Gnocchi di prugne

Primi piatti
Gnocchi di prugne
40 Aggiungi al tuo ricettario
  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 60 min
  • Cottura: 60 min
  • Dosi per: 12 pezzi
  • Costo: basso

Presentazione

Gli gnocchi di prugne, o come cita il dialetto “gnocchi de’ susini”, è un primo piatto italiano tipico del Friuli-Venezia Giulia, in special modo di Trieste. Questa cucina, che spesso univa la povertà alla fantasia, è molto varia e ricca di sfumature: elegante e dignitosa, porta in tavola sapori contrastanti di derivazione mitteleuropea che creano pietanze particolari, proprio come questa. Nella ricetta che vi presentiamo, potrete infatti gustare gli gnocchi di patate, piatto di origine antichissima, in una speciale versione dolce e farvi conquistare dal loro cuore morbido a base di prugne. Una gustosa e squisita panatura, impreziosita dalla cannella, completa questo piatto che vale assolutamente la pena provare!

Ingredienti per la pasta (per 12 gnocchi)
Patate farinose rosse 800 g
Farina tipo 00 20 g
Burro a temperatura ambiente 50 g
Uova tuorlo 1
Parmigiano reggiano grattugiato 30 g
Sale 2 g
per il ripieno
Prugne secche ma succose (o fresche piccole) 12
Zucchero zollette 6
per il condimento
Burro a temperatura ambiente 150 g
Pangrattato 60 g
Cannella in polvere 4 g
Zucchero di canna 60 g

Preparazione

Gnocchi di prugne

Per preparare gli gnocchi di prugne incominciate a prendere le prugne e a denocciolarle con un coltello (1). Se utilizzate prugne essiccate piuttosto asciutte, mettetele a bagno in acqua tiepida per farle reidratare, poi strizzatele delicatamente e solo successivamente denocciolatele. Terminato questo procedimento, mettete da parte le prugne. Lavate bene le patate sotto acqua fresca corrente e fatele lessare intere con la buccia in abbondante acqua salata (2). Trascorsi 40-45 minuti, accertatevi dell’avvenuta cottura delle patate punzecchiandole con una forchetta; se le patate risulteranno morbide e ben cotte, spegnete il fuoco e scolatele delicatamente dall'acqua; quindi sbucciatele ancora calde (3).

Gnocchi di prugne

Successivamente passatele al passaverdura o con lo schiacciapatate (4) e mettete la purea nella planetaria. Aggiungete il burro a temperatura ambiente a pezzettini e azionate la foglia (5) (nel caso non aveste la planetaria, lavorate l’impasto su di una spianatoia con le mani); quando avrete ottenuto un composto omogeneo, trasferite la purea di patate su di una spianatoia (6).

Gnocchi di prugne

Aggiungete quindi il parmigiano reggiano grattugiato (7), il tuorlo d’uovo e la farina (8); con una spatola amalgamate il tutto delicatamente per 5-6 minuti al massimo senza impastare eccessivamente, (9), fino ad ottenere un composto morbido a consistente. Se l'impasto fosse troppo molle o appiccicoso, unite un altro cucchiaio di farina (il risultato dipende molto dal tipo di patate che avete utilizzato). Nel frattempo mettete sul fuoco una pentola con abbondante acqua salata, che servirà per la cottura degli gnocchi.

Gnocchi di prugne

Dividete l’impasto in 12 parti uguali del peso di 60 gr ciascuna e formate delle palline che poi andrete a schiacciare sul palmo delle mani, ottenendo così dei dischi. Terminato questo passaggio, collocate al centro di ogni disco una prugna denocciolata dentro la quale posizionerete a sua volta mezza zolletta di zucchero (oppure un piccolo cucchiaino di zucchero) (10). Chiudete delicatamente ogni disco con le mani (11) fino a formare delle palline di uguale misura (12).

Gnocchi di prugne

Ripetete l'operazione e, quando avrete finito, posizionate gli gnocchi di prugne che avete ottenuto su un vassoio foderato di carta forno (13). Quando l’acqua avrà raggiunto il bollore, lessate gli gnocchi (14) e sgocciolateli mano a mano che vengono a galla (15);

Gnocchi di prugne

fateli quindi raffreddare in acqua fredda, immergendoli con un colino (16). Procedete ora alla preparazione della panatura: in una ciotola versate il pangrattato, lo zucchero di canna (17), la cannella (18), dopodichè mescolateli bene con un cucchiaiono.

Gnocchi di prugne

Passate delicatamente nella panatura che avete ottenuto gli gnocchi di prugne (19), facendo in modo che aderisca bene in maniera uniforme (20). Ripetete l’operazione e ponete gli gnocchi panati su di un vassoio (21).

