Shish Kebab di tacchino

Secondi piatti
Shish Kebab di tacchino
15 Aggiungi al tuo ricettario
  • Difficoltà: media
  • Preparazione: 40 min
  • Cottura: 45 min
  • Dosi per: 4 persone
  • Costo: medio
  • Nota: + 1 ora di marinatura della carne

Presentazione

Shish Kebab di tacchino

Shish kebab può essere tradotto come “cubi di carne su uno spiedino cotti alla griglia”. La parola Kebab è di origine araba e si riferisce di solito a carni cotte su uno spiedo sebbene l’etimologia corretta sarebbe “carne fritta”. Per ovvie ragioni religiose, la carne di maiale non viene mai utilizzata se non in Armenia, Grecia e Cipro.

Traduciamolo semplicemente come “spiedino di carne arrostita”. Nella tradizione araba esistono tantissime preparazioni in cui è presente la costante dello spiedo, spiedone o spiedino.

 Tutto il medio-oriente - e non solo - è stracolmo di preparazioni di questo tipo, ognuna delle quali subisce l’influenza della cultura gastronomica locale. Il denominatore comune è però la cottura su braci di legna e l’uso di spiedi. Sono così radicati nella cultura che i dispositivi di cottura, chiamiamoli “barbecue arabi”, sono dei parallelepidedi poco profondi, corti ma molto larghi allo scopo di contenere e reggere una moltitudine di spiedini poggiandoli sui bordi anteriori e posteriori del supporto; praticamente un “pianoforte” di spiedini.

In Libano, Siria e Turchia, per esempio, è famoso lo “Shish taouk” o spiedino di pollo. Vengono solitamente marinati in yogurt o succo di pomodoro, infilzati negli spiedi e grigliati sui carboni ardenti. Una volta cotti, ogni commensale ne preleva uno e aiutandosi con una pita (il pane arabo simile alle piadine senza lievito) che utilizza a mò di tovagliolo, tiene lo sp iedino con una mano e la pita aperta sul palmo dell’altra mano. Poggia il kebab sul pane e avvolgendo la mano sulla carne tramite la pita, sfila lo spiedino lasciando i cubetti in bell’ordine sul pane. Solitamente si aggiungono delle salse molto semplici per accompagnare il tutto ma anche delle insalate come il fattouche o il tabouleh.

La versione seguente è una variante fusion (italo-latino-arabo-americana), testata e ritestata, buonissima e assolutamente in linea con i palati italiani, dello shish taouk libanese. Prepareremo lo shish taouk utilizzando il tacchino al posto del pollo che verrà aromatizzato con degli ingredienti classici della cultura siciliana; cipolla rossa e alloro. Useremo le tortillas di mais al posto della pita, molto meno aglio della versione originale e del miele nella marinatura per mitigare l’acido dello yogurt e del succo di lime. Il succo di lime va a sua volta a sostituire il succo di limone per un’acidità ancora meno marcata.

Come intingoli serviremo tre classici della cucina del libano ma conditi in modo da fornire un bouquet di gusto molto piu “italiano”: Il labneh, il baba ganoush (o mutabbel) e il muhammara.

Il labneh è una crema di yogurt greco, molto piu denso del nostro yogurt (della stessa consistenza del mascarpone) menta fresca, aglio e olio di oliva.

Il baba ganoush o mutabbel è una crema di melanzane preventivamente arrostite sul fuoco (si lascia letteralmente carbonizzare l’esterno per conferire un marcato aroma di affumicato) che viene condito ridotto in purea e condito anch’esso con aglio, menta fresca, sale, pepe e tahina. La tahina è una crema oleosa derivata dalla spremitura dei semi di sesamo. Una sorta di burro di arachidi molto liquido.

Il muhammara è un pesto di peperoncini, spezie e frutta secca. In questo caso aggiungiamo dei peperoncini dolci per un piccante piu mitigato, omettiamo la frutta secca per non appesantire il piatto e lo speziamo solo con semi di cumino per conferire il classico aroma portante che si potrebbe avvertire in medio-oriente, mangiando questo piatto.

