Melanzane alla sarda

Contorni
Melanzane alla sarda
53 Aggiungi al tuo ricettario
  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 15 min
  • Cottura: 40 min
  • Dosi per: 6 persone
  • Costo: basso
  • Nota: + 30 minuti di spurgo

Presentazione

Le melanzane alla sarda sono un contorno veloce e dal sapore mediterraneo da preparare con ingredienti semplici e: melanzane, pomodori, aglio, prezzemolo e olio d’oliva.
Le melanzane alla sarda sono una ricetta leggera che può essere servita a seconda dei gusti calda o fredda. Ma sono anche un piatto molto versatile: da sole si prestano per la dieta vegetariana e vegana oppure diventano uno squisito contorno per carne e pesce nelle cene primaverili o estive.
Quindi con le melanzane alla sarda potrete soddisfare tutte le esigenze dei vostri ospiti!

Ingredienti
Aglio 2 spicchi
Olio di oliva extravergine q.b.
Sale q.b.
Pepe macinato al momento q.b.
Melanzane 2 (970 gr circa)
Pomodori ramati 5 (500 gr circa)
Prezzemolo fresco 3 cucchiai (15 gr)

Preparazione

Melanzane alla sarda

Per preparare le melanzane alla sarda, potete utilizzare sia la varietà violetta allungata che quella tonda. Per prima cosa lavate le melanzane e tagliatele a fette di mezzo centimetro (1) . Con la lama di un coltello incidete ogni fetta di melanzana praticando delle righe verticali, orizzontali e trasversali, in modo da formare un disegno a scacchiera. Questa operazione servirà a far perdere più facilmente l'umore amarogno delle melanzane e a facilitare la cottura uniforme (2). Salate le fette di melanzana e adagiatele in uno scolapasta (3). Copritele con un piatto sul quale metterete un peso in modo da comprimerle e lasciatele così per una mezz’ora, in modo che perdano il liquido amarognolo.

Melanzane alla sarda

Nel frattempo lavate i pomodori, tagliateli a metà e scavate l’interno delicatamente con un coltellino per eliminare i semi (4 - 5). Ora tagliateli a pezzetti di mezzo centimetro (6) e versateli in una ciotola.

Melanzane alla sarda

A questo punto condite i pomodori: aggiungerete gli spicchi di aglio (7) e i tre cucchiai di prezzemolo tritati finemente, il sale (8) e infine l’olio (9). Mescolate e lasciate macerare per qualche minuto i pezzetti di pomodori con il condimento.

Melanzane alla sarda

Intanto, trascorsa la mezz’ora, riprendete le fette di melanzane e controllate che abbiano rilasciato l’acqua amarognola (10). Sciacquatele sotto l’acqua corrente fredda (11) e poi asciugatele per bene con carta da cucina o con un panno. Poi, scaldate il forno statico a 180°-200°. Ungete una pirofila di 34 cm dai bordi alti con olio d'oliva e iniziate a formare uno strato di melanzane (12).

Melanzane alla sarda

Coprite poi con uno strato di pomodorini tagliati (13). Continuate in questo modo fino a quando avrete esaurito tutte le melanzane, come illustrato nella foto (14). Poi infornate la pirofila, in forno statico già caldo e cuocete a 200° per almeno 40 minuti. Sfornate e servite le melanzane calde o fredde a seconda dei vostri gusti (15).

Conservazione

Le melanzane alla sarda avanzate da cotte si possono conservare in frigo per 1-2 giorni, coperte da pellicola trasparente.
Si consiglia di congelarle crude, già condite. Prima di cuocerle, fatele scongelare in frigorifero per una notte.

Consiglio

Le melanzane alla sarda possono essere cotte anche alla griglia e condite con pezzetti di pomodori crudi.
Se l'aglio non fosse di vostro gradimento, potete ridurlo o eliminarlo del tutto.

Altre ricette

I commenti (53)

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere.
I commenti verranno aggiornati ogni 15 minuti circa.

  • simona ha scritto: martedì 14 ottobre 2014

    ci stanno bene della mozzarella a cubetti e del pane grattato? Se si, in che momento della cottura dovrei aggungerli?

  • Sonia Peronaci ha scritto: mercoledì 15 ottobre 2014

    @simona:Ciao, si puoi provare ad aggiungerli a metà cottura!

  • sara ha scritto: domenica 05 ottobre 2014

    Ciao, la ricetta è proprio questa, però a Sassari invece che il pepe usiamo il peperoncino!!! Per dare un tocco in più, prima di metterle in forno mettete un velo di pane grattugiato.

  • Francesco ha scritto: mercoledì 12 marzo 2014

    Ciao Sonia! Posso cuocere le melanzane anche sulla piastra?? Grazie!!!!

  • Sonia Peronaci ha scritto: martedì 04 febbraio 2014

    @elena : Ciao, prova a cuocerle più a lungo in forno.

  • elena ha scritto: lunedì 03 febbraio 2014

    mi sa che ho sbagliato qualcosa...perché le melanzane non si sono cotte del tutto ("cigolavano "). così le ho passate 10 min al microonde, ma continuavano a cigolare. idee?

  • Paola ha scritto: sabato 25 gennaio 2014

    La ricetta è stupenda, aggiungerei un filo d'olio d'oliva prima di infornare, un pizzico di timo e qualche fettina di mozzarella 10 minuti prima di torglierla dal forno

  • lucia isola di sant'antioco ha scritto: sabato 12 ottobre 2013

    Buongiorno, io sono sarda e questa ricetta, devo dire che non la riconosco come tipica sarda... io ricordo che mia nonna,( ma anche mia madre e ora io )per preparare questa ricetta, spaccava le melanzane in 2, incideva la polpa come in questa ricetta, le cospargeva di sale fine, dopo qualche ora , si lavano bene, poi si inserisce sopra la melanzana, un composto di pane grattugiato, uovo e parmigiano e i pomodori a pezzetti

  • Bibi ha scritto: lunedì 23 settembre 2013

    @Sonia-Gz: Grazie mille sono buonissime!!!!!!

  • Sonia Peronaci ha scritto: giovedì 19 settembre 2013

    @Bibi: Ciao, puoi prepararle prima e lasciarle in forno spento se le consumi lo stesso giorno in cui le prepari. Puoi aggiungere mozzarella a dadini oppure la provola.

  • Bibi ha scritto: giovedì 19 settembre 2013

    Buongiorno! Vorrei provare questa ricetta stasera ma arriverò a casa sul tardi, se le preparo prima di uscire e al ritorno le scaldo velocemente rimangono buone? o c'è il rischio che si ammollino o secchino? Se ci aggiungessi delle fette di mozzarella c'è rischio che diventino troppo bagnate?

10 di 53 commenti visualizzati Mostra altri commenti »

Lascia un Commento