Speciale Ricette dal mondo

Gulash Ungherese

Secondi piatti
Gulash Ungherese
165 Aggiungi al tuo ricettario
  • Difficoltà: media
  • Preparazione: 30 min
  • Cottura: 200 min
  • Dosi per: 8 persone
  • Costo: medio

Presentazione

Il gulash è sicuramente uno dei piatti più conosciuti e rappresentativi della gastronomia ungherese, che vanta molte imitazioni sia in Europa che oltreoceano.
La sua fortuna è sicuramente dovuta al fatto che il gulash è un piatto, si abbastanza laborioso da preparare, ma anche molto saporito e particolare grazie all'accostamento della carne di vitello con la cipolla, il pomodoro e soprattutto la paprika, regina della cucina ungherese in generale e senza la quale il gulash non sarebbe gulash.
L'origine di questa ricetta è molto povera ed è da ricercarsi tra i mandriani ungheresi che, quando trasportavano i pregiati manzi grigi dalla pianura della Puszta ai mercati di Moravia, Vienna, Norimberga e Venezia, usavano preparare questa sorta di spezzatino di carne di vitello dentro un grande paiolo messo sopra un fuoco di legna all'aperto.
Il nome stesso della ricetta sembra confermare questa versione visto che il termine Gulyás, ovvero gulash in ungherese, deriva proprio dalle parole gulyás, che significa mandriano,e da gulya che significa mandria.
Naturalmente per molti secoli il gulash fu solo il pasto dei mandriani e della povera gente che aveva ben poco a disposizione per nutrirsi.
Col passare del tempo, verso la fine del XVIII secolo che la gulyásleves,la minestra dei mandriani, dalla prateria arrivò ad essere conosciuta dalle famiglie borghesi ed a riscuotere il grande successo che ha portato il gulash a diventare il piatto tradizionale ungherese per eccellenza.

Ingredienti
Brodo di carne 1 lt
Cipolle 400 g
Paprika dolce in polvere 50 gr
Patate 500 g
Strutto 50 g
Carne bovina polpa di spalla 800 gr
Aglio 1 spicchio
Cumino in polvere 1 cucchiaino raso
Peperoni verdi medi 2
Carote 1
Sale q.b.
Pomodori ramati medi 1

Preparazione

Gulash Ungherese

Iniziamo la preparazione del gulash ungherese mondando e tagliando le cipolle grossolanamente (1). Mettete in un tegame capiente lo strutto (o se preferite l’olio di oliva) e fatevi appassire le cipolle a fuoco basso per circa 15-20 minuti senza fargli prendere colore (2). Unite anche l’aglio schiacciato e il cumino (3).

Gulash Ungherese

Nel frattempo tagliate la carne a cubetti del lato di circa 3 cm (4) e versatela sulle cipolle (5); fate rosolare qualche minuto (6), mescolando di continuo e stando attenti a non bruciare la cipolla.

Gulash Ungherese

Unite la paprika (7), salate, mescolate per bene e lasciate cuocere a fuoco bassissimo per circa 1 ora e mezza coprendo con un coperchio e mescolando di tanto in tanto. Non dovrebbe essercene bisogno, ma se la carne si asciugasse troppo, unite un mestolo di brodo. Nel frattempo pulite il peperone privandelo della parte centrale bianca e dei semi e tagliatelo a cubetti (8), sbucciate le patate e tagliatele a cubetti grossi quanto i pezzi di carne (9), private il pomodoro dei semi e tagliatelo a cubetti.

Gulash Ungherese

Unite quindi alla carne le verdure mondate e tagliate a cubetti (tranne le patate) (10), il brodo (11), mescolate e fate cuocere per un’altra ora sempre a fuoco basso coprendo con il coperchio ma lasciando un piccolo sfiato. In ultimo, unite le patate (12), quindi lasciate cuocere ancora per un’altra mezzora mescolando ogni tanto. A fine cottura dovreste ottenere uno spezzatino piuttosto denso e consistente. Servite il gulash ungherese accompagnato con i tipici gnocchetti di pasta: se volete prepararli da voi, potete trovare la ricetta cliccando qui. .