per i kebab di tacchino
Tacchino fesa 1 kg
Cipolle rosse di tropea 3
Alloro fresco 20 foglie
Tortillas di farina oppure pita o piadina 8
Tortilla chips 200 g
per la marinatura
Limoni 250 ml di succo
Yogurt greco (o intero filtrato) 500 gr
Miele di castagno 2 cucchiai
Zafferano 1 bustina
per il labneh
Yogurt greco 200 gr (o 500 di yogurt intero)
Menta fresca tritata 1 cucchiaio
Lime 1 cucchiaio di succo
Olio di oliva extravergine 1 cucchiaio
Sale q.b.
Pepe q.b.
per il muttabel
Melanzane 1 grossa
Aglio 1 spicchio tritato
Menta fresca tritata 2 cucchiai
Limoni 2 cucchiai di succo
Sale fino 1 cucchiaino
Olio di oliva extravergine 1 cucchiaino
Peperoncino o paprika forte in polvere 1 cucchiaino
Sale q.b.
Pepe q.b.
Tahina 1 cucchiaio
per il muhammara
Peperoncino fresco verde dolce tritato 2 cucchiai
Peperoncino fresco rosso piccante tiritato 2 cucchiai
Cumino pestato 1 cucchiaino
Lime 1 cucchiaino di succo
Sale q.b.

Preparazione

Shish Kebab di tacchino

PREPARAZIONE DELLA CARNE E MARINATURA Per prima cosa, si procede alla preparazione della marinatura. Gli ingredienti della marinatura sono 5 parti di yogurt, 2 di succo di lime, 1 di miele di castagno per una bustina di zafferano. Si prende un recipiente capiente e non reattivo agli acidi (vetro o pyrex quindi) e si versa il succo di lime appena intiepidito sul fuoco in cui scioglieremo il miele (1). Una volta ben sciolto, si aggiunge lo yogurt (2) e lo zafferano (3) avendo cura di mischiare per bene il tutto (4).

Shish Kebab di tacchino

Fatto questo, si taglia la di fesa di tacchino (5), cercando di ottenere dei cubi tutti della stessa dimensione (6-7) per permettere una cottura uniforme.

Shish Kebab di tacchino

Si mettono i cubi nella marinata (8), si massaggiano un per qualche secondo (9), si copre con della carta pellicola e si ripone in frigo per almeno 1 ora.

Shish Kebab di tacchino

PREPARAZIONE DEGLI INTINGOLI
IL LABNEH  Per preparare il labneh (10), si riduce in purea l'aglio (11) e si unisce alla menta fresca tritata,  al sale e al pepe (12) ,  allo yogurt (13),

Shish Kebab di tacchino

al succo di lime (14) quindi si mescola energicamente. Si pone il  labneh in una piccola bowl e si ricopre la superficie con un sottile strato di olio extravergine (15), che darà sapore e ritarderà l’ossidazione. Riponete il labneh e in frigo e lasciartelo riposare.

Shish Kebab di tacchino

Il BABA GANOUSH (MUTABBEL) Per preparare il baba ganoush (o muttabel) si arrostisce la melanzana sul fuoco fino a quando l’esterno sarà completamente bruciato e l’interno risulta morbido e cedevole. Si apre in due e si raccoglie con un cucchiaio la polpa (16), ponendo attenzione a non raschiare troppo le parti bruciacchiate. Si pone la polpa in un mortaio, se si desidera pestarlo a mano oppure in un bicchiere per poi usare un frullatore ad immersione. Si aggiunge il succo di lime (17) , una generosa dose di tahina (18) insieme ad un goccio di olio extravergine,

Shish Kebab di tacchino

l'aglio tritato, la menta (solo alla fine se si intende usare il mixer), il sale e il pepe (19) . Si pesta (20) o si frulla il tutto per amalgamare gli ingredienti. Si può scegliere di ottenere una grana grossolana o un’emulsione liscia. In questo caso abbiamo preferito una grana grossa per conferire rusticità al piatto (21).

Shish Kebab di tacchino

IL MUHAMMARA Si tritano i peperoncini dolci e piccanti avendo cura di non ridurli in poltiglia, poichè i semi e la pelle conferiranno ancora una nota rustica. Aggiungete del cumino (22), appena un pò di sale, succo di lime, l'olio (23) e amalgamare energicamente (24).

