Felafel (Falafel)

Contorni
Felafel (Falafel)
332 Aggiungi al tuo ricettario
  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 30 min
  • Cottura: 5 min
  • Dosi per: 4 persone
  • Costo: basso
  • Nota: + 12 ore di ammollo per i ceci

Presentazione

Felafel (Falafel)

Basta dire Felafel perché a qualcuno vengano in mente vicoli profumati di spezie e atmosfere suggestive e variopinte di mercati mediorientali che risuonano di voci. Ad altri, invece, il pensiero torna con un po’ di nostalgia ai cartocci fumanti comprati al Doner Kebab a tarda notte ai tempi dell’università, quando eravamo studenti fuori sede sempre affamati e con il frigo vuoto. Qualunque sia la vostra versione della storia, con questa ricetta potrete riviverla nella cucina di casa vostra: felafel infallibili, dorati e croccanti! Per cenette tra amici, feste o insolite merende, queste pepite speziate della tradizione street food dei paesi arabi faranno la gioia dei vostri palati e accenderanno le vostre serate. Siete pronti a prepararle con noi? Felafe: ecco a voi la nostra versione!

Ingredienti per le felafel
Ceci secchi 500 g
Cipolle 1
Aglio 1 spicchio
Cumino in polvere 1 pizzico
Prezzemolo 1 mazzetto
Sale fino 1 pizzico
Pepe nero 1 pizzico
Per la frittura
Olio di arachidi 1 l

Preparazione

Felafel (Falafel)

Per preparare le felafel, cominciate la sera prima, mettendo in ammollo i ceci secchi in acqua fredda per almeno 12 ore. Scolateli e sciacquateli, poi asciugateli accuratamente con un panno pulito: dovranno risultare perfettamente asciutti al momento dell’utilizzo per garantire un impasto della giusta consistenza (per assicurarvi che perdano ogni traccia di acqua in eccesso, potete asciugarli ulteriormente per 10 minuti in forno ventilato preriscaldato a 100°). Dopo aver svolto queste operazioni preliminari, ponete i ceci nel mixer (1) insieme alla cipolla tagliata in grossi pezzi (2). Aggiungete all’interno del mixer anche l’aglio, spremendolo con l’apposito spremiaglio (3).

Felafel (Falafel)

Insaporite quindi con il cumino (4), il sale (5) e il pepe (6), e azionate le lame per ridurre l’impasto in poltiglia.

Felafel (Falafel)

Tritate il prezzemolo (7) e aggiungetelo all’impasto (8): è importante svolgere questa operazione a parte, e non direttamente nel mixer con gli altri ingredienti, perché in quel modo il prezzemolo rilascerebbe troppa acqua bagnando eccessivamente l’impasto. Amalgamate bene il tutto e trasferite il composto in una pirofila (9), compattandolo bene con il dorso di un cucchiaio.

Felafel (Falafel)

Coprite con pellicola (10) e ponete in frigo a rassodare per almeno 1 ora. Trascorso questo tempo, recuperate l’impasto e formate i felafel con l’apposito strumento (11) oppure a mano, prendendo di volta in volta piccole palline di impasto e schiacciandole leggermente per ottenere la tipica forma dei felafel. In pentola scaldate abbondante olio di semi a 170°, e friggetevi pochi felafel per volta (12)

Felafel (Falafel)

Fino alla doratura (13). Prestate grande attenzione alla temperatura dell’olio, che non deve superare quella indicata, altrimenti i felafel si sfalderanno. Scolate i vostri felafel e fate asciugare l’olio in eccesso su carta assorbente (14). Servite i vostri felafel ben caldi (15)!

Conservazione

I felafel crudi si conservono in frigo coperti per 4-5 giorni. Si possono congelare per circa 1 mese, se avete utilizzato solo ingredienti freschi e non decongelati. Una volta fritti, vanno consumati al momento.

Consiglio

La ricetta originale prevede l’uso del coriandolo fresco al posto del prezzemolo, ma data la sua difficile reperibilità e il sapore un po’ particolare potete sostituirlo con il prezzemolo come abbiamo fatto noi. Se invece volete personalizzare le vostre polpettine, aggiungete una generosa dose extra di spezie, spaziando dalla curcuma al peperoncino, fidandovi del più severo dei giudici: il vostro palato!

