Involtini alla siciliana

Secondi piatti
Involtini alla siciliana
61 Aggiungi al tuo ricettario
  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 25 min
  • Cottura: 10 min
  • Dosi per: 4 persone
  • Costo: medio

Presentazione

Gli involtini alla siciliana sono un secondo piatto di carne tipico della regione Sicilia. La ricetta a cui ci siamo ispirati per realizzare questi gustosi involtini è originaria di Palermo e utilizza ingredienti tipici della cucina siciliana come i pinoli, le uvette, la cipolla, l'alloro e il caciocavallo, che donano alla carne un sapore e un aroma davvero particolari. Le ricette per preparare gli involtini alla siciliana sono tante e diverse fra loro; ad esempio gli involtini preparati a Catania prevedono l’aggiunta del salame piccante nel ripieno.

Ingredienti per 6 spiedini
Carne bovina fettine di manzo 1 kg
Olio di oliva extravergine q.b per spennellare
Alloro 24 foglie
Cipolle 1 cipolla rossa grossa
Ingredienti per l'impasto
Pinoli 50 g
Sale q.b.
Pepe q.b.
Uvetta 50 g
Olio di oliva extravergine 50 ml
Formaggio fresco caciocavallo siciliano 150 gr
Pane grattuggiato 150 gr
Cipolle 1 cipolla rossa grossa

Preparazione

Involtini alla siciliana

Per preparare gli involtini alla siciliana iniziate mettendo in ammollo l’uva passa in una bacinella piena d’acqua per 10 minuti (1). Prendete il caciocavallo, tritatelo finemente (2) e mettetelo in una ciotola abbastanza capiente da contenere poi anche gli altri ingredienti (3).

Involtini alla siciliana

Aggiungete al formaggio il pangrattato (4), i pinoli (5) e l’uva passa ben scolata (6).

Involtini alla siciliana

A questo punto tritate finemente la cipolla (7), e mettetela ad appassire in una pentola antiaderente con 3 cucchiai di olio di oliva (8). Quando sarà pronta, unitela al composto di pangrattato e aggiungete il restante olio per amalgamare l’impasto; aggiustate di sale e di pepe (9). L’impasto ottenuto dovrà avere una consistenza grumosa e non compatta perché sia facilmente modellabile quando andate ad assemblare l’involtino.

Involtini alla siciliana

Ora occupatevi di creare gli involtini: prendete la carne e battetela con il batticarne (10), spennellatela con dell'olio, adagiatevi un po’ di ripieno e arrotolatela su se stessa dal lato corto (11). A questo punto dividete a metà il rotolo ottenuto con l’aiuto di un coltello (12).

Involtini alla siciliana

Preparate 24 fettine di cipolla tagliando in quarti le falde esterne e iniziate a costruire il primo spiedino (le fette ottenute avranno la lunghezza dell'involtino) (13). Infilzate in uno stecco da spiedo una foglia di alloro, una fetta di cipolla, un involtino, una fetta di cipolla e un’altra foglia di alloro (14); continuate a comporre lo spiedino finché non avete infilzato tre involtini (15).

Involtini alla siciliana

Seguendo questo procedimento preparate anche gli altri spiedini, fino a che non avrete esaurito tutti gli ingredienti e poi spennellateli con dell’olio (16). Fate riscaldare per bene una bistecchiera a fuoco alto e grigliate gli spiedini 2 minuti per lato, quanto basta per rosolarli e cuocere l’interno della carne (17-18). Gli involtini alla siciliana possono essere serviti come classici spiedini oppure si possono separare i boccini e mettere su un piatto.

Consiglio

Se preferite, potete sostituire il caciocavallo con pecorino grattugiato o scamorza e, prima di grigliare gli involtini, potete ungerli di olio e passarli nel pangrattato, per esaltare ulteriormente la morbidezza della carne.

Conservazione

Questo piatto può essere conservato in frigorifero, chiuso in un contenitore ermetico, per 2 giorni.
E' sconsigliato surgelare questi spiedini.

Altre ricette

I commenti (61)

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere.
I commenti verranno aggiornati ogni 15 minuti circa.

  • Angela ha scritto: mercoledì 18 giugno 2014

    Io almposto dell'allora ci vedrei bene le foglie di limone smiley

  • Adua ha scritto: venerdì 07 marzo 2014

    ciao Sonia sono una palermitana e devo fare alcune modifiche: la mollica si tosta in padella con un po' di olio e si aggiungono titti gli ingredienti del ripieno e si cuoce tutto per un paio di minuti... ah noi mettiamo la "passolina" un uvetta piccolissima essiccata ma non si mette in acqua... e insieme all'alloro mettiamo anche la cipolla a "foglie" provateli così sono deliziosi

  • Sonia Peronaci ha scritto: martedì 28 gennaio 2014

    @sonia: credo che tu possa provare senza problemi, non so esattamente che tipo di strumento possiedi e non sono in grado di darti indicazioni precise sulle modalità di cottura, il mio consiglio è di fare una prova con uno spiedino.

  • sonia ha scritto: lunedì 27 gennaio 2014

    ciao sonia, vorrei sapere se è possibile cucinarli nel girarrosti e se il metodo di cottura cambia grazie

  • Sonia Peronaci ha scritto: giovedì 14 novembre 2013

    @Francesca: Ciao, se li hai congelati utilizzando ingredienti freschi, prova a scongelarli e poi a scaldarli in forno. Si sconsiglia la congelazione perchè è sempre meglio consumare questo genere di preparazioni subito o al limite conservarle in frigorifero per 1-2 giorni!

  • Francesca ha scritto: martedì 12 novembre 2013

    Ciao Sonia, ho seguito la tua ricetta e preparato questi meravigliosi involtini. Ne ho però surgelati due! Ho letto che tu sconsigli di surgelarli. Perchè? Sono costretta a buttarli? Grazie mille per i tuoi preziosi consigli! Francesca

  • Barbara ha scritto: venerdì 06 settembre 2013

    Fatti ieri sera utilizzando come formaggio il caprino. Eccezionali!!!

  • Alessandra ha scritto: sabato 31 agosto 2013

    Cara Sonia, finalmente le braciole! Sono conosciute anche come braciole messinesi. A Palermo alcuni le chiamano. " i missinisi", le messinesi. Ma il procedimento che mi hanno insegnato è diverso. A messina la carne é lacerto, per noi girello. Tagliata sottile quasi come un carpaccio, fripiena del composto di mollica, pecorino, olio, pepe, prezzemolo. Dopo averle infilzate, le braciole vanno ripassate nel pan grattato e poi arrostite, con attenzione a non far sciogliere sulla piastra il formaggio. Meno ce ne sono in uno spiedino, più morbide vengono. Stesso procedimento per cuocerle in umido. Con il sugo di carne e braciole, senza spiedino, ci si puo condire lla pasta. Ottimo per una pasta al forno. Saluti Alessandra .

  • rossella ha scritto: mercoledì 21 agosto 2013

    proverò a farli stasera nonostante io sia una palermitana DOC

  • pat ha scritto: giovedì 18 luglio 2013

    @involtina: si cucinano alla griglia o alla brace, al forno con un velo di burro sopra per non farle asciugare toppo, ma anche al sugo... sugo rosso.

10 di 61 commenti visualizzati Mostra altri commenti »

Lascia un Commento