Shish Kebab di tacchino

LA COTTURA DELLO SHISH TAOUK Una volta completata la preparazione degli intingoli, si può procedere alla preparazione degli spiedini. E’ preferibile utilizzare degli spiedini di acciaio di buona fattura, degli spiedini di legno oppure degli spiedini di bambù intagliati a forca. Questi ultimi sono consigliabili in quanto quelli singoli, in presenza di liquidi grassi, tendono a far rigirare su se stessa la carne quando si tenta di rivoltarli per cuocerli dall’altro lato. Se non si trovano gli spiedini di bambu, si possono in alternativa usare due spiedini parallei che consentiranno di rivoltare il kebab in modo piu agevole. In ogni caso, se si usano spiedi di legno, è preferibile tenerli a bagno per qualche tempo per evitare che prendano fuoco in cottura. Si inizia rimuovendo la marinatura in eccesso e si alternano sullo spiedo i cubetti di carne, delle falde di cipolla e una foglia di alloro (25-26). In questo modo, ogni pezzo di carne avrà un lato a contatto con la cipolla e l’altro con l’alloro. Il calore rilascerà gli olii essenziali che andranno ad aromatizzare il cubo. Quanto tutti gli spiedini sono completi, si passa in griglia (27).

Shish Kebab di tacchino

IL SET UP DELLE BRACI E LA COTTURA Questo metodo è chiamato “cottura diretta” o “direct grilling”, in poche parole è la classica grigliata. Il cibo viene cioè cotto posizionandolo su una griglia “direttamente” sopra le braci ardenti. E’ bene posizionare i carboni accesi in modo da lasciare una zona senza braci. Questa sarà la nostra zona di sicurezza in cui potremo spostare il cibo nel caso in cui il calore sia troppo elevato. Per proteggere ancora le estremità degli spiedini, è buona norma ripiegare in tre un foglio di alluminio e posizionarlo sulla griglia di modo che lo spiedo non bruci. La foto è molto esplicativa (28).
La temperatura deve essere molto elevata ma sulle braci non devono essere presenti fiamme. Uno strato di cenere superficiale indica che le braci sono pronte per cuocere. A questo punto inseriamo la variante americana: l’affumicatura. Abbiamo scelto delle doghe di botti dismesse in cui è stato affinato del cabernet sauvignon. Il legno è completamente intriso degli aromi di del vino e di “cantina” che verranno rilasciati insieme al fumo del legno di rovere di slavonia (una quercia molto dura, pregiata il cui fumo è molto gradevole) di cui sono costituite. Sono al momento introvabili in commercio (ma arriveranno presto) nel nostro paese ma ovviamente siamo riusciti a procurarcele. Forse è possibile procurarseli da qualche produttore ma non è cosa semplice. In alternativa, delle normalissime chips di quercia andranno piu che bene ma anche omettendo l’affumicatura si avranno dei risultati altrettanto sorprendenti. Si mette a bagno un pezzetto di doga e si lascia assorbire un minimo di acqua che eviterà di farla incendiare all’istante. Questo tipo di legno è però praticamente impermeabile quindi è bene metterlo in un luogo nel braciere in cui le eventuali fiamme non rischino di bruciare gli spiedi.

Una volta che inizia la produzione di fumo, si allineano gli spiedini sopra le braci e si inizia a cuocere (29). Da questo momento è importante monitorare la cottura per far si che la carne si cuocia, vi siano delle belle righe di cauterizzazione ma non si bruci nulla. Solitamente ci saranno delle aree piu calde e altre piu fredde. Alcuni spiedini quindi prenderanno colore prima di altri. Una volta individuate le aree piu calde, si spostano gli spiedi che sono piu avanti in cottura nelle aree fredde e vice versa per consentire una cottura uniforme. Una volta raggiunto il colore desiderato, si spostano gli spiedini in un luogo piu freddo della griglia e si procede ancora per qualche minuto, fino a quando, testando la carne con un polpastrello, opponga resistenza ma non sia completamente dura (30). Le foglie di alloro bruceranno completamente e ciò non è una cosa negativa. Contribuiranno in modo importante a fornire il classico “gusto di griglia” alla carne.

Come servire lo Shish Taouk

Il barbecue è solitamente un evento informale. Un grande piatto al centro della tavola, ben presentato, è certamente ammissibile. Questo tipo di servizio, inoltre, consente di “interagire” con il cibo creando un clima familiare e rilassato senza però perdere in stile.

Per la preparazione si pongono le ciotole con gli intingoli su un grande piatto, possibilmente di legno, si allineano le tortillas (o le pita) sul fondo e vi si adagiano sopra i kebab. Al centro si pongono alcune tortilla chips con le quali i vostri commensali potranno “testare” preventivamente le salse da aggiungere al loro kebab.

