Focaccia (fügassa) alla genovese

Antipasti
Focaccia (fügassa) alla genovese
587 Aggiungi al tuo ricettario
  • Difficoltà: media
  • Preparazione: 180 min
  • Cottura: 15 min
  • Dosi per: 6 persone
  • Costo: basso

Presentazione

Focaccia (fügassa) alla genovese

La focaccia alla genovese, in dialetto “a fügassa”, è una specialità tipica della cucina ligure, e la tradizione della sua antica preparazione è cosi radicata nei genovesi, che ha fatto diventare la focaccia alla genovese un presidio slow food.
Le origini della vera focaccia alla genovese sono da ricercare nella notte dei tempi, tanto che viene preparata ormai in tutto il mondo, anche se è praticamente impossibile ricreare la sua fragranza e la sua bontà al di fuori del capoluogo ligure.
La focaccia alla genovese deve essere alta mediamente due centimetri, croccante, morbida e friabile, mai gommosa, lucida d'olio (meglio se extravergine che ne amplifica lo spettro aromatico); alcuni, prima d'infornarla, usano bagnarla con una leggera spruzzata di vino bianco.
Secondo il presidio Slow Food l’intero ciclo di lavorazione della focaccia alla genovese non dovrebbe essere inferiore alle otto ore, con una lievitazione quindi molto lunga. Noi ve ne proponiamo una versione un po’ più veloce, ma lo stesso ottima.

Ingredienti
Sale 15 g
Lievito di birra 25 g
Farina manitoba (o farina ricca di glutine) 600 gr
Acqua 400 ml
Zucchero 2 cucchiaini o 1 di malto
Olio di oliva extravergine 140 ml
Ingredienti
Sale grosso q.b.

Preparazione

Focaccia (fügassa) alla genovese

Sciogliete il sale nell'acqua tiepida (1) e versatela nella planetaria (2) (o in una qualsiasi altra ciotola se impastate a mano), versate anche il malto (3) (o, in alternativa, lo zucchero)

Focaccia (fügassa) alla genovese

40 ml di olio di oliva (4); aggiungete metà della farina nella ciotola (5) e mescolate fino ad ottenere una pastella omogenea e piuttosto liquida (6).

Focaccia (fügassa) alla genovese

Unite a questo punto il lievito di birra sbriciolato (7) e impastate per altri 2-3 minuti (8), dopodiché aggiungete la restante farina  (9) ed impastate di nuovo fino ad ottenere un composto omogeneo (che risulterà piuttosto appiccicoso).

Focaccia (fügassa) alla genovese

Versate 50ml di olio extravergine di oliva (10) sulla teglia per la cottura della focaccia, spolverizzate con pochissima farina un piano di lavoro e poneteci sopra l’impasto (11), poi lavoratelo qualche secondo per dargli forma rettangolare,ponetelo sulla teglia oliata e spennellate l’impasto con l’olio (12) presente nella teglia stessa e mettetelo a lievitare per circa un’ora o un’ora e mezza a circa 30°, fino a che il suo volume sarà raddoppiato (potete accendere la luce del forno e mettere l’impasto a lievitare li dentro con la porta chiusa).

Focaccia (fügassa) alla genovese

Trascorso il tempo necessario, prendete l’impasto per focaccia (13) e stendetelo su tutta la superficie della teglia (14), avendo cura di assicurarvi che al di sotto di esso vi sia ancora abbondante olio. Spennellate la superficie della focaccia di olio (15)

Focaccia (fügassa) alla genovese

e cospargete con sale grosso, fate lievitare di nuovo a 30° per circa mezz’ora (16).  Trascorsa la mezz'ora prendete l’impasto per focaccia e pressatelo con i polpastrelli delle dita, imprimendo decisamente nella pasta i caratteristici buchi che contraddistinguono la focaccia alla genovese  (17-18),

Focaccia (fügassa) alla genovese

a questo punto irrorate la focaccia con i restanti 50 ml di olio extravergine di oliva (19) e mettete di nuovo il tutto a lievitare (per l’ultima volta) per circa 30 minuti sempre a 30°.
E’ ora di infornare la focaccia in forno già caldo a 200° per almeno 15 minuti, ma prima di farlo dovrete spruzzare la sua superficie con dell’acqua a temperatura ambiente (20); estraete la teglia dal forno e poi fate intiepidire la focaccia su una gratella prima di tagliarla (21).

