Frittelle di bianchetti

Frittelle di bianchetti
  • Difficoltà:
    Molto Bassa
  • Cottura:
    15 min
  • Preparazione:
    15 min
  • Costo:
    Medio
  • Nota Aggiuntiva: + 30 minuti di riposo della pastella

Girelle alla sardella

Frittelle di bianchetti

Con il nome di bianchetti, chiamati anche neonata, novellame, gianchetti, bianchino, ecc…, vengono generalmente indicati i piccoli delle sardine e delle acciughe.

Con questi minuti e deliziosi pesciolini, vengono preparate svariate pietanze, tra le quali delle ottime frittelle, perfette da servire come antipasto o secondo piatto, durante una pasto a base di pesce.

per circa 40 frittelle
Acciughe (alici) (o sarde) bianchetti 300 gr
Parmigiano reggiano grattugiato 6 cucchiai
Pepe macinato q.b.
Sale q.b.
Latte (o acqua) mezzo bicchiere
Farina 150 gr circa
Uova medio-grandi 3
Prezzemolo tritato 2 cucchiai
Lievito chimico in polvere mezzo cucchiaino
Aglio 1 spicchio
per friggere
Olio di oliva q.b.

Preparazione

Frittelle di bianchetti
Mettete i bianchetti in una ciotola e lavateli molto delicatamente con acqua fredda (1), eliminando le eventuali impurità, quindi fateli sgocciolare molto bene (2). In un contenitore sgusciate le uova (3), sbattetele e poi, sempre mescolando, aggiungete

Frittelle di bianchetti
la farina (4), il latte (5), il formaggio grattugiato (6),  il prezzemolo tritato (7), il sale, il pepe, l’aglio schiacciato (8), e infine il lievito in polvere (9).

Frittelle di bianchetti
Dovrete ottenere una pastella densa (come la colla vinilica, per intenderci), quindi  se l'impasto risulterà troppo liquido aggiungete un po' di farina, in caso contrario, un po' di latte o acqua.

Frittelle di bianchetti
Lasciate riposare l’impasto ottenuto per mezz’ora  a temperatura ambiente e poi unite i bianchetti ben sgocciolati (10), mischiando delicatamente con un mestolo di legno. Versate dell’olio in una padella e, quando sarà ben caldo, prendete l’impasto di bianchetti e versatelo a cucchiaiate nell’olio (11); fate dorare le frittelle da ambo i lati  (12) e poi mettetele a scolare su della carta assorbente da cucina. Servite le frittelle di bianchetti calde, ma sappiate che fredde, sono ancora più buone!!!

Consiglio

Volendo, potreste preparare delle frittelle di bianchetti molto semplici, unendo il novellame ad una pastella fatta con acqua , farina e un pizzico di sale.

Altre ricette:

 
 

I vostri commenti ( 25 Commenti )

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere.
Prova anche a chiedere consigli alla nostra numerosa comunità nel Forum

I commenti verranno aggiornati ogni 15 minuti circa.


25
Federica ha scritto: Giovedì 12 Dicembre 2013  |  Rispondi »
ma quindi da allevamento esistono? in sardegna?
24
Sonia-Gz ha scritto: Giovedì 11 Luglio 2013  |  Rispondi »
@manfredi rampolla: questa ricetta è indicata solo per la frittura ma se vuoi fare una versione al forno devi usare una panatura non una pastella.
23
manfredi rampolla ha scritto: Venerdì 05 Luglio 2013  |  Rispondi »
potrei sapere come si fa la versione al forno .grazie urgente
22
Patrizia ha scritto: Mercoledì 06 Febbraio 2013  |  Rispondi »
Se al bianchetto aggiungete delle zucchine crude tagliate a julienne, le frittelle saranno ancora più buone e leggere.Io le ho fatte e... che successone!
21
marco ha scritto: Sabato 10 Novembre 2012  |  Rispondi »
esistono anche bianchetti di allevamento in acqua dolce e non sono vietati dalla legge

marco
20
il nano malefico ha scritto: Martedì 19 Giugno 2012  |  Rispondi »
So bonìiiiiiiiiii
19
Lory ha scritto: Venerdì 13 Aprile 2012  |  Rispondi »
In Sardegna si fanno nel modo semplice con l'aggiunta di scorza di limone grattugiata, aglio e prezzemolo.... Una bontà!
18
eva ha scritto: Mercoledì 28 Settembre 2011  |  Rispondi »
che ricordi! mio padre me li preparava sempre da piccola!!! erano buonissimi!ma una ricetta diversa non ricordo, ma si vedevano i biachetti trasparenti, forse era una specie di pastella con la farina e acqua, solo che ora non si trovano più...
17
Vanessa ha scritto: Lunedì 18 Aprile 2011  |  Rispondi »
Si tratta di una legge europea che permette la pesca del bianchetto solo per 60 giorni l'anno, da gennaio a marzo, per altro si tratta di quantità limitate visto che le reti a strascico (sempre per la stessa legge) con cui si pescavano gli avannotti, hanno adesso maglie più grandi. Non ci sono poi deroghe di legge per il 2011. Bisognerà ripiegare su altro smiley
Ciao!
16
mella ha scritto: Venerdì 15 Aprile 2011  |  Rispondi »
grazie vanessa per l'informazione,non lo sapevo è da un sacco che li cerco e non mi ero mai chiesta come mai non ci fossero!!!in effetti ormai è passato un paio d'anni da quando non le ho più fatte...peccato erano una vera prelibatezza ma non ci saranno da allevamento o qualcosa del genere?
10 di 25 commenti visualizzati

Lascia un Commento