Gnocchi di prugne

Infine mettete sul fuoco una padella antiaderente con il burro (22); una volta sciolto, potete decidere se cospargere gli gnocchi di prugne con il burro fuso (23) oppure farli saltare in padella fino a quando saranno ben dorati (24). Inoltre un' altra variante consiste nel far rosolare il pangrattato con il burro e la cannella per poi tuffarvi dentro gli gnocchi, facendoli saltare qualche secondo per insaporirli. Servite gli gnocchi di prugne al momento ben caldi.

Conservazione

Si consiglia di consumare gli gnocchi di prugne caldi al momento. Si possono congelare crudi, disposti su un vassoio infarinato ben separati. Quando saranno congelati perfettamente, si possono riunire in un sacchetto gelo per alimenti, così non si attaccheranno l'uno con l'altro.

Consiglio

Adoro davvero molto questa ricetta tradizionale e così ricca di storia! Se volete provare gli gnocchi con altri tipi di frutta, potete variare il ripieno sostituendo le prugne con altra frutta secca (sempre piuttosto morbida) come albicocche. Vi consiglio di acquistarne di succose e già denocciolate; se invece sono di stagione, acquistatele fresche ma piuttosto piccole e oblunghe. E se non siete contenti, provate coi fichi ... con questi gnocchi farete devvero un figurone!

Curiosita'

Nella gastronomia di Trieste, città mitteleuropea, confluiscono tradizioni latine, germaniche e slave. La cucina triestina ha infatti inglobato ed accostato tra di loro ricette venete, austriache, slave, ebraiche e greche, che a volte sono state “accomodate” per il palato triestino con l'uso di ingredienti tipici quali il cumino, la maggiorana e l'aglio, ma capita spesso che vengano proposte sulle tavole friulane senza alcuna variazione.

Altre ricette

I commenti (40)

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere.
I commenti verranno aggiornati ogni 15 minuti circa.

  • Martina ha scritto: venerdì 29 aprile 2016

    potreste dirmi un su ghetto da abbinare?

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: martedì 03 maggio 2016

    @Martina: Ciao, questi gnocchi sono dolci! Accompagnali con una salsa al cioccolato bianco o cioccolato fondente! smiley

  • Gabriella ha scritto: sabato 31 ottobre 2015

    Sono d'accordo con i commenti sull'uso di susini freschi e senza parmigiano! Sono triestina, ma ora vivo a Ferrara, è incredibile come non conoscono, loro creatori delle paste ripiene: tortellini, cappellacci Etc... L'uso del condimento burro e pangrattato! Rispetto al solo burro non ha uguali! E poi l'aggiunta delle foglie di salvia!

  • Tiziana ha scritto: venerdì 18 settembre 2015

    Vi prego no parmigiano!!!!!!

  • emanuela ha scritto: giovedì 17 settembre 2015

    spero rimangano ben chiusi perché non ho mai provato a farli ma li ho mangiati e sono deliziosi un saluto a tutti e grazie per i consigli

  • Francesca ha scritto: sabato 05 settembre 2015

    Da triestina, concordo con molti di voi per quanto riguarda l'utilizzo delle susine fresche (mai fatti né mangiati con quelle secche) e l'assenza del parmigiano nell'impasto!

  • gloria ha scritto: martedì 25 agosto 2015

    mi scuso per i mille commenti (mi si era bloccato il cel)... comunque anche qui in trentino li facciamo con le susine fresce e senza parmigiano

  • gloria ha scritto: martedì 25 agosto 2015

    sono gnocchi tipici del Trentino e qui li chiamiamo gnocchi alla boema

  • gloria ha scritto: martedì 25 agosto 2015

    sono gnocchi tipici del Trentino e qui li chiamiamo gnocchi alla boema

  • Alberto ha scritto: giovedì 19 febbraio 2015

    A precisazioni una di carattere "campanilistico" e due inerenti la ricetta. Quella di carattere "campanilistico" è che i "gnochi de susini" sono Triestini (Venezia Giulia) e non Friulani. Quelle inerenti la ricetta sono le seguenti: 1- i susini sono un particolare tipo di "prugne" di forma oblunga e leggermente aspri, tipici delle terre Istriane. 2 - i veri gnocchi di susine Triestini utilizzano solo "susini apena colti e no sechi". Comunque complimenti per la ricetta.

  • Giulia N. ha scritto: giovedì 18 dicembre 2014

    FANTASTICOOOOOO!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

10 di 40 commenti visualizzati Mostra altri commenti »

Lascia un Commento