Altre ricette

I commenti (332)

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere.

  • Michele ha scritto: domenica 28 agosto 2016

    Venuti perfetti !! Ho asciugato i ceci prima in forno e poi stesi su un canovaccio con un ventilatore puntato contro .... Ho rinfrescato molto l'impasto in frigorifero appena prima di metterli nella friggitrice !! Ciao ????????

  • ANNA ha scritto: lunedì 22 agosto 2016

    Dopo aver letto i commenti non ero convinta. Ma siccome ogni volta che seguo le tue ticette è sempre un successo.... non mi son fatta demoralizzare. E infatti... OTTIME!!!!! Grazie mille

  • fabio ha scritto: lunedì 01 agosto 2016

    ciao, qualche domanda, x chi già sà smiley che variazioni andrebbero fatte per una preparazione al forno? aggiungere una piccola patata per non farle sfaldare aiuterebbe? 180° - 20min secondo voi è suff. ? grazie ciao buon falafel a tutti

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: martedì 02 agosto 2016

    @fabio: Ciao Fabio puoi cuocere i felafel in forno senza modificare la ricetta! Ti consigliamo di utilizzare la modalità statica e preriscaldare il forno a 180°! Basteranno 20-25 minuti e potrai girare i felafel a metà cottura smiley 

  • Greta ha scritto: domenica 24 luglio 2016

    Ho seguito i passaggi alla lettera con anche il passaggio in forno per fare asciugare i ceci ma in frittura si sono sfaldate. Allora le ho messe in forno dove hanno tenuto la cottura. Buone, ma niente a che vedere con quelle fritte che evidentemente non è possibile fare con questa ricetta. Servite con tzaziki.

  • conny ha scritto: venerdì 22 luglio 2016

    io li ho fatti con i ceci cotti, ammolo 10/12 ore poi in pentola a pressione 30 min.ho aggiunto un uovo, tante spezie e peperoncino, in cottura sono delicati però hanno tenuto bene. ottimi davvero

  • Germana ha scritto: giovedì 21 luglio 2016

    Come prima volta le ho fatte con le lenticchie rosse. Sono soddisfatta del risultato, ma la prossima volta le farò più spesse, anche se belle croccanti sono state un vero sfizio.

  • Katia Tolomelli ha scritto: martedì 05 luglio 2016

    Veramente buoni! Ho seguito la vostra ricetta riducendo a 8 ore l'ammollo dei ceci, non volevo cenare a mezzanottesmiley ed ho sostituito il porro alla cipolla che non avevo in casa... Veramente buoni quelli fatti subito e ancora più buoni quelli fritti il giorno dopo perché la quantità è abbondante per due... Li ho accompagnati con babaganoush, hummus e un freschissimo sauvignon neozelandese smiley

  • aliascook ha scritto: domenica 03 luglio 2016

    Fatti stasera per cena.. premetto che avevo qualche timore dopo aver letto i tanti commenti delusi ed invece, seguendo attentamente la ricetta, sono riusciti esattamente come desideravo... e come li ho sempre mangiati in paesi del Medio Oriente o da alcuni venditori di Kebab qui in Italia... Concordo con chi scrive che forse 12 ore di ammollo sono poche ma non saprei, io ho da subito optato per le 24 ore.. La prossima volta voglio provarli con il coriandolo fresco.. e magari al forno.. Grazie per la ricetta!

  • forica ha scritto: giovedì 30 giugno 2016

    Ho seguito la ricetta e poi li ho cotti al forno però i ceci sono rimasti un po' un po' crudi e troppo asciutta è un po' insipidi questo pizzico di sale che avete suggerito era troppo poco

  • Rinoa ha scritto: domenica 19 giugno 2016

    Anche a me in cottura si sono liquefatti... Ho usato i ceci in scatola e dai commenti che ho letto è forse stato quello l'errore. Non mi arrendo e riprovo a farli perchè in forno il gusto non era un gran che.

10 di 332 commenti visualizzati Mostra altri commenti »

Lascia un Commento

I commenti inviati verranno moderati dalla redazione prima di essere pubblicati.
Per maggiori informazioni CLICCA QUI

Ho preso atto dell'Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 del Codice privacy