New York Cheesecake

Dolci e Desserts
New York Cheesecake
2.0k Aggiungi al tuo ricettario
  • Difficoltà: media
  • Preparazione: 30 min
  • Cottura: 65 min
  • Dosi per: 8 persone
  • Costo: medio
  • Nota: + il tempo di raffreddamento

Presentazione

New York Cheesecake

La New York Cheesecake, è un dolce tipico della tradizione americana, per la precisione di New York. La cheesecake è preparata con crema di formaggio spalmabile, e si ritiene che abbia antichissime origini greche; infatti la prima traccia di cheesecake di cui si abbia notizia si ha nel 776 a.C. nell’isola di Delos, in Grecia, come dolce servito agli atleti nei primi giochi olimpici della storia.
I romani, esportarono dalla Grecia la ricetta del cheesecake, che si propagò in tutta Europa, e secoli dopo apparve in America con la ricetta portata dagli immigrati. Nel 1872 un lattaio americano di nome James L. Kraft, nel tentativo di ricreare il formaggio francese Neufchatel, incidentalmente (buon per lui!) inventò il formaggio fresco pastorizzato che poi chiamò Philadelphia, e nel 1880 cominciò la grande diffusione di questo prodotto e il suo utilizzo per la preparazione della moderna cheesecake. Oggi, i migliori produttori di cheesecake, secondo quanto affermano gli stessi americani, si trovano a New York!

Per la base (per una tortiera del diametro di 22-24 cm)
Zucchero di canna 2 cucchiai
Biscotti Digestive o secchi 150 gr
Burro 80 g
Per la crema
Amido di mais (maizena) 20 g
Limoni il succo di 1/2
Uova 2 intere e 1 tuorlo
Zucchero 100 g
Vaniglia i semi di 1 bacca o 1 bustina di vanillina
Formaggio fresco spalmabile 600 gr
Panna fresca liquida 100 ml
Per la copertura
Zucchero a velo 2 cucchiai
Vaniglia i semi di una bacca o una bustina di vanillina
Panna acida o sour cream 200 ml

Preparazione

New York Cheesecake

Per preparare la New York Cheesecake, iniziate dalla base: tritate finemente al mixer i biscotti Digestive (o secchi) con lo zucchero di canna (1). Trasferite il composto sabbioso in una ciotola e aggiungete il burro fuso (2). Quindi mescolate e trasferite la base ottenuta in una tortiera di 22-24 cm di diametro foderata con carta da forno (a cerchio apribile se possibile per sfornare la cheesecake più facilmente, ma anche una tortiera normale andrà bene): con il dorso di un cucchaio, pressate bene sia sulla base (3) che sui bordi della tortiera. Ponete la base a rassodare in freezer 30 minuti oppure in frigorifero 1 ora.

New York Cheesecake

Ora dedicatevi alla crema: estraete i semini da una bacca di vaniglia (4) e teneteli un momento da parte. In una ciotola versate le uova intere e il tuorlo, aggiungete lo zucchero (5) e lavorateli a crema con una frusta a mano (6) oppure con uno sbattitore elettrico.

New York Cheesecake

Unite i semini di vaniglia (7) e il formaggio fresco spalmabile (tipo Philadelphia) (8). Mescolate accuratamente per creare una crema omogenea e senza grumi (9).

New York Cheesecake

Versate sul composto anche il succo di mezzo limone filtrato (10), la maizena (11) ( o fecola di patate) e infine la panna fresca liquida (12).

New York Cheesecake

Amalgamate il tutto lavorandolo sempre con la frusta (13). Poi riprendete la base e su di essa versate la crema (14), livellatela con una spatola e cuocete la cheesecake in forno statico per un'ora: a 180° per i primi 30 minuti e poi a 160° per gli ultimi 30 minuti (se forno ventilato a 160° i primi 30 minuti e 140° la restante mezz'ora). Se la superficie vi sembrerà già molto scura dopo i primi 30 minuti, potete coprirla con della carta alluminio e proseguire la cottura come indicato. Quando sarà pronta, lasciatela raffreddare a forno spento leggermente aperto, poi sfornatela (15).

New York Cheesecake

Mentre la cheesecake cuoce, preparate la crema di copertura: mescolate la panna acida (o sour cream) con due cucchiai di zucchero a velo e aggiunta di semini di vaniglia (16-17) (se non avete la panna acida potete realizzare la copertura con yogurt, succo di limone e panna fresca montata). Farcite la cheesecake con questa copertura (18).

New York Cheesecake

Distribuitela uniformemente(19), quindi mettetela a glassare in forno statico preriscaldato a 180° per 5 minuti (se forno ventilato a 160° per 2-3 minuti). Quando sarà pronta, sfornatela e lasciatela raffreddare completamente, quindi guarnite a piacere la vostra New York Cheesecake con frutti di bosco e foglioline di menta (20-21)!

Conservazione

Conservate la New York Cheesecake per 2-3 giorni in frigorifero, coperta con pellicola trasparente.
La New York Cheesecake si può congelare, magari a fette in modo da scongelare solo le porzioni necessarie.

Curiosita'

La panna acida, in America chiamata Sour Cream, si può trovare in qualche supermercato più fornito, nel banco frigo, anche con il nome di Crème fraiche (di origine francese). Se non  trovate la panna acida, potete tentare di farla da voi mescolando del mascarpone col succo di limone e facendo poi riposare il composto per due ore in un posto tiepido (o sul termosifone).
Un modo più veloce e alternativo, è quello di aggiungere un vasetto di yogurt denso (volendo anche un cucchiaio di succo di limone) a 200 gr di panna fresca montata e lasciare riposare per qualche minuto.
Ogni fetta del cheesecake dovrebbe essere tagliata, come fanno a New York, col "dental floss", cioè con il filo interdentale.