Curiosità

Il gulash, come abbiamo già detto, è un piatto molto apprezzato e conosciuto in tutto il mondo ed è per questo che è anche molto imitato e di conseguenza ha assunto nomi diversi in alcune nazioni: in croato gulaš, in tedesco gulasch, in polacco gulasz, in rumeno gulaş, in ceco guláš.

Il consiglio di Sonia

La carne migliore per il gulash è certamente il vitello, polpa, spalla, coscetto o collo. Siccome questo piatto è buono caldo, se volete stupire i vostri ospiti con un effetto speciale, servitelo in quei piatti di terracotta o acciaio con fornelletto annesso (nei casalinghi specializzati li troverete di sicuro): l’effetto è garantito!

Altre ricette

I commenti (165)

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere.
I commenti verranno aggiornati ogni 15 minuti circa.

  • Mary Ax ha scritto: sabato 08 agosto 2015

    Provatelo perchè è veramente buono. Ho aggiunto le carote, perchè nel Gulash che ho mangiato a Budapest c'erano.

  • megdey ha scritto: mercoledì 05 agosto 2015

    Gulash ho visto una ricetta anziché mettere il concentrato di poomodoro mettevono la birra scura

  • antonio ha scritto: mercoledì 20 maggio 2015

    A parte che si scrive GULASCH, poiché le sue origini risalgono ai bovari ungheresi del IX secolo è del tutto impossibile che questi potessero utilizzare i pomodori in quanto originari delle Americhe e importati alcuni secoli dopo, il cumino che è di origine tipicamente mediterranea e men che meno lo strutto che si iniziò a produrre durante la dominazione spagnola in Sicilia. Anche l'aglio e i peperoni verdi non sono previsti.

  • Sonia Peronaci ha scritto: giovedì 21 maggio 2015

    @antonio: ciao Antonio, per quanto riguarda il nome è corretto in entrambi i modi. Per queste ricette tipiche esistono milioni di varianti, noi abbiamo scelto di realizzarla in questo modo!

  • Szandra ha scritto: domenica 03 maggio 2015

    Non parlavo di varianti ma del fatto che c'è una differenza enorme tra spezzatino e gulyàs!!! Anche in Ungheria! Il piatto gulyàs è una zuppa e certamente non densa! La base è lo spezzatino (porkolt) che va allungato per ottenere la zuppa! Bella differenza! In Ungheria il gulyàs è un primo piatto mentre il "porkolt" è un secondo! Giusto per precisare le cose!

  • Szandra ha scritto: mercoledì 29 aprile 2015

    Ma non vi vergognate di mettere nel nome della ricetta "ungherese"??? Non assomiglia minimamente al piatto originale!!! Andate in Ungheria ad assaggarlo e vederlo e forse capite la differenza che è enorme!!!

  • Sonia Peronaci ha scritto: giovedì 30 aprile 2015

    @Szandra: Ciao! Noi proponiamo una versione ma come tutte le ricette della tradizione sono sicura che esistono molteplici varianti, anche da famiglia a famiglia smiley

  • silvia ha scritto: lunedì 16 marzo 2015

    grazie! stasera sara' la nostra cena!smiley

  • silvia ha scritto: lunedì 16 marzo 2015

    ma se faccio meta' dose devo dimezzare anche i tempi di cottura???

  • Sonia Peronaci ha scritto: lunedì 16 marzo 2015

    @silvia: Ciao Silvia essendo tagliato tutto a pezzi non è necessario! 

  • tina ha scritto: domenica 22 febbraio 2015

    posso usare il brodo vegetale al posto di quello di carne oppure cambia completamente di sapore????

  • Sonia Peronaci ha scritto: venerdì 06 marzo 2015

    @tina: Puoi provare! Ovviamente il sapore... cambierà un pò smiley

  • silvia ha scritto: martedì 17 febbraio 2015

    se volessi usare l olio al posto dello strutto quale sarebbe la dose giusta??

  • Sonia Peronaci ha scritto: mercoledì 18 febbraio 2015

    @silvia:Ciao Silvia! Puoi provare a dosarne 20g in meno smiley

  • Paolo ha scritto: giovedì 12 febbraio 2015

    Il gulasch è fantastico

10 di 165 commenti visualizzati Mostra altri commenti »

Lascia un Commento