Lasagne alla Bolognese

Primi piatti
Lasagne alla Bolognese
280 Aggiungi al tuo ricettario
  • Difficoltà: media
  • Preparazione: 30 min
  • Cottura: 70 min
  • Dosi per: 8 persone
  • Costo: medio
  • Nota: + 2 ore e 1/2 di cottura del ragù

Presentazione

Lasagne alla Bolognese

Le lasagne alla Bolognese sono un piatto tipico della gastronomia dell’Emilia Romagna e, da come si evince dal nome, della città di Bologna.

Naturalmente, nonostante la paternità di questa ricetta sia Emiliana, le lasagne sono conosciute a tal punto che sono diventate un simbolo della cucina italiana nel mondo.

Dalla preparazione e dagli ingredienti, questa ricetta è la quintessenza della "ricchezza" della cucina tradizionale bolognese e piace a grandi e piccini.

Per preparare una buona lasagna alla Bolognese, la cosa fondamentale è la giusta scelta degli ingredienti: per prima cosa la carne, che deve essere rigorosamente, per metà di manzo e metà di maiale per dare sapore alla ricetta, poi la polpa di pomodoro che deve essere di buona qualità, ed infine, ma non per ultime le lasagne vere e proprie, che devono essere tra le migliori, anche se sarebbe meglio prepararle da se in casa.

Ingredienti
Lasagne all'uovo 500 g
Parmigiano reggiano grattugiato 200 gr
Besciamella 1 kg circa
Per il ragù alla bolognese
Carote 1
Pepe una spolverata
Cipolle 1
Olio di oliva extravergine 4 cucchiai
Latte 1 bicchiere
Burro 50 g
Vino rosso 1 bicchiere
Sale q.b.
Pancetta (tesa o arrotolata) 100 gr
Carne bovina polpa di manzo tritata 250 gr
Carne di suino tritata (coscia) 250 gr
Brodo di carne 250 ml
Pomodori passata 250 ml (oppure 30 gr di triplo concentrato)
Sedano 1 costa

Un po' di storia

Chi pensa che le lasagne siano un piatto abbastanza recente, si sbaglia di grosso, infatti, la storia di questa buonissima ricetta, affonda le sue radici niente poco di meno che nell’età Romana.
Ovviamente, a quel periodo, le lasagne non erano come le conosciamo noi oggi ma consistevano in alcune strisce di pasta tagliata a quadrotti più o meno regolari, cotti in pentola o sulla piastra e conditi con legumi e formaggio.
Per molti secoli ancora, le lasagne rimasero quelle inventate dai Romani e venivano chiamate “lasana” o “lasanum” che stava a significare “vaso, recipiente”.
Questo fino al XIV secolo, quando Francesco Zambrini scoprì per la prima volta che quelle strisce di pasta potevano essere lasciate intatte ed addirittura si potevano creare degli strati da farcire con il formaggio.

A testimonianza di questa scoperta, Zambrini riportò la ricetta nel suo libro di cucina e, a quanto pare, ebbe un enorme successo visto che da quel giorno le lasagne furono a strati.
Non si sa esattamente come si è passati da questa primitiva lasagna alla lasagna alla Bolognese e, nemmeno il padre della cucina italiana Pellegrino Artusi, ne parlanel suo grande libro di cucina che raccoglie le ricette tradizionali italiane.
Nel corso del tempo, le lasagne divennero un piatto molto popolare ed amato, grazie anche ad alcuni ristoranti Bolognesi che iniziarono a farle conoscere alla loro clientela agli inizi del 900.
Ma sicuramente, la consacrazione definitiva di questo piatto, si ha nel 1935 quando Paolo Monelli lo cita nel suo libro il “Ghiottone errante”.

Preparazione

Lasagne alla Bolognese

Iniziate col preparare  il brodo di carne.
Preparate ora, un trito a base di cipolla, carote e sedano e fatelo soffriggere in un tegame, insieme all’olio e  al burro.
Tritate finemente la pancetta e dopo qualche minuto, aggiungetela nel tegame assieme alla carne trita, quindi fate rosolare il tutto per qualche minuto a fiamma vivace.
Aggiungete il vino rosso e fatelo evaporare sempre mantenendo il fuoco a fiamma vivace.
A questo punto aggiungete anche la passata (o il concentrato di pomodoro disciolto in poco brodo),  il brodo, il pepe ed un pizzico di sale e lasciate cuocere il tutto a pentola semicoperta per almeno 2 ore mescolando di tanto in tanto ed aggiungendo il brodo rimasto e infine il latte.
Mentre il vostro ragù cuoce, preparate la besciamella seguendo la nostra ricetta, ricordandovi che per le lasagne la besciamella dovrà risultare abbastanza fluida. Una vola pronto il ragù, fate preriscaldare il forno a 160° ed iniziate ad assemblare le vostre lasagne: imburrate una teglia rettangolare (1), stendete un paio di cucchiai di ragù e foderate il fondo con la pasta (3),

Lasagne alla Bolognese

quindi coprite con qualche cucchiaio di besciamella (3). Coprite poi con abbondante ragù e una spolverata di Parmigiano reggiano (5). Coprire il tutto con altra pasta (6) e procedete nello stesso modo per realizzare il secondo strato.

Lasagne alla Bolognese

Formate più strati a seconda della teglia e fino ad esaurire tutti gli ingredienti. In un pentolino mischiate il ragù con un po' di besciamella (7) e terminate le vostre lasagne con uno strato sottile e leggero con il composto ottenuto (8). Per finire, spolverizzate la vostra lasagna con abbondante Parmigiano Reggiano (9) e infornate il tutto in forno statico preriscaldato a 150° per almeno 50-60 minuti, controllando ogni tanto la cottura: le lasagne saranno pronte quando avranno assunto un bel colorito ed una crosticina dorata.  Una volta pronte, togliete dal forno le lasagne e lasciatele raffreddare per 10 minuti, quindi tagliatele nella teglia e servite ancora calde.

