Marmellata di limoni

Marmellate e Conserve
Marmellata di limoni
113 Aggiungi al tuo ricettario
  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 30 min
  • Cottura: 40 min
  • Dosi per: 2 pezzi
  • Costo: basso
  • Nota: + 48 ore di riposo dei limoni

Presentazione

La marmellata di limoni è una deliziosa conserva con cui dare un tocco genuino e diverso a merende e colazioni! Il segreto sta nel procurarsi i frutti migliori per ottenere un prodotto davvero sublime. Per preparare una marmellata ancora più saporita, in questa ricetta sono stati utilizzati i limoni di Sorrento, un prodotto italiano a Indicazione Geografica Protetta.
Gli "Ovali di Sorrento", chiamati così per la loro forma ovale e le loro grandi dimensioni, sono ricchi di vitamina C e hanno una buccia molto profumata, grazie alla presenza degli oli essenziali. Il gusto piuttosto acido della loro polpa viene smorzato lasciando le fette di limone a bagno nell’acqua per due giorni, in modo che con l’aggiunta dello zucchero e la lunga cottura, la marmellata risulti dolce e conservi comunque il sapore e l’aroma del limone. Nonostante non si tratti di un procedimento veloce, preparare la marmellata di limoni arricchirà le vostre dispense e vi regalerà tante soddisfazioni. Non vi resta che realizzare la vostra marmellata di limoni per consumarla “al naturale”, spalmandola su una fetta di pane, o per insaporire i vostri dolci!

Ingredienti per 2 vasetti da 350 gr circa
Limoni di Sorrento 1 kg
Zucchero semolato 700 gr
Acqua q.b.

Preparazione

Marmellata di limoni

Per preparare la marmellata di limoni, iniziate sterilizzando i vasetti in cui la conserverete. Per effettuare questa operazione con precisione, consultate la nostra Scuola di cucina: come sterilizzare i vasetti. Iniziate lavando con cura i vasetti sotto acqua corrente e verificate che non abbiano crepe o scheggiature (1). Foderate una pentola larga con un canovaccio pulito e disponeteci dentro i vasetti con l’apertura rivolta verso l’alto, passate attorno ai vasetti altri canovacci per evitare che si rompano durante la cottura e versate l’acqua nella pentola fino a riempirla (2). Portate a bollore e fate cuocere per altri 30 minuti. Aggiungete i coperti dieci minuti prima della scolatura. Fate raffreddare e poi scolateli e lasciateli asciugare capovolti su un panno da cucina (3).

Marmellata di limoni

Ora lavate con cura i limoni sotto l’acqua corrente (4), spazzolando bene la buccia. Usate i limoni di Sorrento non trattati, la loro polpa più dolce renderà la marmellata meno amara. Una volta lavati, asciugateli con un panno e poneteli su un tagliere. Quindi tagliateli a fette molto sottili (5) ed eliminate tutti i semini (6).

Marmellata di limoni

Trasferite le fette di limone in una ciotola capiente e versate l’acqua fredda fino a ricoprirli (7). Coprite poi la ciotola con la pellicola e lasciate le fette di limone a bagno per 24 ore a temperatura ambiente (8). Trascorso un giorno, scolate le fette di limone (9).

Marmellata di limoni

Trasferite nuovamente le fette di limone scolate in una ciotola e ricopriteli con acqua fredda pulita (10). Stendete un velo di pellicola sulla ciotola e lasciate in ammollo ancora per 24 ore a temperatura ambiente (11). Questa operazione servirà ad eliminare il gusto acidulo e amarognolo dei limoni. Una volta trascorse altre 24 ore, scolate le fette di limone e trasferitele in una pentola capiente, dove verserete dell’acqua fino a coprire il tutto (12).

Marmellata di limoni

Portate a bollore (13) e scolateli nuovamente, tenendo da parte 350 ml di acqua di cottura (14). Dopodichè rimettete il tutto nella pentola in cui avete fatto bollire le fette di limone e irroratele con l’acqua di cottura che avete messo da parte (15).

