Filetto in crosta con salsa al Porto e aria di caffè

Secondi piatti
Filetto in crosta con salsa al Porto e aria di caffè
12 Aggiungi al tuo ricettario
  • Difficoltà: media
  • Preparazione: 30 min
  • Cottura: 30 min
  • Dosi per: 4 persone
  • Costo: medio

Presentazione

Questa rivisitazione del filetto in crosta di caffè si ispira ad una ricetta dello Chef Americano Bobby Flay.
Risente dell'influenza tex mex (peperoncino, caffè) ma viene riproposta con un bilanciamento diverso, molto aromatico e certamente particolare e dal gusto inusuale.

Il piatto è strutturato per fornire informazioni di sapore a tutti i recettori gustativi:
Amaro (caffè, cacao),
Acido (salsa),
Sapido (salsa),
Dolce (salsa, crema di zucca),
Unami (crema di zucca, carne di manzo) ,
Croccante (crosta di spezie) ,
Aroma (erba cipollina, noce moscata, aria di caffè, cardamomo) .

L'abbinamento manzo-cacao-vino rosso, inoltre, risulta essere scientificamente compatibile secondo i canoni dettati dalla gastronomia molecolare. Ricetta singolare, sicuramente da provare, che vi lascierà piacevolmente stupiti dall'inaspettata armonia degli ingredienti.

per la carne
Carne bovina 4 tranci di filetto di manzo Black angus (aged)
Zucca 1 cucchiaio di crema
Burro fuso 1 cucchiaio
per la salsa al Porto
Porto 1/2 litro
Anice stellato 1 bacca
Cannella 1 stecca
Zucchero di canna grezzo 1/2 tazza
per il rub (rivestimento della carne)
Caffe arabica in polvere 1/4 di tazza
Cacao in polvere amaro 1/4 di tazza
Zucchero grezzo di canna 1 cucchiaino
Sale (fior di sale) 2 cucchiaini
Peperoncino di cayenna 1 cucchiaino
Noce moscata macinata 1/2 cucchiaino
Per l'aria di caffe'
Caffe moka amaro 1 tazza
Cardamomo 2 bacche
Lecitina di soia 1 cucchiaio

Preparazione

Filetto in crosta con salsa al Porto e aria di caffè

Dopo aver rimosso dal pezzo di carne eventuali parti fibrose o eccessivamente grasse (1), si procede all taglio (2) e alla legatura del filetto (3) per consentire di mantenerlo in forma durante la cottura.

Filetto in crosta con salsa al Porto e aria di caffè

Spennellare filetti con del burro fuso (4) poi preparare il rub semplicemente mescolando accuratamente tutte le spezie (5), quindi  immergere nel rub solo i bordi del filetto, facendolo ben aderire (6-7). Questo ci consentirà di verificare la cottura  del filetto nelle parti scoperte che altrimenti, dato il colore scuro del rub, diventerebbe una procedura difficoltosa.

Filetto in crosta con salsa al Porto e aria di caffè

Preparate intanto il grill a carbone con un set up per cottura Diretta (clicca qui se vuoi saperne di piu). Nel frattempo è possibile procedere alla preparazione della salsa (8). Si versa il vino in un tegame insieme all'anice stellato, la cannella e lo zucchero di canna. Lasciare sobbollire a fuoco dolce fino a quando la salsa non vela il cucchiaio. Spegnere, trasferire in un recipiente insieme alle spezie e lasciare raffreddare (9).

Filetto in crosta con salsa al Porto e aria di caffè

Preparate il caffè mettendo in infusione qualche bacca di cardamomo schiacciata. La crema di zucca (10) si ottiene semplicemente cuocendo in forno qualche pezzo di zucca fino a completa caramellizzazione. Si frulla al mixer con dell'acqua calda o brodo vegetale. Si aggiusta di sale e pepe e si versano 4 o 5 gocce di succo di limone per tazza di crema. Quando le braci saranno pronte, grigliare i filetti (11) possibilmente su una griglia o su una controgriglia in ghisa per ottenere righe di cauterizzazione molto marcate, altrimenti impossibili da ottenere su normali griglie in acciaio. Alla formazione delle righe, ruotare di 90° sull'asse verticale i filetti per consentire la formazione di un motivo a rombo. Raggiunta la temperatura di 55° gradi al cuore (12) , togliere dal fuoco e lasciare il filetto in due vassoi di alluminio monouso usandone uno a mo di coperchio. Ciò consentira ai succhi di distribuirsi e alla temperatura di innalzarsi, nonostante tolto dal fuoco, di altri 2 o 3 gradi.

