Fonduta alla Valdostana

/5
Fonduta alla Valdostana
73
  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 140 min
  • Cottura: 40 min
  • Dosi per: 4 persone

Presentazione

La fonduta è una preparazione a base di fontina caratteristica della zona Alpina compresa tra la Valle d'Aosta, il Piemonte, la Savoia e la Svizzera.
In realtà, nonostante la piccola diatriba nata tra queste regioni, quella che è riuscuta ad accaparrarsi la paternità della ricetta, è la Valle d'Aosta, visto che l'ingrediente principale nella preparazione della fonduta è proprio la fontina valdostana DOP.
Naturalmente, ognuna di queste regioni propone una versione diversa della fonduta, con un formaggio diverso, tranne il Piemonte che ricalca completamente la ricetta Valdostana.
L'origine della fonduta, invece, non è molto chiara: secondo alcuni sarebbe nata a Torino ad opera dei Savoia, mentre secondo Anthelme Brillat-Savarin la fonduta sarebbe di ispirazione svizzera.
Pellegrino Artusi, nel suo ormai ormai famosissimo libro di cucina, cita la fonduta facendola entrare di diritto nella classifica delle ricette più gustose d'Italia, definendola "cicimperio".
Non solo Pellegrino Artusi rimase colpito questa ricetta, ma anche Giovanni Vialardi, cuoco dei re Carlo Alberto e Vittorio Emanuele II, che nel 1854 la inserì nel suo "Trattato di cucina".

Ingredienti

Fontina 400 g
Latte intero 250 g
Tuorli (di uova medie) 4
Burro 40 g
Pepe bianco q.b.
Preparazione

Come preparare la Fonduta alla Valdostana

Tagliate la fontina a fettine sottili e mettetela a bagno per almeno 2 ore in una pentola con il latte.
Trascorse le due ore, mettete sul fuoco basso la pentola e, dopo aver aggiunto il burro, mescolate il tutto continuamente con una frusta metallica o un mestolo di legno, fino a che il formaggio non sia completamente fuso.
Aggiungete quindi, i tuorli d'uovo e continuate a cuocere mescolando per almeno altri 30 minuti fino ad ottenere un composto omogeneo e abbastanza denso, ma non troppo.
Spegnete ill fuoco e servita la fonduta nell'apposito contenitore con fornellino o, in alernativa, in un tegame di coccio precedentemente riscaldato in forno per fare si che la fonduta si mantenga calda e quindi ancora ben densa.

Curiosità

Nella tradizione Piemontese, questo piatto, si serve come antipasto caldo o come "entrèe" dopo il primo e prima delle carni.

Consiglio

È fondamentale non fare mai bollire il formaggio durante la cottura: se avete un termometro da cucina, potete verificare che la temperatura rimanga costante sui 60-70°. Una volta pronta, vi suggerisco di gustare la fonduta con carne, polenta o verdurine cotte: non esagerate con le porzioni, perché non si tratta certo di un piatto leggerissimo! Nota finale per libidinosi: una volta nella vita, cospargetela con una spolverata di tartufo bianco o grigio, è un’esperienza indimenticabile!

Leggi tutti i commenti ( 73 )

Altre ricette

Ricette correlate

Secondi piatti

Le costolette alla Valdostana, sono uno dei piatti più antichi della tradizione della Valle d'Aosta e un ottimo secondo a base di carne.

  • Difficoltà: media
  • Preparazione: 15 min
  • Cottura: 10 min
Costolette alla Valdostana

Piatti Unici

La fonduta di Reblochon è un piatto che si prepara con un formaggio tipico dell'Alta Savoia accompagnato da croccanti patate al forno.

  • Difficoltà: molto bassa
  • Preparazione: 10 min
  • Cottura: 45 min
Fonduta di Reblochon

Dolci

La fonduta al cioccolato con fragole è una ricetta gustosa a base di cioccolato fuso in cui vengono intinte le fragole: ottimo per…

  • Difficoltà: molto bassa
  • Preparazione: 5 min
  • Cottura: 15 min
Fonduta al cioccolato con fragole

Primi piatti

I ravioli di ortiche con fonduta sono un primo piatto perfetto per la domenica, per stupire gli ospiti con una pasta fresca dal…

  • Difficoltà: elevata
  • Preparazione: 60 min
  • Cottura: 15 min
Ravioli di ortiche con fonduta

Antipasti

Gli sfilati con fonduta al pepe nero sono un finger food con una crema al taleggio aromatizzata al pepe nero in cui tuffare i…

  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 15 min
  • Cottura: 10 min
Sfilati con fonduta al pepe nero

Altre ricette correlate

I commenti (73)

Lascia un commento o chiedici un consiglio

  • Daniele ha scritto: lunedì 27 novembre 2017

    Ciao, dopo aver mescolato latte formaggio e burro fin quando era tutto omogeneo, all’improvviso é diventata tutta liquida! Ho subito mischiato anche i tuorli, ma non é cambiato. Dove posso aver sbagliato? Saluti e grazie!

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: martedì 28 novembre 2017

    @Daniele : Ciao Daniele, all'inizio è normale che sia un composto liquido, il formaggio si deve sciogliere e solo allora vanno aggiunti i tuorli addensando man a mano sul fuoco almeno per il tempo indicato nella ricetta

  • Ilaria ha scritto: mercoledì 22 novembre 2017

    Bu9nissima sensa alcuin problema

Leggi tutti i commenti ( 73 ) Scrivi un commento

Fatte da voi

Aggiungi le foto delle tue ricette e mostra il tuo risultato

Vedi anche

Ultime ricette

Dolci

La pasta choux è una pasta leggera e delicata, che viene usata in cucina generalmente per preparare bignè con ripieni sia dolci che salati.

  • Difficoltà: elevata
  • Preparazione: 30 min
  • Cottura: 35 min

Antipasti

Il tomino in crosta di sfoglia nasconde al suo interno un cuore morbido e filante di formaggio e prosciutto cotto che si rivelerà solo al'assaggio!

  • Difficoltà: molto bassa
  • Preparazione: 10 min
  • Cottura: 25 min

Secondi piatti

I cartocci di vitello e verdure sono dei gustosi bocconcini di carne con il contorno, perfetti per sorprendere gli ospiti con tutto il loro sapore!

  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 20 min
  • Cottura: 40 min

Antipasti
Primi
Secondi
Dolci
Antipasti veloci
Pasta
Biscotti
Pizze e focacce
Pasticceria
Dolci veloci
Torte
Contorni