Marmellata di limoni

Aggiungete lo zucchero (16) e cuocete a fuoco medio per circa 40 minuti, mescolando di tanto in tanto (17). Prima di spegnere il fuoco, fate la prova “piattino”: versate mezzo cucchiaino di composto su un piattino e inclinatelo. Se il composto colerà, vorrà dire che la marmellata necessita di cuocere ancora, se invece rimarrà soda, sarà pronta (18).

Marmellata di limoni

Procedete ora a trasferire la marmellata di limoni nei vasetti sterilizzati quando è ancora calda (19), chiudete i vasetti e premete il disco centrale (20). Quindi capovolgeteli (21), e lasciateli raffreddare completamente in modo che si crei il sottovuoto. Per concludere la sterilizzazione immergete ancora i vasetti in una pentola come visto precedentemente e con le stesse tempistiche di sterilizzazione dei vasetti vuoti (consultate nuovamente la Scuola di cucina: come sterilizzare i vasetti). Dopo aver scolato i vasetti e fatti asciugare del tutto, per verificare il sottovuoto con i tappi twist off, pressate con un dito il piccolo disco rigonfio al centro del tappo: se schiacciando il centro del tappo non produrrà nessun "click clack" allora il sottovuoto è avvenuto correttamente.

Conservazione

Se il sottovuoto è avvenuto correttamente, conservate la marmellata di limoni in un luogo fresco e asciutto, al riparo dalla luce, per alcuni mesi. Una volta aperta conservare la marmellata di limoni in frigorifero per 1 settimana.

Il consiglio di Sonia

Gusto intenso o gusto dolce? È questione di preferenze. Io amo i sapori decisi, quindi vi propongo una ricetta che dà una marmellata dal sapore intenso (dato dalle bucce dei limoni). Se, però, siete di palato delicato, eliminate le bucce e la parte bianca dei limoni e procedete come indicato: sono certa che il risultato sarà di vostro gradimento!

Altre ricette

I commenti (113)

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere.
I commenti verranno aggiornati ogni 15 minuti circa.

  • rosa ha scritto: giovedì 16 aprile 2015

    fatta! riuscita benissimo solo io ho apportato una modifica, da buona trentina ho aggiunto una mela lavata asciugata e a pezzi con la buccia. secondo me è ancora piu' buona. ciao a tutti!

  • Claudio ha scritto: mercoledì 15 aprile 2015

    è venuta benissimo, ora la prossima sfida è: come farla senza zucchero??!

  • giulia ha scritto: domenica 12 aprile 2015

    Davvero ottima.! Eccezionale per preparare cristate.. la consiglio agli amanti dei sapori forti e pungenti del sud.

  • agata ha scritto: giovedì 02 aprile 2015

    Sto per cimentarmi...ma un dubbio m'assale, vorrei usare poca buccia..il procedimento delle 48 ore di "ammollo" è lo stesso con i limoni pelati a vivo?

  • alberto ha scritto: lunedì 23 marzo 2015

    Ciao, ricetta deliziosa! Ho utilizzato esattamente le stesse quantità degli ingredienti indicati, ottenendo TRE vasetti da 350 grammi.. Grazie!

  • Maddalena ha scritto: venerdì 20 marzo 2015

    E'possibile consumarla subito?

  • Sonia Peronaci ha scritto: venerdì 27 marzo 2015

    @Maddalena: Ciao Maddalena, si può utilizzare fin da subito, certo, altrimenti lasciala riposare qualche giorno, sarà ancora più buona!

  • patrizia ha scritto: domenica 15 marzo 2015

    Comunque grazie x aver risposto!

  • Nupi ha scritto: mercoledì 11 marzo 2015

    Ho provao ero scettica!!! Il limone non è uno degli agrumi che mi piacciono..... Beh devo dire.... Fantastica!!

  • giuly ha scritto: martedì 10 marzo 2015

    ri bollendo i vasetti non si ricuoce? oppure non è che poi esce troppo solida?grazie..e necessario ri bollire?

  • Sonia Peronaci ha scritto: venerdì 13 marzo 2015

    @giuly: Ciao giuly ribollire serve solo a far creare il sottovuoto e a sterilizzarli ulteriormente! 

  • Doretta ha scritto: venerdì 06 marzo 2015

    Domani provo anch'io

10 di 113 commenti visualizzati Mostra altri commenti »

Lascia un Commento