Filetto in crosta con salsa al Porto e aria di caffè

Durante il riposo della carne si procede alla preparazione dell'aria di caffè. Stemperare qualche goccia di caffè caldo nella lecitina di soia (13) e poi versare il tutto nel recipiente del caffè. Frullare con un mixer ad immersione (14) avendo cura di incorporare molta aria. La schiuma che si formerà sarà abbastanza stabilizzata e non tenderà a dissolversi in fretta. Si impiatta semplicemente mettendo un velo di salsa sul piatto insieme ad un goccio di ottimo olio extravergine di oliva. Si adagia il filetto, ricordando di rimuovere la legatura (15), si aggiunge l'erba cipollina e la crema di zucca. L'aria di caffè verrà aggiunta all'ultimo momento.

Altre ricette

I commenti (12)

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere.
I commenti verranno aggiornati ogni 15 minuti circa.

  • Diletta ha scritto: mercoledì 27 agosto 2014

    Io l'ho provata lo scorso Natale ed è stato un successo senza precedenti!

  • Fabio ha scritto: giovedì 13 marzo 2014

    Sonia in alternativa al barbecue la cottura del filetto si può fare anche in forno in modalità grill? In tal caso sarebbe opportuno rosolare i filetti preventivamente? Grazie è complimenti sentiti per il sito. F

  • Sonia Peronaci ha scritto: lunedì 18 novembre 2013

    @giusmas66: Ciao, certo anche cotte in forno!

  • giusmas66 ha scritto: venerdì 01 novembre 2013

    Io ci voglio provare, ma che contorno aggiungo. Magari patate, ma cotte come?

  • luca ha scritto: giovedì 31 ottobre 2013

    Difficilotta... Ma il cuoco è della Nasa? Oggettivamente sarei oltremodo orgoglioso se riuscissi a fare questo piatto... posso immaginare l'orgoglio di chi l'ha pensata.. Opera d'arte..

  • marina ha scritto: martedì 02 novembre 2010

    A queste buonissime ricette con la zucca mi sembraache ne manchi una, tipicamente siciliana: "zucca in agrodolce" detta anche "Ficatu di' sette cannola". Questa è una ricetta di origine araba che può essere utilizzata come antipasto o come contorno. Ingredienti: Ikl di zucca sbucciata olio di semi di arachide un bicchiere di aceto bianco 100 gr. di zucchero una decina di foglie di menta 2 spicchi di aglio sale e pepe q.b. Tagliare a fettine alte circa 1/2 cent. la zucca, salarle leggermente e friggerle in olio bollente fino a farle diventare dorate. Posizionare le fettine fritte su un largo piatto da portata. IIntanto fare soffiggere leggermente l'aglio in poco olio d'oliva,versare l'aceto, farlo sfumare e aggiungere lo zucchero e le foglioline di menta. Fare cuocere finchè la salsetta non si addensa leggermente, indi versarla sulle fettine di zucca. Buon appetito!

  • laura ha scritto: sabato 19 settembre 2009

    qnt è buono sto branzino

  • roberto ha scritto: martedì 01 settembre 2009

    fantasiosa perchè influenzata da molte culture gastronomiche

  • giovanni santalena ha scritto: lunedì 31 agosto 2009

    Ma lasciatela agli americani la cucina molecolare.....e per noi un bel piatto di trippa alla fiorentina !!!!

  • Renato ha scritto: lunedì 31 agosto 2009

    complimenti! Ho assaggiato oggi i peperono in agrodolce che ho fatto con la vostra ricetta e sono davvero buonissimi! Saluti Renato

10 di 12 commenti visualizzati Mostra altri commenti »

Lascia un Commento