Fegato alla veneziana

/5
Fegato alla veneziana
72
  • Difficoltà: molto bassa
  • Preparazione: 10 min
  • Cottura: 15 min
  • Dosi per: 4 persone
  • Costo: molto basso

Presentazione

Il fegato alla Veneziana fa parte delle molte ricette tipiche della tradizione gastronomica veneta.
Tra i vari piatti tipici, questo è sicuramente uno dei più conosciuti in tutto il mondo per il suo sapore inconfondibile e particolare che accosta il sapore deciso del fegato all'aroma della cipolla.
Le origini di questo piatto, chiamato in veneto figà àea Venessiana, risalgono addirittura al tempo dei Romani che usavano cucinare il fegato insieme ai fichi per coprirne l'odore un pò forte.
I Veneziani col passare del tempo sostituirono i fichi con le cipolle e fecero diventare questa ricetta una delle più apprezzate della cucina Veneta.

Preparazione

Come preparare il Fegato alla veneziana

Fegato alla veneziana

Per realizzare il fegato alla veneziana, iniziate sbucciando la cipolla, poi affettatela (1), lavate, asciugate e tritate anche la salvia (2). In una padella sciogliete il burro (3) con l’olio,

Fegato alla veneziana

poi unite le cipolle affettate (4) e aggiungete l’acqua (5) e proseguite la cottura a fuoco dolce per 5 minuti, poi unite la salvia tritata (6)

Fegato alla veneziana

e l’aceto di vino bianco (7) , proseguite la cottura per altri 5 minuti o fino a quando le cipolle non saranno appassite. Intanto sciacquate sotto l’acqua correte le fette di fegato (8),asciugatele con un panno carta e poi adagiatele nella padella con le cipolle (9),

Fegato alla veneziana

cuocete a fuoco alto per 5 minuti avendo cura di girarle a metà cottura (10). Quando il fegato alla veneziana sarà pronto (11), trasferitelo su un piatto di portata, salate e servitelo subito (12).

Conservazione

Si consiglia di consumare subito il fegato alla veneziana e si sconsiglia la congelazione.

Consiglio

Se vogliamo parlare di variazioni, qui il tema è: come alleggerire. Be’, usare solo l’olio per cuocere è un buon inizio. Anche perché il fegato non va mai riscaldato (diventa duro), quindi una volta pronto andrà anche finito!

Se preferite al posto dell'aceto potete usare il succo di limone.

Curiosità

Sembra che il nome del fegato derivi dalla antica ricetta del fegato "ficatum", preparata dai Romani con il fegato ed i fichi.

Leggi tutti i commenti ( 72 )

Altre ricette

Ricette correlate

Antipasti

Il baccalà mantecato alla veneziana è una ricetta delicata e raffinata: una crema di baccalà condito con olio, aglio e servito con…

  • Difficoltà: media
  • Preparazione: 30 min
  • Cottura: 30 min
Baccalà mantecato alla veneziana

Antipasti

Il patè di fegato è un'indiscussa prelibatezza della grande cucina francese e vanta antichissime origini, infatti era già…

  • Difficoltà: media
  • Preparazione: 30 min
  • Cottura: 30 min
Pate' di fegato

Primi piatti

I canederli di fegato, sono un primo piatto tipico del Trentino Alto Adige; ottimi con brodo di carne oppure con crauti o con carne…

  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 20 min
  • Cottura: 5 min
Canederli di fegato

Lievitati

Le veneziane alla crema sono morbide brioches dalla lenta lievitazione, ricoperte con crema e granella di zucchero, profumate…

  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 60 min
  • Cottura: 40 min
Veneziane alla crema

Primi piatti

La paniscia alla novarese è un piatto ricco tipico della tradizione piemontese, dal sapore rustico e intenso.

  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 30 min
  • Cottura: 140 min
Paniscia alla novarese

Secondi piatti

I mondeghili sono delle polpette tipiche milanesi fritte nel burro preparate con pane raffermo, grana, carne, salsiccia e mortadella…

  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 30 min
  • Cottura: 70 min
Mondeghili (Polpette milanesi)

Primi piatti

Il risotto ai fegatini è un primo piatto povero della tradizione contadina diffuso in tutta Italia.

  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 15 min
  • Cottura: 30 min
Risotto ai fegatini

Altre ricette correlate

I commenti (72)

Lascia un commento o chiedici un consiglio

  • Mariossian ha scritto: sabato 30 settembre 2017

    Io la cipolla la faccio al vapore, soffriggendola in seguito per pochissimo tempo in olio EVO con una noce di burro. (la reperibilità del burro a Venezia non era certo un problema, visto che era la città con più scambi commerciali al mondo). Comunque con le cipolle al vapore il piatto ne guadagna in leggerezza. Fegato tagliato a listarelle come dio (anzi, il Doge) comanda e vino, non aceto, su questo sono d'accordo smiley

  • AndyPD ha scritto: giovedì 17 agosto 2017

    Buongiorno, da Padovano suggerisco la mia versione: cipolla bianca fresca a pari peso con il fegato che và affettata grossa (almeno 3-4mm) e fatta stufare coperta a fuoco bassissimo con un giro abbondante di EVO (a Venezia il burro non era di certo un condimento di uso comune, essendo priva di pascoli bovini e per la scarsa conservabilità del burro, grassi animali e olio erano di uso diffuso) una presa di sale e un rametto di rosmarino. Quando la cipolla appare trasparente si aggiunge il fegato tagliato a listarelle e si continua la cottura a fuoco medio per 10 minuti sempre a padella coperta. Se il fegato non è freschissimo di giornata rilascerà poco liquido si può quindi aggiungere uno spruzzo di vino (bianco o rosso a gusto personale). Si termina la cottura a fuoco pieno con padella scoperta fino a evaporazione dei liquidi. La cipolla deve essere diventata quasi una crema con grossi pezzettoni. Inutile dire che la morte sua è accompagnare il piatto con polenta fresca o abbrustolita che sia. Se posso dire la mia senza offesa per nessuno, se in ristorante mi presentano un piatto come quello nelle immagini lo rimando in cucina: cipolla soffritta, aceto e salvia? è vero che c’è una versione a ogni angolo ma questa francamente non l’ho mai sentita nè assaggiata. L’aceto è usato per stufare le cipolle nella preparazione delle “Sardee in Saor”, forse c’è stata un pò di confusione tra le due ricette. Un grazie di cuore per le splendide ricette e le idee che mi suggeriscono.

Leggi tutti i commenti ( 72 ) Scrivi un commento

Lascia un Commento

I commenti inviati verranno moderati dalla redazione prima di essere pubblicati.
Per maggiori informazioni CLICCA QUI

Ho preso atto delle Condizioni d'uso e dell'Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 del Codice privacy

Fatte da voi

Aggiungi le foto delle tue ricette e mostra il tuo risultato

Vedi anche

Ultime ricette

Piatti Unici

I cannelloni di crespelle sono un primo piatto ricco che si ispira al più classico dei primi piatti della domenica, i cannelloni di pasta fresca!

  • Difficoltà: media
  • Preparazione: 30 min
  • Cottura: 35 min

Dolci

Gatti di Santa Lucia (Lussekatter) sono tipici dolcetti svedesi, morbidi e golosi. Si preparano il 13 dicembre, per commemorare il culto cristiano.

  • Difficoltà: media
  • Preparazione: 30 min
  • Cottura: 25 min

Antipasti
Primi
Secondi
Dolci
Antipasti di Natale
Dolci di Natale
Antipasti veloci
Pasta
Biscotti di Natale
Dolci veloci
Torte
Facili e veloci