Ostriche limone e pepe

Antipasti
Ostriche limone e pepe
5 Aggiungi al tuo ricettario
  • Difficoltà: media
  • Preparazione: 15 min
  • Dosi per: 4 persone
  • Costo: medio

Presentazione

Le ostriche incantano da sempre i palati di tutto i mondo, sono un cibo pregiato che viene consumato spesso crudo semplicemente condito con pepe e limone per esaltarne il gusto, basteranno infatti piccoli accorgimenti per assaporarle in tutta la loro freschezza e bontà. Questi prelibati molluschi sono un cibo raffinato che spesso si ritrova nei menu delle feste e delle occasioni speciali. Se siete alla ricerca di altre idee per gustarle provate le ostriche gratinate ai funghi e le ostriche gratinate con acciughe e capperi di Pantelleria.

Ingredienti
Limoni 2 o 3 spicchi a a persona
Pepe bianco q.b.
Ostriche 12

Preparazione

Ostriche limone e pepe

Per realizzare le ostriche limone e pepe assicuratevi che le valve delle ostriche siano chiuse (1), poi aprite le ostriche, questa è un’operazione molto delicata, munitevi dell’apposito coltellino con la punta sottile, la protezione sul manico per proteggere le dita e una salda impugnatura. Con una mano tenete ben salda l’ostrica e con l’altra impugnate il coltellino e cercate l’apertura ( volendo potete richiedere in pescheria le ostriche già forate per un’apertura facilitata) inserite la lama e recidete il muscolo che si trova nella parte centrale (2), dopo che l’avrete reciso sarà più facile seguire la circonferenza aprendo l’ostrica per intero (3).

Ostriche limone e pepe

Divaricate il guscio a metà, facendo attenzione a non rovesciare l’acqua delle ostriche (4). Più un’ostrica è viva e fresca, più è difficile da aprire, Se non siete esperti, proteggete la mano che andrà a tenere l’ostrica con un canovaccio, per evitare accidentali ferite. Sminuzzate il ghiaccio nel tritaghiaccio (5) e distribuitelo su un piatto di portata (6),

Ostriche limone e pepe

adagiate sopra le ostriche con gli spicchi di limone (7) e servitele, ciascun commensale condirà al momento con succo id limone e pepe a piacere (8-9).

Conservazione

Le ostriche una volta aperte si devono consumare subito, quelle fresche e chiuse si conservano in frigorifero avvolte con un panno umido.

Consiglio

L’ostrica per essere commestibile deve essere viva, per accertarvi di questo, una volta aperta verificate che abbia un aspetto compatto e che si contragga se toccata. Per distinguere le ostriche vive verificate che le valve siano chiuse, che non abbiano fori o aperture, in questo modo l’acqua di mare contenuta all’interno preserverà la freschezza e il sapore.

Curiosita'

L’ostrica più pregiata (e costosa), è quella che ha la conchiglia tondeggiante e piatta, e carni dal sapore più delicato.
Sul mercato sono presenti anche ostriche più economiche, dalla conchiglia ovale e concava , meno pregiate e con carni dal sapore più forte: generalmente sono giapponesi e portoghesi.

Altre ricette

I commenti (5)

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere.

  • Pierpaolo ha scritto: lunedì 28 ottobre 2013

    Le preparo questa sera per la mia dolce metà ...... Love love love !!!

  • Cettina ha scritto: venerdì 25 ottobre 2013

    Le ho comprate perchè il mio ragazzo ci va pazzo.. me le sono fatte aprire direttamente in pescheria =) stasera le servirò come avete scritto voi grazie =D

  • Silvestro ha scritto: martedì 16 ottobre 2012

    Generalmente chi le vende, se richiesto, provvede ad inciderle per facilitare l'apertura.

  • pietro ha scritto: venerdì 17 settembre 2010

    l'apertura è facilitata se ponete le ostriche per 10-15 min. in freezer .oltretutto se mangiate subito saranno fredde per essere mangiate subito ! ciao a tutti .

  • masterchef76 ha scritto: sabato 25 luglio 2009

    stra stra stra buone!!!

5 di 5 commenti visualizzati

Lascia un Commento

I commenti inviati verranno moderati dalla redazione prima di essere pubblicati.
Per maggiori informazioni CLICCA QUI

Ho preso atto dell'Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 del Codice privacy