Confettura di pesche

Marmellate e Conserve
Confettura di pesche
79 Aggiungi al tuo ricettario
  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 40 min
  • Cottura: 30 min
  • Costo: basso
  • Nota: + 7 ore di macerazione

Presentazione

Con l’arrivo dell’estate è impossibile lasciarsi sfuggire la bontà della frutta di stagione, e chi di voi sa rinunciare alle pesche? Dolci, succose e colorate, si prestano perfettamente a tantissime preparazioni, soprattutto deliziosi dessert come crostate, torte e magari freschi frullati. Se ne avete in abbondanza e volete conservarle, quale rimedio migliore se non preparare un’ottima confettura di pesche? Questa preparazione è quasi un rito che spesso ci ricorda le nostre nonne, un dolce momento in cui si sprigiona in tutta la casa un profumo intenso di frutta fresca. Perfetta da gustare a colazione o merenda, spalmata su una fetta di pane tostato insieme ad un filo di burro, ma anche ideale per arricchire i vostri dolci o dessert. Preparate la confettura di pesche e non vedrete l’ora di assaggiarla…La soluzione migliore per conservare intatto il gusto e il sapore di questi deliziosi frutti ed averlo subito a portata di mano!

Ingredienti per 600 gr di confettura
Pesche intere a pasta gialla 1 kg
Zucchero 250 g
Limoni succo 50 g

Preparazione

Confettura di pesche

Per preparare la confettura di pesche, innanzitutto procuratevi dei barattoli di vetro e occupatevi della loro sterilizzazione. Per prima cosa sciacquateli accuratamente sotto acqua corrente (1), poi disponeteli all’interno di una pentola (2), inserendo anche dei panni da cucina per evitare che i vasetti urtino tra loro durante l’ebollizione. Riempite la pentola d’acqua fino a ricoprire i vasetti. Una volta giunta ad ebollizione, abbassate il fuoco e lasciate bollire per circa 30 minuti. Dieci minuti prima di scolare i vasetti immergete anche i coperchi dei barattoli da sterilizzare. Passato il tempo che occorre per la sterilizzazione, spegnete il fuoco e lasciate raffreddare, poi tirate fuori i vasetti dalla pentola (3) e capovolgeteli su un panno asciutto, in modo da farli asciugare completamente.

Confettura di pesche

Scegliete delle pesche ben mature e dalla polpa soda, lavatele sotto l’acqua corrente (4), pelatele (5) e togliete il nocciolo (6).

Confettura di pesche

Tagliatele a cubetti grandi circa 2 cm (7), mettetele in una pentola (8) e aggiungete lo zucchero (9).

Confettura di pesche

Spremete un limone (10) e unite il succo nella pentola (11), mescolate (12) e lasciatele macerare per un tempo non inferiore a 7 ore ma che non superi le 12 ore.

Confettura di pesche

Una volta trascorso questo tempo ponete la pentola sul fuoco (13) e portate ad ebollizione, mescolando con una spatola di tanto in tanto (14). Se necessario schiumate il composto (15), in modo che la vostra confettura non risulti opaca.

Confettura di pesche

Lasciate bollire a fiamma moderata senza mai mescolare per circa 40 minuti (16), fino a raggiungere i 108° (utilizzate un termometro da cucina per misurare la temperatura esatta). A questo punto la vostra confettura sarà pronta, quindi trasferitela in una ciotola (17), in modo da fermare la cottura . Con un imbuto aiutatevi a invasare la vostra confettura ancora calda nei vasetti sterilizzati (18).

Confettura di pesche

Quindi avvitate il tappo su ogni vasetto (19) e capovolgeteli in modo che si crei il sottovuoto (20). Quando saranno completamente freddi, potete riportare i vostri vasetti in posizione eretta (21) e conservarli in un luogo fresco e asciutto.

Conservazione

Aspettate che la confettura di pesche si raffreddi, poi etichettatela e conservatela in un luogo fresco e asciutto. Se volete consumarla al momento, potete conservarla in frigorifero in vasetti pulitissimi e consumarla entro una settimana. Se invece volete mantenerla più a lungo, sterilizzate i vostri vasetti, assicurandovi che il sottovuoto sia riuscito; in questo caso potrete conservarle la vostra confettura di pesche per circa 6 mesi, in un luogo fresco e asciutto, e una volta aperta, conservatela per pochi giorni in frigorifero.

