Funghi trifolati

  • Difficoltà:
    Bassa
  • Cottura:
    20 min
  • Preparazione:
    15 min
  • Dosi per:
    4 persone
  • Costo:
    Basso

Funghi porcini trifolati

Funghi trifolati

I funghi trifolati fanno parte della tradizione culinaria della regione Piemonte, e rappresentano un contorno molto semplice da preparare, molto gustoso, delicato e leggero che si può abbinare a diversi piatti e portate.
I funghi trifolati sono un piatto  molto versatile adatto a diversi usi: può diventare un ottimo condimento per un risotto, si può accostare alla cacciagione, alla polenta, al pesce o ancora, può far parte di un piatto unico a base di verdure.
In ogni caso, la ricetta dei funghi trifolati è quella che dà maggiore risalto al sapore e al gusto dei funghi; è proprio per questo che viene così tanto proposta e utilizzata nella preparazione di numerosi altri piatti.
I funghi trifolati non potranno mancare sulla vostra tavola in questa stagione!

Ingredienti
Aglio 1 spicchio
Prezzemolo in abbondanza
Burro 30 gr
Funghi misti 800 gr
Olio extravergine d'oliva 40 gr

Preparazione

Funghi trifolati
Per preparare i funghi trifolati, per prima cosa pulite i diversi tipi di funghi raschiandoli e strofinandoli con uno straccio umido (1). Tagliate a fette sottili i funghi champignons (2), i porcini e  i funghi pleurotus (o orecchioni) (3) tranne i finferli (o i chiodini) che lascerete interi.
Funghi trifolati
Nel frattempo fate scaldare in una padella antiaderente il burro con l'olio (4) e gli spicchi di aglio tagliati a metà. Fate insaporire e versate nella padella prima i porcini (che hanno una carne più compatta e spessa degli altri funghi) e poi gli altri funghi (5). Per ultimo unite i finferli (6).
Funghi trifolati
Cuocete qualche minuto a fuoco vivace, mescolando sempre molto delicatamente per evitare che i funghi si rompano in cottura. Aggiustate di sale (7) e unite il prezzemolo finemente tritato (8), lasciando il tutto sul fuoco a fiamma bassa per ancora 5 minuti (9). Togliete dal fuoco e servite i funghi trifolati caldi o freddi a seconda dell’uso che ne dovete fare.

Conservazione

Conservate i finghi trifolati in un contenitore ermetico, in frigorifero, per 2-3 giorni al massimo.

Curiosità

Secondo la tradizione Piemontese i funghi trifolati andrebbero cucinati in un tegame apposito in terracotta per mantenere ancora di più l’aroma e il gusto dei funghi.

I consigli di Sonia

Contrariamente a quanto si possa pensare, i funghi hanno bisogno di una cottura veloce, altrimenti rischiano di diventare una specie di poltiglia: se vogliamo mantenere la forma, quindi, ricordatevi di utilizzare una fiamma vivavce. Se volete conservare i funghi trifolati per altre preparazioni, lasciate la cottura a metà, senza aggiungere prezzemolo e sale: la completerete quando sarà il momento.

Altre ricette:

 
 

I vostri commenti ( 37 Commenti )

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere.
Prova anche a chiedere consigli alla nostra numerosa comunità nel Forum

I commenti verranno aggiornati ogni 15 minuti circa.


37
mara ha scritto: Giovedì 21 Novembre 2013  |  Rispondi »
bravissima ad esporre le ricette. filmati chiari, descrizioni comprensibili e invitanti.
grazie
36
Sonia-Gz ha scritto: Lunedì 18 Novembre 2013  |  Rispondi »
@Monica: Ciao, si scongelali e poi cuocili. Ti consiglio di aggiungerli quando li hai passati in padella!
35
Monica ha scritto: Domenica 03 Novembre 2013  |  Rispondi »
Ho dei funghi congelati per farli trifolati devono scongelarsi ? È per unirli al pollo intero al forno con patate come si fa' ? Grazie
34
Sonia-Gz ha scritto: Martedì 22 Ottobre 2013  |  Rispondi »
@Elisa: va bene, ma io ti consiglio di approfittare di questa stagione per gustare i funghi freschi.
33
Elisa ha scritto: Lunedì 21 Ottobre 2013  |  Rispondi »
Cara Sonia, si possono usare anche i funghi surgelati? Grazie in anticipo...sei bravissima!
32
gianluigi ha scritto: Domenica 20 Ottobre 2013  |  Rispondi »
io li ho fatti e invasati anche dopo 6 mesi erano buoni
31
Sonia-Gz ha scritto: Mercoledì 09 Ottobre 2013  |  Rispondi »
@Lara: sì, li puoi congelare dopo la cottura e poi scongelare e riscaldare anche in forno.
30
Lara ha scritto: Martedì 08 Ottobre 2013  |  Rispondi »
Mi hanno regalato un gran quantità di funghi misti e vorrei sapere se una volta cotti è possibile congelarli in modo da averli sempre a disposizione senza che vadano a male... Se si, una volta scongelati è sufficiente scaldarli? Grazie!
29
Sonia-Gz ha scritto: Martedì 30 Ottobre 2012  |  Rispondi »
@sara_75: per questa ricetta forse è meglio non uazione usare i funghi secchi! hanne perso l'idratazione e non sarebbero buoni!
28
sara_75 ha scritto: Martedì 30 Ottobre 2012  |  Rispondi »
Ciao Sonia, vanno bene anche i funghi secchi?. In tal caso devo farli prima "scottare" in acqua calda e poi metterli in padella come da procedimento?. Grazie!
10 di 37 commenti visualizzati

Lascia un Commento