Giardiniera sott'aceto

Marmellate e Conserve
Giardiniera sott'aceto
19 Aggiungi al tuo ricettario
  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 30 min
  • Cottura: 7 min
  • Costo: basso
  • Nota: + 30-40 giorni di riposo

Presentazione

La giardiniera è sicuramente una delle conserve più conosciute ed allo stesso tempo più classiche della tradizione gastronomica italiana. Questa preparazione sott'aceto è molto ricca e saporita perché raccogli tutta la bontà e i profumi degli ortaggi della nostra terra. A seconda della stagione, si possono infatti trovare giardiniere preparate con verdure diverse ma sempre molto gustose e delicate. Non vi sarà difficile capire il perché del nome giardiniera quando le diverse verdure vi appariranno nel vasetto con un bellissimo effetto cromatico che vi ricorderà la primavera!

Ingredienti
Aceto di vino bianco 1,5 l
Carote 300 g
Cipollotto fresco 200 g
Peperoni rossi 300 g
Peperoni verdi 300 g
Peperoni gialli 300 g
Zucchero semolato 30 g
Cavolfiore cime 300 g
Fagiolini 300 g
Sedano 300 g
Cetrioli 300 g
Acqua 1,5 l
Sale grosso 30 g
Alloro 3 foglie
Pepe nero 10 grani
Ginepro 4 grani

Preparazione

Giardiniera sott'aceto

Per preparare la giardiniera sott'aceto per prima cosa lavate bene tutte le verdure sotto abbondante acqua fresca corrente e poi pulitele. Con un coltello tagliate il sedano a tocchetti dello spessore di 1 cm (1), dopodiché eliminate le radici dei cipollotti e tagliateli a metà (2); poi pulite i fagiolini, togliendo le estremità (3).

Giardiniera sott'aceto

Con un pelapatate spelate le carote e poi con una mandolina con lama zigrinata tagliatele (4) insieme ai cetrioli (5) a rondelle dello spessore di 0,5 cm. Tagliate tutti i peperoni e con un coltello togliete i semi che si trovano all'interno (6);

Giardiniera sott'aceto

Riducete i peperoni a listarelle non troppo sottili (7) e poi passate al cavolfiore. Con un coltellino, eliminate le foglie esterne, tagliate il torsolo (8), poi staccate le cime incidendo all'attaccatura con il tronco principale (9).

Giardiniera sott'aceto

Quando avrete terminato di pulire e tagliare tutte le verdure (10), mettete sul fuoco una pentola capiente con l'acqua (11) e l'aceto (12).

Giardiniera sott'aceto

Aggiungete le foglie d'alloro, il sale, lo zucchero (13) e il pepe nero e il ginepro in grani (14). Quando l'acqua avrà sfiorato il bollore, unite le carote e il cavolfiore (15), facendo bollire per 3 minuti a fuoco moderato.

Giardiniera sott'aceto

Successivamente aggiungete i fagiolini, i cipollotti (16), il sedano (17) e i peperoni (18) che avete tagliato.

Giardiniera sott'aceto

Terminate con i cetrioli (19) e fate bollire tutto per altri 4 minuti. Una volta che le verdure saranno pronte (20), togliete la pentola dal fuoco e scolatele bene, conservando il liquido di cottura in una ciotola (21).

Giardiniera sott'aceto

Lasciate raffreddare le verdure in una teglia d'acciaio (22) e nel frattempo potete procedere alla sterilizzazione del vasetto a chiusura ermetica. Quando le verdure si saranno completamente raffreddate, ponetele nel vasetto (23) e poi ricoprite bene fino all'orlo la giardiniera con il liquido di cottura filtrato e raffreddato che avete tenuto da parte (24). Chiudete il tappo e poi, trascorse 24 ore, controllate che si sia creato il sottovuoto, sganciando la sicura del vasetto e provando a sollevare il coperchio: se oppone resistenza, significa che il sottovuoto è avvenuto correttamente. Ponete il vasetto in un luogo buio e fresco per almeno 30-40 giorni. Le verdure in conserva possono assorbire aceto e per questo occorre controllare dopo 10-15 giorni se è necessario effettuare aggiunte: gli eventuali rabbocchi vanno fatti con aceto crudo e freddo, oppure con acqua e aceto o vino e aceto. Dopo 30-40 giorni potete servire e gustare la vostra giardiniera sott'aceto.