Conservazione

Conservate la focaccia alla genovese a temperatura ambiente, magari sotto una campana di vetro, per due giorni al massimo.

Curiosità

Per gustare la focaccia alla genovese esistono dei veri e propri riti, uno dei quali ci invita ad assaporarla rovesciata in modo che le papille gustative incontrino prima il sapore ardito del sale, poi quello gentile dell'olio e, infine, quello rassicurante della pasta. Un modo tutto genovese di mangiare la focaccia, e che spesso fa inorridire i non genovesi, è quella di inzupparla nel caffèlatte... I genovesi DOC, riconoscono addirittura la qualità e la bontà di una focaccia proprio gustandola in questo modo.
Provate ad assaggiarla, e ne rimarrete piacevolmente colpiti!

Consiglio

I genovesi non fanno quasi mai la focaccia in casa, semplicemente perchè è più buona quella cotta dal panettiere nel forno a legna, che raggiunge temperature altissime, ottimali in questo caso. Quando la infornerete, quindi, cercate di tenere aperto lo sportello il meno possibile, per evitare inutili dispersioni di calore.

Altre ricette

I commenti (587)

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere.

  • Lisiq ha scritto: mercoledì 22 giugno 2016

    Ciao io vorrei utilizzare la farina 00 dite che va bene uguale?

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: mercoledì 22 giugno 2016

    @Lisiq:Ciao! Per un risultato ottimale ti consigliamo di usare la farina Manitoba che è più ricca di glutine e aiuta il processo di lievitazione.

  • Camilla ha scritto: martedì 21 giugno 2016

    scusa ma posso fare la focaccia il giorno prima e mangiarla il giorno dopo.

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: martedì 21 giugno 2016

    @Camilla: Certo Camilla, ti consigliamo di conservarla sotto una campana di vetro!

  • camilla ha scritto: martedì 21 giugno 2016

    questa focaccia e piaciuta a tutti quelli che ho invitato a cena

  • Maria Antonietta ha scritto: domenica 19 giugno 2016

    Ottima Ho usato lievito madre ed il risultato è stato eccellente

  • Franco lazzeri ha scritto: venerdì 17 giugno 2016

    Buona come a Loano

  • Nunzia Elia ha scritto: domenica 12 giugno 2016

    Fatta oggi favolosaaaaaaaaaa!!!!!!!!

  • Giorgia ha scritto: domenica 05 giugno 2016

    Scusate la domanda stupida ... Con il lievito istantaneo devo comunque parlo il procedimento di lievitazione di 1:30...? Grazie in anticipo

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: lunedì 06 giugno 2016

    @Giorgia: Ciao Giorgia! Il lievito istantaneo non è indicato per questa preparazione, ti consigliamo di utilizzare il lievito di birra e seguire i tempi di lievitazione! 

  • Francesca ha scritto: martedì 24 maggio 2016

    Ormai è una vita che la faccio strepitosa ricetta!!!e infatti stasera la mangiamo????

  • Giovanna ha scritto: martedì 17 maggio 2016

    Buonasera!sono alle prime armi in cucina quindi vi sembrerá una domanda stupida:visto che ho le bustine di lievito disidratato devo mettere i granuli a bagno per una decina di minuti e poi versare il tutto o li verso direttamente nel composto?grazie a chi mi risponderá

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: martedì 17 maggio 2016

    @Giovanna:Ciao Giovanna, se il tuo lievito disidratato è istantaneo puoi aggiungerlo alla preparazione così altrimenti se è da attivare puoi scioglierlo in poca acqua calda prima di incorporarlo, prova a verificare sulle istruzioni d'uso della confezione smiley

  • Rita ha scritto: lunedì 16 maggio 2016

    Io ho un forno statico.Dove devo riporla per la cottura? E sopratutto il mio forno ha 3 concentrazioni di calore, basso centro o entrambi.Aiutatemi,perché finisco sempre per bruciare tutto e vorrei tanto far bella figura con il mio compagno.

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: venerdì 20 maggio 2016

    @Rita : Ciao Rita, puoi cuocere la focaccia nel ripiano più basso del forno. Usa modalità statica anche con le tre tipologie di calore va bene, se il tuo forno è molto potete, diminuisci leggermente la temperatura rispetto a quanto indicato. 

10 di 587 commenti visualizzati Mostra altri commenti »

Lascia un Commento

I commenti inviati verranno moderati dalla redazione prima di essere pubblicati.
Per maggiori informazioni CLICCA QUI