Liquore di mirto

Bevande
Liquore di mirto
55 Aggiungi al tuo ricettario
  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 15 min
  • Dosi per: 10 persone

Presentazione

Il liquore di mirto è in Sardegna, sinonimo di liquore tipico tradizionale.
Nei ristoranti, a fine pasto, si ordina o viene offerto un liquore di mirto, e in molte case, ancora oggi, questo liquore viene preparato in modo tradizionale.
Il sapore e il colore unico del liquore di mirto sono dovuti al frutto della pianta di mirto
(Myrtus communis), che genera bacche di colore blu violaceo, che rendono unico questo liquore.

Ingredienti
Mirto bacche 600 gr
Acqua 1 l
Zucchero 600 g
Alcol puro a 90° 1 litro

Preparazione

Mettete le bacche di mirto in un recipiente a chiusura ermetica abbastanza grande da contenere sia le bacche che l’alcool.
Coprite le bacche di mirto con l’alcool e lasciate riposare il tutto in un posto buio e fresco per almeno 40 giorni, agitando di tanto in tanto il recipiente.
Trascorso questo tempo filtrate l’alcool dalle bacche di mirto e dai residui e strizzate delicatamente le bacche con un canovaccio o con della stamina per ricavarne tutti i succhi e le essenze che hanno assorbito.
Nel frattempo preparate uno sciroppo facendo bollire l’acqua, e sciogliendovi lo zucchero; una volta ottenuto lo sciroppo, fatelo raffreddare e poi miscelatelo con l’alcool aromatizzato. Filtrate di nuovo il tutto, imbottigliate e lasciate riposare il liquore così ottenuto per almeno un mese, meglio se due, in un luogo fresco.

Consiglio

E' possibile modificare le quantità di acqua e di zucchero per rendere il liquore di mirto più adatto al vostro gusto, ricordandovi che se si possiede 1 litro di essenza (con alcool a 90°), unendovi 1 litro di sciroppo si dividerà la gradazione volumetrica dell’alcool per due, quindi si otterrà un liquore che avrà una gradazione di 45° circa. Aumentando la quantità di sciroppo, si otterrà quindi, una gradazione minore.
In alcune zone della Sardegna il mirto viene preparato sostituendo una parte o tutto lo zucchero con l’equivalente peso di miele (spesso di corbezzolo).

Curiosita'

Il periodo migliore per fare il liquore di mirto è senza dubbio nel periodo invernale, infatti le bacche di mirto devono essere raccolte quando hanno raggiunto il loro inconfondibile colore nero e non sono ancora diventate troppo dure; ciò avviene da novembre a gennaio in dipendenza del clima e dell’esposizione dei cespugli di mirto.

Altre ricette

I commenti (55)

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere.
I commenti verranno aggiornati ogni 15 minuti circa.

  • vincenzo ha scritto: martedì 03 marzo 2015

    salve, ho gia scritto un po di mesi fa senza avere risposta su un quesito che vi ripropongo,in giardino ho la varieta MIRTO TARANTINO e chiedo gentilmente se è adatto a fare del liquore (TIPO MIRTO DI SARDEGNA)dalle foglie o dalle bacche,con relativa ricetta,qualora non lo sapeste potreste fornirmi qualche contatto per saperne di piu? grazie ,saluti

  • Sonia Peronaci ha scritto: mercoledì 04 marzo 2015

    @vincenzo: Certo smiley

  • Claudio ha scritto: lunedì 09 febbraio 2015

    Salve, volevo condividere la mia esperienza con chi fosse interessato, faccio questo liquore da ormai diversi anni. Vorrei fare un leggero appunto sul paragrafo "Consiglio" circa la gradazione dell'essenza. Quando l'alcol (solvente) estrae l'essenza, estrae contemporaneamente anche una certa quantità d'acqua presente nella bacca fresca. Misurando l'essenza estratta con l'alcolometro ottengo una gradazione di circa 68% di alcol. Per cui se si mischia sciroppo ed estratto in rapporto di 1:1 il liquore verrà a una gradazione alcolica di circa 34° (che per me è perfetta). Un'altra cosa importante, io uso un rapporto tra alcol/bacche in macerazione di 1:0,7, ad esempio 1 litro di alcol per 0,7 kg di bacche. Questo perché durante il periodo di infusione le bacche tendono ad aumentare di volume gonfiandosi di alcol e se faceste un rapporto di 1:1 le bacche più in alto uscirebbero fuori dall'alcol con il pericolo di ossidarsi e rovinare tutta l'infusione.

  • Mafrada ha scritto: domenica 11 gennaio 2015

    Su un litro di alcol e 350 grammi di mirto quanta acqua e zucchero bisogna aggiungere ?

  • vittorio bonaventura ha scritto: domenica 30 novembre 2014

    io ogni anno faccio il mirto a modo mio !! perche' non conosco le dosi esatte di aqua alcool e bacche x un kg qualcuno sa dirmi cuali sono ? grazie.

  • Sonia Peronaci ha scritto: giovedì 04 dicembre 2014

    @vittorio bonaventura:Ciao Vittorio! La nostra versione di Mirto prevede queste dosi: 2litri di alcol, 2litri di acqua, 1kg di zucchero per 1kg abbondante di bacche

  • veru ha scritto: sabato 29 novembre 2014

    Salve Avrei bisogno di aiuto Le piante di mirto sono tutte buone? Io ne ho due in giardino che quest'anno hanno prodotto abbastanza frutti Ho infatti raccolto ora ora 700 Gr di bacche Con questa quantità come procedo x fare liquore? Mi date le dosi ? Grazie mille

  • giuseppe ha scritto: venerdì 28 novembre 2014

    Con un kg di bacche di mirto quanti litri posso fare di liquore?

  • francesco ha scritto: giovedì 27 novembre 2014

    ciao qualcuno sa dirmi se le bacche ; si possono congelare ?

  • Pino ha scritto: giovedì 20 novembre 2014

    Oggi ho raccolto le bacche di Mirto ( raccolto nel bosco ) e mi preparo a metterle nell'alcool. Conservo ancora quel poco che mi è rimasto da quello preparato per la prima volta l'anno scorso. E' stato un successo tant'e che quando ne offro ( pochino perchè sono geloso ) ricevo i complimenti per aver realizzato un liquore così delicato e gradevole.

  • vanessa ha scritto: lunedì 03 novembre 2014

    Ciao Sonia, ho appena raccolto le bacche di mirto per fare il liquore, mi sorge un dubbio, le devo lavare le bacche???

  • Sonia Peronaci ha scritto: lunedì 03 novembre 2014

    @vanessa:Ciao, puoi pulirle con un panno umido.

  • Giuliana ha scritto: domenica 26 ottobre 2014

    Se fosse possibile ,vorrei fare il Liquore al Melograno grazie

  • Sonia Peronaci ha scritto: lunedì 27 ottobre 2014

    @Giuliana: Ciao Giuliana! puoi seguire la ricetta di un nostro blog!

10 di 55 commenti visualizzati Mostra altri commenti »

Lascia un Commento