commento