Come detto sopra, si prende una tortilla a mò di tovagliolo, si prende il kebab con l’altra mano, lo si poggia sul pane e fermando con la mano, si tira all’indietro sfilando lo spiedo di legno. Si rimuovono le foglie di alloro. La cipolla sarà croccante, dolce e con un meraviglioso sentore di griglia; potrà essere quindi assolutamente mangiata. Si completa con la salsa di proprio gradimento. Il pesto di peperoncini può essere un’ulteriore aggiunta che conferirà la prevista nota speziata e piccante del mondo arabo.

Sarà anche poco attinente al mondo islamico ma una bella birra su un boccale sudato è il perfetto complemento, il matrimonio perfetto per questo piatto dai sapori orientali. Il nostro Oste saprà sicuramente consigliare il vino adatto per questa preparazione. Si fa presto a dire “spiedini alla griglia”, non è vero?

Curiosita'

Shish kebab può essere tradotto come “cubi di carne su uno spiedino cotti alla griglia”. La parola Kebab è di origine araba e si riferisce di solito a carni cotte su uno spiedo sebbene l’etimologia corretta sarebbe “carne fritta”. Per ovvie ragioni religiose, la carne di maiale non viene mai utilizzata se non in Armenia, Grecia e Cipro.

Altre ricette

I commenti (15)

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere.
I commenti verranno aggiornati ogni 15 minuti circa.

  • sorriso70 ha scritto: lunedì 06 gennaio 2014

    @Marie: il glucosio che si trova in farmacia non è altro che sciroppo di glucosio e ti assicuro che non viene usato per fare la glucosata....ma si usa per preparare gli sciroppi, medicati, naturalmente non esiste nessuna "polverina" per preparare lo sciroppo di glucosio, si usa appunto il glucosio che uno zucchero semplice e acqua depurata...vai tranquilla

  • Sonia Peronaci ha scritto: giovedì 05 aprile 2012

    @r&au: lo trovi in farmacia!

  • r&au ha scritto: mercoledì 04 aprile 2012

    @Sonia-Gz: vorrei fare un'altra ricetta (questa non mi piace molto) ho bisogno di glucosio,perché quello che ho usato in precedenza,che mi aveva dato mia sorella perché le avanzava e che le aveva dato un amica,e finito,dove lo compro?

  • r&au ha scritto: mercoledì 04 aprile 2012

    @Marie: cmq non ti perdi niente,e una ricetta bruttissima!!

  • fedrico ha scritto: sabato 17 marzo 2012

    per interare del group giallozaffrano ma piaci vedere tutti la ricetta regiestrata meglio

  • manu manu ha scritto: lunedì 06 febbraio 2012

    Provata oggi, le quantità nella marinatura vanno aggiustate poi c' incongruenze tra video-lista ingredienti-preparazione, non ha soddisfatto le aspettative, la fesa del tacchino rimane troppo stopposa sarà forse meglio usare la coscia?

  • Marie ha scritto: mercoledì 13 luglio 2011

    gnam gnam! smiley sembra davvero buonissimo! comunque anche io non sono mai riuscita a trovare il glucosio...le ho provate tutte, perfino la farmacia (avrei dovuto ordinarlo,ma sicuramente si trattava di glucosio in polvere utile solo per la glucosata) e per un secondo, non avendo la minima idea di cosa fosse, stavo per arrendermi al fruttosio perchè "che sarà mai? "finiscono" allo stesso modo,hanno la stessa composizione chimica (...)e forse è anche meglio perchè mi sa più di naturale". Grazie ai vostri video ho capito che sono cose DECISAMENTE diverse!ahahah

  • eraclea ha scritto: giovedì 17 giugno 2010

    che roba!! meno male che mia mamma ha a disposizione il barbecue così posso provare questa bella grigliata! complimenti sempre idee nuove e stuzzicanti!!!

  • eli ha scritto: mercoledì 16 giugno 2010

    se andate al sito di wikipedia anche potete vedere KEBAB non è una parola di araba

  • Sonia Peronaci ha scritto: mercoledì 16 giugno 2010

    @luigina: il glucosio si trova nei negozi di alimentari all'ingrosso. Se per caso non riuscissi a trovarlo, puoi sostituirlo con un cucchiaio di miele d'acacia.

10 di 15 commenti visualizzati Mostra altri commenti »

Lascia un Commento