Speciale Street food per i più piccoli!

Frittelle Luna-Park

Lievitati
Frittelle Luna-Park
182 Aggiungi al tuo ricettario
  • Difficoltà: media
  • Preparazione: 20 min
  • Cottura: 15 min
  • Dosi per: 8 persone
  • Costo: basso
  • Nota: + 110 minuti di lievitazione

Presentazione

Frittelle Luna-Park

Le frittelle Luna-park sono dei dolci fritti e zuccherati, dalla tipica forma tonda e schiacciata, molto comunemente preparati nei luoghi di divertimento, e spesso venduti dagli ambulanti.

Tutti noi vorremmo prepararle a casa nostra per fare felici i nostri bambini o per ricordare attraverso il loro sapore la nostra infanzia o alcuni momenti di gioia; eccovi quindi una ricetta che li riprodurrà fedelmente; l’unico accorgimento che dovrete usare sarà quello di non fare entrare nessuno in cucina prima di avere finito di friggere le frittelle, se non volete che scompaiano in un batter d’occhio!

Ingredienti per l'impasto
Zucchero 50 g
Sale fino 10 gr
Lievito di birra 25 g
Latte 250 ml
Burro 100 g
Limoni la scorza grattugiata di 2
Farina Manitoba 500 gr
Vaniglia bacca 1
Per cospargere
Zucchero semolato q.b.
Ingredienti
Olio di semi arachidi q.b.

Preparazione

Frittelle Luna-Park

Togliete il burro dal frigorifero e lasciatelo ammorbidire a temperatura ambiente.
Mettete in un contenitore il latte a temperatura ambiente, scioglietevi il sale, lo zucchero (1) e aggiungete la scorza grattugiata dei 2 limoni (2).
Versate il composto di latte in una planetaria munita di gancio per impasti (o in un recipiente capiente se lavorate l'impasto a mano) (3),

Frittelle Luna-Park

e aggiungete i semini della vaniglia e 1/3 della farina (4); impastate bene fino ad ottenere una pastella fluida e poi aggiungete il lievito sbriciolato (5). Lavorate ancora per qualche minuto, poi aggiungete un po' alla volta tutta la restante farina (6)

Frittelle Luna-Park

e continuate a impastare fino ad ottenere un composto morbido ed elastico (7), quindi incorporate anche il burro ammorbidito (8) e lavorate ancora l'impasto finchè risulti morbido ed elastico (9).

Frittelle Luna-Park

Ungete di olio di semi (meglio se di arachide) i palmi delle mani e anche l'interno di una ciotola abbastanza grande (10). Prendete l'impasto, ponetelo nella ciotola e spennellate leggermente la sua superficie con dell'olio di semi di arachide (11); mettetelo a lievitare per circa 1 ora e ½ ponendo la ciotola in un luogo privo di correnti d’aria e fonti di calore, che potrebbero fare ammorbidire troppo il burro contenuto nell'impasto: tenete presente che l’impasto dovrà raddoppiare il suo volume.
Inumidite uno strofinaccio da cucina pulito e coprite l’impasto delle frittelle: questo servirà a prevenire il formarsi di una crosticina dura sulla superficie. Quando l'impasto delle frittelle avrà raggiunto il doppio del suo volume, trasferitelo su un piano (12)

Frittelle Luna-Park

e formate un lungo bastone (13) che taglierete a pezzetti del peso di circa 100-110 gr (14) e formerete delle palline appoggiando le palline su una spianatoia e modellandole con una leggera pressione del palmo della mano (15).

Frittelle Luna-Park

Disponete le palline su di un canovaccio pulito e asciutto, distanziandole tra di loro di almeno 2-3 cm (16); ricopritele con un altro canovaccio, attendendo circa 20 minuti per la seconda lievitazione. Passati i 20 minuti, allargate con le mani le palline di impasto per renderle piatte e circolari (dovrete allargarle ottenendo un diametro di circa 20 cm), rendendo molto sottile (quasi trasparente) il centro della frittella e lasciando i bordi un po' più spessi (17).
Ponete dell’olio di semi (meglio se di arachide) a scaldare sul fuoco: l’olio per friggere le frittelle, deve essere caldo ma non bollente (circa 170°); potreste fare una prova friggendo un piccolo pezzetto di impasto: se il pezzetto di pasta diventa dorato lentamente l’olio è pronto.
Se invece il pezzetto di pasta si scurisce troppo in fretta, vuol dire che l’olio è troppo caldo e c’è il rischio che le frittelle si brucino. Immergete la frittella nell'olio e apettate che si colorisca da entrambi i lati (18).