Conservazione

Conservate le lasagne alla bolognese, chiuse in un contenitore ermetico e poste in frigorifero, per 2-3 giorni al massimo.

Curiosità

Ormai sapete già che le lasagne sono una pietanza di derivazione Romana ma, sapete anche che uno dei più grandi oratori e uomini politici dell’Urbe come Cicerone, era una grande estimatore di questo piatto?
Pare infatti, che l’autore delle “catilinarie” amasse particolarmente le lasagne, oltre che per la loro bontà, anche per la loro morbidezza che gli permetteva di gustarle anche in età avanzata quando aveva qualche problemino di masticazione.

Come fare il soffritto

Leggi la scheda completa: Come fare il soffritto

Il consiglio di Sonia

Trattandosi di un piatto molto sostanzioso e calorico, le lasagne possono tranquillamente fungere da piatto unico. Accompagnatele con un'insalata verde o mista. Se volete esagerare, potete aggiungere ad ogni strato di lasagna qualche ricciolo di burro, che renderà tutto più morbido, delicato e gustoso.

Altre ricette

I commenti (280)

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere.
I commenti verranno aggiornati ogni 15 minuti circa.

  • Jay ha scritto: venerdì 17 aprile 2015

    Ciao a tutti, volevo chiedere più che altro una curiosità. Ovviamente il ragù credo sia sempre meglio farlo, ma è possibile fare le lasagne utilizzando un ragù già pronto? Il sapore sarà diverso ma sarà molto cattivo per caso?

  • Sonia Peronaci ha scritto: venerdì 17 aprile 2015

    @Jay: ciao jay, sinceramente ti consiglio di realizzare il ragù a casa, puoi prepararlo anche il giorno prima, o se utilizzi tutti ingredienti freschi congelarlo! 

  • costanza ha scritto: lunedì 06 aprile 2015

    dvfo fare le lasagne per molte persone. posso preparare il ragù e la besciamella in anticipo, congelarli e poi assemblare la pasta?

  • Sonia Peronaci ha scritto: martedì 07 aprile 2015

    @costanza: ciao Costanza, puoi congelare sia il ragù che la besciamella al massimo per un mese! Una volta scongelata, la besciamella potrebbe non essere liscia ed omogenea, basterà semplicemente sbatterla a mano con una frusta per qualche minuto! 

  • PierAngelo ha scritto: sabato 04 aprile 2015

    Ottima spiegazione e complimenti,una domanda :perché i produttori di pasta o quelli di contenitori non si mettono d'accordo sulle misure? Grazie,saluti calorosi e Auguri PierAngelo

  • alessandra ha scritto: martedì 24 marzo 2015

    la sto facendo ora... il ragu sta cuocendosmiley ho aggiunto anche una foglia di alloro... vi saprò dire com'e! e la prima volta che le faccio vediamo re batto quelle della mamma... smiley

  • Ele99 ha scritto: giovedì 19 marzo 2015

    Salve posso utilizzare del dado al posto del brodo di carne?

  • Sonia Peronaci ha scritto: giovedì 19 marzo 2015

    @Ele99: Ciao! A noi piacciono gli ingredienti più naturali e fatti in casa smiley però puoi usarlo smiley

  • shady ha scritto: domenica 08 marzo 2015

    molto buone e facili da preparare

  • elena ha scritto: martedì 03 marzo 2015

    ciao Sonia, se faccio le lasagne e le metto in frigo crude le posso poi cucinare domani sera o al max dopodomani a pranzo o meglio cucinarle subito e poi metterle in frigo cotte?grazie ciao elena

  • Sonia Peronaci ha scritto: mercoledì 04 marzo 2015

    @elena:Ciao Elena, puoi provare a congelarle crude e poi lasciarle scongelare in frigo prima di cuocerle. Altrimenti ti consiglio di preparare il condimento, conservarlo in frigo e assemblare le lasagne prima di infornarle. 

  • Monica ha scritto: lunedì 02 marzo 2015

    Io le ho fatte ieri le lasagne e in 30 minuti a 200° erano perfette!!! non so, sarà che alla base del forno metto sempre una teglia con dell'acqua?in ogni caso mi vengono morbidissime e cremose all'interno. C'è da dire che io non uso la ricetta classica x fare le lasagne alla bolognese perché noi siamo abituati a più sugo e, anzi, io lo allungo pure con dell'acqua, e probabilmente è anche questo che aiuta...e poi la mozzarella...Non saprei, in ogni caso come le faccio io piacciono a tutti! X nn parlare della lasagna napoletana che si usa fare qui in Campania..................superspettacolare!!!

  • Sara ha scritto: venerdì 20 febbraio 2015

    Quanto deve essere grande la teglia?

  • Sonia Peronaci ha scritto: giovedì 16 aprile 2015

    @Sara: Ciao Sara, puoi provare con una teglia 35X25 smiley

  • loris ha scritto: martedì 17 febbraio 2015

    ciao sonia...cosa facio se la pasta non e fresca....ho paura che diventano dure....

  • Sonia Peronaci ha scritto: martedì 17 febbraio 2015

    @loris:Ciao Loris! Se la pasta non è fresca dovresti leggere le indicazioni sulla confezione: in alcuni casi indicano di sbollentarla nell'acqua bollente prima di fare la lasagna smiley

10 di 280 commenti visualizzati Mostra altri commenti »

Lascia un Commento