Consiglio

E' preferibile consumare la confettura dopo almeno 30 giorni. Se non avete un luogo fresco per far macerare la frutta con lo zucchero, fate la stessa operazione in una bacinella ben capiente e lasciatela in frigorifero coperta da pellicola. Potete gustare la confettura di pesche su fette di pane fresco o utilizzarla per guarnire e farcire i vostri dolci!

Altre ricette

I commenti (79)

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere.
I commenti verranno aggiornati ogni 15 minuti circa.

  • LILIANA ha scritto: martedì 04 agosto 2015

    Serve un chilo di pesche, Ma per un chilo si intende con la buccia e il nocciolo oppure un chilo di pesche gia pulito ? Grazie Liliana

  • Sonia Peronaci ha scritto: martedì 04 agosto 2015

    @LILIANA: Ciao! Un kg totale smiley

  • adriana ha scritto: domenica 12 luglio 2015

    E molto importante la frutta non trattata x fare una buona marmellata

  • Angela ha scritto: venerdì 10 luglio 2015

    se raddoppio le dosi il tempo di cottura cambia ??

  • Sonia Peronaci ha scritto: giovedì 16 luglio 2015

    @Angela : ciao Angela, aumenterà leggermente, in ogni caso assicurati di raggiungere sempre la temperatura di 108°! 

  • Rosariia ha scritto: martedì 16 giugno 2015

    Ciao Sonia, come faccio a controllare il sottovuoto con i barattoli di vetro con tappo di vetro e guarnizione. La bollitura per la sterilizzazione entro quanto tempo massimo bisogna effettuarla da quando la marmellata viene posta nel barattoli. Grazie

  • Sonia Peronaci ha scritto: martedì 07 luglio 2015

    @Rosariia: ciao Rosaria, nei vasetti con sicura e guarnizioni di gomma, per controllare che non vi sia aria all’interno, sgancia la sicura del vasetto e prova a sollevare il coperchio: se oppone resistenza significa che all’interno si è creato il vuoto. Inoltre ti consiglio di sterilizzare i barattoli non troppo tempo prima di utilizzarli, in ogni caso qui troverai tutte le indicazioni su come sterilizzare i vasetti

  • davide ha scritto: giovedì 16 aprile 2015

    ciao sonia.Posso usare anche frutta sciroppata se fuori stagione?Se si,le dosi restano invariate?Grazie

  • Sonia Peronaci ha scritto: giovedì 16 aprile 2015

    @davide: ciao Davide, non ti consiglio di utilizzare frutta sciroppata, poichè questa è quasi sempre leggermente precotta e vengono aggiunti zuccheri! 

  • annaddi ha scritto: lunedì 17 novembre 2014

    Ciao Sonia! mi chiedevo...vorrei fare poca marmellata (un vasetto), e consumarla nei prossimi 4-5 giorni: in questo caso devo comunque sterilizzare il vasetto o posso metterla semplicemente in un contenitore qualunque? Grazie mille!!!

  • Sonia Peronaci ha scritto: lunedì 17 novembre 2014

    @annaddi:la sterilizzazione si rende necessaria in caso di una lunga conservazione sottovuoto, usa comunque un vasetto di vetro per conservarla.

  • Sonia Peronaci ha scritto: lunedì 18 agosto 2014

    @pitta: Ciao! puoi provare nelle stesse quantità.

  • pitta ha scritto: sabato 02 agosto 2014

    posso utilizzare anche lo zucchero di canna grezzo?

  • antoni ha scritto: giovedì 31 luglio 2014

    ciao,ho fatto tutta la proce dura,e invasettato, ma il giorno dopo mi sono accorto che e' liquida come posso risolvere? devo nuovamente ricuocere,o mi tocca buttare tutto ?grazie.

  • Simona ha scritto: mercoledì 23 luglio 2014

    Ciao l'anno scorso ho fatto bollire la marmellata quattro ore ma la consistenza non era proprio da marmellata e' venuta buonissima. Oggi l'ho fatta bollire due ore è passata leggermente con il minipimmer speriamo mi sia riuscita uguale.

10 di 79 commenti visualizzati Mostra altri commenti »

Lascia un Commento