Come foderare una teglia con la carta forno

Leggi la scheda completa: Come foderare una teglia con la carta forno

Consiglio

Per una riuscita ottimale della cheesecake dovete usare assolutamente il philadelphia, mentre per il fondo consiglio i biscotti digestive (i migliori sono quelli della marca McVitie's, si trovano facilmente nei grandi supermercati). Ricordate di non aprire il forno prima di 30-40 minuti dall'inizio della cottura, per evitare rovinosi "afflosciamenti" della torta.

Altre ricette

I commenti (2004)

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere.

  • nadia ha scritto: martedì 26 luglio 2016

    Ciao una domanda sul diametro della tortiera. Ho a disposizione una tortiera del diametro di 15 cm per la riduzioni delle dosi come mi devo comportare? Grazie

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: martedì 26 luglio 2016

    @nadia: Ciao, per regolarti al meglio con le dosi ti consigliamo di leggere questa scheda dal blog "il chicco di mais": ad ogni torta il suo stampo!

  • mikela ha scritto: sabato 16 luglio 2016

    Veramente buona !!!! Io nn metto la panna acida, metto uno strato di marmellata e poi la frutta; fragole frutti di bosco quello che ho! Ciao a tutti.

  • Erica ha scritto: giovedì 14 luglio 2016

    Ciao Sonia, ho appena fatto la cheesecake ma anche dopo 1 ora in forno la crema non è molto scura. Va bene oppure potrei avere sbagliato qualcosa? Grazie ciao ciao

  • francesca ha scritto: domenica 10 luglio 2016

    Fatta, è venuta buonissima. La prossima volta però aumenterò la dose di biscotti,seguendo quella della ricetta viene giusto la quantità per la base ma non per il bordo. Per il resto perfetta!

  • Amelia ha scritto: mercoledì 22 giugno 2016

    Ciao Sonia la sto appena realizzando. È molto invitante e sicuramente sarà buonissima. Volevo chiederti come posso utilizzare la bacca di vaniglia senza i semini? Ho conservato un sacco di bacche dopo averle svuotate dai semini per le varie ricette ma non so proprio come utilizzarle. Grazie in anticipo per la risposta. Baci.

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: giovedì 23 giugno 2016

    @Amelia : Ciao Amelia, puoi frullare i baccelli insieme allo zucchero: otterrai un profumatissimo zuchero vanigliato! Trovi i dettagli sul blog Peccato di Gola del nostro Giovanni Castaldi!

  • Serena ha scritto: sabato 18 giugno 2016

    Ciao Sonia, ho preparato la cheesecake per il pranzo di domani... Vorrei fare una copertura ai frutti di bosco(con colla di pesce) in questo caso lo strato con panna acida lo devo saltare? Grazie mille per la risposta. Buona domenica a tutti

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: martedì 21 giugno 2016

    @Serena : Ciao Serena! Se vuoi realizzare una copertura con la gelatina, puoi omettere lo strato di panna acida e prendere ispirazione dalla copertura di queste mini cheesecake, se desideri smiley

  • Giuliana ha scritto: venerdì 17 giugno 2016

    Buonasera, nella spiegazione della preparazione della torta leggo di aggiungere la "maizena" o la fecola di patate. Non trovo le dosi però. Devo metterle al posto dell'amido di mais? grazie mille

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: lunedì 20 giugno 2016

    @Giuliana: Ciao Giuliana, aggiungila nel passaggio 11, quindi dopo il succo di limone e prima della panna fresca smiley un saluto!

  • Carla ha scritto: mercoledì 01 giugno 2016

    Per fare questa ricetta in versione monoporzione (nella teglia per i muffin) per quanto tempo dovrei cuocerli? Grazie mille!

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: mercoledì 01 giugno 2016

    @Carla:Ciao Carla, puoi provare la ricetta delle mini cheesecake del blog Le ricette di Mina

  • Roberta ha scritto: mercoledì 01 giugno 2016

    Chiedo scusa... ho visto il video e là le dosi per l'involucro di biscotti sono giuste . Potete per cortesia correggere le dosi in ricetta? grazie

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: mercoledì 01 giugno 2016

    @Roberta:Ciao Roberta, abbiamo rivisto e corretto la ricetta
    in seguito anche alle vostre numerose segnalazioni, le dosi corrette sono quindi quelle che trovi nella scheda della fotoricetta e non quelle della videoricetta.

  • Roberta ha scritto: mercoledì 01 giugno 2016

    Ciao a tutti, ma i biscotti per la base e il bordo non sono pochi? quando faccio la bavarese alla ricotta e amaretti per uno stampo da 22cm uso 300 g di biscotti secchi e 150 g di burro fuso. Con la dose in ricetta non è che mi viene solo la base?? grazie

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: mercoledì 01 giugno 2016

    @Roberta: Ciao Roberta, se preferisci puoi aumentare la dose per ottenere un bordo leggermente più spesso! 

10 di 2004 commenti visualizzati Mostra altri commenti »

Lascia un Commento

I commenti inviati verranno moderati dalla redazione prima di essere pubblicati.
Per maggiori informazioni CLICCA QUI