Conservazione

Potete conservare la giardiniera sott'aceto in un contenitore con chiusura ermetica per al massimo 6 mesi. Una volta aperta, potete conservarla in frigorifero per la massimo 5 giorni.

Il consiglio di Sonia

Nella nostra ricetta, abbiamo dato delle indicazioni di massima per la scelta degli ortaggi da utilizzare ma potete scegliere il mix di verdure ed ortaggi che più preferite in base al gusto personale ed alla stagione. La giardiniera può essere un ottimo accompagnamento a piatti come la grigliata di carne, oppure messa in mezzo ad un bel piatto di affettati e salumi, per dare una nota di colore alla vostra portata!

Curiosita'

Le conserve richiedono una certa cura nella preparazione e nella conservazione: proprio per evitare la formazione di microrganismi tossici, che amano l'ossigeno e l'ambiente umido, utilizziamo l'aceto che sviluppa un ambiente acido e blocca l'attività dell'acqua.

Altre ricette

I commenti (19)

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere.
I commenti verranno aggiornati ogni 15 minuti circa.

  • Sabrina ha scritto: mercoledì 22 ottobre 2014

    il mio problema in queste ricette con l'aceto, è che le verdure risultano cotte...

  • Sonia Peronaci ha scritto: giovedì 23 ottobre 2014

    @Sabrina:Ciao Sabrina, la cottura delle verdure è necessaria ma con pochi minuti le verdure rimangono croccanti!

  • zaira ha scritto: mercoledì 15 ottobre 2014

    ciao Sonia grazie per tutte le ricette sono semplici e gustosissime volevo sapere posso conservare la giardiniera nell'olio anziché nel suo liquido di cottura

  • Sonia Peronaci ha scritto: giovedì 16 ottobre 2014

    @zaira:sì, otterrai una conserva sott'olio.

  • Basilio ha scritto: domenica 12 ottobre 2014

    Cosa faccio se dopo 24 ore il coperchio si apre facilmente?

  • Sonia Peronaci ha scritto: mercoledì 15 ottobre 2014

    @Basilio:Ciao, in questo caso con i tappi a chiusura ermetica non si è creato il sottovuoto.

  • Patrizia ha scritto: lunedì 19 maggio 2014

    Ciao..eccomi qui!!Dopo essere sopravvissuta alle esalazioni di aceto...la giardiniera e' pronta!Secondo me la cottura e' eccessiva,le verdure nn risultano croccanti.Vabbe' provo la prox. a cuocerle meno.Buona serata!

  • Sonia Peronaci ha scritto: lunedì 07 ottobre 2013

    @Antonella@: Ciao Antonella, mondare sta per pulire ovvero privare la cipolla in questo caso degli strati più esterni. Puoi farla bollire per una decina di minuti o fino a che non risulterà morbida ma non molle come per le altre verdure!

  • Antonella@ ha scritto: sabato 28 settembre 2013

    Ciao Sonia. Grazie delle stupende ricette che ci regali ogni giorno.. ora volevo provare a fare la giardiniera ma volevo sapere cosa intendi per mettere le cipolla in acqua bollente e mondarle .. ma mondarle non significa pulirle ?? e quanto devono restate nell'acqua bollente ?? grazie ancora di tutti i meravigliosi consigli che ci dai. ti farò sapere come è venuta. ciao!!!!

  • Sonia Peronaci ha scritto: venerdì 07 giugno 2013

    @angela: Ciao Angela, se la procedura del sotto vuoto è stata eseguita correttamente, sarà possibile consumare la giardiniera dopo un mese dal confezionamento. Si può conservare per circa 6 mesi/ 1 anno smiley

  • angela ha scritto: venerdì 07 giugno 2013

    quanto tempo si conserva la giardiniera?

  • Sonia Peronaci ha scritto: mercoledì 10 ottobre 2012

    @gloria: l'aceto ideale è quello di vino bianco o quello di mele, più delicato!

  • gloria ha scritto: mercoledì 03 ottobre 2012

    che tipo di aceto si deve usare.. quello di vino rossi, rice vinegar, or apple cider vinegar?

10 di 19 commenti visualizzati Mostra altri commenti »

Lascia un Commento