Liquore di crema all'uovo (Vov)

Bevande
Liquore di crema all'uovo (Vov)
32 Aggiungi al tuo ricettario
  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 10 min
  • Cottura: 10 min
  • Costo: medio
  • Nota: + 3 giorni di riposo

Presentazione

Il liquore di crema all’uovo, è un preparato di origini venete, per la precisione di Padova, dove il suo creatore, il sig. Pezziol, lo preparò per la prima volta nel 1840 nella sua bottega di droghiere, non sapendo cosa fare dei molti rossi d’uovo avanzati dalla sua principale occupazione: la realizzazione di torroni.
Il nome Vov deriverebbe dalla parola vovi, che in dialetto veneto significa uova.
La preparazione del liquore all'uovo casalingo è abbastanza facile, e, semplicemente seguendo la ricetta, è possibile ottenere dei risultati che nulla hanno da invidiare alle più famose, e costose, preparazioni in commercio.
Dose per circa 750 ml di Vov.

Ingredienti
Uova 10 tuorli
Zucchero a velo 400 gr
Vanillina 1 bustina
Cognac 25 ml
Marsala 25 ml
Latte intero 300 ml
Alcol puro 75 ml

Preparazione

Liquore di crema all'uovo (Vov)

In una terrina mettete i tuorli di 10 uova con lo zucchero a velo e la bustina di vanillina, con uno sbattitore a frusta mescolate fino ad ottenere una crema densa e omogenea. Aggiungete poco alla volta l’alcool, il cognac e il marsala secco, continuando a mescolare con lo sbattitore, e per ultimo unite il latte. Ponete il composto in una pentola a bagnomaria e, continuando a mescolare, fate addensare la crema (almeno 10 minuti) fino a che non si sentirà più la consistenza dello zucchero; l’acqua del bagnomaria deve solo fremere e non bollire poiché in caso contrario potreste arrivare a cuocere le uova rovinando tutto.

Liquore di crema all'uovo (Vov)

Fate raffreddare il Vov e riponetelo in bottigliette conservandolo in un luogo fresco e buio, meglio se in frigorifero; è pur vero che le uova sono state “cotte” a bagnomaria e l’alcol presente aiuta la conservazione ma, a differenza dei prodotti commerciali, il nostro vov casalingo non contiene conservanti e quindi la prudenza non è mai troppa.
Prima di assaporarlo, ricordatevi di agitare bene la bottiglia del liquore per miscelarlo a dovere.

Conservazione

Conservate il liquore di crema all'uovo (Vov) in un posto fresco e asciutto, ad esempio il frigorifero. Una volta aperto è consigliabile consumarlo entro 3-4 settimane al massimo.

Curiosita'

Per le note qualità corroboranti, ricostituenti e fortificanti, durante la seconda guerra mondiale il Vov fu ampiamente distribuito tra i soldati, in confezioni di cartone pressato vetrificato all’interno; più tardi fu messo nella classica bottiglia di vetro marrone, che ai giorni nostri è diventata bianca e opaca, come il guscio di un uovo.

Il consiglio di Sonia

Per la preparazione di questo liquore è essenziale che usiate uova freschissime, meglio se biologiche. A seconda dei gusti è possibile modificare le percentuali di alcol e zucchero: le dosi della ricetta sono per un liquore leggero e piacevole da bere.

Altre ricette

I commenti (32)

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere.
I commenti verranno aggiornati ogni 15 minuti circa.

  • olga ha scritto: mercoledì 13 agosto 2014

    molto buono..mi ricorda la ricetta di mia nonna.. ma perché fanno tutte queste domande! ci sono scritte tutte le quantità più chiaro di così! addirittura la grandezza delle uova,ma che vogliono usare uva di struzzo!!!

  • Moira ha scritto: lunedì 24 marzo 2014

    Liquore fantastico, preparato in meno di mezz'ora! Grazie Sonia, le tue ricette sono sempre una garanzia!

  • Fabio ha scritto: venerdì 21 febbraio 2014

    ma che problemi ha la gente nel leggere una ricetta dal principio alla fine? tante domande quando basta leggere la ricetta...

  • deabastet ha scritto: martedì 14 gennaio 2014

    ma non sono troppi 10 tuorli :-O x 300 ml di latte??

  • nunzia ha scritto: domenica 12 gennaio 2014

    Ciao scusa ma la quantità di alcol e'75ml o 750 ml? Come pure il marsala e il cognac.rispondi x piacere. Grz.ciao

  • Titti ha scritto: sabato 11 gennaio 2014

    Appena fatto ... è ancora caldo ma ...direi buonissimo ...ora aspetto commenti dai mei amici

  • Sonia Peronaci ha scritto: martedì 10 dicembre 2013

    @laura: puoi sperimentare questa versione, fammi sapere smiley

  • laura ha scritto: lunedì 09 dicembre 2013

    ma posso scaldare solo il latte e mettere poi alcol marsala e brandy per renderlo un poco più forte?

  • Marco ha scritto: venerdì 08 febbraio 2013

    Ma la quantità giusta per il Marsala, il cognac e l'alcool sono rispettivamente 250 ml, 250 ml e 750 ml?

  • chris m ha scritto: giovedì 28 giugno 2012

    ma le quantità degli ingredienti liquidi sono sballate!

10 di 32 commenti visualizzati Mostra altri commenti »

Lascia un Commento