Frittelle Luna-Park

Quindi scolatele con l'aiuto di due forchette (19) e passatele nello zucchero semolato e ricopritele (senza sgocciolarle su carta da cucina) di zucchero semolato, facendolo aderire su entrambi le superfici (20-21).
Adagiate le frittelle già pronte su un vassoio e servitele immediatamente.

Conservazione

Le frittelle devono essere consumate ancora calde o al massimo entro qualche ora dalla preparazione, perché conservino intatte tutta la loro fragranza.

Il consiglio di Sonia

La prova del fuoco per capire se la temperatura dell'olio è giusta per friggere consiste nel fare un tentativo con un piccolo pezzetto di impasto: se diventa dorato lentamente l'olio è pronto, se si scurisce troppo in fretta allora l'olio è troppo caldo e c'è il rischio che le frittelle si brucino.

Altre ricette

I commenti (182)

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere.
I commenti verranno aggiornati ogni 15 minuti circa.

  • Valentina ha scritto: domenica 07 febbraio 2016

    Ma è necessario mettere la bacca di vaniglia?

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: lunedì 08 febbraio 2016

    @Valentina: ciao Valentina, la bacca di vaniglia serve ad aromatizzare l'impasto! Se preferisci puoi ometterla o sostituirla con della scorza di arancia! 

  • Ornella ha scritto: sabato 06 febbraio 2016

    Veramente buone ! Facile e veloci

  • aral10 ha scritto: venerdì 05 febbraio 2016

    Buongiorno, è possibile utilizzare il lievito disidratato ? se sì quale quantità bisogna mettere nelle ricetta al posto del lievito di birra fresco ? grazie in anticipo !!! smiley

  • Paola ha scritto: mercoledì 03 febbraio 2016

    era tanto che cercavo questa ricetta! grazie P.

  • Teresa ha scritto: domenica 17 gennaio 2016

    Ciao scusa una curiosita',l' impasto si puo' congelare?grazie

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: mercoledì 27 gennaio 2016

    @Teresa: Ciao! Non ti consigliamo di congelarlo, al massimo puoi conservarlo in frigorifero per qualche ora e cuocere altre frittelle in un secondo momento!

  • Isa ha scritto: sabato 02 gennaio 2016

    Posso farle anche senza planetaria????

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: sabato 02 gennaio 2016

    @Isa: Ciao Isa, certamente! Puoi utilizzare delle fruste purché siano potenti abbastanza da non spezzarsi durante la lavorazione. Un saluto!

  • silvia ha scritto: domenica 27 dicembre 2015

    Lasciate perdere andate a mangiarle al momento suo banchi

  • sono gina da varese ha scritto: venerdì 16 ottobre 2015

    ciao giallo zafferano ne dovrei fare 1000 come fare-

  • Jessy ha scritto: lunedì 05 ottobre 2015

    Ciao Sonia, se preparo l'impasto la sera prima per poi friggerle la mattina dopo per colazione, posso conservare l'impasto in frigorifero? A quale delle due lievitazioni mi devo fermare e mettere in frigorifero x la notte? Sempre se possibile... Grazie mille

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: lunedì 05 ottobre 2015

    @Jessy: ciao! Ti consiglio di procedere in questo modo: realizza l'impasto, lascialo lievitare per circa 1 ora a temperatura ambiente quindi riponilo in frigorifero. Il giorno successivo sarà sufficiente lasciarlo rinvenire a temperatura ambiente per cira 1 ora, quindi potrai formare le palline e procedere con la seconda lievitazione! 

  • Antonella ha scritto: domenica 23 agosto 2015

    ho una ricetta x frittelle simile a questa ma si usa anche una patata bollita e schiacciata...potrebbe essere la stessa ricetta rivisitata??

  • Sonia Peronaci ha scritto: domenica 23 agosto 2015

    @Antonella: Ciao Antonella! Non ho mai provato la variante che indichi per cui non saprei dirti il risultato finale smiley

10 di 182 commenti visualizzati Mostra altri commenti »

Lascia un Commento